Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Gabriella

+20
Hellionor
digitoergosum
ImaGiraffe
Arunachala
vivonic
Resdei
paluca66
Danilo Nucci
FedericoChiesa
Susanna
Molli Redigano
gipoviani
CharAznable
Arianna 2016
miichiiiiiiiiiii
Antonio Borghesi
Fante Scelto
Petunia
Byron.RN
Different Staff
24 partecipanti

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Andare in basso  Messaggio [Pagina 2 di 2]

1Gabriella - Pagina 2 Empty Gabriella Lun Giu 07, 2021 12:22 pm

Different Staff

Different Staff
Admin
Admin
Promemoria primo messaggio :

Roncofreddo, 28 aprile
 
Francesca, aiutami, sono disperata!
Il mese scorso mi è saltato il ciclo ma non ci ho fatto molto caso; da qualche giorno, però, mi sono accorta di avere delle nausee e ieri mentre ero in classe sono dovuta correre in bagno e ho vomitato anche l’anima.
Credo proprio di essere incinta, Francesca.
E adesso cosa faccio? Ho solo te, Francesca, la mia cuginetta amata.
Non posso confidarmi con nessuno qui, se lo dicessi alle mie amiche ho paura che potrebbero lasciarselo scappare, nessuno qui al paese deve sapere, altrimenti sono certa che la mamma ne verrebbe a conoscenza in pochissimo tempo e allora… non voglio nemmeno pensarci.
Ho paura, Francesca, tantissima paura, cosa faccio adesso? E anche vergogna…
Vorrei solo piangere, in continuazione, vorrei urlare, vorrei che tutto questo non fosse vero.
So che sai chi è stato, il tuo amico Vincenzo, durante quei giorni a marzo sull’Isola delle Rose.
Mi sono fidata di lui, sembrava così sicuro, così tranquillo, mi ripeteva in continuazione di non preoccuparmi, che sapeva come fare che non sarebbe successo nulla; era così dolce, così rassicurante e poi, lo sai, la prima volta, mi sembrava di vivere una favola, era così tutto straordinario, Vincenzo così bello e sicuro, l’atmosfera di festa che si respirava sull’Isola, l’eccitazione di tutti per quello che stava accadendo.
E ora cosa faccio? Francesca ho solo te in questo momento, aiutami!
Cosa faccio io, ora?
 
Tua, Gabriella.
 
 
Rimini, 4 maggio
 
Gabriella, tesoro, che sorpresa la tua lettera!
Mi sono messa a risponderti subito, appena finito di leggere, ma adesso mi accorgo di non sapere cosa scriverti, di non trovare le parole adatte… vorrei soltanto essere lì con te, abbracciarti stretta stretta, darti quel coraggio che ora ti manca e cercare insieme a te la soluzione per uscire da questo momento.
Voglio dirti di stare tranquilla e che io ci sono, per qualunque cosa puoi contare su di me.
Hai ragione per quanto riguarda la zia, non dirle nulla per ora, chissà come reagirebbe!
Purtroppo non conosco così bene Vincenzo, ma cercherò di parlargli quanto prima possibile, insieme troveremo sicuramente una soluzione.
A proposito dell’Isola delle Rose, l’altro giorno Giorgio ha ufficialmente proclamato l’indipendenza, ora è uno stato libero e presto tutti dovranno riconoscerla ufficialmente.
Potrebbe essere il tuo, vostro, nostro rifugio, pensa che bello sarebbe crescere qui il bimbo, sicuramente mi chiamerebbe “zia”, potrebbe passare alla storia come il primo cittadino nato all’Isola delle Rose.
Resisti Gabriella, scrivimi appena possibile, tienimi aggiornata e, mi raccomando, sorriso sulle labbra e gioia nel cuore… nonostante tutto.
 
Ti abbraccio, Francesca
 
 
 
