Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» E gli auguri a Gippo?
La foresta EmptyOggi alle 10:20 am Da tommybe

» Il Viaggio della Vita
La foresta EmptyOggi alle 9:45 am Da Claudio Bezzi

» Gazzelle, una bella scoperta
La foresta EmptyIeri alle 2:05 pm Da tommybe

» Pachamama - Paletti primo step
La foresta EmptyIeri alle 10:51 am Da vivonic

» Il campo dei nudisti
La foresta EmptyLun Feb 19, 2024 11:47 pm Da Albemasia

» Libri bastardi
La foresta EmptyLun Feb 19, 2024 4:02 pm Da AlbertOne

» Concorso scadenza 15 marzo
La foresta EmptyLun Feb 19, 2024 10:47 am Da Claudio Bezzi

» Luminosi i mattini erano un tempo
La foresta EmptyVen Feb 16, 2024 11:38 am Da Albemasia

» La donna allo specchio
La foresta EmptyGio Feb 15, 2024 7:28 pm Da Albemasia

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



La foresta

4 partecipanti

Andare in basso

La foresta Empty La foresta

Messaggio Da tommybe Lun Feb 12, 2024 9:52 am

https://www.differentales.org/t2818-luminosi-i-mattini-erano-un-tempo#33157:

La foresta.
 
