Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

The nightflyer

4 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1The nightflyer Empty The nightflyer Mar Mar 09, 2021 10:31 am

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan
https://www.differentales.org/t368-caro-amico

 The nightflyer

Allora amici della notte, zanzaroni affetti da nostalgia e infettati dalla vita, dove vanno i vostri pensieri senza catene?
Nottambuli e affamati come lupi lo so che fate finta di dormire ma i vostri sogni bussano alle porte delle stelle, allora tu, amico Jack, dove hai parcheggiato le maschere in questa notte di elettroshock mentale? In questo schifo di riflesso lunare che tappa le idee e tiene incatenata l'anima. Dove te ne andrai e quale auto ruberai per volare nei meandri della pazzia?
E tu che ascolti con le cuffie, hai preso le tue luride medicine per l'ulcera? Hai vomitato l'anima in qualche cesso sul web cercando qualcuno che ti conosca?
Svegliatevi poltroni e amanti del porno show il vostro amico “The Nightflyer” vi tormenta i timpani e vi manda il buon Neil Young per alzare il culo da quei letti pieni di pulci.
Sveglia, la vita va vissuta, la notte va spremuta… che mondo porco è questo che vi fa sprecare le tenebre.
Uscite dalla bara del corpo, fate come me che vivo di notte in questa radio Stardust per voi popolo di snottati nottambulanti di cazzate.
Anche tu grande capo apache che corri nelle praterie celesti, fermati ad ascoltare il tuo amico The nightflyer.
È giunto il momento di Al Stewart con The Year of the cat e qui torniamo nel 1800 ma che ci fotte, noi siamo i pirates della notte, quelli che vivono nei vascelli del piacere, sì, tu che cerchi piacere lascia perdere le pantofole e attaccati a radio Stardust sui 106 megahertz quanticigalattici, godrai come un riccio, parola di Nightflyer.
Allora mammo lette e mammo lotti che siete a letto piaciuto il pezzo?
Amico non pisciare fuori dal vaso in terrazza che nonna ti spiezza in due, rimani collegato con The nightflyer l'unico animale notturno che canta la ninna nanna a voi anime perse in una botte nella notte.
Ehi tu dagli occhi infossati esci da quel cesso in cui ti sei infilato e ascolta il tuo amico, non ti fare di roba di merda, fatti di noi che voliamo per te nella notte, nella notte delle stelle.
Una notte con James Taylor e “You've got a friend”.
Buon ascolto nottini e nottine qui è il vostro amico The Nightflyer che suda con voi in questa notte di luglio e allora spalancate le finestre figli di cane arrabbiato e volate con radio Stardust che trasmette quando gli pare e dove gli pare e quando una notte comincia un altro fottuto giorno finisce per fotterti l'anima.
Siete sempre qui sintonizzati con The Nightflyer l'amico della notte, l'amico di vostra moglie, del vicino e di te che continui a russare sul cuscino rompendo i maroni al vicino.
La notte è ancora lunga preparate da bere e che sia ben ghiacciato perché ora ci ascoltiamo un Neil Diamond d'annata e dopo ci scoleremo un Barry Manilov on ice e allora forza sulla pista delle stelle amici notturni, ci vette e ci vetti, u pupe e u pupi che ciucciate ancora il latte della tata, siete su radio Stardust il rombo di tuono della notte e chi vi parla è The Nightflyer il pipistrello della notte...



Ultima modifica di Giancarlo Gravili il Dom Apr 18, 2021 7:41 pm - modificato 1 volta.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

2The nightflyer Empty Re: The nightflyer Mer Apr 07, 2021 4:24 pm

Achillu

Achillu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Ciao Giancarlo.

Parto con i difetti. Mi manca una trama. Non c'è una storia e ne sento molto la mancanza. Apprezzo i concetti ma non riesco a vederne un qualcosa di organico, qualcosa che sia effettivamente diverso da una reale trasmissione radiofonica.

Lessico: mammo lette è mammo lotti -> "è" è sicuramente sbagliato; io avrei poi scritto "mammolette e mammolotti" e quindi "upupe e upupi" eccetera, ma questo è più a gusto mio personale.

Pregi. Mi piacciono molto le immagini, anche quelle del vicino che russa, e tutte le incitazioni a mettersi in gioco o in discussione. Mi piacciono anche i giochi di parole e mi piacciono molto i riferimenti musicali. Sarebbe da farci una playlist da qualche parte e riascoltarsela. Il deejay Nightflyer l'avrei ascoltato volentieri su Radio Capital, quando ancora era di proprietà di Claudio Cecchetto. Peccato non aver avuto la radio sintonizzata sui 106 quanticigalattici.

