Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

Ultimi argomenti attivi
» Ricordati di coprirti bene
Una storia morta e sepolta EmptyOggi alle 5:41 pm Da Susanna

» Monica degli Zomegni
Una storia morta e sepolta EmptyOggi alle 3:48 pm Da Asbottino

» La guerra dentro
Una storia morta e sepolta EmptyOggi alle 3:00 pm Da tommybe

» Come ti chiami?
Una storia morta e sepolta EmptyOggi alle 1:58 pm Da CharAznable

» Del delirio d'onnipotenza e della fraternità
Una storia morta e sepolta EmptyOggi alle 12:56 am Da Arianna 2016

» L'oro di Mac
Una storia morta e sepolta EmptyIeri alle 3:08 pm Da tommybe

» Un viaggio indimenticabile
Una storia morta e sepolta EmptyIeri alle 10:15 am Da Mac

» Quiete
Una storia morta e sepolta EmptyDom Mag 22, 2022 9:32 pm Da Arunachala

» David Crocchette
Una storia morta e sepolta EmptyDom Mag 22, 2022 5:44 pm Da Susanna

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 7 - L'ANTICAMERA
Il settimo step è partito!
C'è tempo fino al 31 Maggio per commentare tutti i racconti.

Non sei connesso Connettiti o registrati

Una storia morta e sepolta

+17
caipiroska
paluca66
Danilo Nucci
M. Mark o'Knee
tommybe
FedericoChiesa
Byron.RN
ImaGiraffe
Petunia
Arunachala
Susanna
Fante Scelto
Antonio Borghesi
The Raven
Arianna 2016
digitoergosum
Different Staff
21 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Una storia morta e sepolta Empty Una storia morta e sepolta Ven Apr 29, 2022 4:49 pm

Different Staff

Different Staff
Admin
Admin

Nel palazzo fiorentino, due uomini siedono luno di fronte allaltro.

Il più anziano, in sedia a rotelle, stringe tra le mani una lettera antica. Laltro non distoglie lo sguardo dal documento. «Mi tenga informato» dice prima di voltargli le spalle e uscire di scena col passo leggero di unombra.

È ancora notte. Marcello si chiude nello studio, sceglie con misurata lentezza un vinile dalla collezione e indossa le cuffie. La puntina accarezza i solchi e lui si lascia avvolgere dalle note umanizzate del sax di Coltrane. Accende la lampada da tavolo, siede, avvia il computer e, come dabitudine, scorre le prime informazioni della giornata sullo schermo.

Non è la fine dello stato di emergenza per la pandemia che lo colpisce; ad attirare la sua attenzione è la notizia che riguarda Emmanuel Carrère: lo scrittore dice addio a Putingrad. Solleva lo sguardo verso la libreria. La copia di Un romanzo russoocchieggia dallo scaffale; scuote la testa la letteratura è unaltra vittima della guerra, pensa.

È soprappensiero quando il display dello smartphone sillumina: appare il nome di Duccio Neri. A questora? Prima di rispondere si assicura che la porta dello studio sia ben chiusa.

«Pronto. Ma certo, dottore, che mi ricordo di lei. Che succede? No, no. Non sono più in servizio da tempo» posa lo sguardo sulla foto del nipotino.

«Ho urgente bisogno di vederla. Oggi stesso.»

La richiesta è inattesa come la neve a ferragosto. Marcello aggiorna la pagina del calendario da tavolo. «Le ho detto che sono fuori dal giro. Ormai, sono un nonno a tempo pieno e…»

«Lo consideri uno scambio di favori» risponde luomo senza fargli terminare la frase.

Marcello guarda lorologio e fa un rapido calcolo. «Daccordo. Il tempo di fare una doccia e mi metto in viaggio.»

Lautostrada, prima dellalba, è un nastro scuro proteso verso lignoto. Marcello spinge a fondo lacceleratore.

La città rinascimentale lo accoglie col profumo di caffè e di paste appena sfornate.

Raggiunge palazzo Neri alle otto in punto. Preme lunico pulsante sulla bottoniera lucidata a specchio e attende la risposta. Locchio discreto di una telecamera proietta la sua immagine sul monitor. È la prima volta che lavvocato Neri vede lex carabiniere in borghese. Aziona il citofono.

«Digito?» chiede con circospezione.

«Ergo sum!» risponde Marcello con prontezza.

La serratura del grande portone ligneo fa uno scatto. Allingresso lo investe un sentore di chiuso. La luce fioca di lampade a basso consumo illumina la grande scala in pietra serena che conduce al piano nobile. Riconosce subito i virtuosismi de Lisola dei mortiopera n. 29 di Rachmaninov diffusi nellanticamera. Solleva lo sguardo verso la piccola finestra a mosaico. Il cielo coperto lascia filtrare timidi raggi che illuminano la parete affrescata. Granelli di polvere sembrano danzare lievi nellaria.

Tanta bellezza vale sempre il prezzo del viaggio, pensa.

Il ronzio della sedia a rotelle precede il click dellapriporta.

«Entri pure, Digito. Posso ancora chiamarla così, vero? Come ai tempi della nostra collaborazione.»

I due si scambiano una calorosa stretta di mano. Marcello ammira il soffitto a volta interamente affrescato. «È davvero splendido, complimenti.»

«Un tempo, questa era la chiesa di famiglia. Pensi che lho scoperto solo di recente; eppure il palazzo appartiene alla mia casata da secoli» dice lavvocato «ma non voglio farle perdere tempo. Vengo subito al motivo del nostro incontro.» Luomo apre un cassetto della scrivania, estrae un foglio ingiallito e glielo porge.

Marcello indossa gli occhiali e scorre il testo in silenzio. È costretto a tornare indietro più volte. Il documento è parecchio danneggiato.

Mi accoglierà lEterno nella schiera dei santi per aver difeso la Chiesa? Oppure le mani mie lorde di sangue arderanno tra le fiamme? Lo confesso, sì. Per codardia non fui capace di distruggere il regale dono. Lo celai agli occhi del mondo e a guardia posi quattro paladini, sí che la Chiesa non corresse periglio alcuno. Donato Neri A.D. 1600.

A lettura ultimata, una ruga profonda gli solca la fronte. «Dovera?»

Lavvocato indica unantica Bibbia nella libreria. «Fra quelle pagine, a metà del libro.»

