Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» GUSTAV
Un compito impossibile EmptyIeri alle 3:25 pm Da Giammy

» IL MIO RACCONTO A ZERO
Un compito impossibile EmptyIeri alle 11:21 am Da Claudio Bezzi

» E sei ancora dedicata a Licia Mizzan
Un compito impossibile EmptyIeri alle 9:10 am Da Flash Gordon

» L'incantesimo
Un compito impossibile EmptyIeri alle 9:08 am Da Flash Gordon

» Pachamama - Paletti Secondo Step
Un compito impossibile EmptyMer Apr 10, 2024 10:46 pm Da tommybe

» Il tempo di un nome
Un compito impossibile EmptyMer Apr 10, 2024 12:02 am Da Susanna

» Una costellazione col mio nome
Un compito impossibile EmptyMar Apr 09, 2024 1:11 pm Da tommybe

» Notte nella 56° strada
Un compito impossibile EmptyMar Apr 09, 2024 1:03 pm Da Flash Gordon

» Le bugie hanno le gambe corte
Un compito impossibile EmptyMar Apr 09, 2024 12:14 pm Da Claudio Bezzi

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Un compito impossibile

3 partecipanti

Andare in basso

Un compito impossibile Empty Un compito impossibile

Messaggio Da Andrea Bernardi Gio Mar 21, 2024 9:17 pm

https://www.differentales.org/t2841-genesi-3-5#34092

Non era ancora l’alba quando il predicatore venuto da Nazareth venne trasportato dalle guardie del sinedrio dall’abitazione di Anna a quella di Caifa, il sommo sacerdote. Gli avevano legato le mani e lo tiravano violentemente con una corda, come fosse un animale catturato. Le autorità ebraiche, dopo averlo interrogato, ne avevano stabilito la condanna a morte ma, non avendo alcuna legge che prevedesse una tale pena, decisero di consegnarlo al prefetto perché fosse giustiziato dai romani.
Le lunghe nuvole nere sopra Gerusalemme si erano appena illuminate di rosa quando i sacerdoti, i loro seguaci e le guardie si fermarono con il loro prigioniero fuori dalle mura severe della prefettura. Pilato, assai irritato, venne loro incontro, circondato da un manipolo di altissimi pretoriani. Squadrò con fastidio e un certo disprezzo l’intera delegazione, ritirò il prigioniero, notificò le accuse ad esso rivolte e notò con preoccupazione l’assembramento di folla che lì si andava velocemente formando. Presto quella tumultuosa moltitudine cominciò a urlare ritmicamente: “Crocifiggilo! Crocifiggilo! Crocifiggilo!”. Pilato, sempre più nervoso, quasi intimorito, rientrò nella fortezza, raggiunse il cortile e si avviò a interrogare quell’uomo magrissimo, triste e scomodo che gli avevano consegnato.
“Sei dunque tu il re dei giudei?”.
L’uomo, forse sorpreso da quella domanda, non rispose e, rivolto a Pilato, chiese: “Dici questo da te o altri ti hanno parlato di me?”.
Rispondere a una domanda con un’altra domanda era un comportamento che il prefetto, in altre circostanze, avrebbe ritenuto del tutto inaccettabile e avrebbe duramente sanzionato ma questa volta non si spazientì, si avvicinò lentamente al prigioniero e, con tono disteso, quasi pacato, continuò imperturbabile:
“Sono forse io giudeo? La tua gente e i capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me. Che cosa hai fatto?”.
Ci fu un attimo di silenzio, poi l’interrogato rispose, fissando il prefetto dritto negli occhi senza alcun timore:
“Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai giudei; ma il mio regno non è qui”.
Pilato rimase più colpito dallo sguardo penetrante dell’interrogato che dall’assurdità della sua risposta.
Quell’uomo era davvero bizzarro, diverso da qualsiasi altro incontrato prima, non sembrava pazzo né temerario ma solo sincero, di una sincerità però disarmante, non umana. Così Pilato, con un garbo inconsueto per il suo ruolo, proseguì con l’interrogatorio : “Dunque tu sei re?”.
“Tu lo dici: io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto al mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce.”
Il volto del prefetto si fece improvvisamente scuro. Il suo sguardo si staccò dall’interrogato e i suoi occhi, stanchi e arrossati, si persero come in fondo a un abisso. Conosceva benissimo e da diverso tempo quel non luogo dove affondava talvolta la sua coscienza. Era un territorio inesistente, seducente e pericoloso quanto il deserto. Pilato odiava e amava precipitare in quell’indefinibile altrove, alternava l’attrazione alla repulsione con la stessa perversa ambiguità con cui il suicida guarda alla vita e al suo veleno. Poi, con un filo di voce, quasi un sussurro, fece la sua ultima domanda:
“Che cos’è la verità?”.
L’uomo di Nazareth non rispose. Sapeva che il prefetto conosceva già la risposta.
La tensione fuori dal pretorio, nel frattempo, era cresciuta minacciosamente.
Pilato era profondamente turbato, quasi sconvolto, non solo non aveva trovato alcuna colpa oggettiva che potesse assecondare la volontà di Caifa, di Anna e dei loro furiosi seguaci, ma aveva deciso, volontariamente e liberamente deciso, di salvare quello strano piccolo uomo da quei fanatici, a qualunque costo. Si rivolse dunque alla folla e con tono perentorio gridò per tre volte: “Non trovo in quest’uomo alcuna colpa! Non trovo in quest’uomo alcuna colpa! Non trovo in quest’uomo alcuna colpa!”.
Si levò allora in risposta quasi un ruggito: “Crocifiggilo!”. Pilato reagì in modo sprezzante, rovesciò a terra con teatralità il catino dove era solito lavarsi le mani e, con un cenno del capo, diede ordine al centurione di disperdere la moltitudine inferocita. Si alzò un’ immensa nuvola di polvere che intorbidì la luce cristallina e scintillante di quel mattino senza croci.
Governare la Giudea sarebbe diventato ora un compito impossibile.
Andrea Bernardi
Andrea Bernardi
Younglings
Younglings

