Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» L'eroe della fine
Un ricordo EmptyOggi alle 10:49 am Da Flash Gordon

» Orizzonti Verticali
Un ricordo EmptyOggi alle 10:26 am Da tommybe

» E se...
Un ricordo EmptyOggi alle 10:14 am Da ImaGiraffe

» Mentre tutto brucia
Un ricordo EmptyOggi alle 10:10 am Da Flash Gordon

» La prossima scossa
Un ricordo EmptyOggi alle 10:02 am Da tommybe

» Lei non è cattiva
Un ricordo EmptyOggi alle 9:31 am Da ImaGiraffe

» Cronache dalla fine
Un ricordo EmptyOggi alle 9:19 am Da AurelianoLaLeggera

» Quintessenza
Un ricordo EmptyOggi alle 9:10 am Da Achillu

» Corsa contro il tempo
Un ricordo EmptyOggi alle 8:27 am Da AurelianoLaLeggera

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Un ricordo

+2
Petunia
AurelianoLaLeggera
6 partecipanti

Andare in basso

Un ricordo Empty Un ricordo

Messaggio Da AurelianoLaLeggera Dom Apr 14, 2024 4:09 pm

Buio.
Una notte d’inverno, senza luna, perché dalla finestra non arriva neanche quel tenue chiarore a rischiarare un po’ la stanza. Che ore saranno? Le due, le tre? Nei ricordi compare improvvisa una sveglia. Una di quelle grandi, con le lancette. È la sveglia che suo nonno teneva sul comodino e che ogni sera ricaricava a mano. Aveva le linee delle ore di un tenue giallo trasparente che a volte di notte brillava. Che diamine stava sognando per essere pervaso da un ricordo così nitido? Gli sembra di sentire ancora il ticchettio regolare della lancetta dei secondi, che a volte lo cullava col suo ritmo da ninnananna e a volte lo teneva sveglio come se ogni secondo fosse un colpo di martello.
Sete.
Ha le labbra appiccicate e un gusto amaro in bocca. Questa sensazione lo riporta al presente e, nonostante il buio, riesce a vedere o, più che altro, ad immaginare le cose intorno a sé. Una fitta al collo lo sveglia del tutto. Si massaggia con la mano e si tira su a sedere. Si è addormentato sul divano, come ogni sera. Con un piede urta il telecomando che gli è scivolato a terra, lo raccoglie e lo posa sul tavolino, poi trova con le mani il cellulare e guarda l’ora. Le quattro.
Bere.
Rimane un istante seduto ad aspettare, deve bere, assolutamente, ma qualcosa lo trattiene. Ha come la sensazione di aver lasciato qualcosa di bello. Nonostante non ricordi cosa stesse sognando sente il desiderio di richiudere gli occhi e tornare là. Cerca di sforzarsi ma come accade spesso con i sogni più si cerca di ricordare più svaniscono.
In cucina accende la luce e la notte svanisce del tutto, si attacca alla bottiglia e anche la sete passa. Ora può andare finalmente a letto a rubare ancora qualche ora di sonno prima che arrivi il mattino. Si rannicchia sotto le coperte e quella sensazione dolce che aveva avuto ripensando al sogno torna di nuovo. Chiude gli occhi ansioso ed un’altra immagine ritorna alla mente.
È sempre la stanza di suo nonno, riconosce la testata di legno del letto e il rosario appeso sulla parete, proprio sopra la sua testa. A destra c’è l’armadio, con un’anta sempre mezza aperta. È la casa di Lesini, dove da bambino ha passato intere estati con suo nonno.  E sul comodino la sveglia, di nuovo.  Ma non è quella la parte importante del sogno, o del ricordo.
Il sonno sta per tornare e insieme al sonno quella sensazione indefinita di benessere, e di allegria. Le labbra si stendono in un sorriso.
Ha tre, o quattro anni, e il nonno lo ha portato in braccio a lungo prima di lasciarlo cadere su quel lettone morbido e immenso.
Ride. E suo nonno anche:
“Te ci ‘mbriacatu? Eh?” Ti sei ubriacato, gli dice nel suo dialetto, e insieme ridono ancora di più.
È un’immagine ricorrente, non è la prima volta che la rivede nella testa, e insieme a questa immagine ne arriva sempre anche un’altra. Fanno parte dello stesso ricordo, lui è ancora in braccio a suo nonno e stanno attraversando la piazza di Lesini. Prova a rivivere la scena, ma se ci prova riesce soltanto a vedersi da lontano: la testa abbandonata sulla spalla e il rumore dei loro passi. Il ricordo di un ricordo.
Troppi anni che non è più bambino.
Eppure, più si abbandona al buio più sente il calore di quell’abbraccio. E improvvisamente ha di nuovo quattro anni, torna leggero, sorretto da quelle braccia, cullato da quei passi.
Domattina non ricorderà più niente ma adesso, in qualche angolo della sua mente crede di aver scoperto dove siano finiti quei giorni.
 Sono tutti lì, tutti in quell’istante prima di addormentarsi.    

AurelianoLaLeggera
Viandante
Viandante

Messaggi : 24
Punti : 31
Infamia o lode : 3
Data di iscrizione : 13.04.24

Torna in alto Andare in basso

Un ricordo Empty Re: Un ricordo

Messaggio Da Petunia Lun Apr 22, 2024 3:24 pm

ma che bel racconto  @AurelianoLaLeggera mi hai trasportato nella tua "notte agitata". Bello sognare il nonno, vivide le immagini e le sensazioni che riesci a condividere col lettore. Complimenti.
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2277
Punti : 2510
Infamia o lode : 43
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Un ricordo Empty Re: Un ricordo

Messaggio Da Claudio Bezzi Lun Apr 22, 2024 3:46 pm

Tenero, ben scritto.

