Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

La condanna

5 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1La condanna Empty La condanna Mer Mar 10, 2021 9:20 am

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
i
Il giardino di pietra :
Ma che storia, Mirella!

Leggendo mi pareva che tu avessi fatto la traduzione da una fiaba giapponese: ritmo, costruzione delle frasi, scelta delle parole restituiscono un’ambientazione e suoni che mi hanno consentito di calarmi alla perfezione nel racconto. Anche il contenuto della storia è pieno di rimandi alla cultura nipponica.
Ho amato la descrizione del giardino zen, tutto appare in una dimensione onirica molto simile a quel “dormiveglia” che si sperimenta durante la meditazione (per chi riesce a ottenere quel magico stato”.
Nei tuoi scritti così ricchi di dettagli e curati ci sono sempre  verità e magia e tutto diventa credibile.
Il tuo patto finzionale con il lettore è rispettato fino alla fine.
Bravissima Mirellasan.🙏🌸🌼

L’ultimo gruppo di turisti è appena uscito e io finalmente mi posso godere il silenzio di queste antiche sale. I passi rimbombano nei corridoi vuoti, gli sguardi dei ritratti appesi alle pareti sembrano seguirmi con affetto. In fondo, anche io come loro vivo in questo castello di Malmö da più di duecento anni e dunque è da parecchio tempo che ci facciamo compagnia.
Se vi state chiedendo se io sia un fantasma, vi libero immediatamente dal dubbio: sono vivo, in carne e ossa proprio come voi.
Come ogni sera scendo nei sotterranei, mi chiudo nella mia stanza e mi preparo un buon caffè. Mi piace annusare l’aroma che si sprigiona dal barattolo in cui conservo i chicchi. Anja, la tenutaria del castello, riesce sempre a procurarmi la mia miscela preferita, una giusta proporzione tra varietà arabica e robusta.
I chicchi hanno una loro bellezza che mi affascina: difficile resistergli. Per questo ho istituito un mio personale rituale: li osservo e con estrema cura ne scelgo tre dal barattolo per assaporarli nel silenzio. Lucidi e croccanti quei piccoli scrigni tostati, scrocchiano sotto i denti e io mi lascio conquistare dal loro gusto amaro e ricco di profumi. Infine, inserisco una piccola quantità di quei grani nel macinacaffè. Detesto le moderne diavolerie elettriche che, frantumando velocemente i chicchi li scaldano rovinando gran parte del loro aroma. Anja mi ha procurato un vecchio macinino a mano. Sembra un piccolo mulino. In alto ci sono gli ingranaggi e una finestrella attraverso la quale si inseriscono i grani, in basso c’è un cassettino per raccogliere la polvere del caffè macinato.
Procedo con lentezza godendomi ogni scricchiolio. Il macinino produce lo stesso rumore di una pioggia battente, dei sassi accarezzati da un torrente dopo il disgelo, del crepitare del fuoco sul camino. I ricordi affiorano nella mente e io li lascio invadere la stanza insieme all’aroma che si sprigiona dalla caffettiera.
Il mio nome è Olaf Bergen e la mia storia ha avuto inizio molti anni fa.