Mia madre sta le ore immobile sul balcone, esplora un lottino libero tra le macchie di gasolio del cortile, utile a coltivare le sue passeggiate, i suoi ultimi sogni. Rifiuta la crema protettiva,  è abituata al sole crudo e al suo cappello di paglia. Il cortile, con la sua immobilità, mi trasmette la stessa inquietudine di un quadro di Hopper.
In questo sottoinsieme famigliare siamo rimasti solo io e lei, una ricopiatura fasulla della vita di prima, quando riusciva a scendere  tre piani a piedi e a esprimere il suo repertorio conviviale estivo al bar.
Sono tre anni che non esce e non cammina. All’inizio eravamo tutt’e due inconsapevoli di quello che ci aspettava:  le sue perdite di equilibrio, le sue dimenticanze,  le sue visioni impossibili, ci sembravano  buffonate fatte apposta per riderne insieme.
La sollevo dalla sedia a rotelle, è leggera, leggera come il soffione di un tarassaco, che vola sul prato. Il nostro recinto della sabbia va dal balcone alla camera da pranzo e a un pezzo del linoleum del corridoio, l’altra camera e la cucina sono il territorio della badante.
Dopo averla distesa sul letto, osservo  le sue gambe sottili, senza muscoli, la pelle del viso, senza rughe. La malattia ha allargato la crepa degli occhi, sembrano assenti. Per non farmi vedere  commosso, mi sposto, torno sul balcone opposto, quello della cucina. Il palazzo, dietro, sembra un altro palazzo, pure il colore è diverso. Qualche pazzo deve aver smontato e rimontato male le corolle dei fiori, pure loro sono sofferenti.
 Con un salto acrobatico dello sguardo raggiungo una vecchia GS imbellettata e strigliata da un lavaggio recente. Ne avevo pure io una uguale, rossa. Riuscii a deformare la mia giovinezza  con lei e le mie scelte azzardate, le mie amicizie azzardate. Sento di dare di me un’immagine sgradevole, sgradevole con ferocia,  nemmeno io so cosa ho avuto dentro in quel periodo.
 Passo la maggior parte del  tempo in questo appartamento, con l’unico hobby di nutrire una colonia di pesci rossi, mentre un paio di ventilatori si alternano alle mie spalle sputando aria calda.
Mamma maneggia delle fotografie ingiallite, quando ne trova qualcuna capovolta si sforza a capovolgere la sua testa, con modestia  prova a raggiungerne l’immagine effettiva. Il catalogo delle sue attività sta tutto sul tavolo: kleenex  accartocciati e imbevuti di acqua frizzante, un paio di Bic, un quaderno  percorso da aste e curve senza senso, uno spremiagrumi di plastica, sbeccato, che conosco bene, reperto  della mia infanzia consumata in quell’appartamento. Le do un bacio sulla fronte,  in forma anonima, perché a volte si confonde e  non mi riconosce. 
La Foresta, poco distante, è un piumaggio essenziale e scarno sulla banchina del Tevere in secca, dove vado spesso a passeggiare e dove attraverso tutti i miei tormenti, i miei dubbi. Dove calpesto rovi, dove sfilaccio inquietudini e solitudini. Forse tornerò lì. Senza compagnia.
La badante arriva, con la sua allegria portatile, sistema qualcosa fuori posto, come si fa con i giocattoli dei bambini, il suo è un mondo diverso, il suo è un lavoro. Prima di uscire tolgo bruscamente, di nascosto, le due Bic dal bicchiere, dove hanno corretto l’acqua con il loro inchiostro blu e rosso. Scendo le scale ignorando il passamano di ferro, senza inciampare, che di solito inciampo. Niente Foresta, niente isolamento,  almeno oggi, così ho deciso.
Salta fuori l’idea di mangiare qualcosa, anche se non ho proprio fame e non mi va di sedermi alla solita trattoria del quartiere dove fa un caldo bestiale e dove mi fanno mille domande fasulle e dove do mille risposte fasulle. Per tirarmi su di morale proverò a intrattenere fastidiosamente la bella ragazza della pizzeria all’angolo.
Lei, senza rispondere al saluto, taglia la mia porzione di pizza margherita. 
- Non è colpa mia se è un po' bruciata, il Napoletano pensa solo a fumare, - dice.
 - Per me va bene così,  fumare non è una cattiva idea, pure io voglio ricominciare a farlo, campare troppo a lungo, in ottima salute, è solo andare incontro ai guai.
 La vedo perplessa. Rimango pure io un paio di minuti con una faccia strana e l’unto della pizza, incartata a metà,  in mano.
 - Cosa vuoi farne? – Vuoi aspettare il tramonto per mangiarla?
 E a me quella frase appare come una frase molto confidenziale,  perché ho bisogno di frasi confidenziali.
 -  Sì, perdonami,  sono  schiavo di una situazione frenetica, non ti ci mettere pure tu a togliermi questi quindici minuti di calma.
- Non mi sei mai sembrato un uomo frenetico, ma spesso la parte più importante di noi è quella invisibile.
 Le accenno la malattia di mia madre, con molta franchezza, senza alcun cedimento emotivo, almeno in apparenza. Lei si agita  e dice che ne parlo come se mia madre non esistesse più, e non è giusto farlo.
- Cara mia, la vecchiaia è un brutto argomento, solo ora me ne rendo conto guardandola da vicino,  mette a repentaglio il rifugio che ci siamo costruiti,  accade di doverlo condividere con chi ci cura,  con una persona non scelta. - Per come la penso io la vecchiaia è una ferita che continuerà a sanguinare fino alla morte e farà sanguinare pure le ferite di chi ti sta  vicino. - Che te ne fai di un bell’appartamento confortevole se non hai più la testa, se non hai più le gambe, - che te ne fai se non hai più i gradini dell’infanzia. – E perdere la memoria diventa quasi salvifico, la malattia, terribile, lavora per noi, corregge la nostra cifra espressiva, i tormenti e i ricordi li cancella, ci fa diventare il solo, unico abitante di questo mondo. -  E nessuno si dispera, hai mai visto uno succube di malattie senili disperarsi? - Profumi, voci, facce, colori, spariscono sulla superficie asciutta di un mondo nuovo, impossibile da esplorare prima, un mondo fatto di situazioni sovrapposte. -  Nessuno te le spiega, sono loro a suggerire il dopo, il colore successivo, a dirti che la meta coinciderà con la fine.
- OH MIO DIO! - urla. Il suo bel viso è paonazzo.
- Mi dispiace, non volevo impressionarti, ma questa è la pura verità.
- Scusami, mi hai lasciata senza respiro.
