Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» Orizzonti Verticali
Routine EmptyOggi alle 10:26 am Da tommybe

» E se...
Routine EmptyOggi alle 10:14 am Da ImaGiraffe

» Mentre tutto brucia
Routine EmptyOggi alle 10:10 am Da Flash Gordon

» La prossima scossa
Routine EmptyOggi alle 10:02 am Da tommybe

» Lei non è cattiva
Routine EmptyOggi alle 9:31 am Da ImaGiraffe

» Cronache dalla fine
Routine EmptyOggi alle 9:19 am Da AurelianoLaLeggera

» Quintessenza
Routine EmptyOggi alle 9:10 am Da Achillu

» Corsa contro il tempo
Routine EmptyOggi alle 8:27 am Da AurelianoLaLeggera

» Se sapessi piangere
Routine EmptyOggi alle 6:32 am Da Petunia

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Routine

+3
Arunachala
Petunia
Different Staff
7 partecipanti

Andare in basso

Routine Empty Routine

Messaggio Da Different Staff Lun Mag 13, 2024 9:46 pm

Oggi scrivo.
Un giorno disegno.
Un giorno preparo il pane per la settimana.
Un giorno vado in cerca di segni.
Fin dove posso arrivare.
Un giorno scavo buche, annuso terriccio, misuro alberi.
Fin dove posso arrivare.
Un giorno controllo le acque, il fiume, il lago, le pozzanghere.
Fin dove posso arrivare, ovvio.
Un giorno guardo nel vuoto, cerco una ragione per andare avanti e la trovo sempre.
Oggi no. Oggi, scrivo.
I valori nell’aria si assestano, ci sono piccoli segni di miglioramento ma no, non c'è sicurezza.
Forse, e mi perdonerete se divago un po', faccio congetture, elaboro teorie. È nella mia natura, che in barba ad ogni aspettativa non è più la natura che avevo prima. E anche la terra, forse dicevo, non ha più la sua natura di prima. È mutata. Vorrei solo riuscire a comprendere meglio, ecco perché divago.
Io seguo il piano di salvataggio.
Ho la mia routine da seguire.
La routine non si può infrangere.
La routine è il cardine del piano di salvataggio, capite?
Ogni minuto della mia vita è votato al piano di salvataggio.
Ogni. Maledetto. Minuto.
Ma quando cerco di spiegarlo a Olimpia, lei volta la faccia e se ne va sulle sue gambette magre, urlando che non le interessa, che ha da fare.
Olimpia non ha una routine.
Olimpia improvvisa, non segue il piano di salvataggio. Per questo Olimpia non potrà sopravvivere a tutto questo, è chiaro no?
Lei fa le cose a caso, senza ordine; ieri ha camminato, ieri l'altro ha oziato, e anche il giorno prima, poi ha fatto cose senza un senso logico, che disturbano l'equilibrio.
Senza una routine lei si annoia, e la sua noia mi infastidisce, capite? Mi toglie la concentrazione.
Se solo potesse essere un po' meno disinteressata a tutto questo. Al nostro compito.
Dice che è solo mio, stampatevelo bene in mente. Dice che è solo mio, e che mi arrangiassi. Che sono io la prescelta, mica lei. Lei è qui solo perché è figlia mia. Lei ha da fare le sue cose.
Ma quali cose, poi? Questo non si può sapere, capite?
Così lei va a fare le sue cose e io seguo la routine.
La routine non si infrange.
Neanche quando tua figlia fa la pazza e non capisce il senso del tutto.
Ma ha solo undici anni, direte voi.
E lì l’hai portata tu, tu hai deciso di imbarcarti in questa missione portandoti dietro una bambina di nove anni e votandovi entrambe a una vita di inferno, di ricerca, di solitudine, di speranze infrante, di anni di studio e di ricerche buttati, per salvare un fottuto pianeta che probabilmente non vi godrete.
Eh sì, che dire? Avete ragione voi.
Me le dico già da sola queste cose.
Chi pensavo di essere, tutta la fottuta resistenza dell’universo, a pensare davvero di potercela fare?
Di poterlo fare trascinandomi dietro una bambina, poi.
E non una qualsiasi. Mia figlia. Non partorita con dolore, no, ma accolta con amore nei bei tempi andati.
Eppure, eccoci qui.
Chissà che cazzo mi ero calata per decidere di accettare questa missione suicida.
No, non chiedetelo. Certo che ci credevo. Avevo tutti gli strumenti per farcela. Li avrei ancora.
Ma non voglio pensarci, ora. La routine non si infrange, solo questo conta.
Alcune piante della serra hanno piccoli timidi germogli che cercano un po’ di luce.
Spero resistano, sarebbe un segnale incoraggiante. Un segnale che mi servirebbe proprio per dare un senso a tutto, anche se oggi non posso pensarci, non è il giorno giusto.
La routine, lo avrete ormai capito, non si infrange.
Nel lato est del muro sono cresciuti dei muschi. Non molti, e piccoli, ma è un altro piccolo semino. Semino dopo semino arriveremo alla salvezza.
Se credessi in dio, e solo dio sa quanto mi piacerebbe poter credere in lui, lo pregherei di chiuderla qui. O ci salviamo o basta, Questo è accanimento terapeutico, non abbiamo saputo trovare nessun altro pianeta e pensiamo, ora, di poter salvare la terra. I bunker con i rifugiati sono ormai al collasso e la rigenerazione della Zona X, circondata da questi muri che salgono fino al cielo e rendono il mondo davvero piccolino, resta la nostra unica opzione di sopravvivere come genere umano. Qui deve rinascere la vita, e allora i bunker si apriranno e arriveranno le persone
Le altre persone.
Che non sanno cosa vuol dire essere qui, altro che traversata in solitaria, e forse due anni sarebbero tanti per chiunque. Non solo per me. Non solo per Olimpia.
Forse a un certo punto bisognerebbe anche arrendersi. [...]