3The nightflyer Empty Re: The nightflyer Dom Apr 18, 2021 7:48 pm

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan
Ciao Achi, grazie delle note, ho provveduto alla correzione...
In realtà questi scritti fanno parte di una mia raccolta di "racconti folli" e come giustamente fai notare tu non hanno trama, sono follie scritte a getto d'inchiostro su tastiera in pochi minuti, folli e vivi di scrittura pulsante.
U pupe e u pupi richiama l'uccello della notte e pupi e pupe sono quelli che allattano pur spacciandosi per persone vissute... per questo ho staccato la vocale per facilitare la "visione" del termine.
Gli darò una rivisitata a freddo prima di inserire il racconto in questa raccolta da cui ho intenzione di ricavare un libro, grazie ancora Achi.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

4The nightflyer Empty Out On The Weekend Mer Apr 28, 2021 12:42 pm

Ospite


Ospite
Buongiorno Giancarlo, sono nuovo qui perciò cerco di sviluppare ogni commento "in punta di piedi" e con estrema attenzione. Il mio interesse particolare è sui racconti bevi, il genere in assoluto a me più consono.
Scorrendo mi ha colpito il titolo di questo tuo piccolo interessante testo. Un punto a favore per quanto mi riguarda, io stesso amo dare titoli in altre lingue, inglese in testa.
Poi arrivo al pezzo forte: le citazioni musicali. E' vero, rispolveriamo il 1800, la tua ironia ci sta tutta e fa sorridere, anzi mi ha fatto ridere di cuore. Sono straconvinto che tu, come me, non baratteresti facilmente un Neil Young con un moderno strimpellatore. A proposito, ho messo nel titolo di questo post forse il pezzo a me più caro, spero di averti fatto cosa gradita e lo sto ascoltando mentre scrivo... non ho resistito. Da brivido.
Prima di esprimermi ho letto con attenzione il precedente commento, che contiene considerazioni secondo me valide. Lo vorrei ricalcare fino a un certo punto. A me è piaciuto molto questo tuo scrivere, davvero molto. Belle e comprensibili le invenzioni di parole che lascerei proprio così. Anche il tono è appropriato, onestamente per un attimo mi sono detto: ho lasciato la radio accesa!
E' vero, forse con una "linea", anche solo accennata, il livello si sarebbe elevato molto.  E ho l'impressione che più di un accenno ci sia stato: tante piccole storie per ogni ascoltatore. Secondo me questo raccontino, se riesci a incastonare qualche "perlina" - e ammetto che non è facile - può fare il salto, perchè la forma è azzeccata e anzi mi ripeto, devo dire che la trovo proprio particolare. Lo confesso apertamente, non ci sarei proprio riuscito.
A presto.
P.S.: non sarai forse un amico stretto di Adrian Cronauer?



Ultima modifica di Rasalgethi il Mer Apr 28, 2021 12:45 pm - modificato 1 volta. (Motivo della modifica : Errori di digitazione)

5The nightflyer Empty Re: The nightflyer Mer Apr 28, 2021 1:36 pm

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Letto tutto d'un fiato, cercando di visualizzare i vari "personaggi" con cui hai infarcito il racconto.
A volte le cose buttate lì sulla tastiera, perchè altrimenti non ti lasciano in pace finchè non si vedono lì belle belle sul vdeo, funzionano meglio di pezzi letti e riletti, limati, sistemati, sinonimi e contrari.
La prima sensazione... la scaletta di un dj di provincia: reventemente ho rivisto Radiofreccia, film bellissimo, e questo racconto mi ha riportato a quegli anni di radio libere di dire anche il non politically correct.
I tuoi racconti comunque vanno letti e riletti con le molle: ti mettono ko con la quantità di idee, concetti, pensieri in libertà. Bravissimo!


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

6The nightflyer Empty Re: The nightflyer Mer Apr 28, 2021 1:58 pm

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan
Vi ringrazio per i benevoli commenti, questo è un racconto "leggero" farcito con nostalgia di tempi trascorsi e nella sua "non pretesa" sta lì a crogiolarsi con Neil Young e con tanti altri prendendosi in giro da solo e fischiettando sulla tastiera.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

7The nightflyer Empty Re: The nightflyer Mer Apr 28, 2021 2:46 pm

digitoergosum

digitoergosum
Padawan
Padawan
Ciao Giancarlo. Ho letto divertito questo tuo delirio radiofonico. Ma non è veramente un delirio. Potrebbe essere invece (se non fosse anacronistico per gli artisti e i brani citati) la emittente perfetta per gli allora beatnick, per i seguaci della beat generation, che erano di volta in volta disillusi o incazzati senza pretendere di cambiare il mondo. Volevano solamente essere liberi da una società che gli faceva schifo. Appena ho letto "Jack" ho subito pensato a Kerouac, perché il tuo condurre già mi aveva portato in quel mondo. Ho veramente amato questo tuo racconto, e non mi sono soffermato su eventuali refusi, non so se ce ne sono, perché quando il ritmo mi "assale" voglio arrivare in fondo. E il tuo racconto mi ha assalito.

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.