-  Ho imparato a conoscere quella malattia, ora non sono più inconsapevole dei danni che fa e mi sento meglio a raccontarla. Alla mia età non ho più nessuno che mi voglia bene, e più nessuno che mi voglia male, non tocco una donna da anni, eppure quello che devo fare lo faccio, tutti i santi giorni. E mia madre mi guarda, a volte, con rancore. -Ti sembra che io lo meriti?
- Caro mio, ma come cavolo ti chiami, nemmeno me lo hai detto e ti vedo spesso qui, c’è sempre la mamma nei racconti degli uomini che conosco: un’amica,  una compagna, una confidente, capace di amore impossibile anche per il più brutto ceffo della terra, basta solo che sia suo figlio.- La tua sta lì, appesa alla sua sedia a rotelle, la odi per quello che ti accade, per quello che ti viene imposto, ma non la puoi abbandonare, e l’odio, per una stravagante rivalsa, si trasforma, si frammenta in incredibili pezzetti di amore. - Parlandomi di lei ti sei spogliato, ti ho visto nudo, ti ho visto commosso, dispiaciuto come nessuno al mondo. Il tuo dolore è così forte che si può toccare, è un masso, un macigno, è un grattacielo, una nave da crociera che ti porterai dietro per il resto della tua vita. Proverai  pure a affibbiarti le colpe, le tante colpe. Come se l’avessi  generata tu, tua madre. Come se l’avessi fatto tu,  il ‘maledetto’. Il male.
- Tutto questo hai visto?
Dopo una pausa infinita mi fissa con gli occhi di un placido celeste e dice:  Sei un eroe.
- Ma quale eroe, sono un vigliacco! - Uno che non vede l’ora che arrivi la badante per riuscire a fuggire.
- Ascolta,  sono stufa di piangere per gli altri. Ogni tanto passa qualcuno di qui e racconta cose tristissime come la tua, e non riesco a abituarmi. - Mai nessuno che mi faccia fare una risata.-  O ci provano, o mi fanno piangere. - E basta, no?
- Ero qui solo per una pizza, non avrei dovuto. -Ti saluto.
- E no, eh. Tu ora non te ne vai così facilmente. - Prima spari e poi fai la vittima?
- Scusami.
-  E che scusami, troppo facile dire scusami.
-  Cosa posso fare?
Ci pensa un attimo e con tono più gradevole e normale, dice:
 Va bene, salutami, ma da lontano, non voglio sporcarti di farina.
L’abbraccio, come fosse una nuvola, come se avesse gli abiti conficcati nel corpo, e il corpo scomparso.
- Che farai adesso? Andrai a casa?
-  Proverò a andare  al cinema di fronte, ho voglia di starmene al fresco per un po’.
-  Allora buon film, anche se sull’aria condizionata non ci giurerei, è un cinema d’essai  senza pretese. Una volta i cinema così li chiamavamo pidocchietti e ci andavano studenti e operai, ora sono la culla della cultura, a parer loro, pure se proiettano i film di Franco e Ciccio.
-  Grazie,  sono ben informato sul film, sull’aria condizionata, e sulla piccola libreria aperta fino a tardi
che sta li dentro, e se il film farà schifo comprerò un ‘libro mattone’ per addormentarmi.
- Sono curiosa più del mattone che del film.
Il suo profilo, mentre serve gli altri, diventa impenetrabile e distante.
Esco,  frenando la chiusura della porta a vetri, un modo di fare eccessivamente protettivo, che stupisce pure me. Il cinema Farnese è dall’altra parte della piazza, non dovrò faticare molto per raggiungerlo.
Senza il fardello degli scrupoli mi è apparso il volto vero  della ragazza, ed è incomprensibile il rifiuto ambosesso di presentarci, sarà la differenza d’età,  a remare contro.
Sono in anticipo per il film, faccio una pausa sotto il monumento di Giordano Bruno, su un gradino sporco di bevute serali, la piazza è stranamente spopolata, pure la cornice dei ristorantini è vuota, mi sento circondato dagli spiriti inquieti del passato. Una luce smorta prende il sopravvento su mucchietti di cicche.  Per me, che sono appassionato di riposo, è comunque il posto ideale. Dopo un  bel po' che ho smesso di fumare questo è uno dei momenti in cui mi chiedo se ho fatto bene o ho fatto male.
Non ci andrò più a bruciare in quel forno, mi sento come se avessi , come se avesse, esagerato in qualcosa.
Il film sta per cominciare, pago il biglietto al materiale scheletrico di una signora in professionale tailleur verde. La sala è piccola, c’è solo la platea. Le luci sono ancora accese. Rimbomba la pubblicità di un dentifricio. L’acustica non è male. Saremo in dieci, quasi tutti uomini.  Sento un rumore di tacchi femminili alle mie spalle.
- Non è ancora cominciato?
Mi giro lentamente,  massaggiandomi il collo, riconosco il suo sorriso. Non me l’aspettavo il suo arrivo.
Si siede con stile accanto a me, accavalla le gambe.
- Sei riuscito a inghiottire qualcosa?
- Non mi è permesso amare la pizza così tanto perché sono grasso, ma la tua l’ho amata.
- Grazie, e poi non sei grasso affatto, sei robusto,  ti vesti  solo male.
Si spengono le luci, non c’è colonna sonora migliore del buio e del silenzio per il mio imbarazzo. Abbiamo un unico grande bracciolo di velluto rosso per poggiare i gomiti. Sento il rumore delle nostre stoffe sintetiche che si sfiorano. Mette la sua mano sopra la mia. Il film non è comico, ma lei ride spesso.
Penso, la vicinanza di uomini tristi mette allegria?
Per un difetto di circolazione sento la mano formicolarmi, non la toglierò da quella posizione senza un buon motivo. Posso giocarmi la carta di darle un bacio e nel trambusto che ne consegue cambiare posizione.
La bacio. Lei schiude le labbra con dolcezza. Non c’è trambusto.
La mia mano sinistra resta sotto la sua stretta.
Mentre scorre il film, penso: Cosa posso offrirle? Io ho finito. Io ho finito di vivere. Sono solo un affinato interprete di malattie senili. Sarebbe impensabile, impossibile, ricominciare.
Mi sento una recluta, la sua vicinanza mi intimidisce, e comunque crea uno spazio incantevole intorno a me. Gli scarti, gli inassimilabili residui, l’inutilità di tutto quello che circonda la  Foresta,  lo lascerò là. Domani mi metterò al sicuro tutto il giorno accanto a lei.
Abbatterò la natura impervia e ostile della mia esistenza.
 Se resettare tutta una vita, non sarà proprio facile.
Ci proverò.
tommybe
tommybe
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1110
Punti : 1197
Infamia o lode : 13
Data di iscrizione : 18.11.21
Età : 72
Località : Roma

