Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Consola 4

3 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Consola 4 Empty Consola 4 Lun Mag 17, 2021 12:27 am

FedericoChiesa

FedericoChiesa
Younglings
Younglings
CAPITOLO IV
  

Il sole era già alto nel cielo quando Maria Consolata raggiunse padre Franco. Lo inseguiva per spiegargli l’accaduto ma questi non voleva sentire ragioni e cercava di scappare per ogni angolo della chiesa.
Si avvicinò al campanile, salendo gli stretti gradini a chioccola a due a due. Ma Consola non mollava rimanendo appiccicata alla tonaca. Il povero prete aveva sbagliato mossa, infilandosi in un cul de sac, ed alla fine si trovò immobilizzato, con le campane alle spalle e la ragazza in fronte, che gli ostruiva l’unica via di fuga.
“Padre, mi deve ascoltare! Non posso stare con questo peso sulla coscienza!”
Il parroco cercò riprendere fiato dopo lo sforzo della salita; grosse gocce di sudore gli colavano dalla fronte. Riprese un po’ di contegno e disse: “Ragazza mia, ho ascoltato di come hai consolato Marco, senza dare troppo peso al tuo peccato; cose di ragazzi ho pensato. Ho dovuto accettare che anche con il signor Malaspina avessi esercitato le tue arti consolatorie; non ho voluto fare piazzate, anche se ne avrei avuto il diritto. Mi sono rassegnato ad ascoltare come ti sei presa cura anche del vecchio, ma non sono più disposto ad ascoltare altri peccati di questo tipo”.
 
Tutto era iniziato proprio quel mattino. Il postino era arrivato poco prima del solito.
Il signor Malaspina era già nei campi. In quelle giornate calde ed afose di inizio luglio il lavoro iniziava all’alba e riprendeva solo qualche ora prima del tramonto... troppo caldo nel mezzo.
L’aveva presa lei la lettera, indirizzata alla famiglia Malaspina. La calligrafia aveva qualche qualcosa di famigliare ed allo stesso tempo la busta con la dicitura Corrispondenza del R. Esercito ed il bollo della Posta Militare le trasmetteva un triste presagio.
Non poteva essere però… non doveva essere però. Oramai si attendeva che gran parte delle truppe facessero rientro dall’Africa Orientale e Marco non poteva non essere tra queste. Erano già passati un paio di mesi da quando era stata comunicata la fine della guerra in Etiopia. Le sirene avevano chiamato in adunata la popolazione in tutto il paese e dal balcone di Palazzo Venezia Mussolini in persona ne aveva dato l'annuncio alla folla.
“Signora, una lettera! Penso sia da Marco” poi rimase in attesa fuori della porta della camera.
La signora Carla, svestita, in piedi dentro un grosso catino in legno, si passava un panno umido sul corpo, per raffrescarlo in vista della lunga torrida giornata.
“Entra… che aspetti!” e strappando la busta delle mani della ragazza, sentì il cuore arrivarle alla gola.
 
Addis Abeba, 12 giugno 1936
Carissimi genitori,
spero la mia lettera vi trovi in buona salute.
La guerra è spietata e a volte si allea con il destino per giocare scherzi inaspettati.
Ho passato indenne le conquiste di Axum, di Macallè e di altre città che mai prima avevo sentito nominare.
Dopo aver liquidato anche l'ultima armata etiopica, a fine aprile abbiamo iniziato l'avanzata a tappe forzate su Addis Abeba, in quella che i nostri comandanti hanno chiamato "marcia della ferrea volontà".
La capitale è caduta senza opporre resistenza. I festeggiamenti ci avevano riconciliato con la vita. Contavamo i pochi giorni che ci separavano dal rientro a casa. Solo qualche missione di pattugliamento per le strade attorno alla capitale, per tenerle libere dagli arbegnuoc, i partigiani etiopici, che stavano cercando ancora di opporsi alle nostre conquiste.
È stato lì che un attentato ci ha sorpresi, dirottando il mezzo sul quale viaggiavamo su una strada laterale dove una mina ci aspettava.
 
Marco l’aveva presa alla larga, per prepararli alla tragica notizia, ma man mano che sua madre leggeva quella lettera, realizzava che qualcosa di grave era successo.
 
