Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

L'universo, Creatore e creato

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1L'universo, Creatore e creato Empty L'universo, Creatore e creato Mer Mar 17, 2021 3:03 pm

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Younglings
Younglings
https://www.differentales.org/t344-la-donna-del-pescatore#4711

 L’universo, Creatore e creato


Ecco il resoconto del pensiero universale di colui che crede nell’organizzazione voluta del caos…

Il fulcro di tale pensiero risiede nella differenza tra immantinente (ciò che abbiamo in mano) e trascendente. La scienza è considerata elemento immantinente dell’esperienza umana, cioè fondata su assiomi che dimostrano teoremi, in tal modo le regole spiegano e lo fanno obbligatoriamente spiegando tutto quello che è frutto di scoperta e sperimentazione.
Lo scienziato ateo spiega l'universo attraverso le “regole” forse dimenticando che esse non trovano a volte corrispondenza reale, per esempio la matematica e il concetto di infinito, il fisico studia il finito e non ciò che non ha limite. Colui che cerca di spiegare la natura universale attraverso lo studio metodico forse non troverà mai nulla di concreto perché le scoperte non sono altro che l'input dato dal creatore all'uomo.
Nulla prima esiste se non dopo quell'intuizione che forma assiomi e quindi teoremi.
In tal caso il progresso avviene tramite quella trascendenza che da origine ai teoremi.
Quindi potremmo definire questa percezione dello scienziato come comando che avviene tramite il volere del Creatore e non tramite lo studio delle regole conosciute e se la scienza accetta la sperimentazione e le invenzioni, se esse prima non avevano esistenza, da dove provengono se non dalla trascendenza stessa della conoscenza.
Il concetto del sub universo presente in noi, che darebbe sentore e percezione di quell'appartenenza universale al tutto-universo, indica la via della conoscenza che non avviene tramite lo studio delle pietre ma attraverso l'osservazione del cielo, dell'universo e delle forze che legano ogni "spin" cioè ogni particella rotante che forma la materia e che essendo essa stessa concetto di spazio-tempo apre la porta verso quella curvatura dimensionale che potrebbe spiegare molto del perché e del come tutto è composto e da quale origine trae fondamento.
Se per sperimentare e teorizzare attraverso gli assiomi devo avere quella "scintilla creativa" essa obbligatoriamente trascende dalle regole e dai teoremi già scritti e quindi va sopra l'immantinente che non può progredire senza l'input del nuovo che viene scoperto e lo può fare solo attraverso la trascendenza dettata dal volere di un Creatore universale che sottende.
La scienza è “colei” che deve saper spiegare la vita e i suoi perché e questo lo ha sempre fatto attraverso le intuizioni di uomini che hanno attinto oltre il secchio del conosciuto e del saputo per andare al di là dei limiti umani.
Ecco perché credere in un universale Creatore latore di quell'input che in noi si innesca in quanto noi stessi siamo sub universo e rechiamo in simbiosi con il tutto il messaggio generale che è alla base del tutto stesso e di ciò che impropriamente forse chiamiamo Universo.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

2L'universo, Creatore e creato Empty Re: L'universo, Creatore e creato Mer Mar 17, 2021 3:35 pm

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Caro Gian qui tocchi degli argomenti a me troppo cari per poterne discutere in questa sede senza tediare chi non è interessato.
Molto di ciò che dici lo comprendo e condivido. 
Dal punto di vista letterario questo ė un piccolo saggio. Trovo che in totale questo testo sia troppo complesso per essere divulgativo e poco complesso per essere un approfondimento. 
Allora più che un saggio forse è un pensiero quasi filosofico. Ho sempre creduto nella forza delle idee e della creatività. Negli ultimi tempi anche la scienza si è resa conto (finalmente) del ruolo fondamentale che riveste la creatività. Un bel film girato al Cern pochi anni fa e che si intitola “Il senso della bellezza”
parla proprio di questi temi. Se non lo avessi ancora visto, te lo consiglio.
Caro amico creativo e pensante sei una bella particella di questo Universo (negli altri... chissà. Forse anche lì)💙🌼


______________________________________________________
Fra poco dovrebbe levarsi la luna. Farà in tempo, Drogo, a vederla o dovrà andarsene prima? La porta della camera palpita con uno scricchiolio leggero. Forse è un soffio di vento, un semplice risucchio d'aria di queste inquiete notti di primavera. Forse è invece lei che è entrata, con passo silenzioso, e adesso sta avvicinandosi alla poltrona di Drogo. Facendosi forza, Giovanni raddrizza un po' il busto, si assesta con una mano il colletto dell'uniforme, dà ancora uno sguardo fuori della finestra, una brevissima occhiata, per l'ultima sua porzione di stelle. Poi nel buio, benché nessuno lo veda, sorride.
D.Buzzati 

3L'universo, Creatore e creato Empty Re: L'universo, Creatore e creato Mer Mar 17, 2021 5:17 pm

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Younglings
Younglings
Hai ragione Pet in realtà non esiste un luogo dove poter esporre questo tipo di pensieri. Eppure scrivere vuol dire scoprire quel sub universo che esiste in noi e che potrebbe essere gemello di quelle extra dimensioni che esisterebbero al di fuori di ciò che noi conosciamo e chiamiamo universo. In fondo la radice comune e sconosciuta vale tanto al nostro interno quanto al tutto perché sottostiamo a determinate regole uguali. Non so quanti amano inoltrarsi all'interno di questi argomenti, ma la conoscenza dell'universo e dei suoi sistemi vitale è fondamentale per capire o per lo meno cercare di intuire chi noi siamo. In fondo l'universo conosciuto nella materia è solo il 4,5% il resto è tutta materia oscura. E se ci inoltriamo bendati nello spazio tempo, ossia nella materia diveniamo simbiosi con il grande mistero degli universi e del nostro e la nostra scrittura finalmente rispecchia una verità a cui molti non sottendono o non vogliono avvicinarsi. Grazie per lettura e comprensione Pet!


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

4L'universo, Creatore e creato Empty Re: L'universo, Creatore e creato Sab Mar 20, 2021 6:27 pm

RenéCiampa

RenéCiampa
Viandante
Viandante
Questo testo per me è un po' difficile ma l'ho voluto leggere lo stesso per conoscerti e cercare di capire il tuo pensiero. Tocchi un argomento che ho sfiorato.


______________________________________________________
Impara l'arte e usala....


...ma se non la usi, mettila da parte.
https://www.reneciampa.com/

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.