______________________________________________________
L'uomo fa il male come l'ape il miele (William Golding)
Anche la donna (Claudio Bezzi)
Claudio Bezzi
Claudio Bezzi
Padawan
Padawan

Messaggi : 168
Punti : 215
Infamia o lode : 5
Data di iscrizione : 05.02.24

https://alamagoozlum.blog

Torna in alto Andare in basso

Un ricordo Empty Re: Un ricordo

Messaggio Da tommybe Lun Apr 22, 2024 3:55 pm

Ma quanto sei bravo, Aureliano. Complimenti per le immagini e la commozione che ci regali con i tuoi ricordi.
I nostri ricordi.
tommybe
tommybe
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1241
Punti : 1342
Infamia o lode : 19
Data di iscrizione : 18.11.21
Età : 72
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Un ricordo Empty Re: Un ricordo

Messaggio Da Resdei Lun Apr 22, 2024 9:36 pm

Che belle sensazioni che hai trasmesso!
Complimenti
Resdei
Resdei
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1004
Punti : 1077
Infamia o lode : 4
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Un ricordo Empty Re: Un ricordo

Messaggio Da AurelianoLaLeggera Mar Apr 23, 2024 12:38 am

Grazie davvero a tutti!

AurelianoLaLeggera
Viandante
Viandante

Messaggi : 24
Punti : 31
Infamia o lode : 3
Data di iscrizione : 13.04.24

Torna in alto Andare in basso

Un ricordo Empty Re: Un ricordo

Messaggio Da M. Mark o'Knee Gio Apr 25, 2024 4:19 pm

Davvero un bel racconto. Un ricordo che si posa leggero sugli occhi di chi legge e, sull'onda di un'atmosfera un po' malinconica, leggermente nostalgica, mai stucchevole, dà la stura ad attimi che ognuno penso possa aver vissuto. E che spesso, proprio come accade al protagonista della storia, appaiono, più vividi che mai, nel breve istante che precede il sonno.
La scrittura è ben calibrata e il testo si legge senza alcuno sforzo. Tutto, dalla scelta dei vocaboli al ritmo pacato e avvolgente, tende a evocare la dolcezza di un bel ricordo: un'atmosfera che hai piacevolmente deciso di condividere.
Aggiungo un paio di annotazioni sui punti critici che ho notato.
Penso che prima di tutto dovresti limitare l'uso degli aggettivi (o pronomi) dimostrativi. Ne ho trovati parecchi nel testo (quel tenue chiarore - quelle grandi - questa / quella sensazione - non è quella la parte - quel lettone ecc...) e non sono di grande aiuto nella lettura.
Il secondo appunto riguarda le d eufoniche, che dovrebbero essere utilizzate solo davanti a vocale uguale (p. es. "ed è", non "ed un’altra").
Per il resto, una lettura piacevolissima della quale ti ringrazio.
M.

______________________________________________________
"E perché è più utile scrivere di ciò che vuoi conoscere meglio, invece di ciò che credi di conoscere già." - Matteo Bussola
M. Mark o'Knee
M. Mark o'Knee
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 744
Punti : 865
Infamia o lode : 9
Data di iscrizione : 27.01.22
Età : 68
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Un ricordo Empty Re: Un ricordo

Messaggio Da AurelianoLaLeggera Ven Apr 26, 2024 4:43 pm

M. Mark o'Knee ha scritto:Davvero un bel racconto. Un ricordo che si posa leggero sugli occhi di chi legge e, sull'onda di un'atmosfera un po' malinconica, leggermente nostalgica, mai stucchevole, dà la stura ad attimi che ognuno penso possa aver vissuto. E che spesso, proprio come accade al protagonista della storia, appaiono, più vividi che mai, nel breve istante che precede il sonno.
La scrittura è ben calibrata e il testo si legge senza alcuno sforzo. Tutto, dalla scelta dei vocaboli al ritmo pacato e avvolgente, tende a evocare la dolcezza di un bel ricordo: un'atmosfera che hai piacevolmente deciso di condividere.
Aggiungo un paio di annotazioni sui punti critici che ho notato.
Penso che prima di tutto dovresti limitare l'uso degli aggettivi (o pronomi) dimostrativi. Ne ho trovati parecchi nel testo (quel tenue chiarore - quelle grandi - questa / quella sensazione - non è quella la parte - quel lettone ecc...) e non sono di grande aiuto nella lettura.
Il secondo appunto riguarda le d eufoniche, che dovrebbero essere utilizzate solo davanti a vocale uguale (p. es. "ed è", non "ed un’altra").
Per il resto, una lettura piacevolissima della quale ti ringrazio.
M.
Grazie mille M.
Riguardo le annotazioni: hai ragione! Spesso, in fase di rilettura e riscrittura, tolgo un mare di dimostrativi. In questo racconto, di qualche anno fa, me ne sono sfuggiti un po'. Evidentemente è una mia tendenza con la quale devo fari i conti. 
La d eufonica: hai ragione anche qui. 
Per il resto non posso che ringraziarti.

Aureliano.

AurelianoLaLeggera
Viandante
Viandante

Messaggi : 24
Punti : 31
Infamia o lode : 3
Data di iscrizione : 13.04.24

Torna in alto Andare in basso

Un ricordo Empty Re: Un ricordo

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.