A Akimizu garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

La foresta Empty Re: La foresta

Messaggio Da Flash Gordon Lun Feb 12, 2024 1:18 pm

E quando se ne andò finì un mondo per te, il modo divenne diverso nello sparti acque che mai vorremmo, sei di qua e l'anima verrebbe essere di là, nella sponda passata se non altro per gustare quel sapore.
Da quando se ne andò cogli il tuo essere non più figlio ma "adulto" per gli altri per quelli che ti conoscono, per i tuoi, per i loro... sei quello che ha una certa...
Un pezzo che tocca profondamente l'anima se lo vivi e lo comprendi. Ti comprendo Tom, ho vissuto anni terribili con la malattia di mamma che non pronunciamo ma sappiamo, la memoria e poi visioni assurde e crisi di rabbia incontrollabili.
Da un anno ho portato mamma in una casa famiglia, non una RSA ma un gruppo appartamenti dove lei ha la sua camera ed è amorevolmente seguita, ora sta molto meglio sembra quasi ringiovanita di vent'anni. Certo mi sembra di vivere il film "Ricomincio da capo". Ogni telefonata eguale, ogni ogni eguale all'ogni. Ma va bene così a 88 anni già è molto, visto la malattia che ci riconosce e anzi la memoria a lungo funziona.
Certo è stata dura nemmeno le badanti potevano rimanere in casa, le chiudeva nelle stanze.
Ora sento l'eco della mia casa vuota e chiusa e quell'eco mi rimbalza dentro, quando torno in Puglia apro le finestre cercando odori che ho perso, guardo l'albero di limoni piantato da mio padre, quello d'albicocche che ho piantato io e mi rendo conto che il babbo non c'è più e io nemmeno ci sono.
Ogni giorno mia madre mi chiede: "Come sta la casa?".
Gli rispondo che le mura stanno bene, belle fresche al buio.
Non vedo mamma da un anno, non vado altrimenti mi si aggrappa addosso e vuol tornare a casa, allora purtroppo abbozzo e non vado a trovarla per non fare disastri.
È strana la vita Tom, molto strana e per quanto tu possa essere strano la vita lo è più di te.
Grazie per questa lettura che tanto sa regalare.

