Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» Mentre tutto brucia
Staffetta 1 - Episodio 1 EmptyOggi alle 10:10 am Da Flash Gordon

» La prossima scossa
Staffetta 1 - Episodio 1 EmptyOggi alle 10:02 am Da tommybe

» Orizzonti Verticali
Staffetta 1 - Episodio 1 EmptyOggi alle 9:54 am Da Flash Gordon

» Lei non è cattiva
Staffetta 1 - Episodio 1 EmptyOggi alle 9:31 am Da ImaGiraffe

» Cronache dalla fine
Staffetta 1 - Episodio 1 EmptyOggi alle 9:19 am Da AurelianoLaLeggera

» Quintessenza
Staffetta 1 - Episodio 1 EmptyOggi alle 9:10 am Da Achillu

» Corsa contro il tempo
Staffetta 1 - Episodio 1 EmptyOggi alle 8:27 am Da AurelianoLaLeggera

» Se sapessi piangere
Staffetta 1 - Episodio 1 EmptyOggi alle 6:32 am Da Petunia

» Il cronovisore del tempo
Staffetta 1 - Episodio 1 EmptyOggi alle 6:12 am Da Petunia

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Staffetta 1 - Episodio 1

5 partecipanti

Andare in basso

Staffetta 1 - Episodio 1 Empty Staffetta 1 - Episodio 1

Messaggio Da M. Mark o'Knee Lun Mag 13, 2024 3:37 pm


L’estate aveva ormai fatto il suo inchino, lasciando la scena all’autunno e a una lunga serie di giornate grigie e piovose. Poi era tornato il sereno e la spiaggia, quella mattina, si era svegliata con la giusta atmosfera: un’aria stemperata in colori tenui; un gradevole profumo di alberi e salmastro; un silenzio nel quale le orecchie potevano riposarsi dopo il pieno di grida, giochi e chiacchiericci estivi.
La sabbia stessa sembrava essersi rassettata, ricomposta. Dopo il calpestio disordinato di passi, corse, salti di bambini, uomini e cani che generavano dune e avvallamenti innaturali, aveva pian piano ripreso le sue forme.
Franco restò ancora un po’ seduto sul confine erboso fra la pineta e la spiaggia, a respirare gli ultimi vapori di umidità notturna che si stavano disperdendo sotto i raggi del sole filtrati dal fitto dei rami.
È proprio questa, la mia oasi.
Un’oasi sognata e cercata per lungo tempo, negli anni in cui la routine giornaliera – alzarsi da letto, andare al lavoro, incontrare i colleghi, sbrigare le pratiche con il solo pensiero dell’ora di uscita – era diventata un incubo, una tortura, un dolore fisico e mentale.
Ed era riuscito a dire basta; a dare un taglio netto a quel poco che ancora restava da tagliare. A licenziarsi e trasferirsi in quel paesino a due passi dal mare nel quale si era imbattuto durante una breve vacanza.
Solo di una cosa avrebbe confessato il rimpianto: la pausa di metà mattina, il momento in cui lasciava l’ufficio per andare a prendere un caffè al bar all’angolo; il momento in cui il sorriso di Luana – la giovane barista – gli restituiva un breve lampo di serenità. Bastavano quattro parole banali scambiate con lei, un incrocio di sguardi un po’ complici (e forse anche interessati: dopotutto, lui era solo un cliente) ed era come fare il pieno di energia e, soprattutto, di umanità per arrivare fino a sera.
Accantonò il pensiero e si tolse scarpe e calze. Arrotolò i jeans fin quasi alle ginocchia e poggiò i piedi sulla sabbia, ricevendo in cambio un piacevole senso di fresco che si propagò con un brivido leggero per tutto il corpo.
Prese lo zaino, lo posò fra le gambe e cominciò a estrarre i pezzi dell’attrezzatura. Ormai era diventato esperto, e in quattro e quattr’otto il cercametalli era montato.
Indossò le cuffie e spinse il pulsante di accensione. Un breve ronzio, prima tenue e poi sempre più acuto, gli confermò che l’apparecchio era pronto. Condivise il bluetooth anche col cellulare e, sulle note di Walk of life, Franco cominciò a camminare sul leggero declivio della spiaggia, fra mare e pineta, oscillando l’asta a destra e sinistra in lenti segmenti ad arco a pochi centimetri dalla sabbia.
Non era certo la speranza di imbattersi in qualcosa di prezioso, a guidarlo, quanto piuttosto la voglia di prendersi una pausa dal lavoro in officina – auto, moto, trattori, quasi tutta roba del secolo passato – e godersi la pace del mare autunnale.
Passo dopo passo, il soffio del vento e il mormorio delle onde si infilavano nelle orecchie, insinuandosi sotto i padiglioni delle cuffie e creando un effetto-conchiglia che si mischiava alla musica.
Situazione ideale per dare il via ai ricordi.
Conosceva il paese, ma viverci era tutta un’altra storia rispetto a passarci un paio di settimane. Per giorni aveva girato in lungo e in largo, chiesto a quasi ogni abitante se avevano un buco da dargli in affitto o se magari conoscevano qualcuno… Niente da fare.
Poi, si era ritrovato davanti all’ingresso di un’officina, una di quelle con le pareti dipinte per tre quarti di azzurro e un quarto di bianco, fitte di schizzi e macchie d’olio e appena visibili dietro carcasse di macchine accatastate; una di quelle con un calendario appeso a ogni gancio, fermo al mese di marzo di quattro o cinque anni prima, tanto, non è certo importante la data quanto il prorompente seno nudo di una bellezza in tuta con la zip aperta fino al pube; una di quelle con l’unico meccanico sempre sdraiato sotto un’auto di una ventina d’anni che lascia intravedere solo i polpacci rivestiti di blu e le suole consunte di un paio di scarpe da lavoro.