Messaggi : 58
Punti : 87
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 27.06.23
Età : 50
Località : Segrate MI

https://thingsbehindthesunsite.wordpress.com/

Torna in alto Andare in basso

Un compito impossibile Empty Re: Un compito impossibile

Messaggio Da Claudio Bezzi Ven Mar 22, 2024 9:53 am

Scrivi bene. Questo racconto di fanta-religione è simpatico e la sorpresa finale premia la lettura ma - IMHO - ha un po' meno mordente del tuo racconto di ieri (o era l'altro ieri? Boh...). Il colloquio fra Pilato e Cristo è troppo breve e frettoloso per consentire al primo quel giudizio così definitivo. Certo, tu hai ricalcato i Vangeli, ma se fanta-religione deve essere, che sia! Un dialogo più approfondito avrebbe disegnato meglio i dubbi di Pilato, e il suo conseguente dramma. Mi rendo conto che ciò avrebbe significato una scrittura MOLTO complicata, perché tale dialogo non avrebbe potuto rimanere su corde superficiali, o banali. Insomma: sono "generi" delicati, da trattare solo con una profonda conoscenza delle scritture oppure, volendo, con un'impudenza esagerata, tale da collocare il racconto davvero al di fuori della Vulgata. Comunque bravo. Mi piace come scrivi.

______________________________________________________
I racconti non si abbandonano come cani in autostrada. Si riprendono, si tolgono le pulci e li si rimette in sesto (rubata a Susanna)
Claudio Bezzi
Claudio Bezzi
Younglings
Younglings

Messaggi : 112
Punti : 149
Infamia o lode : 5
Data di iscrizione : 05.02.24

https://alamagoozlum.blog

A Andrea Bernardi garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

Un compito impossibile Empty Re: Un compito impossibile

Messaggio Da Andrea Bernardi Sab Mar 23, 2024 3:54 pm

Grazie Claudio Bezzi! Ho in mente una futura rielaborazione con alcune integrazioni. Ho letto in particolare alcuni scritti interessanti riguardanti Claudia Valeria Procula (moglie di Pilato citata dal solo vangelo di Matteo) che potrebbero aiutare.
Andrea Bernardi
Andrea Bernardi
Younglings
Younglings