Sono nato a Orebro un incantevole villaggio nel cuore della Svezia sulle rive del lago Hjalmaren, tra foreste di conifere sempreverdi e idilliache casette di legno.
La mia famiglia viveva proprio in una di queste casette nei pressi del fiume Svartan che attraversa il centro di quella che oggi mi dicono essere diventata una grande città. Mio padre era un falegname e mia madre accudiva la casa e si preoccupava di crescere me e mio fratello gemello Bjorn.
La nostra vita fluiva lenta e senza scosse proprio come un fiume in pianura, ma io e il mio gemello capimmo presto che tutta quella serenità non faceva per noi. Il sangue vichingo che scorreva nelle nostre vene reclamava viaggi avventurosi, terre da conquistare, nemici da piegare.
Fu così che un giorno, abbandonata la nostra casa, prendemmo in mano le redini del nostro destino.
Ci sentivamo forti e inebriati dal gusto della libertà. Per sopravvivere cominciammo a eseguire prima piccoli furti giustificati dalla fame poi, ci facemmo sempre più arditi, fino al furto di due cavalli. Del resto, non potevamo certo continuare il nostro viaggio a piedi.
Purtroppo, la figlia del padrone di quegli splendidi animali ci scoprì e cominciò a strillare a più non posso. Bjorn la raggiunse alle spalle e le tappò la bocca, ma quella scalciava come una puledra impazzita e così, servendoci di una grossa pietra, le fracassammo la testa scrivendo la parola fine sulla sua e sulla nostra vita. Non ne vado certamente fiero, ma quello fu l’unico modo che trovammo per zittirla. Non ci fu tempo per provare rimorso, dovemmo scappare il più lontano possibile.
Sebbene fossimo giovani e agili, la nostra fuga fu del tutto inutile: in breve tempo avemmo alle costole tutto il Paese. Cercammo riparo nel fitto della boscaglia, ma fummo raggiunti e imprigionati.
Per quelli come noi il verdetto non poteva che essere funesto: pena di morte per decapitazione.
Fummo rinchiusi nei sotterrai del castello di Malmö per essere consegnati al boia dopo mesi di stenti e di dolore.
I nostri carcerieri, temendo che potessimo approfittare della nostra assoluta somiglianza per giocare loro qualche tiro mancino e tentare la fuga, ci incatenarono insieme e ci condussero nella stessa lurida cella.
Dalla piccola feritoia in alto, filtrava una lama di luce che ci serviva per capire se fosse notte oppure giorno. Il buio ingoiava le nostre misere esistenze. Un po’ di paglia umida costituiva il nostro giaciglio; non venivamo slegati neppure per i nostri bisogni fisiologici. L’aria era una mistura irrespirabile di odori pestilenziali.
Acqua e cibo ci venivano forniti una volta al giorno attraverso una piccola fenditura nella parte bassa della porta da cui passava a malapena una ciotola piena di una brodaglia nauseante. Nostra madre non l’avrebbe mai servita neppure ai porci.
All’inizio non volevamo mangiare e restituivamo la ciotola piena poi, con il tempo,  la fame ebbe la meglio e ci adattammo.
Ben presto ci rendemmo conto di non essere soli in quel buco: un giorno sentimmo dei piccoli colpi provenire dalla parete.
«Ehi, fratello chi sei?» Chiedemmo in coro.
Tendemmo le orecchie, ma le mura erano troppo spesse e non riuscimmo a sentire che una specie di risata sgangherata che proseguì senza sosta per tutta la notte.
Il giorno dopo, quando il primo raggio di luce filtrò nella cella, capimmo. Lo sferragliare del mazzo di chiavi ci segnalò la presenza delle guardie. Lo scricchiolio sinistro di una porta e il rumore inconfondibile di catene trascinate da passi stanchi, potevano solo significare che era giunta l’ora della “libertà” per uno dei prigionieri. Il boia avrebbe finalmente posto fine alle sue sofferenze. Le risate scomposte di quell’uomo tra imprecazioni e sputi, risuonarono a lungo nelle nostre teste. Più volte nei mesi successivi arrivammo ad augurarci che arrivasse anche per noi, prima possibile, quel giorno. Dovemmo aspettare a lungo, ma, alla fine, scoccò anche la nostra ora.
Se chiudo gli occhi, ricordo distintamente il cigolio delle chiavi dei carcerieri che vennero a prelevarci. Eravamo sporchi, puzzolenti. I nostri capelli biondi trasformati in una massa informe e pidocchiosa. Relitti umani pronti per la fossa.  
«Non possiamo portare questi sacchi di merda davanti al re!» disse il più alto dei due.
«Ma che schifo! Io non li tocco» rispose il piccoletto che evidentemente era quello destinato a fare il lavoro sporco.
Ci fecero alzare in piedi a suon di bastonate, ma le gambe, ormai, non riuscivano a sostenere neppure il peso leggero dei nostri corpi malandati. Così dovemmo proseguire a gattoni, proprio come le bestie che eravamo diventati. Mentre le mani affondavano nel pavimento putrido, una domanda ci martellava nella testa: “Che c’entra a il re?”
Sta di fatto che le guardie ci condussero in una stanza in cui c’era una grande tinozza di legno. Ci ordinarono di spogliarci e, senza troppi complimenti, ci fecero infilare dentro l’acqua gelida.
