Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Una storia un po' bruciata

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Una storia un po' bruciata Empty Una storia un po' bruciata Ven 22 Gen - 14:22

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Younglings
Younglings
Una storia un po’ bruciata


Inferno sera

Un po’ oltre, sotto la crosta della Terra...

«Zolfatoooooo! Per tutte le diavolesse, portami il tabletinfernale devo collegarmi con il nostro agente a Paradise City. Da quando c’è sta pandemonia non posso nemmeno raccogliere le firme per la vendita delle anime, speriamo che finisca presto… Zolfatoooooooooooo, dove sei?»
«Eccomi sua Diavoleria, mi ha chiamato?»
«Pezzo di cerino quando mi servi non ci sei mai, portami il tabletinfernale che ho un circonferenza video con il nostro agentinferno segreto a Paradise City»
«Eseguo immediatamente»
«Eccomi sua Diavoleria, altri ordini?»
«Vai in cielo, accidenti a te e sparisci dalla mia vista prima che ti incenerisca»

«Da un po’ di anni tengo d’occhio una certa signora Grigia, lì sopra. Sembra sia una perfetta nonna e impagabile devota e molte altre qualità e quindi quando verrà il campanello per lei la manderanno senza dubbio dalla concorrenza a Paradise City. Però come brucia le cose lei non lo fa nessuno, appena due settimane fa a distrutto una caffettiera della Biadiavoletti riducendola a un tizzone d’inferno, devo assolutamente assumerla nella mia cucina disgustosamente bruciata, da quando la vampircuoca di 1° livello mi ha lasciato non si trovano più dannati all’altezza di bruciare un bel piatto»

«Agente 000Peperoncino provvedi a corrompere il capo smistamento anime nuove e fa in modo che non appena arriva la signora Grigia di là la smistino segrettamente qui da noi, e mi raccomando solito lavoro pulito e non lasciare puzze varie in giro»
«Ok capo, conosco un paio di santiprefetti che per un paio di diavolette calde venderebbero pure la zia»
«Ci conto, non mangiò più un brutto e disgustoso piatto bruciato da un secolo e non vedo l’ora di gustarmi un bel po’ di cenere»
«Intanto vado a tenere d’occhio nonna Grigia… Uhm, guarda, guarda ha dimenticato la parmigiana nel forno e l’ha incendiata, accidenti quanto tempo che non mangio parmigiana bruciata e quei panzerotti di patate in olio bollente... ha lasciato la padella per fare una telefonata, che gran bella bruciatura a cenere viva che hanno preso. Non vi è dubbio devo far venire da me questa tizia»

Intanto nella cucina di nonna Grigia

«Nonna! Ma qui brucia tutto, ma dove ti sei cacciata?»
«Eccomi, perché gridi nipotina? Ero al telefono con il mio amico Carletto da solo 5 ore»
«Secondo me un giorno ti assumeranno alcuni tizzoni d’inferno per cucinarli»
«Ma non dire fesserie i tizzoni d’inferno non esistono»

Campanello d’ingresso
Drin, drin…
«Mi scusi, sono un giornalista del Paradise City Time, abita qui una certa Grigia D’annata?»
«Sì, è mia nonna, posso essere utile in qualcosa?»
«Potrei parlare con la nonna?»
«Nonna, c’è un signore per te, dice che ti vuole intervistare»
«Per me, un attimo che levo le polpette dal fuoco»
«Uhm, ma cos’è questo odore di bruciato?»
«Non si preoccupi è solo nonna che ha carbonizzato qualcosa»
«Ecco perché quel mio amico mi ha mandato qui...»
«Buongiorno signora Grigia!»


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

2Una storia un po' bruciata Empty Re: Una storia un po' bruciata Sab 23 Gen - 8:07

Petunia

Petunia
Padawan
Padawan
Delizioso! Giancarlo sei infernale. Questo pezzo è divertentissimo e al contempo tenero e duro.
Nei tuoi pezzi riesci sempre a dire molto. C’è la solitudine dell’anziana, la malattia, la denuncia dell’indifferenza della giovane e la sua stessa solitudine in quelle cinque ore di telefonata.
C’è tutto il dolore del mondo per la situazione attuale e l’ingordigia di certi esseri diabolici che, nonostante abbiano tutto, desiderino accumulare sempre più e a danno degli indifesi.
Non so se si è capito, ma mi è piaciuto moltissimo questo racconto.

Ti segnalo solo questa frase.
«Per me, un attimo che levo le polpette dal fuoco»

Meglio mettere un punto interrogativo al posto della virgola. «Per me? Un attimo che...


I love you


______________________________________________________
Fra poco dovrebbe levarsi la luna. Farà in tempo, Drogo, a vederla o dovrà andarsene prima? La porta della camera palpita con uno scricchiolio leggero. Forse è un soffio di vento, un semplice risucchio d'aria di queste inquiete notti di primavera. Forse è invece lei che è entrata, con passo silenzioso, e adesso sta avvicinandosi alla poltrona di Drogo. Facendosi forza, Giovanni raddrizza un po' il busto, si assesta con una mano il colletto dell'uniforme, dà ancora uno sguardo fuori della finestra, una brevissima occhiata, per l'ultima sua porzione di stelle. Poi nel buio, benché nessuno lo veda, sorride.
D.Buzzati 

The Raven

The Raven
Younglings
Younglings
Il tuo racconto ha il ritmo di una piece teatrale, l’energia degli attori e la gestualità del teatrante. 
Stona quella dimenticanza, quel refuso dell’ H mancante. O un accento di troppo su mangiò.
Rivedrei la punteggiatura, mancano alcune virgole e ciò a volte fa diventare frenetica la lettura, troppo frenetica.
Interessante la formazione dei neologismi, danno un tocco di originalità e non sono per nulla faticosi da decodificare, quindi lo scopo è raggiunto. 
Un racconto simpatico e gradevole!


______________________________________________________
IN GRAN SILENZIO OGNI PARTIGIANO GUARDAVA QUEL BASTONE SU IN COLLINA.


REACH OUT AND TOUCH FAITH!                                                                                               Sembrano di sognante demoni gli occhi, e i rai
                                                                                         del lume ognor disegnano l’ombra sul pavimento,
né l’alma da quell’ombra lunga sul pavimento
sarà libera mai!
Quel vizio che ti ucciderà
non sarà fumare o bere,
ma è qualcosa che ti porti dentro,
cioè vivere.

4Una storia un po' bruciata Empty Re: Una storia un po' bruciata Mar 9 Feb - 10:52

tommybean

tommybean
Padawan
Padawan
Questo è il tuo pane, Gian, sei imbattibile nel genere. 
Sono al telefono solo da 5 ore, mi ha ricordato qualcuno di familiare. Andrà pure lei all'inferno?
RIDO.

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.