Marcello raggiunge lo scaffale e preleva il prezioso volume.

Allinterno, né una dedica, né un segno rivelatore, soltanto una frase sottolineata nel libro di Giosuè: Fermati, sole, su Gàbaon, e tu, luna, sulla valle di Àialon.

«Uneclissesembra incredibile che queste parole abbiano avuto il potere di bloccare per secoli il progresso della scienza e fatto giustiziare parecchi uomini» pensa a voce alta.

«Già, proprio così: uninterpretazione cieca delle sacre scritture. Ma la storia delluomo è piena di errori» risponde lavvocato.

I due restano in silenzio per qualche istante.

«Vede, da quando ho trovato la lettera non riesco a pensare ad altro. È come avere uno scheletro nellarmadio. Cosa può essere stato nascosto? Chi è stato ucciso? Queste domande mi danno il tormento. Digito, la prego, sono sicuro che lei può aiutarmi.»

«Grazie per la fiducia, ma perché ha pensato a me?» chiede senza distogliere lo sguardo.

«Perché lei è un uomo colto, arguto, e…» prosegue sottovoce «mi deve un favore» risponde lavvocato.

Anni prima, lindagine fiorentina gli aveva tolto il sonno per parecchio tempo. Lesito brillante di quelloperazione, risolta grazie allaiuto dellavvocato Duccio Neri, aveva fatto decollare la sua carriera nellArma.

Marcello sospira. Rilegge la lettera.

«Chi era Donato Neri? Immagino che lei abbia già fatto delle ricerche.»

«Un mio antenato. Pare avesse preso i voti e fosse un accanito detrattore di Giordano Bruno. In famiglia si tramanda la leggenda che abbia speso parecchio pur di assistere di persona al suo rogo. Questo è tutto.»

«Non è molto. Farò il possibile, ma temo che sarà un buco nellacqua.»

Una stretta di mano sigilla laccordo.

Una volta rimasto solo, lavvocato fa una telefonata.

«È uscito adesso. Sì, ha accettato.»

Firenze è magnifica anche sotto la pioggia primaverile. Assorto nei propri pensieri, Marcello non si accorge delluomo che lo segue con discrezione.

Per la prima tappa della ricerca si reca alla biblioteca delle Oblate. Il fascino dellantico convento è ancora intatto. Bere un caffè nel bar allestito allultimo piano delledificio, con vista sulla cupola del Brunelleschi, è quanto di meglio si possa desiderare.

Lambiente è splendido ma è un vero labirinto: deve chiedere a più di uno studente le indicazioni per la sezione storica.

A giudicare dalla quantità dinformazioni disponibili, a Firenze levento più importante del secolo fu il matrimonio per procura tra Maria deMedici ed Enrico IV di Francia celebrato il 5 ottobre del 1600. Tutto è minuziosamente documentato: dagli abiti della nobiltà, al ricco menù, alla lista dei regali per gli sposi.

Per codardia non fui capace di distruggere il regale dono le parole della lettera gli ronzano in testa. Forse era un dono di nozze, pensa. Scorre lelenco: gioielli, soprammobili, statuette, perfino un corsiero napoletano.

Nel girare le pagine, lo colpisce la didascalia sotto alla riproduzione di un dipinto: Ritratto del giovane Damiano Adimari (4 ottobre 1600). Morto il giorno prima del matrimonio reale. Unidea si fa strada nella sua mente. Guarda lorologio. Chissà se faccio ancora in tempoSi affretta a uscire.

Luomo seduto dietro di lui chiude il volume, si alza e continua a seguirlo in strada.

Palazzo Bastogi, sede dellarchivio storico della città di Firenze, si trova giusto nelle vicinanze.

La signorina della biglietteria blocca Marcello allingresso: «Ha prenotato?»

Sul badge spicca il nome Daniela Adimari.

Marcello gioca lasso: «Se le dicessi che sto facendo una ricerca araldica proprio sulla sua famiglia? Sia gentile, la prego. Mi faccia entrare.»

«Mi spiace, ma senza prenotazione non posso» risponde quella con un mezzo sorriso.

Marcello sta per desistere, quando il suo inseguitore esce dallombra e mostra alla ragazza un tesserino. «Per oggi può fare uneccezione» le dice con tono autorevole. Nellasola sul bavero della giacca riluce una spilla doro.

Lex militare ha già visto quel distintivo, ma non ricorda dove. «La ringrazio moltissimo» dice cercando di mettere a fuoco il soggetto.

Luomo fa un cenno di assenso, entra insieme a lui e si dilegua nel buio del lungo corridoio.

Quando esce, Marcello ha in testa un mormorio di nomi, date, e informazioni ma un nuovo tassello si è aggiunto: Damiano Adimari è stato trovato morto nei pressi del Palazzo della Signoria.

Intanto, luomo che ha agevolato il suo accesso alla struttura esce da una porta laterale delledificio.

Marcello fa una rapida sosta nella vicina cattedrale di Santa Maria del Fiore; siede nel silenzio per radunare le idee. Potrei cercare allarchivio arcivescovile, decide.

È fortunato. Il primo ingresso è disponibile dopo unora e la sede, da lì, è raggiungibile a piedi.

Affretta il passo.

Un sacerdote, dopo una serie innumerevole di firme, lo conduce in una stanza asettica e gli fornisce un paio di guanti immacolati. Sul tavolino c’è già lannuario richiesto per la consultazione.

I fogli sembrano fragili come ali di farfalla. La calligrafia ordinata è certo opera di qualche novizio, ma il linguaggio antico è ostico da decifrare. Molte registrazioni riguardano il matrimonio reale: un nutrito elenco di alte autorità ecclesiastiche intervenute alle nozze.

Marcello toglie gli occhiali e si stropiccia gli occhi. Il sacerdote controlla ogni sua mossa.

«Ha bisogno di aiuto?» chiede.

«Sì, grazie. Cerco notizie sulle esequie di Damiano Adimari un giovane nobile deceduto il giorno prima del matrimonio di Maria deMedici.»

Il prete aggrotta le sopracciglia. «Il rito funebre sarà stato celebrato di sicuro molto più tardi.» Saccarezza la barba e sfoglia con lentezza le pagine. Alla data 20 ottobre 1600 c’è lannotazione di un funerale. Lofficiante fu un certo Donato Neri, consacrato frate Cosma, domenicano.