Poi, ci fornirono dei teli per asciugarci e degli abiti ruvidi. Infine, ci furono rasati i capelli.
Bjorn sembrava una pecora dopo la tosatura, rosa, tutto pelle e ossa.  Essendo io il suo gemello, rabbrividii pensando di avere la stessa immagine.
Fummo condotti all’aperto e ricordo nettamente il dolore che provai: gli occhi erano rimasti nell’oscurità troppo a lungo. Dovevo tenerli chiusi per non farli lacrimare e così non mi resi subito conto di cosa stava accadendo. Evitavo accuratamente di parlare con mio fratello temendo le reazioni dei carcerieri, ma, pur restando muti, riuscivamo a capirci al volo.
Ci fecero salire in una specie di carro e con nostro immenso stupore ci condussero nientemeno che al cospetto di re Gustavo III di Svezia.
«Maestà, ecco la feccia che ci avete ordinato.»
Le guardie ci servirono una bastonata nell’incavo dei ginocchi per farci inginocchiare davanti al sovrano.
«Brutti caproni! Inchinatevi come si deve davanti al vostro sovrano e non osate alzare lo sguardo!»
Il re era un uomo elegante e curato, i lineamenti delicati gli donavano un aspetto quasi femminile.
Se ne stava seduto ad almeno cento passi da noi, ma potevamo ugualmente sentire l’odore degli unguenti che profumavano il suo corpo. Non saprei giudicare che età potesse avere, indossava una parrucca bianca, immagino pettinata alla moda del tempo.
«Fateli alzare e avvicinare alla mia persona.»
Eravamo ancora incatenati insieme e dunque facemmo molta fatica a muoverci. Quando fummo abbastanza vicini, con nostra sorpresa, il re venne verso di noi.
Le guardie gli fecero immediatamente da scudo, ma lui le allontanò con un gesto della mano garbato, ma deciso.
Re Gustavo rimase a lungo a fissarci senza parlare. I piccoli occhi saettavano da Bjorn a me e viceversa, come per cogliere ogni più piccola differenza tra noi. Poi, ci chiese di mostrargli le  mani e i  piedi. Infine, esordì:
«Sembra proprio che la natura si sia divertita con voi. Siete bizzarri, simili come due gocce d’acqua sia nel fisico che nelle attitudini a quanto pare. Entrambi efferati assassini, il che ha dell’incredibile. Molto bene, le nostre fonti ci avevano bene informati al riguardo. Credo che abbiamo trovato le persone giuste per la nostra dimostrazione.»
Quindi, si allontanò da noi e tornò a sedersi sulla sedia regale continuando a rimanere in silenzio per alcuni minuti che ci sembrarono eterni. Eravamo davvero confusi e non sapevamo cosa aspettarci. Non potevamo certo immaginare cosa aveva in serbo per noi il destino.
Eravamo in ginocchio, col capo chino, quando re Gustavo sentenziò:
«Abbiamo preso la nostra decisione. Rallegratevi perché avete incontrato i nostri favori. Noi commuteremo la vostra condanna a morte, in carcere a vita.»
Quella notizia ci sconvolse. Non sapevamo se essere felici o se chiedere al re, la grazia di essere giustiziati. Il pensiero di dover tornare in quella lurida cella ci era più insopportabile di quello della nostra stessa morte.
«Tuttavia, per ottenere questo, dovrete sottoporvi a una prova» proseguì.
All’unisono facemmo un cenno di assenso con la testa.
«Al prigioniero alla nostra destra - mio fratello Bjorn - vengano somministrate cinque tazze di tè al giorno per tutta la vita che gli resta. A quello alla nostra sinistra, vengano invece somministrate cinque tazze di caffè al giorno.»
La condizione ci parve davvero singolare. Non avevamo mai assaggiato tali bevande e così accettammo di buon grado la nostra sorte.
Il re non era diventato improvvisamente magnanimo, ma pensava che saremmo ben presto morti avvelenati. Ma questo noi non potevamo saperlo.
Fummo nuovamente condotti in carcere e, come stabilito dal re, ogni giorno ci venivano servite tazze fumanti di tè e caffè. Dovevamo ingurgitarle fino all’ultima goccia, sotto lo sguardo vigile delle guardie di sua maestà.
Man mano che il tempo passava, ci sentivamo sempre più forti, al punto che cominciammo a fare progetti per evadere e riprenderci le nostre vite.
Dopo qualche settimana, apprendemmo che re Gustavo era rimasto vittima di un attentato e dunque lui non riuscì mai a conoscere l’esito della stramba condanna.
Stranamente, dopo la morte del re, la nostra assurda pena continuò e venimmo a sapere che ormai tutto il popolo faceva delle scommesse su quanto saremmo sopravvissuti.
Medici, nobili e intellettuali, venivano ammessi nel carcere per assistere alle nostre bevute e ben presto si convinsero che tè e caffè avessero dei poteri straordinari.
Purtroppo non riuscimmo mai a evadere, ma riuscimmo a vivere per molti anni in buona salute.
Bjorn, mi lasciò che aveva più di ottanta anni. Quando morì, pretesi che fosse sepolto nella nostra cella. Era un modo per averlo sempre vicino a me. Pensai che molto presto lo avrei seguito e giurai di non separarmi mai da lui fino alla fine dei miei giorni.

