Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

Ultimi argomenti attivi
» Un caffè per Tom
Natale 2020 EmptyOggi alle 2:47 pm Da Petunia

» L'uomo onda
Natale 2020 EmptyIeri alle 5:54 pm Da FedericoChiesa

» Gli astri non sbagliano mai
Natale 2020 EmptyIeri alle 5:44 pm Da FedericoChiesa

» Monica degli Zomegni
Natale 2020 EmptyIeri alle 3:22 pm Da tommybe

» Un'avventura al telefono
Natale 2020 EmptyIeri alle 2:05 pm Da Resdei

» Come ti chiami?
Natale 2020 EmptyIeri alle 10:08 am Da vivonic

» "Utente": chi era costui?
Natale 2020 EmptyIeri alle 9:50 am Da vivonic

» Un viaggio indimenticabile
Natale 2020 EmptyIeri alle 7:55 am Da SuperGric

» Maximus
Natale 2020 EmptyIeri alle 7:13 am Da SuperGric

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 7 - L'ANTICAMERA
Il settimo step è partito!
C'è tempo fino al 31 Maggio per commentare tutti i racconti.

Non sei connesso Connettiti o registrati

Natale 2020

4 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Natale 2020 Empty Natale 2020 Lun Lug 05, 2021 10:53 am

gdiluna

gdiluna
Younglings
Younglings

https://www.differentales.org/t540-mi-chiamo-anna-e-un-giorno-sono-passata-di-qua#7567


Non era il primo Natale che passavano da soli. L’età li aveva dolcemente accompagnati ad abbandonare sport invernali, viaggi esotici e festività poliglotte al freddo di piazze lontane.
La famiglia si era allargata, frammentata, dispersa. Separazioni e nuove unioni l'avevano arricchita di varietà intrecciando rami di diversi alberi genealogici. I nipoti e i bisnipoti –sì, ormai si moltiplicava la schiera dei bisnipoti, da perderne il conto e l’alfabeto- spesso dimostravano attaccamenti affettivi senza rispetto dei vincoli di sangue sui quali, in realtà, non tutti avevano le idee chiare.


Si era di fatto creata una specie di turnazione delle nonnità, ponderata dalle distanze e, ammettiamolo, da una specie di inconfessabile scommessa sul rischio di sopravvivenze fino al prossimo, di Natale. Quell’anno poi la pandemia aveva fatto il resto, inserendo vincoli e paure nel complesso algoritmo.
Avevano intanto scelto di non decorare la casa, niente festoni, albero, presepe. Ufficialmente come reazione privata al dispetto provato a vedere le città illuminate a festa nonostante i lutti visibili nelle facce sfatte sotto le mascherine, trasformati con inesorabile frequenza in numeri imputrescibili dalle televisioni, irrazionalmente sottolineati dalle negazioni crescenti. Ma in realtà nella speranza che una casa dall’aspetto abituale li aiutasse a cancellare il disagio di una situazione straordinaria.


Avevano comunque programmato il cenone della vigilia e il pranzo del 25. Nella scia della tradizione, anche se mortificata da vincoli anagrafici e da abitudini alimentari più che morigerate. E avevano molto in anticipo apparecchiato il tavolo della sala come nelle “grandi occasioni”. Il servizio di piatti col filo d’oro già eredità di generazioni passate che forse nessuna delle future avrebbe desiderato, gradito, accettato. Chi più aveva in casa lo spazio per un servizio da novantacinque pezzi da usare, se va bene, due volte l’anno?


E i bicchieri di cristallo e le posate d’argento, sottopiatti, sottobicchieri, sottobottiglie, centrotavola (non quello natalizio che era rimasto negli scatoloni insieme agli altri ornamenti), olio, sale e simili con i vestiti buoni e comunque inutili per la qualità accuratamente accudita dei cibi. Tutto ordinatamente schierato su una delle tovaglie della festa fatte fare su misura del tavolo di dimensione inusuali quando ancora attorno si riunivano le compagnie degli amici ormai tristemente ridotte dall’usura di vite più o meno saggiamente vissute. Ma non quella rossa. E tanto meno le stelline d’oro sparse come su un improbabile cielo marziano.