______________________________________________________
Se mi cerchi quando vuoi tu ti rispondo quando voglio io...
Flash Gordon
Flash Gordon
Younglings
Younglings

Messaggi : 143
Punti : 228
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 27.01.23
Età : 56
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

La foresta Empty Re: La foresta

Messaggio Da tommybe Lun Feb 12, 2024 1:42 pm

Grazie a te Gian per la lettura attenta e per la tua umanità.
Un abbraccio.
tommybe
tommybe
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1110
Punti : 1197
Infamia o lode : 13
Data di iscrizione : 18.11.21
Età : 72
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

La foresta Empty Re: La foresta

Messaggio Da Claudio Bezzi Lun Feb 12, 2024 6:15 pm

Per potere commentare questo tuo pezzo è necessaria una premessa di carattere metodologico che, credo, farò altre volte con altri autori (si chiama: “mettere le mani avanti”). La premessa di metodo è la seguente: devo giudicare “il sentimento” che suscita o la qualità letteraria? Perché suscitare sentimenti è importante e - mi potresti dire - è lo scopo dell’arte, e sarei d’accordo se non fosse che si possono suscitare sentimenti anche con arte scadente (non mi sto riferendo al tuo testo, sto ancora parlando di metodo): un film horror ci procura acuti sentimenti di paura, ma raramente si tratta di un “buon” film; una storia d’amore ci commuove, ma soprattutto perché gli sceneggiatori conoscono i meccanismi stilistici e “confezionano” una sceneggiatura, con una fotografia, una colonna che, alla fine, ci fa commuovere. Riflessi pavloviani…
Quindi, per concludere: non basta provare un sentimento per qualificare una determinata opera come buona, che si tratti di un film o di un racconto. Sui sentimenti che tu mi hai suscitato sono d’accordo con Flash Gordon, sì, quindi ho compartecipato e con-patito. Da questo punto di vista ok, bel racconto, mi ha regalato cinque minuti di emozioni.
Io però penso che vogliamo anche scrivere bene, perché questo è un luogo di scrittura, e mi permetterai quindi alcune critiche che spero non ti risultino antipatiche; non vogliono esserlo, affatto!
1) Dattilografia: una quantità di errorini di battitura, doppi spazi, qualche errore lessicale qui e là, qualche virgola che manca o che andrebbe tolta o sostituita da altro segno di punteggiatura… Tutte cose minuscole e venialissime, sia chiaro. Mio sospetto: l’hai scritto di getto e riletto in fretta, come sovente capita in gruppi come questo (non è il primo gruppo di scrittura che frequento). Io credo che sia necessario migliorarsi il più possibile sotto questo profilo. Anche a me, diverse volte, viene un’idea, e l’urgenza di scriverla… Poi continuo a trovare errori anche alla quarta lettura! Allora è bene lasciar decantare il testo, rileggerlo a mente fredda, prestare attenzione alla forma, ortografia, sintassi, perché forse molti leggono pure di corsa e gli va bene così, ma qualcuno (io, per esempio) legge con una certa attenzione e curiosità proprio relativa alla forma, e questi errori, figli della fretta, mi lasciano un’idea di trascuratezza che il testo non merita.
2) Il tuo racconto è fatto da tre blocchi ben distinti, con la pizzeria come blocco centrale; io trovo una certa discontinuità espressiva nei tre blocchi; questo non è necessariamente un difetto se è voluto, ma se lo fosse credo che occorrerebbe marcarlo di più, come se si trattasse di un trittico, o di un pezzo in tre atti; così, invece, ha provocato in me una difficoltà proprio nel godere di un tessuto narrativo-emotivo che mi risulta un po’ sconnesso.
3) Il dialogo con la ragazza mi sembra un pochino artificioso e poco realistico; anche qui, non so, potrebbe essere voluto, in un contesto, diciamo, allegorico. Ma, per dire, la ragazza che strilla “Oh mio Dio!”, pure scritto tutto in maiuscolo, non so… non mi pare azzeccato. Io questa parte - senza mutarla troppo - la raffinerei un pochino di più, anche in vista del terzo blocco del tuo racconto (il cinema).
4) La parte del cinema (terzo blocco) è essenziale nella logica del tuo racconto; la prima parte (descrizione dolorosa della malattia della madre) è la morte, e questa finale la rinascita, la resurrezione. L’idea va benissimo ma mi pare che tutto si spicci in fretta e furia. Hai scritto prima che manco si conoscono. Lei è una pizzaiola-psicologa che accoglie il dolore dell’anziano (bellissimo, qui la figura femminile accogliente, salvifica e terapeutica fa il suo ingresso) di cui non sa nulla, quindi pianta baracca e burattini e lo segue al cinema rendendosi da subito disponibile (posando la mano sulla sua e quindi lasciandosi baciare). Non è l’idea in sé, che va benissimo, ma la scarsa credibilità dell’evoluzione della vicenda. Va bene che è simbolica, va bene che è una grande metafora… ma è anche un racconto che deve avere uno svolgimento credibile. Se tu - a schema generale del racconto invariato - trattassi con più pazienza i vari passaggi, credo che diverrebbe un racconto migliore e più gradevole alla lettura.
Minuzie: “il rifiuto ambosesso di presentarci” è proprio brutto. Non sarebbe meglio, più semplicemente, qualcosa tipo “il rifiuto reciproco di presentarci”? Poi: “Non me l’aspettavo il suo arrivo”; credo meglio “Non mi aspettavo il suo arrivo”. Anche le due righe finali suonano malino.
Claudio Bezzi
Claudio Bezzi
Viandante
Viandante