Sono ancora assorto nei ricordi, quando l’aroma del caffè, mi riporta alla realtà.
È passato così tanto tempo da allora che nessuno si è più ricordato di me. Il castello ha subìto tante trasformazioni, ma sono riuscito a trovare sempre il modo di sopravvivere e lavorare per guadagnarmi un pasto caldo e una buona tazza di caffè.  Ho mantenuto fede alla promessa fatta a mio fratello e non sono mai uscito da queste mura.
Oggi, accompagno ignari turisti a visitare le sale del castello di Malmö e le sue antiche prigioni, ma comincio a sentirmi davvero stanco. Uno strano destino il mio, condannato a vivere e incapace di darmi la morte.
La caffettiera borbotta e il vapore che fuoriesce dal beccuccio invade la stanza. Spengo il fuoco e mi avvicino alla credenza.
Ho scelto a caso una data sul calendario per festeggiare il mio compleanno dato che non ricordo più quando sono nato.  Per l’occasione Anja mi ha regalato una tazza speciale da una parte c’è inciso il mio nome e dalla parte opposta ho voluto che ci facesse incidere il nome del mio gemello. Non ha capito perché, ma ha esaudito il mio desiderio.
Nessuno ha mai conosciuto la mia storia prima di oggi. Ora mi sento rinato a nuova vita, libero finalmente dal peso del mio segreto.
Verso lentamente il liquido bollente e aromatico. Perché sono vissuto tanto a lungo? Forse è stato proprio il caffè ad allungarmi la vita e...  la prigionia. Non ci avevo mai riflettuto. So quello che devo fare: questa sarà la mia ultima bevuta.
Le mani la stringono la tazza in un ultimo caldo abbraccio. Il vapore mi annebbia la vista, l’aroma mi inebria. Chiudo gli occhi e sento forte il richiamo di Bjorn: è tempo che io lo raggiunga, ho scontato fin troppo a lungo la mia condanna.