La vigilia forzatamente casalinga, eravamo comunque zona rossa, e la rapidità di esecuzione del menù avevano lasciato loro tutto il tempo per i tradizionali riti degli auguri. Telefonate alla famiglia, sfuggendo alle insistenze della nipotanza per accendere la telecamera -i giovani non si rendono conto di quanto sia drammatico vedersi deformato dalla tecnologia come se non bastassero gli effetti impietosi dell’età- rapide però per sfuggire al rischio di commozione e non sottrarre tempo a chi cose da fare ne aveva ancora tante. E la gerarchia delle priorità ancora imposta dall’urgenza e non dall’importanza.


Telefonate anche agli amici più stretti, sempre meno, e a qualche parente lontano nel tempo e nello spazio giusto per confermarsi insieme di essere stati giovani, più giovani, rapide però per sfuggire al rischio dei vuoti di argomenti e di memoria. Qualche messaggio? Non è certo il massimo del calore, un messaggio di auguri, ma almeno se risponde hai la certezza che anche per lui, o per lei, non sia ancora finita. E se aspettassimo che si faccia vivo lui (o lei)? Così qualche messaggio parte. Ma molti no. Per molti i dubbi si sono prosciugati, sepolti o bruciati con i loro resti.


Quindi si ritrovano prima della metà del pomeriggio a lasciarsi scorrere tra le dita il tempo dell’attesa. Un libro, un’occhiata a Facebook che senza dubbio sarebbe stato meglio evitare. Qualche pezzo dell’ultimo puzzle sull’Ipad e qualche partita a Sudoku, pure. Stasera il cane lo portiamo fuori insieme, sarà contenta, è Natale anche per lei in fondo.
Ma oggi il tempo è lento; nel silenzio, tra loro ancora carico di vicinanza, passa appena un po’ di melanconia, il rimpianto di una scelta che se avessero potuto avrebbero forse fatta diversa e sullo sfondo il dubbio che magari l’anno prossimo saranno i nostri amici a doverne depennare dalla lista dei messaggi di auguri. La vista si appanna appena ma sono gli occhi che si stancano sempre un po’ prima. Qualche parola trattenuta a preservare quello strato di serenità apparente, gli sguardi che si sfuggono a sostenere una bugia concordata.


Ceniamo?
Va bene. Mi preparo in un attimo.
Lui pensa: Sì, ci prepariamo.


Quando si ripresentano in sala sono bellissimi. Lui è tirato, in giacca e cravatta, rossa. Lei ha un tubino nero che non metteva da anni e una sciarpina di seta, rossa. Un filo di trucco, uno di perle, avvolta nel suo profumo più caro, nel senso di quello che ama di più. Anche lui veste un profumo, quello che lei gli ha regalato tanti anni fa e che lui ha tenuto da conto, usandolo con estrema parsimonia e solo per le loro, rare, uscite a due.
Si scambiano un sorriso timido, forse il primo vero sorriso della giornata, è insieme un apprezzamento e un ringraziamento reciproco.


E si cena; gamberetti in salsa rosa, è nella loro tradizione. Lei porta in tavola il pesce con la crema di zucca; questo è tradizione rivisitata, un abbandono alla sua, di lui, voglia di novità. Davanti al piatto insolito, insolitamente invitante, c’è un attimo di pausa, una sospensione. Chissà dove sono i loro pensieri. Forse ai lontani, forse al passato, forse ai passati. Si sono presi il loro attimo di libera uscita.


