Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» PSD
Notte fonda alla stazione di Milano EmptyIeri alle 11:14 pm Da Achillu

» Afrika Mayibuye
Notte fonda alla stazione di Milano EmptyIeri alle 10:29 pm Da paluca66

» Bernie
Notte fonda alla stazione di Milano EmptyIeri alle 8:07 pm Da paluca66

» Bianco Malpelo
Notte fonda alla stazione di Milano EmptyIeri alle 7:03 pm Da paluca66

» Mondo Parallelo
Notte fonda alla stazione di Milano EmptyIeri alle 6:50 pm Da Achillu

» Tullio
Notte fonda alla stazione di Milano EmptyIeri alle 6:12 pm Da Achillu

» auguri a Gidiluna
Notte fonda alla stazione di Milano EmptyIeri alle 5:22 pm Da Achillu

» Calalai
Notte fonda alla stazione di Milano EmptyIeri alle 4:23 pm Da paluca66

» Confucio mi disse
Notte fonda alla stazione di Milano EmptyIeri alle 9:47 am Da paluca66

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Notte fonda alla stazione di Milano

5 partecipanti

Andare in basso

Notte fonda alla stazione di Milano Empty Notte fonda alla stazione di Milano

Messaggio Da almarc Gio Gen 19, 2023 2:08 pm

https://www.differentales.org/t2048-l-antica-erboristeria#25108


 
Notte fonda alla stazione di Milano (nuova versione rivista)
 
Quando Marco giunge in stazione, è buio da ore.
Il dramma quotidiano del popolo della notte si anima con l’arrivo dei tanti scarti umani che ogni sera qui si rifugiano, respinti da un mondo indifferente ai loro dolori.
Ubriaconi in compagnia del loro bottiglione di vino inacidito. Ragazze in fuga, violate dai padri, vecchi rifiutati dai figli, ragazzi abbandonati sulla strada, sperduti in un futuro da vagabondi.  
Presto quelle sale di attesa saranno il palcoscenico di tormentati attori, megafoni di parole e mendicanti d’amore. Affanni e desideri attendono il loro momento per andare in scena.
 
La prima ad apparire è Giulia. Marco conosce bene le vicende di questa anziana signora.
La sfortuna si è accanita su di lei fin dal principio.
Sposatasi giovanissima, ha perso il marito in un incidente stradale. Giulia era incinta ed è stata dura andare avanti da sola. Non è affogata grazie all’aiuto di Simona, la sorella più giovane, che l’ha aiutata ad accudire la figlia Alice.
Antonio, un amico del marito, le ha offerto un lavoro nella sua aziendina di sartoria, impegnandosi a farle imparare il mestiere. Poco dopo si è invaghito di lei, facendole una corte spietata. Giulia, per paura di perdere il lavoro, è diventata la sua amante, pur sapendo che lui convive con Lorenza ed hanno due figli. Inizia una storia complicata tra tradimenti e amarezze, conclusa malamente quando la compagna li scopre. Una vita rovinata per lui e il licenziamento in tronco per lei.
Giulia ha avuto la forza di ricominciare con Salem, un muratore marocchino. Si sono sposati ed è nata la figlia Aicha. Sono stati a lungo una famiglia tranquilla, ma tutto è cambiato quando Salem, perso il lavoro, è ritornato in Marocco con la figlia, e là abita con una seconda moglie.
La sua Alice si è messa con un ragazzo argentino. Dall’anno scorso sta con lui a Buenos Aires, in casa della mamma.
Nel frattempo la sorella Simona ha scoperto di avere un tumore e le ha chiesto un aiuto. La sanità lombarda ha molti problemi e Giulia ha speso i suoi risparmi per curarla privatamente, fino alla fine. Rimasta con pochissimi soldi, ha dovuto sospendere il pagamento delle rate del mutuo e la banca ha pignorato la sua casa, vendendola all’asta per la metà del suo valore. Da allora lei vive in strada, mangia un pasto caldo alla mensa dei Frati e la notte ripara qui in stazione.
Quanti treni ha visto partire Giulia, smarrita tra macerie di sentimenti traditi. Ha osservato la propria vita fuggirle via e mai ne ha catturato il senso.
Marco la incoraggia a reggere la fatica di marciare come un’arrugginita locomotiva a vapore, incapace di amarsi ed essere amata.
 