Marcello si sofferma sui simboli accanto al nome: una croce, un ramo dolivo e una spada racchiusi in un ovale. «Cosa significano?» chiede.

«È probabile che il frate fosse un membro dellInquisizione» risponde il religioso.

Donato Neriun inquisitore! Si alza come folgorato da unintuizione, ringrazia il prete e saffretta a uscire.

San Cristoforo degli Adimari, oggi, è unautorimessa per le ambulanze della Misericordia.

«La chiesa è stata sconsacrata alla fine del 700» risponde uno dei volontari «un tempo era la cappella di famiglia, ma, come vede, non è rimasto molto.»

Gli stemmi della potente casata fiorentina non sono che cicatrici levigate dai secoli e dalle intemperie sulla facciata dellantico edificio di culto.

Marcello si avvia a tornare dallavvocato con poche idee confuse.

Lanticamera gli sembra meno affascinante. Lambiente è umido, la sedia emette una specie di lamento lugubre a ogni minimo movimento.

«Allora, Digito, ha già scoperto qualcosa?»

«Dottore, mi spiace, ma ci sono pochi elementi per indagare. Ho più domande che risposte.»
«Purtroppo, io ho solo la lettera che le ho mostrato. È riuscito almeno a farsi unidea?»

«Niente di che. Da quanto ho potuto ricostruire, un giovane inventore protetto dalla famiglia Medici, certo Damiano Adimari, sembra sia stato assassinato e derubato il giorno prima delle nozze di Maria deMedici.»

«Interessantenella lettera il mio antenato dice di aver agito in difesa della Chiesa. E se avesse ucciso lAdimari perché aveva delle idee pericolose?»

«Non ne vedo il motivo. Forse lei non lo sa, ma il suo parente era un inquisitore. Allepoca avrebbe potuto far condannare a morte un eretico per un semplice sospetto. Perché sporcarsi le mani?»

«Per i Medici sarebbe stato uno scandaloUn loro protetto condannato per eresia! Meglio evitarlo, no?»

«Si vede che lei è un bravo avvocato» risponde Marcello.

«Che ne è stato del dono regale? Dove può essere nascosto? Digito, vorrei che continuasse la ricerca. Si prenda il tempo necessario, la ricompensa sarà adeguata.»

«Ci penserò. Per oggi si è fatto tardi.»

Marcello apre la porta. Solleva lo sguardo verso la finestra dellanticamera. Al tramonto i raggi, filtrati dalle tessere di vetro colorate, proiettano una luce dorata che illumina il globo terracqueo dipinto sulla parete. Il pianeta è sostenuto ai quattro lati dalle ali di arcangeli.

A guardia posi quattro paladiniLa suggestione è irresistibile.

Rientra nella stanza, prende la scala della libreria, la porta nellanticamera e sale per osservare da vicino laffresco: le dita affusolate degli angeli puntano dritto verso il centro della Terra, proprio dove sintravede un minuscolo foro.

Scende per avvisare lavvocato ma lui è già lì. Nella mano destra stringe una piccola chiave. «Forse le serve questa» dice porgendogliela «era insieme alla lettera del mio antenato.»

Marcello lo guarda di traverso. «Perché non me lha detto subito? Credevo si fidasse di me.»

«Digito, la prego. Chiudiamo questa faccenda.»

La chiave entra alla perfezione nel foro. Occorrono tre giri per far scattare lantica serratura. Il vano che si apre è piuttosto profondo. Allinterno c’è un astuccio in pelle malridotto.

Marcello lo preleva con cura e lo consegna nelle mani del professionista.

Una volta aperto, la vista del contenuto lascia entrambi senza parole: un piccolo rotolo e due mezzi tubi in cuoio, ciascuno dei quali reca allestremità una lente.

Marcello prende la pergamena. «Posso?» Ottenuto il tacito assenso, inizia a srotolare piano il documento costellato qua e là da infiorescenze di muffa e macchie scure.

Sulla parte superiore del foglio c’è una serie di disegni. Una stella racchiusa in un cerchio e quattro stelline che sembrano ruotarle intorno. Giove e i quattro satelliti: Io, Europa, Ganimede e Callisto incredibile!

La lettera prosegue, ma il contenuto è molto deteriorato.

Mia Regina, vi reco in dono un istrumento che mostra il cielo in tutta sua bellezza e movimento.

Lunica cosa ben visibile è la firma: D. Adimari A.D. 1600.

Marcello esamina il documento alla luce della finestra. La data non presenta sbavature o correzioni.

«Il dono regaleun cannocchiale! Adimari laveva costruito nove anni prima di Galileo. Si rende conto della portata di tutto ciò, dottore? Si dovranno riscrivere i libri di storia!»

Ma lavvocato, le spalle curve come schiacciate da un peso, dice: «A chi gioverebbe saperlo, Digito?»

In quel momento, un uomo sembra materializzarsi davanti a loro. Un raggio di luce fa risplendere il triangolo doro spillato sul bavero.

Lavvocato Neri si volta verso di lui e, senza dire una parola, gli consegna lastuccio col prezioso contenuto.

«Il suo posto è nel museo di Galileo, grazie» dice il nuovo entrato.

Gli occhi di Marcello saettano dalluno allaltro uomo. Col volto in fiamme, scatta: «Galileo ha subìto un processo ingiusto ma ha ceduto allintransigenza della Chiesa rinnegando le sue scoperte. Questo giovane, al contrario, è morto senza ricevere alcun merito per la sua invenzione!»

«E chi vorrebbe mai vedere infangato il nome dello scienziato fiorentino più famoso al mondo?» chiede, glaciale, luomo prima di chiudere il reperto in una valigetta. «Per quanto ovvio, contiamo sulla sua assoluta discrezione riguardo a tutta la vicenda» conclude prima di uscire di scena.

Marcello siede con testa fra le mani. «Avvocato, era daccordo con lei, vero?»

«Se questa storia venisse allo scoperto, sarebbe un danno irreparabile anche per il buon nome della mia famiglia» risponde senza scomporsi. «La prego, Digito, ora richiuda tutto e mi restituisca la chiave.»

La vena sul collo pulsa con vigore. «Dottore, credo che lei abbia un dovere morale nei confronti della Storia. Ha ancora le lettere. Può fare la cosa giusta.»