Roncofreddo, 5 maggio
 
Egr. Sig. C.,
le scrivo sconvolta da quello che mia figlia mi ha appena comunicato!
Suo figlio Vincenzo ha messo incinta la mia bambina, inutile usare giri di parole.
Francesca non fa che piangere, è spaventata, preoccupata, si trova di fronte a qualcosa di molto più grande di lei, naturalmente.
Non voglio addossare colpe ma certamente suo figlio ha delle grosse responsabilità di cui mi auguro si faccia carico.
So che lei sta per diventare direttore della filiale della Banca A. in cui lavora da anni per cui ritengo che abbia le risorse per far fronte a questo assai spiacevole evento.
Cerchi di capirmi, non vorrei corresse a conclusioni affrettate… non sto assolutamente cercando di ricattarla, lungi da me un simile pensiero; ma di fronte al dramma che la mia bambina sta vivendo ritengo che ognuno debba farsi carico dei propri doveri e sono certa che lei non vorrà tirarsi indietro.
Non voglio dilungarmi oltre, la rabbia e il dolore che provo in questo momento sono troppo profondi per dilungarmi oltre.
Mi prendo qualche giorno con la mia bambina per riavermi e cercare di capire cosa tutto questo comporterà per il futuro dei “nostri” figli” e contemporaneamente dare a lei il tempo necessario a riflettere su quanto le ho scritto: tra qualche giorno sarà mia premura ricontattarla per decidere come e cosa fare.
Un’ultima cosa, molto importante: non mi scriva al mio indirizzo qui in paese, non vorrei proprio che la lettera cadesse in mani sbagliate - lei mi capisce – e cominciassero a girare delle male voci…
Le lascio un biglietto con il riferimento a una casella Postale di Rimini, se lo ritiene necessario può rispondermi lì.
 
Paola G.
 
Isola delle Rose, 7 maggio
 
Caro papà,
io non ce la faccio più, mi sembra di impazzire!
Ti scrivo dall’Isola delle Rose dove mi sono rifugiato per sfuggire al tuo sguardo, altrimenti non avrei mai avuto il coraggio di dirti quello che stai per leggere.
Ho fatto una bestiata, una cosa grave, ma grossa grossa…
Mi sono fatto fare su da Francesca come un bambino, non so cosa mi sia successo, il fatto è che mi ha stregato con la sua bellezza, mi sono trovato in balia totale, sottomesso alla sua volontà.
So che non ti è mai piaciuta e forse avevi ragione tu a mettermi in guardia.
Ora guardo nell’abisso di ciò che ho combinato e ho paura e mi vergogno tantissimo.
Hai ricevuto o, spero, ancora no (ma riceverai presto) una lettera da una Signora di Roncofreddo: è un falso! E’ stata scritta da Francesca e, quel che è peggio, è che io ero d’accordo, sono stato d’accordo su tutto fin dall’inizio.
Ma adesso basta, io non ce la faccio più a reggere questo gioco.
Papà sono confuso, da due notti non riesco a dormire, perché il problema è che, se è vero che la lettera è falsa, il suo contenuto è tristemente vero.
Ho circuito quella ragazza, Gabriella, d’accordo con Francesca e l’ho messa incinta, lo scorso mese di marzo quando ci siamo trovati tutti qui su questa maledetta isola, questa finzione di una realtà inesistente (pensa che nei giorni scorsi si sono perfino dichiarati indipendenti!), tutti insieme per dieci lunghi giorni a festeggiare… a festeggiare cosa, poi?
L’idea era quella di ricattarti, sapevamo che sei prossimo alla nomina di direttore della tua filiale e immaginavamo che avresti avuto facile accesso alle casseforti… abbiamo immaginato che pur di mettere tutto a tacere, per evitare lo scandalo del figlio sregolato, avresti pagato una grossa cifra.
Papà, credimi, non so perché mi sono fatto trascinare dentro questa idiozia, ma sono pentito, non faccio che pensare a quella povera ragazza, le ho rovinato la vita e poi quel bimbo che ho impiantato dentro al suo corpo, quello sarebbe mio figlio… Oddio papà, cosa ho combinato!!!
Papà, potrai mai perdonarmi? Riuscirò ancora a guardarti negli occhi senza vergognarmi? Se Francesca sapesse che ti sto scrivendo…
Papà io sono qua, ti aspetto, ti prego non chiudere la porta in faccia a questo tuo figlio sconsiderato ma che ora ha solo tanta paura.
 