______________________________________________________
"E perché è più utile scrivere di ciò che vuoi conoscere meglio, invece di ciò che credi di conoscere già." - Matteo Bussola
M. Mark o'Knee
M. Mark o'Knee
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 744
Punti : 865
Infamia o lode : 9
Data di iscrizione : 27.01.22
Età : 68
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Staffetta 1 - Episodio 1 Empty Re: Staffetta 1 - Episodio 1

Messaggio Da Claudio Bezzi Lun Mag 13, 2024 7:26 pm

L’uso di certe figure retoriche in letteratura (ma, in generale, ovunque) è complicato; mi riferisco in particolare alle metafore, metonimie, similitudini, molto utilizzate, ma anche alle iperboli, sineddochi e altre figure di significato. Se usate con naturalezza (reale o apparente) e sapienza (come il sale, giusto, non eccessivo) rendono piacevole la lettura, creano stupore; se si eccede, le si mette qua e là maldestramente, si fanno pasticci gravi e si rischia di rovinare tutta la minestra. Tutta questa prolissa premessa per dire che a me l’uso che ne fa il Marconi mi piace assai. Le prime righe sono deliziose, con l’estate che fa il suo inchino di commiato per lasciare la scena all’autunno, e quel che segue. Ora il problema è sulle spalle dei quattro staffettisti successivi: imitare lo stile? Cambiare completamente? In ogni caso ci sono dei rischi che potrebbero compromettere il tessuto narrativo, il ritmo. Fortunatamente in questa staffetta io sono il quinto e ultimo, avrò tempo di vedere cosa combinate voi altri.
Dopo questo attacco, il capitolo cambia registro e ci presenta il protagonista; non molto, solo quanto basta, così permettendo a chi segue di imboccare la strada che vuole. Con anche qualcosa di non chiarito, mi pare, che toccherà probabilmente ad Albemasia dipanare in un modo o nell’altro. Bello, ovviamente scritto correttamente.

______________________________________________________
L'uomo fa il male come l'ape il miele (William Golding)
Anche la donna (Claudio Bezzi)
Claudio Bezzi
Claudio Bezzi
Padawan
Padawan

Messaggi : 168
Punti : 215
Infamia o lode : 5
Data di iscrizione : 05.02.24

https://alamagoozlum.blog

Torna in alto Andare in basso

Staffetta 1 - Episodio 1 Empty Re: Staffetta 1 - Episodio 1

Messaggio Da Albemasia Mar Mag 14, 2024 2:51 pm

Questo incipit mi è piaciuto molto e sono felice di essere la prima a raccoglierne il testimone.
Mi piacciono l'atmosfera, il ritmo narrativo e anche lo stile...
Adesso spero di riuscire ad aggiungere un pezzetto alla storia che la sviluppi e mantenga la medesima atmosfera.
Inutile dire che sono già all'opera... Staffetta 1 - Episodio 1 1f609
Albemasia
Albemasia
Younglings
Younglings

Messaggi : 149
Punti : 178
Infamia o lode : 11
Data di iscrizione : 23.01.24
Località : Tra le nebbie della Lomellina

Torna in alto Andare in basso

Staffetta 1 - Episodio 1 Empty Re: Staffetta 1 - Episodio 1

Messaggio Da Achillu Mar Mag 14, 2024 3:50 pm

Anche qui per chiarire: @Albemasia ha accettato l'episodio così com'è, quindi non c'è alcuna necessità di correggere nulla. Mi fido ciecamente di M. ma comunque suggerisco di cristallizzare l'episodio con un copia e incolla a partire dalla versione che è stata usata come punto di partenza per continuare il racconto.

______________________________________________________
Staffetta 1 - Episodio 1 Badge-2
Achillu
Achillu
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1558
Punti : 1759
Infamia o lode : 22
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 55
Località : Polesine

https://linktr.ee/Achillu

Torna in alto Andare in basso

Staffetta 1 - Episodio 1 Empty Re: Staffetta 1 - Episodio 1

Messaggio Da Susanna Ieri alle 10:55 pm

E' il primo atto delle staffette che leggo e mi è piaciuto: mi piacciono le descrizioni dei poste, le piccole cose che inquadrano le persone senza dilungarsi troppo (magari io faccio il contrario...). Buon lavoro a chi proseguirà.

______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"
Susanna
Susanna
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 2237
Punti : 2464
Infamia o lode : 20
Data di iscrizione : 03.02.21
Età : 67
Località : Rumo (TN)

Torna in alto Andare in basso

Staffetta 1 - Episodio 1 Empty Re: Staffetta 1 - Episodio 1

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.