Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» La cucina viaggiante
La mia prima casa EmptyOggi alle 10:43 pm Da caipiroska

» Storia d'amore e di strani perché - Fuori Concorso
La mia prima casa EmptyOggi alle 9:15 pm Da tommybe

» Vacanze di Natale
La mia prima casa EmptyOggi alle 7:56 pm Da Byron.RN

» Buonanotte mondo due
La mia prima casa EmptyOggi alle 6:47 pm Da Giancarlo Gravili

» Little Saigon
La mia prima casa EmptyOggi alle 6:09 pm Da Arianna 2016

» Quell'attimo eterno
La mia prima casa EmptyOggi alle 4:56 pm Da tommybe

» Il cibo scarlatto
La mia prima casa EmptyOggi alle 11:46 am Da Susanna

» La gara del tè
La mia prima casa EmptyOggi alle 10:45 am Da tommybe

» Maschi contro femmine
La mia prima casa EmptyOggi alle 10:38 am Da paluca66

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 10 - LA CUCINA

I racconti del decimo step sono pubblici! Corri a leggerli su https://www.differentales.org/f72-different-rooms-la-cucina-racconti-in-gara

La mia prima casa

4 partecipanti

Andare in basso

La mia prima casa Empty La mia prima casa

Messaggio Da ManzoniMic Gio Dic 16, 2021 3:50 pm


Quando abbandonai il nido famigliare, andai a vivere in un appartamento ubicato nel quartiere adiacente all’aeroporto.
Appena trasferito trascorsi diverse notti insonni, per via del continuo passaggio di aerei, ma le pillole acquistate in una televendita mi permisero di superare indenne tale scocciatura. E tutto al solo prezzo di sporadici svenimenti e taluni episodi di incontinenza urinaria.
La mia palazzina non si poteva certamente definire una bella struttura, però aveva carattere.
Il color verde sporco la rendeva mimetica e stoicamente resistette ai bombardamenti della Seconda guerra mondiale.
In verità non fu mai bombardata, ma certamente dava quell'impressione. Quell'aspetto in stile Sarajevo anni '90.
Incassato il primo stipendio, con baldanza e con incauto orgoglio, provai a chiedere un mutuo per acquistare casa.
L'impiegato della banca, dopo aver minuziosamente scrutato la mia situazione finanziaria, mi riferì con una certa spocchia "Al massimo potresti chiedere un mutuo per un box auto. Piuttosto quando esci chiudi la porta, fai il bravo."
Mi appropinquai all’uscita, ma con un ultimo sprazzo di dignità stipulai un mutuo per un box auto, in una palazzina color verde sporco in zona aeroporto.
Il passo successivo fu andare in una autoscuola e prendere la patente.
In seguito al sopralluogo del box auto notai che uno dei bilocali al piano terra era sfitto, quindi presi un appuntamento con l’agenzia immobiliare.
Con quella che credetti provvidenza, l'appartamento mi fu assegnato, senza averlo neppure visionato.
Non ero bravo a leggere tra le righe, ma la reazione dell'agente immobiliare, nel momento in cui firmai il contratto di locazione, mi avrebbe dovuto suggerire qualcosa: mi strinse la mano e poi sogghignando con i colleghi disse "Bel pirla."
L’appartamento lo trovai già arredato. I mobili furono disposti durante gli anni dal proprietario, il quale, vivendo sullo stesso pianerottolo, preferiva ammassare a casaccio il vergognoso arredo nella sua proprietà sfitta, piuttosto che chiamare la nettezza urbana.
Una ragazza che invitai in casa la descrisse altezzosamente come "Uno di quei posti dove metti i vecchi, ma quelli che odi davvero."
Dopo quella volta la ragazza sparì, ma il misterioso e pungente odore di naftalina non abbandonò mai le stanze.
Ricordo che lo sfratto giunse un martedì di dicembre. La mia reazione fu un misto di malinconia e di sollievo. Un malinconico sollievo. 
In fondo quell’appartamento significò la mia prima esperienza di emancipazione, ma consapevole effettivamente di com’era: beh, pazienza.
Almeno mi restò il box auto, tra l'altro senza aver mai acquistato un'automobile.

ManzoniMic
Viandante
Viandante

Messaggi : 11
Punti : 13
Infamia o lode : 0
Data di iscrizione : 15.11.21
Età : 40
Località : Brugherio