«Quali?» Con un gesto fulmineo, il dottor Neri estrae un accendino dalla tasca della giacca. Gli antichi documenti sfrigolano nel piccolo incendio divampato tra le sue dita.

Lex carabiniere si avventa sulle carte divorate dalle fiamme, ma, di loro, non resta che un mucchietto di cenere sul pavimento.

Quando riprende la parola, il tono non lascia spazio allindulgenza. «Con questo, dottore, credo di aver saldato il mio debito con lei.»

Lavvocato annuisce. «Da oggi in poi lascerò che Digito si goda la pensione, glielo prometto.» Un raggio obliquo che filtra dalla finestra accende di luce il piccolo triangolo doro spillato nella sua giacca.

Appena uscito, Marcello, senza indugio, elimina il contatto dellavvocato Duccio Neri dalla rubrica dello smartphone.

La chiusura della giornata meriterebbe lascolto di una musica rilassante, ma nel viaggio di rientro sono le note del Carmina Burana di Orff a tenergli compagnia. Il segreto di cui è venuto a conoscenza continua a mulinargli nella testa. Una storia morta e sepolta. Mahpensa alzando il volume della radio.

2Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Sab Apr 30, 2022 11:20 pm

digitoergosum

digitoergosum
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Ciao Penna. Non avrei mai pensato che potessi essere oggetto e soggetto di un racconto, seppure come utente. Ti ringrazio per avermi prima immaginato e poi descritto, peraltro abbastanza bene.

Le pulci.

Dopo le prime quattro righe, per capirci, da “…col passo leggero di un’ombra” allo stacco successivo ho sentito la mancanza di una netta cesura. Una cesura che facesse comprendere prima, nel proseguo della lettura, che i due personaggi iniziali non sono Marcello e l’avvocato, ma “un altro” e Duccio Neri. 


“ “ Digito? chiede con circospezione. Ergo sum!” . Questo approccio ha il sapore di una parola d’ordine di qualche confraternita; mi sembra di capire, stante il simbolismo successivo, della massoneria. Ma Digito non risulta, dalla stesura del testo, che sia in quella o in altra associazione esoterica o di mutuo soccorso. Anzi, proverà a mettersi di mezzo. Quindi, perché questo approccio? 


“Per codardia non fui capace di distruggere il regale dono le parole della lettera gli ronzano in testa.” Qui, a mio parere discutibile, sarebbe stato meglio presentare la frase della lettera come inciso, oppure almeno mettere una virgola tra “dono” (fine della frase estrapolata dalla lettera) col seguito “parole”. 


“Corsiero napoletano”. Non sono un appassionato di cavalli, pertanto ho fatto una ricerca. In quasi tutti i riferimenti trovati si parla di Cavallo Napolitano o Neapolitano (maiuscolo). I pochi rimandi a Napoletano, come tu l’hai scritto (in minuscolo), è usato attualmente. E’ una sottigliezza, ma forse avrei mantenuto il termine arcaico. 


“I fogli sembrano fragili come ali di farfalla.” Quando l’ho letta, questa frase, l’ho subito segnata pensando a fogli da velina. Ora che la rileggo per commentarla, guardo meglio che non accenni allo spessore della carta (che allora era molto, molto più spessa di quella che utilizziamo oggi) ma alla fragilità della stessa. Eppure, nella lettura in cui non ci si sofferma, l’immagine che perviene è quella, appunto, di un libro antico con fogli sottilissimi. Proverei, ma è discutibile, a metterla sotto una diversa luce, con altre parole. 


“…un giovane inventore protetto dalla famiglia Medici (…) sembra sia stato assassinato e derubato…” Nel testo, stante anche la natura dei documenti ricercati e visionati da Digito, non compare come abbia l’investigatore appurato che il giovane fosse “inventore” e che sia stato assassinato. 


“…proprio dove s’intravede un minuscolo foro.” Forse, visto che da quel foro è possibile inserire una pur piccola chiave, toglierei o cambierei “minuscolo”. Comprendo che il “minuscolo” serva a giustificare il fatto che nessuno si fosse mai accorto di quella serratura nell’affresco, ma allora avrei pensato (ma non sono io che scrivo, ovvio) a un altro sistema per far scattare il meccanismo di apertura del vano segreto. 


“Ha ancora le lettere. Può fare la cosa giusta,” Ho riletto il testo, e mi sembra che si trattasse di una sola lettera.

Riferimenti o suggestioni culturali.

1.       Lo sceneggiato televisivo “Il Segno del Comando”, per l'alone di mistero e per l'ambiente quasi esoterico) ;

2.       Il libro Vita Brevis di Jostein Gaarder (solamente nella parte introduttiva, dove la Chiesa fa sparire il Manoscritto originale di Flora che contesta la conversione "opportuna" di Sant'Agostino) ;

3.       Un episodio qualsiasi della splendida raccolta a fumetti di Naori Urasawa che ha per protagonista Master Keaton, un investigatore archeologo.

4.       Brano musicale “In Viaggio” dei C.S.I. (ma nel complesso tutto lo splendido album live "In Quiete" dei Consorzio Suonatori Indipendenti). 

Considerazioni conclusive.

Un racconto molto interessante, moderno, attuale, che segue quel filone che con – fonde esoterismo, storia passata e indagine. Forse, stante comunque il limite delle battute consentite che giustifica la “fretta”, una indagine così complessa non è molto plausibile che si possa svolgere e concludere in una sola giornata. Molto belli i riferimenti storici: il matrimonio di Maria De’ Medici e Enrico IV di Francia, l’uccisione di Giordano Bruno, la scoperta scientifica di Galileo Galilei. Bellissime alcune descrizioni, che volendo parafrasare il nostrano Guccini quando parlava di una canzone di Vecchioni, mi viene da dire “Maledizione, perché non le so scrivere anch’io?”. Splendidi i riferimenti musicali. Ma soprattutto, rifulge di luce propria il personaggio Marcello Digito, e come potrebbe essere altrimenti?
L’ho letto con divertimento. Grazie due volte, per avermi scelto e per averci fatto leggere un racconto che, se non fosse che siamo qui a fare le pulci per noblesse oblige, comunque scorre bene che è una meraviglia.


https://youtu.be/jAY3qUVeLeQ



Ultima modifica di digitoergosum il Dom Mag 01, 2022 1:02 pm - modificato 1 volta.

3Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Dom Mag 01, 2022 11:16 am

Arianna 2016

Arianna 2016
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Una scrittura pulita, corretta, asciutta e lineare, che si segue bene. Nella formattazione, toglierei gli spazi tra i paragrafi, tranne quelli che servono per separare davvero porzioni narrative distinte. Il percorso con word è questo: si seleziona o tutto il testo oppure la porzione su cui si vuole agire, poi dal menù in alto, home-paragrafo-c’è un’icona con due freccine blu che indicano alto e basso a fianco di 4 righine orizzontali, con il segnale di un menù a tendina-dal menù a tendina si seleziona l’ultima voce in basso, “rimuovi spazio dopo i paragrafi”.
Carina la trovata del trasformare il nick in una parola d’ordine.
La facilità e la piacevolezza della lettura portano la mente a ignorare alcune forzature temporali/narrative: una ricerca storica che subito si orienta sull’evento giusto, la capacità di trovare e decifrare le informazioni necessarie, la coincidenza che nel volume si trovi proprio il ritratto della persona interessata…
Però, appunto, il racconto è ben scritto e si legge con piacere.
La figura di Digito è tratteggiata con tanti elementi personali, per cui ho pensato che o che l’autore lo conosca personalmente oppure lo abbia seguito con attenzione sul forum e su Facebook. Per questo ho letto il commento di Digito, ma non ho trovato lumi.
Un buon lavoro, in cui forse mi manca un po’ la parte emozionale, che io tendo a cercare – per mio gusto personale – nei racconti.

4Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Dom Mag 01, 2022 11:24 am

The Raven

The Raven
Admin
Admin

Arianna 2016 ha scritto:
Una scrittura pulita, corretta, asciutta e lineare, che si segue bene. Nella formattazione, toglierei gli spazi tra i paragrafi, tranne quelli che servono per separare davvero porzioni narrative distinte. Il percorso con word è questo: si seleziona o tutto il testo oppure la porzione su cui si vuole agire, poi dal menù in alto, home-paragrafo-c’è un’icona con due freccine blu che indicano alto e basso a fianco di 4 righine orizzontali, con il segnale di un menù a tendina-dal menù a tendina si seleziona l’ultima voce in basso, “rimuovi spazio dopo i paragrafi”.
Carina la trovata del trasformare il nick in una parola d’ordine.
La facilità e la piacevolezza della lettura portano la mente a ignorare alcune forzature temporali/narrative: una ricerca storica che subito si orienta sull’evento giusto, la capacità di trovare e decifrare le informazioni necessarie, la coincidenza che nel volume si trovi proprio il ritratto della persona interessata…
Però, appunto, il racconto è ben scritto e si legge con piacere.
La figura di Digito è tratteggiata con tanti elementi personali, per cui ho pensato che o che l’autore lo conosca personalmente oppure lo abbia seguito con attenzione sul forum e su Facebook. Per questo ho letto il commento di Digito, ma non ho trovato lumi.
Un buon lavoro, in cui forse mi manca un po’ la parte emozionale, che io tendo a cercare – per mio gusto personale – nei racconti.
INTERVENTO DI MODERAZIONE
Gli spazi tra i paragrafi sono stati aggiunti da me in fase di caricamento del racconto, in quanto col copia incolla venivano a mancare le separazioni tra i paragrafi e di conseguenza sarebbe venuto fuori un muro di parole.


______________________________________________________
IN GRAN SILENZIO OGNI PARTIGIANO GUARDAVA QUEL BASTONE SU IN COLLINA.


REACH OUT AND TOUCH FAITH!                                                                                               Sembrano di sognante demoni gli occhi, e i rai
                                                                                         del lume ognor disegnano l’ombra sul pavimento,
né l’alma da quell’ombra lunga sul pavimento
sarà libera mai!
Quel vizio che ti ucciderà
non sarà fumare o bere,
ma è qualcosa che ti porti dentro,
cioè vivere.

5Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Dom Mag 01, 2022 11:27 am

Arianna 2016

Arianna 2016
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Mi scuso, non lo sapevo.

6Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Dom Mag 01, 2022 4:21 pm

Antonio Borghesi

Antonio Borghesi
Padawan
Padawan

Finalmente una bell'avventura con la partecipazione dell'utente scritta ben in chiaro. Si legge benissimo e la scrittura è moderna. Non ho trovato nulla da eccepire e mi è piaciuta moltissimo la storia dell'oggetto che se messo a disposizione del pubblico avrebbe rivoluzionato di non poco la storia come noi la conosciamo. Una bella fantasia abbinata all'ottima penna. Finora ho letto più della metà dei racconti e se non c'è qualcuno a scalzarti un bel voto te lo meriti. Brav@

7Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Mar Mag 03, 2022 11:40 am

Fante Scelto

Fante Scelto
Padawan
Padawan

Racconto interessante.
L'indagine storica che Digito svolge ricalca molto quelle classiche del genere: un vecchio manoscritto da interpretare, un oggetto nascosto, un segreto che in qualche modo alla fine non viene divulgato.
Sì, rimane l'impressione che tutto avvenga molto in fretta, ma in questo step cercherò di non dare troppo peso alla cosa, vista l'evidente difficoltà di comprimere in maniera efficace una storia di viaggi e avventure in così pochi caratteri.

C'è qualcosa che non mi convince nei dettagli, peraltro già rilevati dal protagonista stesso (intendo il Digito reale, insomma ci siamo capiti) e forse (ma dico forse) è un pochino forzata l'idea che l'avvocato s'appoggi a un ex carabiniere per risolvere un mistero che forse un archeologo/storico sarebbe stato più indicato.
E' vero, Digito è in qualche modo in debito con Neri, per motivi che non sono detti e che comunque fanno pensare a qualcosa di semi-losco, visto l'uso del nome in codice che è poi anche la password al citofono.
Una specifica sull'eventuale talento in materia del protagonista poteva essere di maggior effetto.
Ma sono dettagli, appunto. In uno step così particolare non posso appellarmi più di tot al realismo.

Stile.
Non è male; si legge bene, è scorrevole, non è sempre molto vivace. Riesce meglio nelle descrizioni, soprattutto di Firenze e dei suoi edifici, che evidentemente l'autore conosce bene, piuttosto che nelle scene un minimo più concitate o cariche di pathos.