La mano di lei è poggiata sul tavolo, un po’ in avanti. La fede nuziale e la fedina con i diamanti, piccoli, molto piccoli, di tanti anni prima, rallegrano a stento quella mano che mostra per altro i segni del tempo, delle fatiche e delle carezze. È una vecchia mano ma per lui è sempre bellissima.
Tende la sua a stringerla, leggermente, per richiamare i suoi pensieri. La libera uscita può essere pericolosa.


Lei alza lo sguardo dal piatto, sorpresa, la sua reazione istintiva sarebbe di ritrarre la mano, in fondo non ha mai soverchiamente amato le smancerie. Ma non stasera, anzi la protende ancora un po’ e ricambia la stretta.
Sorridono ai loro pensieri adesso uniformi: non sono affatto soli, non questa sera, mai in realtà.


È una conferma e una promessa. È il loro regalo per questo Natale duemilaventi.

https://parolemiti.net/

2Natale 2020 Empty Re: Natale 2020 Lun Lug 05, 2021 7:26 pm

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore

Ma che bello questo racconto  @gdiluna. Niente di troppo edulcorato, una cronaca semplice ma carica di atmosfera. Il passaggio che precede la chiusa ė straordinario 
La mano di lei è poggiata sul tavolo, un po’ in avanti. La fede nuziale e la fedina con i diamanti, piccoli, molto piccoli, di tanti anni prima, rallegrano a stento quella mano che mostra per altro i segni del tempo, delle fatiche e delle carezze. È una vecchia mano ma per lui è sempre bellissima.
Tende la sua a stringerla, leggermente, per richiamare i suoi pensieri. La libera uscita può essere pericolosa.
Delicato e “sincero”.  Complimenti


______________________________________________________
C’è qualcosa di delizioso nello scrivere le prime parole di una storia. Non sai mai dove ti porteranno.
(Beatrix Potter)

3Natale 2020 Empty Re: Natale 2020 Mar Lug 06, 2021 9:33 pm

gdiluna

gdiluna
Younglings
Younglings

Grazie davvero  @Petunia anche a nome della mano di mia moglie! Natale 2020 1f600

https://parolemiti.net/

4Natale 2020 Empty Re: Natale 2020 Lun Ago 16, 2021 10:38 am

Susanna

Susanna
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Che bel racconto, dolcissimo e intriso di tante immagini vere, in cui - chi ha una carta d'identità un po' datata - si ritrova sicuramente. Molto emozionante l'ultima scena: anche a me e mio marito piace tenerci per mano, anche quando siamo a tavola. E' rassicurante, anche vedere come sono cambiate le nostre mani, come siamo cambiati nel fisico. beh, ci diciamo, meglio vederli questi cambiamenti che non. Finchè li notiamo, siamo vivi. E a chi l'ha detto un piccolo buffetto non manca mai. Grazie per aver condiviso questo momento magico.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

5Natale 2020 Empty Re: Natale 2020 Mar Ago 24, 2021 6:26 am

mirella


Padawan
Padawan

Già le famiglie allargate, in realtà frammentate e disperse. I due anziani coniugi sono soli e aleggia su di loro un’atmosfera tristemente pesante malgrado i tentativi di esorcizzare la solitudine e l’incubo della pandemia in agguato. Indossare gli abiti della festa, preparare la cena della tradizione, la tavola con i bicchieri di cristallo e le posate d’argento serve a creare l’illusione di un Natale come gli altri, ma è un Natale diverso senza i figli e i nipoti.
 Di uguale rimane il loro affetto, il loro sostenersi a vicenda che si esprime nel gesto delle due mani che si sfiorano sulla tavola. Finché saranno in due non saranno mai soli. Un racconto sobrio che affronta, senza enfasi e sbavature, temi sensibili e attuali. Bravissimo per quello che dici e per il non detto che lasci trapelare in alcune frasi:  “Il tempo è lento e si ritrovano a lasciarsi scorrere tra le dita il tempo dell’attesa.”
“Chissà dove sono i loro pensieri…si sono presi il loro attimo di libera uscita.”

Contenuto sponsorizzato



Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.