Vincenzo
 
Rimini, 9 maggio
 
Gent.ma Sig.ra G.
non so se considerare la sua lettera come uno scherzo infantile o come lo scritto di una persona adulta sciocca e presuntuosa; o, forse, con ogni probabilità, semplicemente una mitomane.
Dunque, se ho ben capito, io dovrei credere, sulla base di una paginetta scritta da una mano poco più che adolescenziale, che mio figlio abbia messo incinta sua figlia la quale, povera cucciola, è spaventata e continua a piangere in quanto proprio non se lo aspettava…
Non ho potuto parlare con mio figlio in quanto da qualche giorno è a fare lo scemo con i suoi amici sulla fantomatica Isola delle Rose ma domani non esiterò a raggiungerlo e a chiedergli spiegazioni.
Nel frattempo lei mi chiede di non risponderle al suo indirizzo per evitare che il paese parli?
Ma si rende conto di cosa scrive?
Inserisce nella lettera informazioni riservatissime sul mio lavoro che non so come abbia avuto e, velatamente, tra le righe, accenna ad aggiustamenti economici.
Ma lei immagina che con questa lettera io potrei farle passare dei guai seri?
Io non ho nemmeno idea se i nostri figli si conoscano o meno, non so se sua figlia abbia l’abitudine di andare a letto con il primo che passa, ma francamente mi sembra che la sua sicurezza sia quanto meno azzardata.
Non ho intenzione di dilungarmi oltre in queste righe, è talmente assurda, lo ripeto ancora una volta, la sua lettera che non meriterebbe nemmeno questa risposta ma siccome siamo persone “civili” io e mia moglie siamo disposti a incontrarla (se lo vorrà, anche se non penso che sia questa la sua “vera” intenzione) dove vorrà in uno dei prossimi giorni.
 
Claudio C.
 
 
Dal Corriere della Sera del 13 maggio 1968
 
TRAGEDIA IN UNA SCUOLA DI CESENA
 
(…) quando una bidella, non vedendo ricomparire la studentessa Gabriella L. che si era recata in bagno, entrava a controllare se fosse tutto a posto e trovava la finestra che affaccia sul cortile spalancata.
Affacciatasi scorgeva il corpo della studentessa esanime tre piani più sotto (…)
 
(…) accanto al lavandino una busta chiusa contenente una lettera straziante della ragazza (…)
 
Ho deciso di andarmene, non posso rimanere oltre qui.
E porto con me il mio piccolo innocente essere umano che non merita di venire in questo mondo pieno di indifferenza e crudeltà.
Me ne vado perché mi avete usata, tradita, umiliata e poi gettata via.
Me ne vado portando con me la crudeltà di mia cugina Francesca, la persona che più amavo e di cui più mi fidavo.
Me ne vado portando con me la sciocca inutilità di Vincenzo dal quale ho creduto di imparare la parola amore e che è soltanto una povera marionetta.
Ma soprattutto me ne vado portando con me gli occhi freddi e privi d’amore con cui, mamma, mi hai chiuso il tuo cuore; senza nemmeno provare a capire come mi stavo sentendo mentre urlavi le tue accuse, i tuoi crudeli insulti, incapace di vedere il mio cuore che esplodeva di vergogna e di tristezza.
Me ne vado da questo bagno dove solo pochi giorni fa, mentre vomitavo, improvvisamente ho capito che la mia vita non sarebbe stata più la stessa, i miei sogni non sarebbero stati più gli stessi; dove pensavo, però, che le persone che amavo e di cui mi fidavo mi avrebbero aiutato a sconfiggere la paura del futuro.
Spero solo che sentirete tutti terribilmente la mia mancanza…
 
G.


26Gabriella - Pagina 2 Empty Re: Gabriella Mer Giu 30, 2021 1:31 am

caipiroska

caipiroska
Padawan
Padawan
Lo scambio epistolare è ben fatto: sia nella disperazione che nella finzione le varie voci dei protagonisti si stagliano nitide sulla carta, ed è facile riconoscerle e farsi un'idea del carattere della persona che scrive.
Il racconto, anche se ha questo pregio, però non riesce ad attivarsi: è come un corridore pieno di grinta che rimane fermo ai blocchi di partenza dopo lo starter...
Tuto rimane un pò vago e piatto: non ho ben capito il perchè del figlio impiantato (brrr!), nemmeno se la lettera della madre sia falsa e nemmeno se si tratti i una (tristissima) storia vera.
Credo che lo scambio epistolare in questo caso non abbia permesso alla storia di svolgersi davanti al lettore in maniera fluida e comprensibile, lasciando delle perplessità che non mi hanno soddisfatta.
Non so dove si trovi Roncofreddo, ma sono d'accordo con Susanna che le varie lettere vengono recapitate troppo velocemente.
Più in generale mi rimane addosso un senso generale di un progetto abbozzato, approssimativo: anche se la storia contiene in sè qualcosa di molto accattivante,  ripenserei meglio le dinamiche dei fatti narrati, per dare maggiore chiarezza all'intreccio di questa torbida storia.