Torna in alto Andare in basso

La mia prima casa Empty Re: La mia prima casa

Messaggio Da Petunia Gio Dic 16, 2021 4:36 pm

Ciao  @ManzoniMic e complimenti per questa piccola storia tragicomica. (Spero per te non sia vita vissuta…)
Si nota una bella padronanza della penna e un occhio arguto in grado di osservare i fatti della vita con ironia. 
Quello che mi convince un po’ meno è la struttura che hai dato al racconto. In pratica nell’incipit, asciutto e incisivo, hai già fornito un dato di fatto. Poi torni indietro e spieghi e poi di nuovo avanti. Per mio gusto avrei preferito, considerata la brevità del testo, uno svolgimento più lineare.
L’atteggiamento del l’impiegato di banca (fidati) non è credibile. 
Questa frase ho dovuto rileggerla più volte. C’è qualcosa che non gira bene. Forse la presenza del l’avverbio che non la rende scorrevole oppure quel passato remoto “resistette” che inganna il lettore. Tra l’altro,  poiché la costruzione, come spieghi dopo, non è stata coinvolta dai bombardamenti, scritta così mi pare perda un po’ della sua forza.
Il color verde sporco la rendeva mimetica e stoicamente resistette ai bombardamenti della Seconda guerra mondiale.
In ogni caso, il racconto mi è piaciuto molto.

______________________________________________________
“Sono le onde a impedire che i mari siano semplicemente delle enormi pozzanghere”


(Daniel Foster Wallace)
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 1669
Punti : 1813
Infamia o lode : 20
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 59
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

La mia prima casa Empty Re: La mia prima casa

Messaggio Da ManzoniMic Gio Dic 16, 2021 4:42 pm

grazie per il commento... sullo svolgimento più lineare è una giusta osservazione. Per quanto riguarda l'atteggiamento dell'impiegato di banca è assolutamente spinto all'eccesso in chiave comica, meno realistico e più utile all'assurdità della scena.
Comunque davvero molto utile la tua opinione. grazie

ManzoniMic
Viandante
Viandante

Messaggi : 11
Punti : 13
Infamia o lode : 0
Data di iscrizione : 15.11.21
Età : 40
Località : Brugherio

Torna in alto Andare in basso

La mia prima casa Empty Re: La mia prima casa

Messaggio Da SisypheMalheureux Gio Dic 16, 2021 5:36 pm

Un bello spaccato di vita reale, anche se chiaramente è tutto un po' "esagerato" a favore della comicità. E, in effetti, se ci pensi lo si potrebbe riscrivere come pezzo comico, un monologo da stand-up comedy. Perché no?

______________________________________________________
"Stirpe miserabile ed effimera, figlio del caso e della pena, perché mi costringi a dirti ciò che per te è vantaggiosissimo non sentire? 
Il meglio è per te assolutamente irraggiungibile: non essere nato, non essere, essere niente. Ma la cosa in secondo luogo migliore per te è morire presto."
SisypheMalheureux
SisypheMalheureux
Padawan
Padawan

Messaggi : 336
Punti : 351
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 26.03.21
Località : Ravenna

Torna in alto Andare in basso

La mia prima casa Empty Re: La mia prima casa

Messaggio Da Petunia Gio Dic 16, 2021 7:17 pm

ManzoniMic ha scritto:grazie per il commento... sullo svolgimento più lineare è una giusta osservazione. Per quanto riguarda l'atteggiamento dell'impiegato di banca è assolutamente spinto all'eccesso in chiave comica, meno realistico e più utile all'assurdità della scena.
Comunque davvero molto utile la tua opinione. grazie

Così lo rendi “macchietta”. Se vuoi renderlo comico esagera sui prodotti collaterali al mutuo. Digli che gli faranno al massimo il mutuo per un garage e parlagli di ogni possibile tipo di assicurazione comprese quelle per le unghie incarnite che sono molto utili casomai ci si chiudesse un dito nella serratura (del garage). Allora diventa comico, ampliando al massimo la realtà e non con un comportamento che non potrebbe mai tenere…
Te lo dico da bancaria ovviamente.😜

______________________________________________________
“Sono le onde a impedire che i mari siano semplicemente delle enormi pozzanghere”


(Daniel Foster Wallace)
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 1669
Punti : 1813
Infamia o lode : 20
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 59
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

La mia prima casa Empty Re: La mia prima casa

Messaggio Da Susanna Gio Dic 16, 2021 9:50 pm

Petunia ha scritto:
ManzoniMic ha scritto:grazie per il commento... sullo svolgimento più lineare è una giusta osservazione. Per quanto riguarda l'atteggiamento dell'impiegato di banca è assolutamente spinto all'eccesso in chiave comica, meno realistico e più utile all'assurdità della scena.
Comunque davvero molto utile la tua opinione. grazie

Te lo dico da bancaria ovviamente.😜
Petunia una bancaria non lo avrei mai detto, ma proprio no. Da ex bancaria (che per di più si occupava di mutui, ma lato circolari, dds, decreti Tremonti e c.) concordo con la tua osservazione. Certo che di robe da raccontare ne avremmo (ho fatto pure 17 anni di preistorici anni in filiale...) da scriverci un libro
p.s. Magari eravamo anche colleghe senza saperlo

______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"
Susanna
Susanna
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1606
Punti : 1735
Infamia o lode : 14
Data di iscrizione : 03.02.21
Età : 65
Località : Rumo (TN)

Torna in alto Andare in basso

La mia prima casa Empty Re: La mia prima casa

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.