Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

EVENTI DT
Il regolamento del concorso natalizio di DT - Natale Bifronte
Con scadenza il 15 dicembre


https://www.differentales.org/e10016676-natale-bifronte

Ultimi argomenti attivi
» Furto alla grotta
NON È COSÌ CHE PASSO I GIORNI (150 parole un racconto) EmptyOggi alle 9:11 am Da Asbottino

» Babbo Natale e la luna
NON È COSÌ CHE PASSO I GIORNI (150 parole un racconto) EmptyOggi alle 8:57 am Da Asbottino

» Madre Gherda
NON È COSÌ CHE PASSO I GIORNI (150 parole un racconto) EmptyOggi alle 8:55 am Da digitoergosum

» Natale a Wonderland
NON È COSÌ CHE PASSO I GIORNI (150 parole un racconto) EmptyOggi alle 8:19 am Da digitoergosum

» Sveglia, è ora di dormire
NON È COSÌ CHE PASSO I GIORNI (150 parole un racconto) EmptyOggi alle 7:21 am Da digitoergosum

» Echi di Natale
NON È COSÌ CHE PASSO I GIORNI (150 parole un racconto) EmptyOggi alle 7:07 am Da SuperGric

» Ciccia Pasticcia
NON È COSÌ CHE PASSO I GIORNI (150 parole un racconto) EmptyIeri alle 5:47 pm Da tontonlino

» Natale Bifronte
NON È COSÌ CHE PASSO I GIORNI (150 parole un racconto) EmptyIeri alle 11:59 am Da Danilo Nucci

» Chiamata fuori orario
NON È COSÌ CHE PASSO I GIORNI (150 parole un racconto) EmptyIeri alle 11:33 am Da SuperGric


Non sei connesso Connettiti o registrati

NON È COSÌ CHE PASSO I GIORNI (150 parole un racconto)

5 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Mac

Mac
Younglings
Younglings

Ero un ballerino, ed ero bravo.
Un minuto dopo non lo ero più.
Ho sempre ammirato i sognatori, convinto che sognare sia l’unica maniera per sopravvivere a questo mondo. 
Mi sono impegnato, ho tramutato facciate di palazzi grigi in spiagge sterminate dove correre e respirare il mare. Ho convertito la mia sedia a rotelle in una fiammante Kawasaki Ninja rossa. Ho riempito le pareti asettiche della mia stanza di calore umano: abbracci, baci, balli, amplessi, perché non si vive di solo spirito, cazzo.
Adesso non è così che passo i giorni, non più. I sogni ormai sono spariti. 
Il culo incollato al cuscino, le cinghie che mi tengono dritto e il battito di ciglia come unico modo per comunicare con mia madre, ostinata e sofferente, l’ancora che mi tiene attaccato a questa vita di merda.
Vorrei essere ancora capace di sognare, mollare gli ormeggi e volare via. 


https://www.differentales.org/t1179-il-ragno#13641

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan

Un racconto legato al filo della vita che con forza ci fa ricordare di quanto sia singola l'esperienza vissuta della vita stessa e di come ogni singolo evento o istante assume valenza diversa per ognuno a secondo della condizione in cui si trova. Fa molto riflettere tutto questo e ancor di più dovrebbe far comprendere l'inutilità di certe nostre azioni o pensieri di fronte alle "vere esigenze" del vivere. Non sempre è facile essere umani ma essere umano vuol dire apprendere e sentire in se stessi quel profondo fiato che ci ha generato e che parla di realtà ben diverse da quelle cui oggi la società ci ha abituato e forgiato.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

Mac

Mac
Younglings
Younglings

@Giancarlo Gravili ha scritto:Un racconto legato al filo della vita che con forza ci fa ricordare di quanto sia singola l'esperienza vissuta della vita stessa e di come ogni singolo evento o istante assume valenza diversa per ognuno a secondo della condizione in cui si trova. Fa molto riflettere tutto questo e ancor di più dovrebbe far comprendere l'inutilità di certe nostre azioni o pensieri di fronte alle "vere esigenze" del vivere. Non sempre è facile essere umani ma essere umano vuol dire apprendere e sentire in se stessi quel profondo fiato che ci ha generato e che parla di realtà ben diverse da quelle cui oggi la società ci ha abituato e forgiato.
grazie Giancarlo

ManzoniMic


Viandante
Viandante

Non facile considerare la vita, i sogni e le speranze di chi è intrappolato in se stesso. Leggendo le tue parole mi è venuta in mente una frase che ho sentito ieri in un film: Non ho paura di morire, ho paura di non aver vissuto abbastanza. Bisognerebbe scrivere sulle lavagne di ogni scuola: "La vita è un parco giochi o nulla".

Arunachala

Arunachala
Admin
Admin

un sognatore con i sogni spezzati... comprensibile che voglia volare via, visto che tanto quei sogni non torneranno più.
breve ma intensa riflessione su se stesso, quel che era e quel che è.
trovars intrappolati in un corpo morto credo sia una delle cose peggiori che possono capitare


______________________________________________________
L'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

NON È COSÌ CHE PASSO I GIORNI (150 parole un racconto) Namaste

Non si può toccare l'alba se non si sono percorsi i sentieri della notte.

Kahlil Gibran

Valentina

Valentina
Younglings
Younglings

Poche righe che dicono così tanto, su una situazione in cui la vita non è quasi più degna di essere vissuta, al punto da desiderare di volare via, mollare tutto.
Rimangono solo i ricordi della persona che si era prima.
Un pugno allo stomaco che racconta la verità di vite arrivate ad uno stop che non finisce davvero.
Mi ha smosso molte emozioni

Contenuto sponsorizzato



Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.