Messaggi : 58
Punti : 87
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 27.06.23
Età : 50
Località : Segrate MI

https://thingsbehindthesunsite.wordpress.com/

Torna in alto Andare in basso

Un compito impossibile Empty Re: Un compito impossibile

Messaggio Da Albemasia Dom Mar 24, 2024 7:17 pm

Quando ho letto il tuo racconto sono rimasta impressionata. Non solo dal testo che, come ha già commentato Claudio Bezzi è ben scritto e si legge bene. Ma la mia sorpresa è dovuta al fatto che anch'io ho scritto un testo intorno al medesimo dialogo, con un punto di vista non tanto diverso, a seguito di alcune ricerche che avevo fatto tempo addietro. 
Stavo per postarlo, ma poi mi sono imbattuta nel tuo scritto e mi sono trattenuta dal farlo, perché non so se avrebbe senso, considerati i punti di contatto...
Sicuramente questo periodo dell'Anno Liturgico ha influenzato (ispirato?) entrambi.
Albemasia
Albemasia
Younglings
Younglings

Messaggi : 94
Punti : 118
Infamia o lode : 8
Data di iscrizione : 23.01.24
Località : Tra le nebbie della Lomellina

A Andrea Bernardi garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

Un compito impossibile Empty Re: Un compito impossibile

Messaggio Da Andrea Bernardi Dom Mar 24, 2024 8:49 pm

Ciao Albemasia, grazie per il tuo commento. Spero che deciderai di pubblicare il tuo racconto. È sempre bello condividere gli scritti e poi...mi hai davvero incuriosito! 

Riguardo il mio racconto, ti posso dire che lo scrissi diversi anni fa.  Rimasi molto colpito dalla figura di Pilato dopo aver letto "Il Maestro e Margherita" di Bulgakov.  Ho poi letto i quattro vangeli, in particolare quello di Giovanni. La cosa buffa è che sono completamente ateo.
Andrea Bernardi
Andrea Bernardi
Younglings
Younglings

Messaggi : 58
Punti : 87
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 27.06.23
Età : 50
Località : Segrate MI

https://thingsbehindthesunsite.wordpress.com/

Torna in alto Andare in basso

Un compito impossibile Empty Re: Un compito impossibile

Messaggio Da Albemasia Dom Mar 24, 2024 11:23 pm

Pubblicato.
Anch'io l'avevo scritto un paio di anni fa e l'ho riesumato e sistemato in questi giorni.
Diciamo che è una reinterpertazione (del tutto soggettiva) della personalità di Pilato, da come è emersa da alcune fonti antiche che ne accennavano la figura storica. In realtà non avevo trovato molto su di lui, credo che se non fosse stato per la sua menzione nel Nuovo Testamento sarebbe stato noto solo agli studiosi di storia romana.
Albemasia
Albemasia
Younglings
Younglings

Messaggi : 94
Punti : 118
Infamia o lode : 8
Data di iscrizione : 23.01.24
Località : Tra le nebbie della Lomellina

Torna in alto Andare in basso

Un compito impossibile Empty Re: Un compito impossibile

Messaggio Da Claudio Bezzi Lun Mar 25, 2024 8:51 am

Andrea Bernardi ha scritto:[...]. La cosa buffa è che sono completamente ateo.
“Gli atei mi annoiano perché parlano sempre di Dio.”
Heinrich Böll, Opinioni di un clown
Claudio Bezzi
Claudio Bezzi
Younglings
Younglings

Messaggi : 112
Punti : 149
Infamia o lode : 5
Data di iscrizione : 05.02.24

https://alamagoozlum.blog

A Andrea Bernardi garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

Un compito impossibile Empty Re: Un compito impossibile

Messaggio Da Andrea Bernardi Lun Mar 25, 2024 5:52 pm

Bellissima battuta, molto sagace!
Andrea Bernardi
Andrea Bernardi
Younglings
Younglings

Messaggi : 58
Punti : 87
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 27.06.23
Età : 50
Località : Segrate MI

https://thingsbehindthesunsite.wordpress.com/

Torna in alto Andare in basso

Un compito impossibile Empty Re: Un compito impossibile

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.