Arriva Aristide. Anche lui è un senza tetto, e qui trova un tiepido cantuccio per dormire. L’hanno cacciato dalla sua casa di periferia con le pareti ammuffite. Il comune aveva approvato un nuovo piano regolatore e quelle vecchie costruzioni dovevano essere abbattute. Ha avuto un compenso di tremila euro, con cui è sopravvissuto per un po’, ospite di un fratello, disagiato come lui. Non ha lavorato con regolarità. Da un anno riceve un minimo sussidio, giusto per non morire di fame, ma mai per pagare un affitto nella Milano di oggi che non ha posto per persone come Aristide. La sua domanda per una casa popolare giace sepolta da un migliaio di altre più urgenti della sua. Aristide è di rare parole, ma questa sera è felice. Si avvicina al distributore di bevande e offre a tutti bicchieri di cioccolata calda, con i trenta euro avuti per un’intera giornata a sgomberare macerie in centro città.
 
Ecco Luca, Marco lo saluta con la solita frase:
«Ciao barbuto terrone, come va la tua battaglia contro l’intera metropoli fottuta e strafottuta?».
«Malissimo, maledetto il creato», risponde Luca furioso, «Ho le scarpe zuppe d’acqua ghiacciata e ancora non ho capito in quale bagnarola sono andato a cadere!».
«Merda!» Prosegue, «anche il borsone si è bagnato e la pentola con la mia cena si è rovesciata sull’asfalto».
Poi si dirige come un automa verso la sala d’aspetto. Spera di trovare libero il calorifero per asciugare il borsone, togliersi i polacchini e cambiare le calze. È assorto nei suoi pensieri quando arriva sorridendo Aristide con una tazzina di cioccolata fumante, Luca benedice il dono inaspettato, sorseggia con calma e dimentica le sue pene.
 
La storia di Giovanni è forse la più amara e potrebbe essere quella di molti. Marco l’ha voluta ascoltare diverse volte.
«Mio padre mi aveva lasciato un’azienda in Brianza, ed ero riuscito a farla prosperare», racconta Giovanni, «purtroppo l’improvvisa malattia e poi la morte di mia moglie mi hanno colpito nel profondo. La vita era cambiata, ma il lavoro mi ha salvato. Dio benedica i genitori di mia moglie. Senza il loro aiuto non avrei mai potuto crescere i miei figli».
«Andrea, un amico venuto su dal sud per lavoro, un giorno mi confidò un suo desiderio. Erano in cinque e avevano l’occasione di acquistare una casa più grande. Dopo aver trovato un compratore del suo appartamentino, si era rivolto alla sua banca per avere un nuovo mutuo. Lavoravano entrambi ma la banca, prima di concedere un prestito maggiore, chiedeva la firma di un garante».
«Ovviamente accettai di aiutarlo. Per un decennio non ne seppi nulla, ma quattro anni fa ecco la sorpresa, oltretutto in un periodo di grossa crisi per la mia azienda meccanica. La banca mi avvertiva che le rate del mutuo non erano state pagate da mesi e chiedeva a me di versare il dovuto.
Andrea aveva perso il lavoro, mi dissero, e il piccolo stipendio della moglie serviva alla famiglia per campare. Decisi di provvedere con i miei risparmi e, per non costringere il mio amico a drammi superiori, continuai a pagare. A fatica onoravo tutti i miei impegni, ma il forzato fallimento della mia azienda mi ha costretto a finire in mezzo a una strada».
Giovanni termina amaramente: «Ho perso tutto, ma non la mia dignità».
«E i tuoi figli? Conoscono la tua situazione?» Gli chiede Marco ogni volta.
La sua risposta è sempre la stessa: «Vivono tutti e due in Germania. Fin che posso manterrò il segreto e forse me lo porterò nella tomba».
 
È notte fonda. In stazione è tornata una certa calma. Nella sala d’aspetto tutti attendono Marco. Lui apre il suo zaino. Posa sul tavolo dei bicchieri di carta, un pacco di biscotti e dei grossi termos. Apre il primo e versa del latte caldo. L’atmosfera si rasserena, tutti si alzano e si servono. Marco si mette la stola, estrae la corona e recita ad alta voce il Rosario.
Il popolo della notte prega con lui.
Marco è il loro sacerdote.


Ultima modifica di almarc il Dom Gen 29, 2023 8:36 pm - modificato 2 volte.
almarc
almarc
Younglings
Younglings

Messaggi : 50
Punti : 81
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 30.07.22

Torna in alto Andare in basso

Notte fonda alla stazione di Milano Empty Re: Notte fonda alla stazione di Milano

Messaggio Da Petunia Gio Gen 19, 2023 3:53 pm

Ciao  @almarc
un racconto che omaggia il lavoro silenzioso di certi uomini (un sacerdote in questo caso) che dedicano parte del loro tempo a servizio degli “ultimi”. 
Ci presenti una carrellata di personaggi che abitano la stazione (di Milano) di notte con le loro miserie e le loro varie umanità.
Il narratore ci racconta pillole della vita di ognuno e lo fa con un gergo ricco di sfumature poetiche ma anche crudo nelle immagini delle varie miserie. 
C’è un punto in cui hai chiuso e riaperto le virgolette ma mi pare che sia sempre Giovanni che parla.

mutuo, estinguere il vecchio debito e pagare la nuova casa. Lavoravano entrambi ma la banca, prima di concedere un prestito maggiore, chiedeva la firma di un garante».
«Ovviamente accettai. Per i primi dieci anni tutto andò per il meglio e mi ero dimenticato di questo impegno. 
I dialoghi secondo me andrebbero ancora lavorati perché non sono troppo naturali.