27Gabriella - Pagina 2 Empty Re: Gabriella Lun Lug 05, 2021 3:29 pm

paluca66

paluca66
Padawan
Padawan
Eccomi qui, tra un bagno (in mare, mi raccomando, lo step ormai è finito) e l'altro a scrivere di questo racconto con il capo cosparso di cenere. Mai come stavolta scrivere qualcosa che includesse tutti i paletti, per di più in un mese per me di superlavoro, è stato difficile. Ciò che ne è scaturito non mi è piaciuto e non mi ha convinto ma ho deciso di inviarlo e partecipare ugualmente perché nel mio percorso di crescita ogni esperienza è importante. Purtroppo non c'è stato il tempo per me di rileggerlo attentamente e soprattutto di farlo leggere come sempre a mia moglie il mio primo e più importante censore. Così è rimasto quell"'impiantato" e quella ripetizione. Più in generale, sto notando step dopo step, che il mio modo di scrivere, la mia scrittura, è apprezzata e questo per me è già un punto di partenza molto importante. Quello che mi manca, soprattutto confrontandomi con la maggior parte di voi molto più avvezzo a scrivere o che addirittura ha già pubblicato qualcosa, è la capacità di inventare storie, la fantasia nell'immaginare situazioni e intrecci. Non so se queste arriveranno continuando a scrivere, con un esercizio continuo o se sono un talento che uno ha o non ha e, in quest'ultimo caso, mi debba rassegnare. Intanto ringrazio tutti per avermi letto e commentato (avere l'apprezzamento di [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link], il vincitore, mi onora), ogni vostro appunto mi fa crescere e scoprire cose nuove sulla mia scrittura e ringrazio di cuore gli Admin per il lavoro immenso che fanno e per l'opportunità che danno a tutti noi di esprimerci con la scrittura.

28Gabriella - Pagina 2 Empty Re: Gabriella Lun Lug 05, 2021 3:39 pm

CharAznable

CharAznable
Padawan
Padawan
Ciao Paluca. Ti scrivo dalla mia (poca) esperienza letteraria in merito alla "fantasia" nel creare storie.
In parte è certamente dovuta al talento, in parte c'è spirito di osservazione e lavoro, letture, ascolto.
Poi, spesso, anche una storia semplice ma ben scritta può essere apprezzata al pari (o forse più) di trame troppo intricate. Buona vacanza e ci rivediamo nello sgabuzzino.


______________________________________________________

I giorni indimenticabili della vita di un uomo sono cinque o sei in tutto. Gli altri fanno volume.

29Gabriella - Pagina 2 Empty Re: Gabriella Lun Lug 05, 2021 3:51 pm

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:Ciao Paluca. Ti scrivo dalla mia (poca) esperienza letteraria in merito alla "fantasia" nel creare storie.
In parte è certamente dovuta al talento, in parte c'è spirito di osservazione e lavoro, letture, ascolto.
Poi, spesso, anche una storia semplice ma ben scritta può essere apprezzata al pari (o forse più) di trame troppo intricate. Buona vacanza e ci rivediamo nello sgabuzzino.
Chi legge molto prima o poi ci prova, a scrivere e, nel fantasticare, si spera di diventare un caso letterario, di riuscire a raggiungere tutti con le emozioni che ci sforziamo di descrivere... ecc. ecc. ecc. Si può rimanere delusi oppure ci si accorge che manca un pezzetto, molto piccolo, per far uscire tutto il bello che sentiamo nella penna o nella tastiera. Si prova, si riprova, si fallisce, qualcosa va bene. Personalmente so che non diventerò mai una scrittrice famosa, ma non per questo rinuncerò a provarci, sperando di inciampare in quel pezzetto che mi manca. Caro [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] mi sa che lo sgabuzzino sarà molto affollato: speriamo ci sia cibo per tutti: prepariamoci a razionare.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

30Gabriella - Pagina 2 Empty Re: Gabriella Lun Lug 05, 2021 6:51 pm

Akimizu

Akimizu
Padawan
Padawan
Sarò strano, ma invece a me è piaciuto proprio per l'intreccio (oltre che per i personaggi) e per il mio quinto posto nel podio se l'è giocata fino all'ultimo come avrai capito dal mio commento. Probabilmente, rileggendolo, ti è mancato anche il giusto equilibrio tra le parti, che in un racconto breve è fondamentale. Io ad esempio avrei dato più spazio a Francesca, che è il vero villain, il cattivo, e più spazio allo strazio finale di Gabriella, magari accorciando il biglietto d'addio e scrivendo un'altra lettera a Francesca. Le dinamiche tra loro, la loro evoluzione in peggio, avrebbero retto da sole tutto il racconto. Insomma, più che sull'intreccio c'è da smaliziarsi un attimo sulla struttura.

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 2 di 2]

Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.