Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Vendetta in bianco

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Vendetta in bianco Empty Vendetta in bianco Mar Giu 29, 2021 9:56 am

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
https://www.differentales.org/t370-the-nightflyer#6510


Direi che tu non possa essere altro che un pomodoro: bello rotondo, paffuto, con il tuo bravo picciolino verde. Rosso, direi rosso pomodoro, ben maturo, lo capisco da quanto sei sodo ed elastico.
Anche il profumo è buono: io sono cresciuta in campagna e quando andavo a cogliere i pomidori nell’orto, anche le loro foglie avevano questo profumo così… così verde, verde scuro, con i bei frutti rossi ‘grappolati’ ai rami. Quanto macchiano le foglie del pomodoro e quanto sono velenose!
Me lo hanno detto: personalmente non le ho trovate mai tanto appetitose da desiderare di tentare un assaggino.
Colore, profumo… ricordi.
Chissà se sei anche buono? Oggi vi assomigliate tutti, frutti e verdure. Pomodoro, fragola, ciliegia: tanti rossi e lo stesso sapore.
Un sapore non sapore. Una finta di cibo sano e genuino.
Adesso ti taglio: devo fare l’insalata, è un atto dovuto.
Devi morire.
Ancora non lo sapevi quando ti ho pesato, al supermercato, ma tu eri già un pomodoro morto.
Lo so, è una battuta trita e ritrita, come il basilico che tra un po' ti farà compagnia.
Apro il cassetto e prendo un lungo (normale) coltello a lama seghettata: hai la buccia resistente, caro il mio pomodoro. So già come andrà a finire.
Improvvisamente la lama penetrerà buccia e polpa, e qualche goccia di liquido schizzerà sulla tavoletta di legno e sulla maglietta bianca. E le macchie di pomodoro non vanno più via, mannaggia.
La polpa è già più chiara. Bricconcello, mi hai imbrogliato, non eri così maturo come volevi farmi credere, e dentro hai un sacco di semini verdini e giallini, immersi in un liquido un po’ vischioso. Che schifo! Ti devo schiacciare, caro pomodoro: quei semini non mi piacciono, danno acidità.
Adesso sei un po’ malmesso, meglio per te il colpo di grazia, come con i cavalli.
O ti taglio a fettine sottili sottili, quasi trasparenti, ma il coltello scivola sulla buccia resistente, oppure ti faccio a tocchetti irregolari.
Facciamo un po’ e un po’, così diamo più varietà di colore all’insalata riccia.
Mi dispiace caro pomodoro! Si chiama “vendetta trasversale”: io non ce l’avevo con te, ma con tutti quei tuoi cugini, nipoti, zii, cognati che anni fa ho raccolto nei campi.
Un lavoro estivo, gran bell’abbronzatura mi ero presa, a righe come le zebre! E la schiena!
Quando ero piegata non riuscivo più a raddrizzarmi e quando ero dritta… mi spezzo ma non mi piego.
Già, caro mio, perché i tuoi parenti erano subdoli e striscianti: con la scusa che il terreno caldo li aiutava a maturare, tutti sdraiati sulla terra soffice, tipo spiaggia di Rimini. E la terra è sempre in basso.
Il parentado era anche vigliacco, caro pomodoro: qualcuno che si nascondeva c’era sempre e quindi ci voleva sempre l’ultima della fila, a scoprire gli “evasi”.
Ma tanto, anche loro hanno fatto una gran brutta fine: rinchiusi dentro monolocali di alluminio, con una bella foto incorniciata.
Neanche i capelli potevano strapparsi, per la disperazione.
Tutti pelati.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.