Ultima modifica di Petunia il Gio Mar 11, 2021 5:53 pm - modificato 2 volte.


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

2La condanna Empty Re: La condanna Mer Mar 10, 2021 10:23 am

digitoergosum

digitoergosum
Padawan
Padawan
È un bel racconto, originale. Inserendo in questo tuo elaborato un presupposto surreale hai trasformato una scrittura onesta in una lettura curiosa. Alcuni refusi e a volte la punteggiatura (virgole) hanno rallentato un racconto che invece merita di essere letto d'un fiato. Belle le descrizioni dei luoghi e la caratterizzazione dei personaggi. D'altronde non poteva essere che così, per chi ti ha già letto prima non è una sorpresa. Brava!

3La condanna Empty Re: La condanna Mer Mar 10, 2021 11:22 am

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Grazie digito🙏 Cercherò di correggere, se riesco. Davvero grazie per la lettura e la considerazione🌺


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

4La condanna Empty Re: La condanna Gio Mar 11, 2021 2:35 pm

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan
Un caffè in Svezia... e già il racconto parla molto di sé.
L'ipotetico tardone super anziano si gode il manufatto di caffeina sbriciolandolo e facendose o caffè comm a Napule, azz a capito sto svedese e mica é fess!
Poi la cosa si fa seria e il signore ci racconta un po' della sua vita e veniamo a sapere che il buongustaio del caffè è stato un giovane assassino insieme al fratello e una povera ragazza é finita come i chicchi sminuzzati e quindi come psicologo deduco che questo tizio ci ha la fissa pe sgranare le capoccie e questo mi basta.
Intanto i compaesani che non bevevano caffè, incazzati a morte per il Miss fatto beccano i congiunti e li congiungono nelle segrete del castello e mo so ungry birds per loro.
L'autrice ora ce dice che sti due gemelli della moka so incatenati e se devono da magna la sbobba mista alla pupù se vogliono campare e pare pure troppo questa durissima condanna.
Nel frattempo nel racconto appare l'anima dell'abate Faria che scappato dall'isola di Montecristo lo avevano acchiappato in Svezia mentre era all'Ikea e lo avevano incarcerato insieme a due gemelli malcapitati e di la a poco pure decapitati.
Arriva il gran giorno della pena capitale e invece sti due zozzoni imputriditi me li portano in una tinozza d'acqua fredda, me li spogliano e li findusizzano a mo di filetti di merluzzo del mare del nord, li rapano ben bene e a vermi congelati li portano alla presenza del re che invece d'essere re é 'na specie de drag queen.
Allora pare che sto queen è bbono come er pane e grazia li condannati ma però devono da fa 'na prova che nun se capisce in che consiste e mo leggo il resto e poi lo scrivo...
Infatti li portano a un bar invece che in cella e li costringono a beve thè e caffè per tutta la vita, nello specifico uno se deve da beve er thè in nummero de cinque tazza ar giorno e l'altro invece cinque tazze de caffè.
Diventeranno un pochetto schizzati secondo me.
Mo vediamo...
Nel frattempo il queen re more e mo pensamo che li liberano e invece non se toccano da ingozzasse de bevande e ce entra pure de mezzo er toto scommesse clandestine su chi campa o more. More per primo er fratello Bjorn dopo un incontro finito male con il tennista Mc Enroe. 
Insomma me rimane vivo un unico fratello che non sapeva gioca a tennise e invece se scolava tonnellate de caffè e ai voglia a scommette contro, quello ve frega a tutti.
Proprio vero er caffè più lo mandi giù e più te campa su, ma mo che er tempo è assai passato se po pure morì e raggiungere er fratello Bjorn che aspetta pe fa un doppio e prenderse la rivincita su Mc Enroe.
E ora ve saluto e faccio i complimenti a Petunia che sto racconto e la mi garba assai di molto.



Ultima modifica di Giancarlo Gravili il Gio Mar 11, 2021 3:02 pm - modificato 1 volta.