Vi scrivo ora dall’ospedale militare di Addis Abeba. Sono in via di guarigione e posso ritenermi fortunato, anche se hanno dovuto amputarmi le gambe maciullate dall’esplosione. Due miei camerati sono morti sul colpo e altrettanti stanno ancora lottando tra la morte e la vita!
Appena le condizioni lo consentiranno, mi imbarcheranno per riportarmi tra le vostre braccia.
Con immenso affetto
Marco
 
Maria Consolata fu lesta ad a darle il braccio in appoggio, prima che le gambe della donna cedessero.
La accompagnò al bordo del letto, mettendole un telo di lino sulle spalle.
“Il mio ragazzo!” singhiozzò “Gli hanno rubato la gioventù. Quale ragazza lo vorrà ora per marito!”
“Signora Carla, dobbiamo ringraziare il Signore che Marco torni. Ha letto anche lei che ad altri è andata molto peggio!”
Ma la mamma, in preda allo sconforto più cupo, non riusciva a sentire ragioni e vedeva sfumare il suo sogno di nipotini che scorrazzavano per l’aia sotto il suo vigile sguardo.
“E poi, signora, una brava ragazza non si ferma certo di fronte a questo!”
“Mi immagino la sua umiliazione, alla festa del patrono, quando tutte le ragazze si mettono in ghingheri aspettando di essere invitate a ballare… e lui dovrà stare lì, seduto, in disparte, ad osservare i coetanei flirtare” e si buttò supina in lacrime sulle lenzuola ancora sfatte.
Si vergognava di non riuscire a gioire della grazia ricevuta di potere riabbracciare il figlio vivo, ma il dolore di quello di che le era stato portato via era troppo forte.
 
“Padre Franco, capisca il dolore di quella donna! Quando il peggio sembrava alle spalle… e attendeva solo con gioia il ritorno del figlio questa notizia l’ha sconvolta”
“E tu cosa hai fatto? No… non dirmelo!”
“Padre, c’ero solo io a rincuorarla! Tremava come una foglia… aveva la pelle d’oca! Ho iniziato ad accarezzarla. Il calore delle mie mani le trasmetteva calma in tutto il corpo. Mi è sembrata più serena… poi ha accompagnato le mie mani proprio là, ed io mi sono stretta a lei!”
“Non mi dire più niente! Io non posso assolverti anche da questo”. Il parroco era rosso, tremante di rabbia e di angoscia. Consola ne rimase spaventata. E se gli fosse venuto un colpo? Non se lo sarebbe perdonata!
“Padre, si calmi, non dica queste cose!” e, singhiozzante si inginocchiò, bloccando il parroco per le ginocchia.
Ma il prelato proseguì, sempre più adirato, con la voce rotta: “Chi sei tu? Un angelo mandato dal Signore… od un diavolo tentatore inviato dal Satana in persona?”
Fece per indietreggiare, quasi intimorito dalla ragazza, che non riusciva più a giudicare, a catalogare. Fu allora che Consola, stringendosi alle gambe di lui, sentì un gonfiore sotto la tonaca, perché alla fine il prete è prete... ma l’uomo è uomo.
Lasciò che le sue mani si insinuasse sotto quell’abito nero ed alla fine lo consolò.
Consola:



Ultima modifica di FedericoChiesa il Dom Mag 23, 2021 2:50 pm - modificato 1 volta.

2Consola 4 Empty Re: Consola 4 Lun Mag 17, 2021 9:20 am

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Ma proprio ci hai messo tutto in questo racconto, non ti sei fatto mancare niente.
Consola donna del futuro è, o forse viene dal futuro per anticipare i sovvertimenti alla cosiddetta “morale” che si srebbero vissuti (sovvertimenti, parola grossa), o dal passato, visto che alla fine niente di nuovo c'è mai sotto il sole.
Francamente mi aspettavo altro, ma va bene così.
Di dico ora le cose che mi hanno un po’ disturbato:
anche con il signor Malaspina avessi esercitato le tue arti consolatorie;  una frase un po’ eccessiva, arti consolatorie… diciamo qualcosa di più terra terra.
anche se ne avrei avuto il diritto   che diritto aveva il parroco? Le cose dette in confessione lì dovrebbero rimanere, e lui poi non era direttamente interessato alle vicende, ma anche se fosse…
Entra… che aspetti   Entra, che aspetti   gira meglio
Quale ragazza lo vorrà ora per marito
Ecco qui mi sono bloccata: davvero pensi che una madre, appena saputo che il figlio ha perso le gambe, tanta grazie che sia vivo, che abbia scritto lui quella lettera, vada a pensare subito al fatto che nessuna ragazza lo vorrà? Da madre, proprio no. Magari più avanti, dopo il ritorno del ragazzo, quando l’accettazione di quello che è successo si sarò calata nel quotidiano, ma non in quel momento, non ci sta. (parere mio)
coetanei flirtare  Flirt è un termine un po’ più moderno, forse a quei tempi e in quella realtà non era usato.
Il calore delle mie mani le trasmetteva calma in tutto il corpo – altra frase che non vedo in Consola.
Grazie per la condivisione, sorry ancora per le annotazioni e alla prossima.
Certo, calare in un racconto breve, tutte le situazioni che ti sei inventato, non è agevole, ci vorrebbe spazio per sviluppare Consola, il perchè la sua personalità è cosi "libertina", cosa psicologicamente la porta ad essere così, a non avere non solo freni inibitori, ma anche a non riuscire a ragionare sulle cosiddette convenzioni: ha perso la madre, ma ha trovato una famiglia che l'ha accolta, non è passata da una famiglia all'altra, non ha subito violenze, non è stata rifiutata.
Ma il racconto è tuo e così lo teniamo.
Sei autorizzato, appena posto qualcosa, a fare altrettante pulci. Tanto cani non ne ho lol!


