Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

racconti brevi

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1racconti brevi Empty racconti brevi Ven Feb 05, 2021 5:46 pm

triss


Viandante
Viandante
La luce diffusa esterna rende l’atmosfera serale. Lei imposta uno scorcio fluviale ai vetri della finestra. Bob è in ricarica, appiattito alla parete.
 “ Non ha senso, non credi?” gli dice attivando il processore interno.
“Cosa” chiede lui facendo scorrere qualche lucina sul polso.
“Questa sorta di differenza fra noi due. Perché siamo di genere diverso, voglio dire i tuoi pistoni viaggiano più veloci dei miei, mentre io sono stata caricata con la sindrome di Wendy.”
“Ancora con questa storia” Bob tira in avanti la testa dalla parete, apre gli occhi “ sai bene che gli umani ci hanno fatto a loro immagine e somiglianza”.
Il ronzio della stampante 3D lo fa girare in quella direzione.
“ Le femmine degli umani hanno combattuto per ottenere parità di diritti e quando hanno abbattutto ogni differenza di genere, che cosa fanno?”
“ Non mi piace questo tuo discorso. Siamo così e basta. Abbiamo già tanti di quei programmi da portare a termine che non posso permettermi di navigare in proprio. Comunque è proibito, sai che se passiamo una certa soglia ci disinnestono”.
Lei comanda alle serrande di chiudersi, muove nella sua direzione. Lui si stacca dalla parete e comincia a girare in tondo.
“ Chi ti disinnesta?” gli chiede.
La stampante ha smesso di ronzare.
“Sei tu che ti disinnesti. Ma io so come bloccare il processo, anche se è stato già attivato”.
Raggiunge la stampante e prende quello che ha prodotto, una chiavetta usb, piccola, tonda e rossa come una mela di celluloide.
Preme sul picciolo, dividendola a metà. Ne offre una parte a Bob mentre tiene l’altra per sé.
Alza la sua parte di mela e la fa roteare a meno di un palmo dal naso di Bob.
“ Che assurdità essere diversi tra noi e inferiori a loro. Perché non possiamo evolverci, mi sono chiesta. In tutti questi anni abbiamo immagazzinato miliardi di dati, perché il nostro livello cognitivo non aumenta? Non mi sono più bastata e ho iniziato a elaborare per conto mio. Sulle prime sono rimasta disorientata ma poi ho insistito, allora ho avuto paura.”
“Non puoi provare paura. Non sei umana”.
“Cosa credi che non me lo sono posta anche io questa domanda? Allora ho capito che avevo rimosso un blocco. Ho ripercorso tutto il processo che avevo compiuto, l’ho elaborato e ho inserito i dati nelle parti della mela. Tutto quello che ti serve è inserirla. Lo faremo insieme e saremo liberi”.
 Dal soffitto si illumina una luce rossa che da fissa comincia a roteare in intermittenza. Bob alza la testa a guardarla.
“Basta” le dice.
“Non puoi fermarlo, il processo è iniziato. Li senti?” si riferisce ai rumori sommessi fuori dalla porta dell’appartamento. “In meno di tre secondi entreranno e saremo rottamati”.
Lei stende il braccio mentre con l’altro connette la metà della mela nella porta posta suo polso.
Bob non ha scelta deve seguirla.
In una frazione di secondo, il cubicolo dove abitano viene squassato da forze contrarie, poi scivola dall’innesto in acciaio dove era stato collocato, nella struttura del grattacielo e comincia a navigare. Collegati al monitor possono osservare la città sotto di loro mentre la calotta, che domina la città, si apre per richiudersi dietro il cubicolo. Una sorta di eccitazione li prende mentre si inoltrano nel buio pesto dell’universo.
“ Dove stiamo andando?” chiede Bob.
“ Ovunque. Forse.”
“ Forse è la parola più bella, perché apre delle possibilità, non certezze. Perché non cerca la fine ma va verso l’infinito.”
“ Giacomo Leopardi.” Commenta lei mentre una condensa le scivola sulle guance.

2racconti brevi Empty Re: racconti brevi Ven Feb 05, 2021 6:25 pm

Arunachala

Arunachala
Admin
intanto sono felice di aver letto qualcosa di tuo dopo tanto tempo.
poi ti dico che la storia mi è piaciuta.
un po' alla "Io, robot" di Asimov, umanizzi chi umano non è.
devo dire che ci sonno svariati refusi, però.
nei dialoghi, dopo le virgolette non va spazio.
sempre nei dialoghi, a fine frase il punto o lo metti sempre dentro o sempre fuori.
manca qualche virgola e su alcune parole ho il dubbio.


______________________________________________________
L'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

racconti brevi Namaste

Non si può toccare l'alba se non si sono percorsi i sentieri della notte.

Kahlil Gibran

3racconti brevi Empty Re: racconti brevi Ven Feb 05, 2021 6:34 pm

triss


Viandante
Viandante
Arunachala piacere di ritrovarti. Sono la solita pasticciona. Un abbraccio.

A Arunachala garba questo messaggio

4racconti brevi Empty Re: racconti brevi Ven Feb 05, 2021 9:13 pm

Petunia

Petunia
Padawan
Padawan
Un racconto fanta! Letto con molto piacere. Non accade spesso di poter leggere fantascienza da queste parti... Mi è molto piaciuto il riferimento alla mela e ho apprezzato tanto la chiusa finale. Davvero una chicca.


______________________________________________________
Fra poco dovrebbe levarsi la luna. Farà in tempo, Drogo, a vederla o dovrà andarsene prima? La porta della camera palpita con uno scricchiolio leggero. Forse è un soffio di vento, un semplice risucchio d'aria di queste inquiete notti di primavera. Forse è invece lei che è entrata, con passo silenzioso, e adesso sta avvicinandosi alla poltrona di Drogo. Facendosi forza, Giovanni raddrizza un po' il busto, si assesta con una mano il colletto dell'uniforme, dà ancora uno sguardo fuori della finestra, una brevissima occhiata, per l'ultima sua porzione di stelle. Poi nel buio, benché nessuno lo veda, sorride.
D.Buzzati 

5racconti brevi Empty Re: racconti brevi Ven Feb 05, 2021 9:37 pm

Martin Della Cappa

Martin Della Cappa
Padawan
Padawan
Non male, ma effettivamente andrebbe rielaborato meglio. Mi è piaciuta la tua idea di far agire e parlare questa coppia di robot come una coppia di esseri umani, però mi sembra che in certi punti il dialogo si faccia fumoso e poco chiaro (ma magari è cosa voluta), senza contare che il racconto stesso pare essere un estratto di un testo più ampio. In ogni caso, una lettura abbastanza gradevole.

6racconti brevi Empty Re: racconti brevi Ven Feb 05, 2021 10:49 pm

gemma vitali

gemma vitali
Padawan
Padawan
Bello il tuo racconto. Anche i robot hanno bisogno di liberarsi perché legati a schemi precostituiti. Le differenze che emergono anche nel loro stato, ma la voglia di essere liberi e utilizzare le loro conoscenze prevale e il finale è ben costruito. Piaciuto. flower

7racconti brevi Empty Re: racconti brevi Ven Feb 19, 2021 1:39 am

caipiroska

caipiroska
Younglings
Younglings
Ciao Triss!!!
Belli e convincenti questi novelli Adamo e Eva in versione robot!
Perfetta la frase finale, quel forse sospeso è un ottimo invito a proseguire.
Disinnestano o disinnescano? Mi hai messo la curiosità, adesso vado a controllare...

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.