Come in altri racconti letti, non ho trovato la componente del viaggio irto di pericoli, che pure dovrebbe essere fondamentale.

In definitiva, una storia piacevole da leggere cui però manca il famoso guizzo, quel qualcosa che ti faccia dire UAH!

8Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Gio Mag 05, 2022 12:01 am

Susanna

Susanna
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Il titolo mi ha incuriosito, può avere tanti significati, magari anche banali, visto che a volte utilizziamo allocuzioni senza pensare al reale significato delle parole. Qui, a racconto finito, direi indovinato.


Personaggi: il nostro Digito reale ha parlato di sé in tanti post, pertanto costruire il personaggio che abbiamo letto non deve essere stato molto complesso, anzi, quindi ci siamo, così pure con l’arco temporale.



L’anticamera è deboluccia, ancorchè vi sia ambientato un passaggio molto importante della storia. Poteva essere anche lo studio o una biblioteca. Così come la chiesa, che entra come luogo che in passato era stata chiesa. Volendo considerala più portante, occorre fare la sommatoria tra il suo passato e la presenza dell’anticamera, che avrebbe potuto far parte della struttura religiosa all’epoca dei fatti. Ma se stiamo leggendo, rimane una mia personalissima opinione.


La scrittura è sicura, niente eccessi, moderna e in linea con la trama, con alcune descrizioni ben studiate. Ho solo alcune note che riprendo successivamente.


La storia di base al racconto è interessante e ben costruita, con un buon dispiego di riferimenti storici per aiutare il lettore a comprendere la vicenda e le “scoperte” di Digito. Non troppo enciclopedico ma neanche da semplici nozioni di tre righe.
L’utilizzare poi nozioni storiche per far virare il racconto verso un finale che stravolgerebbe la Storia se fossero vere, è stato gestito con eleganza e sicurezza.
Come struttura il racconto mi ha ricordato i romanzi di Dan Brown, con un ex carabiniere – colto e preparato – al posto di uno studioso: cassetti della memoria sempre pronti per recuperare dettagli che guidano le ricerche, capacità di incrociare i dati, memoria non comune, le difficoltà superate in modo insperato… Come nei romanzi di Dan Brown il tempo sembra scorrere in modo diverso che nella realtà: in poche ore il protagonista riesce a fare un sacco di cose, compreso il non facile lavoro di consultazione di testi antichi, che non sempre sono a disposizione immediata dei richiedenti e che comunque richiede tempo. Invece zac, trovano la pagina giusta in men che non si dica, così come il filo conduttore… i collegamenti (pare non vadano mai in bagno, forse per la privacy?)
Quindi nel complesso un bel racconto, con personaggi e trama ben delineati, forse un po’ frettoloso nel finale, dove tutto viene svelato in pochi minuti, ma equilibrato nel complesso. Mi è però mancata la tensione, così come qualche momento davvero avventuroso, che dia un briciolo di adrenalina: può sicuramente essere un’”avventura” a livello mentale/culturale, ma ugualmente tutto viene svelato quasi in tranquillità, senza colpi di scena.
 
Le mie note, poche in verità:
«Digito?» …«Ergo sum!  Qui ho detto “ E no dai! Troppo forzato!” Ci manca solo il battere dei tacchi.
“Per codardia non fui capace di distruggere il regale dono”… le parole della lettera gli ronzano in testa – la frase ripresa della lettera la metterei in corsivo e virgolettata, con dei puntini di sospensione, per rendere l’idea del ronzargli in testa
“Ritratto del giovane Damiano Adimari († 4 ottobre 1600). Morto il giorno prima del matrimonio reale. Anche questo lo avrei messo in corsivo
di Damiano Adimari,  un giovane nobile – metterei una virgola dopo Adimari


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

9Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Ven Mag 06, 2022 9:43 am

Arunachala

Arunachala
Admin
Admin

bella storia, ben scritta ed esposta, che si lascia leggere con piacere fino al termine.
però anche qui mi permetto di fare delle annotazioni.
il 1600 appare di striscio, nel senso che la storia si svolge oggi e la data la si legge sulle lettere.
l'anticamera appare alla fine, molto laterlamente al racconto, così come la chiesa.
l'avventura? mah, per me manca una parte essenziale per definirla tale.
in sostanza, come tanti altri, è un buon racconto ma con i paletti deboli.


______________________________________________________
L'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Una storia morta e sepolta Namaste

Non si può toccare l'alba se non si sono percorsi i sentieri della notte.

Kahlil Gibran

10Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Ven Mag 06, 2022 12:59 pm

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore

Ciao autor@

anche tu come altri autori hai scelto il filone indagine storica. Il racconto ha luci e ombre.
A differenza di altri, trovo molto bene inseriti sia il paletto temporale che l’utente prescelto e molto centrale il ruolo del l’anticamera vero fulcro della storia. 
Non mi soddisfa altrettanto la resa del contesto avventuroso, manca un antagonista forte o degli intoppi tipici del genere, insomma la storia si fa leggere, interessante la trovata del cannocchiale costruito anni prima rispetto a Galileo Galilei. Una lettura piacevole ma poteva essere migliore.


______________________________________________________
C’è qualcosa di delizioso nello scrivere le prime parole di una storia. Non sai mai dove ti porteranno.
(Beatrix Potter)

11Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Lun Mag 09, 2022 9:53 am

ImaGiraffe

ImaGiraffe
Padawan
Padawan

Un racconto interessante che però necessitava di maggior respiro. 
L'inizio è molto lento e ho fatto fatica a immergermi nella lettura ma quando la storia entra nel vivo tutto scorre via liscio, anche troppo. 
La pecca più grande è che l'indagine si svolge tutta in un solo giorno con Marcello che schizza da una parte all'altra velocemente. Credo che racconti di questo genere abbiano bisogno di pause narrative che permettano al lettore di assimilare i vari elementi. È difficilissimo condensare una storia d'avventura in un racconto quindi i complimenti per esserci riuscito sono necessari e meritatissimi. Quel senso di non approfondito però rimane e in qualche modo ha condizionato il mio giudizio. 
Quello che secondo me potevi evitare era complicarti la vita inserendo un terzo personaggio. Anche se in racconti del genere l'antagonista c'è sempre, visto che non è così forte come personaggio lo avrei eliminato lasciando la resa dei conti a Marcello e a Neri.
Per quanto riguarda i paletti sono tutti presenti, sfruttati abbastanza bene, ma che non lasciano il segno.