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

5La condanna Empty Re: La condanna Gio Mar 11, 2021 2:43 pm

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
E a me mi garbissima assaissimo il tuo racconto commento cronaca. M’hai fatto spanciare dal ridere...
Grazie Gian era tanto che non ridevo così di cuore. I love youI love youI love you


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

6La condanna Empty Re: La condanna Mer Mar 17, 2021 12:12 pm

Hellionor

Hellionor
Admin
Admin
Surreale ma non troppo.
Serpeggia questo alone di non spiegabile sulla tua storia che incuriosisce e intriga e lascia il lettore a domandarsi "ma come mai?".
La storia scorre lineare, qualche virgola sfuggita rallenta la lettura ma nulla di grave.
Ho apprezzato il tuo testo anche se, onestamente, meno di altri tuoi.
Qui ci leggo una sorta di esperimento e un registro narrativo diverso dal solito, quindi approvo: sperimentare è assai importante per non perdere il guizzo di creatività.
In una narrazione che non ha particolari guizzi emozionali ci hai caricato una storia surreale e curiosa, mi hai descritto la condanna e le conseguenze ma non hai mostrato troppo; aleggia ancora un'ombra di mistero inquietante sul tuo racconto. Che lascia aperti tanti interessanti interrogativi
Brava Pet.
Ele

7La condanna Empty Re: La condanna Mer Mar 17, 2021 1:46 pm

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Grazie del passaggio Ele. Questo racconto è ispirato a una leggenda. 

Caffè e tè erano le bevande più consumate dagli intellettuali svedesi. Riuniti attorno alle tazze di questi esotici infusi, discutevano per ore delle questioni filosofiche del giorno compreso il fatto che disapprovavano il regime monarchico che re Gustavo aveva restaurato in Svezia, cancellando con un colpo di mano, anni di lotte della classe intellettuale.
Il re aveva tentato con ogni mezzo di ostacolare il consumo di queste bevande ritenendole dannose per la salute del popolo e del suo stesso trono. Prima di tutto aveva imposto delle tasse molto pesanti. Più tardi era arrivato addirittura a proibirne l’uso, ma il risultato era stato solo quello di renderle ancora più desiderabili e apprezzate.
Fu parlando con uno dei medici di corte che, infine, ebbe un’idea straordinaria per dimostrare al popolo che tè e caffè, altro non erano che veleno e che il loro uso indiscriminato avrebbe senz’altro condotto alla morte i suoi consumatori. 
Affinché l’esperimento avesse successo, occorrevano due persone da obbligare a bere ogni giorno una certa quantità di caffè e di tè. La morte, secondo il medico del re, sarebbe sopraggiunta nel giro di qualche settimana e gli svedesi avrebbero avuto la dimostrazione di quanto fosse potenzialmente letale il loro vizio.
Il re fu assassinato poco dopo aver emesso questa singolare sentenza.

Questo episodio ha ispirato il racconto che è completamente frutto della mia testa “bacata”...  L’ho scritto un po’ di tempo fa e fa parte del mio percorso di ricerca e sperimentazione. Sto lavorando tanto per trovare il mio stile.
Ho ben chiaro in testa come vorrei arrivare a scrivere e ho ben chiaro che ho molto lavoro da fare. Per il momento sto leggendo tanto e scrivendo un po’ meno.
Grazie ancora! 

8La condanna Empty Re: La condanna Mer Mar 17, 2021 3:35 pm

CharAznable

CharAznable
Padawan
Padawan
Cara Petunia,

ti chiedo il permesso di utilizzare l'aggettivo "curioso" per definire questo racconto. Perché e quello che meglio lo rappresenta. E la curiosità ti accompagna per tutta la lettura come una istancabile compagna di viaggio. Getti il seme all'inizio e il frutto lo cogli al termine della narrazione. Ben scritto. Forse un ritmo, fluido, ma troppo tranquillo. Anche quando furto e delitto avrebbero probabilmente richiesto una maggiore altalena di note.
Letto con vero piacere. Brava.
Grazie.


______________________________________________________

I giorni indimenticabili della vita di un uomo sono cinque o sei in tutto. Gli altri fanno volume.

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.