Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» GUSTAV
Pilato e la Verità EmptyVen Apr 12, 2024 3:25 pm Da Giammy

» IL MIO RACCONTO A ZERO
Pilato e la Verità EmptyVen Apr 12, 2024 11:21 am Da Claudio Bezzi

» E sei ancora dedicata a Licia Mizzan
Pilato e la Verità EmptyVen Apr 12, 2024 9:10 am Da Flash Gordon

» L'incantesimo
Pilato e la Verità EmptyVen Apr 12, 2024 9:08 am Da Flash Gordon

» Pachamama - Paletti Secondo Step
Pilato e la Verità EmptyMer Apr 10, 2024 10:46 pm Da tommybe

» Il tempo di un nome
Pilato e la Verità EmptyMer Apr 10, 2024 12:02 am Da Susanna

» Una costellazione col mio nome
Pilato e la Verità EmptyMar Apr 09, 2024 1:11 pm Da tommybe

» Notte nella 56° strada
Pilato e la Verità EmptyMar Apr 09, 2024 1:03 pm Da Flash Gordon

» Le bugie hanno le gambe corte
Pilato e la Verità EmptyMar Apr 09, 2024 12:14 pm Da Claudio Bezzi

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Pilato e la Verità

3 partecipanti

Andare in basso

Pilato e la Verità Empty Pilato e la Verità

Messaggio Da Albemasia Dom Mar 24, 2024 11:14 pm

Pilato e la Verità


Da ore l’uomo era in preda al tormento dei suoi pensieri, ma né il sonno, né la speranza del sopraggiungere del giorno venivano in suo soccorso e lui giaceva soggiogato da una profonda impressione, di fronte alla quale si sentiva impotente.
Eppure aveva combattuto battaglie, ucciso nemici e straziato con le proprie mani i loro corpi, ma mai prima di allora era stato colto da un tale senso di oppressione.
Volse lo sguardo all’ancella che gli dormiva accanto: la luna che penetrava dalla terrazza illuminava i lineamenti ancora infantili di quel corpo acerbo che lui aveva posseduto con forza, tanto da farla tremare di dolore e piangere di spavento sotto il suo giogo e ora la fanciulla giaceva sfinita dal sonno e dalla paura.
Dal giardino saliva l’alito caldo e profumato della notte che gli solleticava i sensi e lo faceva sentire più che mai vivo, quando invece avrebbe voluto scivolare nell’oblio, per sfuggire a quella pena.
Ma, in fondo, a cosa doveva tutto quel supplizio, cosa mai aveva fatto che non rientrasse nei suoi compiti da anni ormai, da quando era stato nominato Prefetto della Giudea da Seiano, uomo vicino all’imperatore Tiberio?
Aveva cercato di portare l’impero in quella terra così lontana da Roma e così straniera nel cuore di quei sudditi che lui disprezzava e governava con pugno duro e implacabile.
Tuttavia quel giorno qualcosa in lui si era smosso e aveva la sensazione che una parte di sé non sarebbe più tornata come prima.
Quando i sacerdoti del Sinedrio - che fossero maledetti! - gli avevano portato l’uomo che avevano condannato, quel Gesù, lui aveva pensato che fosse un pazzo, un sognatore.
Lo accusavano di essersi insignito della corona del loro popolo, di considerarsi il Re dei Giudei, ma quando lui gli aveva domandato in tono beffardo se lo fosse veramente, l’uomo aveva dato una risposta degna della Sibilla Cumana, sostenendo che il suo regno non era di quel mondo e che se lo fosse stato, il suo popolo non avrebbe esitato a combattere per lui.
Ma prima ancora che lui, Pilato, uomo di spada avvezzo al potere fosse riuscito a comprendere ciò che quel Gesù intendeva, si era sentito talmente soggiogato dalla sua personalità da avvertire un brivido freddo corrergli lungo la spina dorsale e solo in quel momento aveva avuto la distinta impressione che quello non fosse uno dei soliti processi che era abituato a tenere, ma di avere fra le mani qualcosa di molto diverso, di ignoto e di misterioso.
Si era avvicinato all'uomo da cui emanavano un carisma e una personalità cui faticava sottrarsi e gli aveva domandato di nuovo:
«Sei dunque un re?»
E la risposta era stata ancora una volta oscura; Gesù, avvolto da una calma imperturbabile, che mal si accordava con quel luogo che incuteva timore anche ai più impavidi, aveva risposto:
«Tu lo dici. Per questo sono venuto al mondo, per sperimentare la Verità e chiunque cerchi la Verità, ascolta la mia voce.»
E Pilato si era smarrito negli occhi dell’uomo che diceva di essere la Verità e, per non annegare in quel mare indefinito, si era aggrappato alla domanda più antica del mondo: «E che cos’è la verità?»
La Verità. Quella parola gli riecheggiava ancora nella testa, rimbalzando tanto a lungo, da essersi ormai svuotata di significato. La ripeteva dentro di sé, la sillabava a fior di labbra, ne percepiva il suono, ma il senso profondo gli sfuggiva, come acqua di fonte fra le dita.
Aveva intuito subito che la risposta era nascosta dietro a quegli occhi, era tra le mani di quell’uomo che lui aveva cercato di salvare dalla morte, barattandolo con quel Barabba, il ribelle, ma il suo stesso popolo aveva preteso la sua morte e ora la risposta era morta con lui.
Un refolo d’aria fresca penetrò nella stanza e raggiunse il talamo dove Pilato giaceva, esausto, abbandonato ora anche dalla ragione.
 L’uomo volse il capo ad ammirare il cielo cupo - l’alba era ancora lontana – e, ormai in preda al delirio, cercò nel riflesso argenteo della luna la risposta alla sua domanda:
“Che cos’è la Verità?”
 