______________________________________________________
Someone give that Wolf a Banana  Una storia morta e sepolta 1f34c 

12Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Mer Mag 11, 2022 3:37 pm

Byron.RN

Byron.RN
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Tra le indagini a carattere storico questo racconto è quello che mi ha convinto di più come trama.
L'idea che il cannocchiale sia stato inventato 10 anni prima da un personaggio diverso da Galileo è stuzzicante e gustosa.
Il personaggio di Digito mi sembra ben inserito, come ex carabiniere mi pare congruo il suo "utilizzo" all'interno di una indagine di questo tipo.
Quindi come idea di storia mi è piaciuta e in generale anche il suo sviluppo.
Come ti hanno già fatto notare il punto dolente è quello delle tempistiche. Gestire indagini di questo tipo all'interno di una sola giornata o poco più è pressoché impossibile.
Questo è un aspetto poco credibile della vicenda, ma devo dire che pure gli altri racconti che hanno deciso di percorrere la via degli enigmi storici sono incappati nel medesimo intoppo.
Questo aspetto mi ricorda un pò il primo step, quello del racconto giallo, perché la difficoltà di imbastire una trama del genere con così pochi caratteri a disposizione è praticamente proibitiva.
Per gli altri paletti forse è vero che sono un pò tirati, però ci sono.
Un buon racconto, però quelle tempistiche troppo congestionate e poco ariose avranno comunque un certo peso.

13Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Mer Mag 11, 2022 5:18 pm

FedericoChiesa

FedericoChiesa
Padawan
Padawan

Potrei fare un copia incolla di un commento fatto per un altro racconto.
Racconti così hanno bisogno di più spazio, sia temporale ma anche per permettere a tutte le caselline di rientrare al loro posto: la logica deve essere ineccepibile.
C'è la sensazione che l'avvocato sappia già tutto e aspetti che Digito arrivi alla soluzione: ma allora perchè?
Avrei poi bisogno di un chiarimento: Giove e i quattro satelliti: Io, Europa, Ganimede e Callisto incredibile! chi lo dice? O chi lo pensa? Non potrebbe essere scritto sul foglio.
Comunque le avventure che partono da documenti storici mi affascinano sempre, e anche questa è stata molto interessante, con qualche piccola modifica potrebbe diventare anche molto avvincente.

14Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Gio Mag 12, 2022 9:45 am

tommybe

tommybe
Padawan
Padawan

Mi piace il protagonista di questa storia, mi piace la storia.
Ho perfino pensato che l'autore fosse proprio Digito.
È scritta talmente bene...
Per ora, per i miei gusti, si batte per il primo posto sul mio podio. Il cannocchiale sconvolgerà i libri di storia, e non è la sola meraviglia ce ne sono altre, nascoste, tipo che accade e si risolve tutto in un giorno. Ma soprattutto sono i rimandi e la simpatia del protagonista a vincere. I paletti solo un dettaglio superato con facilità.

15Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Gio Mag 12, 2022 12:02 pm

M. Mark o'Knee

M. Mark o'Knee
Younglings
Younglings

Ciò che mi è piaciuto di più in questo racconto è stata la scrittura: asciutta, chiara e senza troppi fronzoli, molto attenta anche alla punteggiatura (con solo una piccola caduta nella frase "Per codardia non fui capace di distruggere il regale dono le parole della lettera...", nella quale manca come minimo una virgola fra "regale dono" e "le parole").
Ciò che invece ho apprezzato di meno è stata l'eccessiva linearità degli eventi che portano infine alla scoperta - sconvolgente - dell'invenzione dell'Adimari.
Tutto si svolge senza intoppi e anche il misterioso complice del Neri è lì per agevolare la ricerca di Marcello "Digito", non certo per ostacolarla. Le sue motivazioni, alla fine, risultano chiare, ma ho avvertito l'assenza di un vero antagonista (magari espresso anche sotto forma di false piste o ripensamenti di Marcello stesso) che desse al racconto un sapore d'avventura più deciso. E non riesco a ravvisarlo neppure nella figura dell'avvocato, che, nelle scene finali, sembra già sapere tutto e accogliere il ritrovamento solo con triste rassegnazione.
Segnalo infine un'imprecisione. Galileo non è fiorentino ma pisano. Ha vissuto a Firenze, a fasi alterne, solo dal 1610 in poi.
Nel complesso, un buon lavoro.
M.

16Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Sab Mag 14, 2022 5:07 pm

Danilo Nucci

Danilo Nucci
Padawan
Padawan

Sono abbastanza avanti con le letture e posso dire con certezza che con riferimento ai paletti (stavolta veramente impegnativi) ho trovato questo racconto uno dei più centrati. L’anticamera svolge, come deve essere, un ruolo centrale. L’utente è il solo Digito ma è giustamente descritto ricorrendo alle poche tracce desumibili da DT e non viene utilizzato, come ho letto altrove, con la semplice citazione del nome. L’avventura non ha un ritmo forsennato, ma la progressione, talvolta concitata, nella ricerca della verità storica, riesce a tenere sufficientemente attento il lettore. L’anno 1600 è preso in pieno, così come la chiesa.
Un altro merito è la ricerca storica accurata. Da fiorentino non avevo mai sentito citare la chiesa di San Cristoforo degli Adimari e avevo pensato che si trattasse di un elemento creato dalla fantasia dell’autore. Ho trovato invece che esiste veramente, come chiesa sconsacrata e attualmente veramente adibita a garage.
Anche la scrittura mi è parsa molto scorrevole e senza particolari intoppi. Ottimo giudizio.     

17Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Sab Mag 14, 2022 11:05 pm

paluca66

paluca66
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Come spesso succede durante questo viaggio all'interno delle DTRooms, la sensazione che ho avuto è che questa sarebbe stata una bella storia da sviluppare in molte più battute.
Bella l'idea, ottima la scrittura, ma il tutto avviene troppo rapidamente, nella lettura ti confesso di avere fatto fatica a stare dietro a tutto e di aver dovuto tornare più volte a rileggere per essere certo di aver compreso bene.
Detto questo solo complimenti per come è scritto bene, per l'idea che hai avuto, per la naturalezza con cui hai inserito i paletti.
Se ne avrai voglia e tempo mi piacerebbe che sviluppassi questa storia dandole il giusto respiro e magari togliendo quelle tre frasi finali che, non me ne volere, proprio non mi sono piaciute.

18Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Dom Mag 15, 2022 1:19 am

caipiroska

caipiroska
Padawan
Padawan

Leggendo sono inciampata subito nelle prime righe: due uomini parlano, poi uno se ne va e rimane quello anziano sulla sedia a rotelle che inizia a fare tantissime cose...
Quando ho letto siede mi sono chiesta se fingesse lui o se non avevo capito niente io... Poi, ma molto più avanti, ho capito che quel Marcello non era l'anziano sulla sedia a rotelle ma un terzo uomo. Rileggendo l'incipit più volte sono sempre convinta che lasci il lettore con questa falsa sensazione: rivedrei quindi le prime righe, perchè fanno lo sgambetto al lettore.
Detto questo, trovo che la storia sempre perfettamente in bilico tra l'esigenza di mostrare tanti fatti e la volontà di descriverli bene: succedono davvero un'infinità di cose in una manciata di caratteri!
L'abilità dell'autore sta nell'aver trovato un compromesso abbastanza accettabile: tutto accade velocemente, tutto fila via liscio come l'olio, non ci sono problemi ne intoppi, ma in cambio il lettore si trova davanti a una bella storia che parte da un'intuizione accattivante e dalle grandi attese.
Il ritmo del testo diventa quindi molto veloce, tutto accade in poche ore e le azioni si accalcano l'una sull'altra portando alla soluzione del mistero.
Il limite di battute occhieggia all'orizzonte, l'urgenza narrativa prende la mano e, a mio avviso, il testo ne risente un pò, prendendo quell'alone d'inverosimile che avrei preferito non percepire.
Un bel testo che lascia poco spazio per prendere fiato; manca però un bel guizzo, quell'imprevisto che avrebbe reso la lettura ancora più appassionante.

19Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Lun Mag 16, 2022 1:42 pm

CharAznable

CharAznable
Padawan
Padawan

Breve giallo piacevole e con un intrigo non banale e una delle più belle città del mondo a fare da cornice e coprotagonista. Si legge molto bene e ti faccio i complimenti per essere riuscito/a a racchiudere la vicenda in così pochi caratteri. Mestro che profuma di sette e occultismo. Bella l'idea di creare un precursore di Galileo che va tenuto celato per salvaguardare lo status quo che alla fine fa comodo a tutti. Se devo trovare un difetto forse c'è poca azione in questo giallo mentale (se vogliamo escludere i continui spostamenti di Digito). Protagonista ben caratterizzato.
Un buon lavoro.
Complimenti.
Grazie.


______________________________________________________

I giorni indimenticabili della vita di un uomo sono cinque o sei in tutto. Gli altri fanno volume.

20Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Gio Mag 19, 2022 5:06 pm

Resdei

Resdei
Padawan
Padawan

Ciao autor@
A me il tuo racconto è piaciuto molto.
La scrittura è matura, corretta, il testo pulito e ben costruito.
Ho ammirato la ricerca che c’è dietro, l’abilità nell’incastrare tutti i tasselli con naturalezza, in modo convincente.
Spesso dimentichiamo che la creazione di questi racconti è vincolata dai paletti e riuscire a seminarli lungo il percorso non è semplice. a volte si trovano forzature anche imbarazzanti.
Ecco, non ho sentito niente di tutto questo.
Le citazioni colte, le tappe in una splendida e misteriosa Firenze hanno reso la lettura molto piacevole
accompagnata da uno splendido sottofondo musicale.
promosso a pieni voti
complimenti
a rileggerci presto

21Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Gio Mag 19, 2022 7:58 pm

vivonic

vivonic
Admin
Admin

Eccoci qui, amico Autore.
Il tuo racconto ci ha fatto penare non poco per quanto concerne l'aderenza al genere. Io sono stato da sempre propenso all'ammissione, in quanto fin dalla prima lettura il tuo testo mi ha ricordato un piccolo "Il codice del quattro", un romanzo stratosferico del quale consiglio a tutti la lettura. Questo è stato anche il motivo che ho espresso al CdL votando per l'ammissibilità, finché Pier non mi ha mandato a cagare e mi ha detto: "Guarda che Il codice del quattro è un thriller, non è un romanzo d'avventura".
Io resto convinto che il tuo racconto abbia combinato bene il genere dell'avventura con quello del thriller o del giallo che dir si voglia. A posteriori, poi, c'è un utente usato in maniera ottimale, l'anticamera assolutamente centrale e ben inserita, il paletto spaziale centrato...
Un'altra cosa che ho pensato da subito è stata che il racconto sarebbe finito con un pesce d'aprile, giusto per beccare l'altro paletto temporale; sono stato molto soddisfatto nel constatare che non era così.
Non mi dilungo troppo su altri elementi del racconto, dato che arrivo per ultimo o quasi con i commenti ed è già stato detto tutto; preferisco raccontarti qualche retroscena, appunto, relativo alla fase di ammissione e alle mie sensazioni personali a prima lettura e, poi, a distanza di qualche settimana.
D'altronde, che te lo dico a fare che scrivi benissimo? Lo sai già.
Per me, un racconto davvero convincente che può tranquillamente giocarsi il posto in antologia.
Complimenti Smile


______________________________________________________
Un giorno tornerò, e avrò le idee più chiare.

22Una storia morta e sepolta Empty Re: Una storia morta e sepolta Ven Mag 20, 2022 12:05 pm

Mac

Mac
Padawan
Padawan

Mi piace come scrivi, pulito, asciutto senza inutili orpelli, mantenendo sempre una grande efficacia.
Concordo con altri nel dire che forse è inverosimile che in un pomeriggio il nostro Digito riesca ad arrivare alla soluzione, ma sai che ti dico? Mi interessa poco.
Mi sei piaciuto, ho letto il racconto, gustandomi le tue ricerche, le tue citazioni, e soprattutto le tue ambientazioni.
COnsiglio: metti questo storia da parte, potresti ricavarne un bel romanzo.  Una storia morta e sepolta 1f61c

Contenuto sponsorizzato



Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.