Comunque un bel lavoro!
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 1868
Punti : 2040
Infamia o lode : 26
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 59
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Notte fonda alla stazione di Milano Empty Re: Notte fonda alla stazione di Milano

Messaggio Da SuperGric Dom Gen 22, 2023 8:02 am

Bel spaccato di un mondo tanto vicino ma tanto lontano da noi. Che non conosciamo. Che possiamo solo intuire, o che a volte non vogliamo neanche intuire.
Il racconto è ben scritto.
Due appunti, ma prendili veramente con le pinze perché non sono bravo a giudicare (né mi piace): forse in alcuni punti ci sono un po’ troppi aggettivi, si potrebbe sfoltire credo.
Poi l’altro commento è più sul contenuto: per rendere del tutto “vero” quello che ci descrivi, secondo me ci poteva stare anche un contrappunto allegro. Non c’è solo disperazione in quei mondi. Ci sono anche risate, amicizie, affetti. Dunque se in mezzo alle lacrime ci fosse stato anche uno scoppio di risa, magari lontano, oppure la storia di un’amicizia inconsueta, l’umanità di queste persone ai margini sarebbe risaltata ancora di più.
Comunque grazie per il racconto.
SuperGric
SuperGric
Padawan
Padawan

Messaggi : 288
Punti : 315
Infamia o lode : 3
Data di iscrizione : 18.01.21
Età : 51
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Notte fonda alla stazione di Milano Empty Re: Notte fonda alla stazione di Milano

Messaggio Da tommybe Dom Gen 22, 2023 8:44 am

Racconto crudo, anche se nella prima parte ci allontana dalla realtà per il troppo lirismo. Non puoi metterti a poetizzare su faccende così atroci.
Essenziale la figura del prete, ma sono ben altri gli angeli della notte.
Comunque bravo. Un abbraccio.
tommybe
tommybe
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 809
Punti : 861
Infamia o lode : 4
Data di iscrizione : 18.11.21
Età : 71
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Notte fonda alla stazione di Milano Empty Re: Notte fonda alla stazione di Milano

Messaggio Da almarc Dom Gen 22, 2023 10:13 am

Grazie,
mi accingo a rivedere il testo considerando più che volentieri i suggerimenti ricevuti.
Meno aggettivi – più allegria – meno lirismo – dialoghi più spontanei.
 

Vedremo cosa ne esce
almarc
almarc
Younglings
Younglings

Messaggi : 50
Punti : 81
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 30.07.22

Torna in alto Andare in basso

Notte fonda alla stazione di Milano Empty Re: Notte fonda alla stazione di Milano

Messaggio Da Molli Redigano Lun Gen 23, 2023 3:11 pm

Posto che non è il genere di racconti che mi aggrada, l'ho trovato ben scritto. Ovviamente è una mia impressione personale, ma non penso che l'Autore si sia lasciato andare al troppo poetico. Anzi, la dura realtà di questa "scena" e di questi "attori" risulta ancor più accentuata. Concordo invece circa un eccesso di negatività, passami il termine, per cui come suggerito, ci poteva stare qualcosa di più felice come un'amicizia, un amore, insomma, un segnale della presenza di sentimenti positivi nonostante la situazione.

Per rendere il racconto più racconto e meno didascalico, per "uscire" dall'elenco dei personaggi disagiati, avresti potuto dare la parola direttamente a don Marco. Sicuramente la trama ne avrebbe giovato secondo me, oltre a colmare la distanza tra lettore e racconto che, a mio avviso, è molto forte. La location è ottima, il giusto palcoscenico per i tuoi "attori", tanto che la stazione di Milano può diventare qualsiasi stazione, un luogo che purtroppo si presta tristemente per vicende di questo tipo.

Grazie

______________________________________________________
"Ogni parola ha delle conseguenze. Ogni silenzio anche." Jean Paul Sartre

La lenga a l'àn nen d'os, e púra a fa d' mal gros Cool!
Molli Redigano
Molli Redigano
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 777
Punti : 840
Infamia o lode : 2
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 42
Località : Torino

Torna in alto Andare in basso

Notte fonda alla stazione di Milano Empty Re: Notte fonda alla stazione di Milano

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.