Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» Il violoncello di Bach
Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici EmptyIeri alle 5:57 pm Da tommybe

» L'incantesimo
Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici EmptyIeri alle 4:04 pm Da tommybe

» Il Viaggio della Vita
Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici EmptyVen Feb 23, 2024 4:38 pm Da Albemasia

» Due barboni
Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici EmptyVen Feb 23, 2024 12:09 pm Da Flash Gordon

» Gazzelle, una bella scoperta
Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici EmptyMer Feb 21, 2024 10:16 pm Da tommybe

» Pachamama - Paletti primo step
Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici EmptyMer Feb 21, 2024 7:00 pm Da Arianna 2016

» E gli auguri a Gippo?
Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici EmptyMer Feb 21, 2024 4:23 pm Da M. Mark o'Knee

» Il campo dei nudisti
Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici EmptyLun Feb 19, 2024 11:47 pm Da Albemasia

» Libri bastardi
Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici EmptyLun Feb 19, 2024 4:02 pm Da AlbertOne

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici

2 partecipanti

Andare in basso

Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici Empty Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici

Messaggio Da Different Staff Lun Dic 20, 2021 12:32 pm

E come potevamo noi cantare
con il piede straniero sopra il cuore,
fra i morti abbandonati nelle piazze
sull’erba dura di ghiaccio, al lamento
d’agnello dei fanciulli, all’urlo nero
della madre che andava incontro al figlio
crocifisso sul palo del telegrafo?
Alle fronde dei salici, per voto,
anche le nostre cetre erano appese,
oscillavano lievi al triste vento.
Different Staff
Different Staff
Admin
Admin

Messaggi : 665
Punti : 1929
Infamia o lode : 4
Data di iscrizione : 26.02.21

Torna in alto Andare in basso

Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici Empty Re: Salvatore Quasimodo, Alle fronde dei salici

Messaggio Da Petunia Lun Dic 20, 2021 1:50 pm

Quando un poeta riesce a usare parole semplici con una tale efficacia dirompente, non può che essere definito Poeta. 
Con una sintesi lucida e potente il poeta descrive la condizione in cui sono venuti a trovare gli artisti (poeti) in tempo di guerra. La scelta della pianta che per antonomasia richiama il pianto, il salice piangente appunto, che diventa luogo ove appendere le certe alla stregua di quanto avevano fatto gli ebrei prigionieri del faraone in Egitto. La prigionia aveva rubato la loro gioia di cantare, proprio quello che accade al poeta che ha il cuore schiacciato dal peso del piede straniero.
Tra le varie immagini mi ha davvero colpita l’urlo nero della madre. Potente.
Una poesia  che il trascorrere del tempo non ha scalfito neanche un po’ e che potrebbe essere stata scritta oggi.
Bella scelta  @Different Staff
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2187
Punti : 2402
Infamia o lode : 35
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.