 





https://www.differentales.org/t2896-un-compito-impossibile#34182:
Albemasia
Albemasia
Younglings
Younglings

Messaggi : 94
Punti : 118
Infamia o lode : 8
Data di iscrizione : 23.01.24
Località : Tra le nebbie della Lomellina

Torna in alto Andare in basso

Pilato e la Verità Empty Re: Pilato e la Verità

Messaggio Da Flash Gordon Mer Mar 27, 2024 10:59 am

Cos'è la verità.
Per i Cristiani è l'accettazione del credo senza il tangere.
Speranza e credo...
In questa scrittura, pulita nello stile e scorrevole nella forma, i concetti diventano proprietà del lettore che segue passo dopo passo le vicende umane di Ponzio Pilato.
Il dubbio nell'uomo di stato, nel servitore ligio che altro non sa vedere oltre quel suo mondo.
Hai saputo connotarlo nel suo mondo, ci hai messo davanti agli occhi la sua figura per quello che era, entrando delicatamente e in punta di piedi in un angolo della sua vita personale.
Pilato, prima d'ogni cosa, era un uomo con i suoi ideali, ma ideali stabiliti e prestabiliti, da lì la fatica a guardare oltre e Gesù era oltre per Ponzio Pilato.
Chi era costui che era sceso a rompere i suoi equilibri?
Ponzio Pilato non era in grado di riadattarsi oltre i suoi equilibri.
Complimenti per questo spaccato "umano" d'un uomo spesso ingiustamente posto a lavarsene le mani...

______________________________________________________
Lascia che l'anima trovi se stessa...
Flash Gordon
Flash Gordon
Padawan
Padawan

Messaggi : 187
Punti : 309
Infamia o lode : 8
Data di iscrizione : 27.01.23
Età : 57
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

Pilato e la Verità Empty Re: Pilato e la Verità

Messaggio Da Andrea Bernardi Mer Mar 27, 2024 11:54 am

Mi è piaciuto il tuo racconto. Grazie per averlo condiviso. Pilato sembra cercare qualcosa che non conosce e che diventa subito ossessione e tormento. La verità è ombra sfuggente, intuibile ma non razionalizzabile, forse percepibile nella luce discreta dei raggi lunari.
Andrea Bernardi
Andrea Bernardi
Younglings
Younglings

Messaggi : 58
Punti : 87
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 27.06.23
Età : 50
Località : Segrate MI

https://thingsbehindthesunsite.wordpress.com/

Torna in alto Andare in basso

Pilato e la Verità Empty Re: Pilato e la Verità

Messaggio Da Albemasia Mer Mar 27, 2024 10:58 pm

Sono contenta che abbiate apprezzato questo breve racconto. Non avevo mai osato postarlo in passato perché temevo fosse frutto di (miei) vaneggiamenti...
Perciò grazie per i vostri commenti.
A rileggerci.
Albemasia
Albemasia
Younglings
Younglings

Messaggi : 94
Punti : 118
Infamia o lode : 8
Data di iscrizione : 23.01.24
Località : Tra le nebbie della Lomellina

A Andrea Bernardi garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

Pilato e la Verità Empty Re: Pilato e la Verità

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.