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

3Consola 4 Empty Re: Consola 4 Lun Mag 17, 2021 12:24 pm

FedericoChiesa

FedericoChiesa
Younglings
Younglings
@Susanna ha scritto:Ma proprio ci hai messo tutto in questo racconto, non ti sei fatto mancare niente.
Consola donna del futuro è, o forse viene dal futuro per anticipare i sovvertimenti alla cosiddetta “morale” che si srebbero vissuti (sovvertimenti, parola grossa), o dal passato, visto che alla fine niente di nuovo c'è mai sotto il sole.
Francamente mi aspettavo altro, ma va bene così.
Di dico ora le cose che mi hanno un po’ disturbato:
anche con il signor Malaspina avessi esercitato le tue arti consolatorie;  una frase un po’ eccessiva, arti consolatorie… diciamo qualcosa di più terra terra.
anche se ne avrei avuto il diritto   che diritto aveva il parroco? Le cose dette in confessione lì dovrebbero rimanere, e lui poi non era direttamente interessato alle vicende, ma anche se fosse…
Entra… che aspetti   Entra, che aspetti   gira meglio
Quale ragazza lo vorrà ora per marito
Ecco qui mi sono bloccata: davvero pensi che una madre, appena saputo che il figlio ha perso le gambe, tanta grazie che sia vivo, che abbia scritto lui quella lettera, vada a pensare subito al fatto che nessuna ragazza lo vorrà? Da madre, proprio no. Magari più avanti, dopo il ritorno del ragazzo, quando l’accettazione di quello che è successo si sarò calata nel quotidiano, ma non in quel momento, non ci sta. (parere mio)
coetanei flirtare  Flirt è un termine un po’ più moderno, forse a quei tempi e in quella realtà non era usato.
Il calore delle mie mani le trasmetteva calma in tutto il corpo – altra frase che non vedo in Consola.
Grazie per la condivisione, sorry ancora per le annotazioni e alla prossima.
Certo, calare in un racconto breve, tutte le situazioni che ti sei inventato, non è agevole, ci vorrebbe spazio per sviluppare Consola, il perchè la sua personalità è cosi "libertina", cosa psicologicamente la porta ad essere così, a non avere non solo freni inibitori, ma anche a non riuscire a ragionare sulle cosiddette convenzioni: ha perso la madre, ma ha trovato una famiglia che l'ha accolta, non è passata da una famiglia all'altra, non ha subito violenze, non è stata rifiutata.
Ma il racconto è tuo e così lo teniamo.
Sei autorizzato, appena posto qualcosa, a fare altrettante pulci. Tanto cani non ne ho lol!
Grazie per tutti i commenti.
Come vedi molti li ho presi in carico; (punto e virgola) nei prossimi giorni lo farò anche per gli ultimi due capitoli.
Sono sempre un po’ terra terra. Non volevo fare un racconto con morale o con impegnati approfondimenti psicologici. Pensavo di renderlo solo ironico, più che non libertino.
Ma come dici tu, il racconto è mio, e le sensazioni di chi lo legge sono… di chi lo legge.

A Susanna garba questo messaggio

4Consola 4 Empty Re: Consola 4 Sab Mag 22, 2021 5:34 pm

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Quest’ultima parte è esilarante nonostante la drammatica situazione in cui si è venuto a trovare Marco.
In totale il racconto ha tonalità che alternano drammi e leggerezza e la lettura è stata piacevole.
Grazie.


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.