Messaggi : 22
Punti : 34
Infamia o lode : 0
Data di iscrizione : 05.02.24

https://alamagoozlum.blog

Torna in alto Andare in basso

La foresta Empty Re: La foresta

Messaggio Da tommybe Lun Feb 12, 2024 6:30 pm

Claudio, hai scritto il tuo commento con grande delicatezza e di questo ti ringrazio. 
I tuoi consigli sono oro puro, sei competente e si sente.
Alla mia età non ho grandi aspettative, scrivere mi serve a dimostrare, soprattutto a me stesso, che ancora esisto.
Un abbraccio.
tommybe
tommybe
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1110
Punti : 1197
Infamia o lode : 13
Data di iscrizione : 18.11.21
Età : 72
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

La foresta Empty Re: La foresta

Messaggio Da Claudio Bezzi Lun Feb 12, 2024 6:32 pm

tommybe ha scritto:Claudio, hai scritto il tuo commento con grande delicatezza e di questo ti ringrazio. 
I tuoi consigli sono oro puro, sei competente e si sente.
Alla mia età non ho grandi aspettative, scrivere mi serve a dimostrare, soprattutto a me stesso, che ancora esisto.
Un abbraccio.
Siamo coetanei... Condividiamo gli scopi... :-)
Claudio Bezzi
Claudio Bezzi
Viandante
Viandante

Messaggi : 22
Punti : 34
Infamia o lode : 0
Data di iscrizione : 05.02.24

https://alamagoozlum.blog

A tommybe garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

La foresta Empty Re: La foresta

Messaggio Da Akimizu Lun Feb 12, 2024 10:09 pm

Grazie Tom, avevo decisamente bisogno di un tuo racconto.
Akimizu
Akimizu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 756
Punti : 816
Infamia o lode : 3
Data di iscrizione : 10.01.21
Età : 43
Località : Barumini

Torna in alto Andare in basso

La foresta Empty Re: La foresta

Messaggio Da tommybe Lun Feb 12, 2024 10:50 pm

Grazie Aki, è una cosa vecchia.
tommybe
tommybe
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1110
Punti : 1197
Infamia o lode : 13
Data di iscrizione : 18.11.21
Età : 72
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

La foresta Empty Re: La foresta

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.