Comando centrale 001 Alfa
Sala di controllo missione Safe Earth
Marzo 2041

«Perché lo fa?»
«Lo sa, Capitano. È la routine.»
«Sì, ma non è necessario farlo per otto ore, come fa lei.»
«Per lei il tempo non ha più alcuna importanza.»
«E la bambina?»
«La bambina cresce e sembra sana, con uno sviluppo un po’ rallentato. Ma non potendola visitare non abbiamo alcuna certezza, se non le rilevazioni della dottoressa. E anche sulla dottoressa non abbiamo più alcuna certezza.»
«Cosa intendi?»
«Intendo che ok non mandarla da sola, ok accettare le sue condizioni e mandarla con la bambina, ma lì fuori ci sono solo loro, Capitano. E la bambina sta crescendo in un mondo dove non esiste nessun altro se non sua madre. Se ci fosse anche un padre sarebbe uno Shining niente male, degno del miglior King, non crede?»
Il Capitano fa un lungo respiro, ma la sua voce suona ferma.
«La aiuteremo. La dottoressa è lì fuori per salvarci tutti; se perdiamo lei, perdiamo. Punto. Manca così poco. Ci sono i germogli, li hai visti anche tu. E il muschio. E il livello delle acque che si è alzato, il terreno che comincia a essere fertile. Troveremo una soluzione. Fai preparare Julius per una consegna notturna nei prossimi giorni. E al prossimo collegamento video voglio assistere anche io.


***********************************************************************


Forse il segno è arrivato. Sotto forma di un pacco, che ho trovato stamattina fuori, vicino alla serra delle coltivazioni autoctone. Volevo un segno, è arrivato; avete capito? Loro sanno che combatto per loro. Loro sanno che sono stremata. Ma riuscirò, lo sento. La prima e l’ultima a dover fare questo. La prima e l’ultima.
Anche se, Olimpia...
Ho sbagliato a portarla, certo che ho sbagliato.
Forse hanno ragione loro. Forse dovrei lasciarla andare, nella base di recupero e decontaminazione, così potrebbe vedere altre persone, potrebbe vivere qualcosa che qui non può avere.
Dicono che sembra sana, anche dalle mie rilevazioni e le mie rilevazioni su Olimpia sono ineccepibili. È la mia bambina.
Se la curva di crescita prosegue per altri tre mesi, la meta sarà a un passo.
E a quel punto potrei lasciare andare Olimpia nel campo di decontaminazione, potrei lasciarla andare e poi rivederla al massimo dopo due anni, e allora sì, che di cose di cui parlare ne avremmo di sicuro. E lei potrebbe vivere. Chi sono io per dire che la vita nei bunker sia peggiore di questa? Io la mia vita, prima di tutto questo, l’ho avuta. L’ho amata, l’ho vissuta. L’ho avuta, ripeto, e scusate, ma concentriamoci sul concetto di avuta. Era mia.
Ora è della mia missione.
Del piano di salvataggio.
Della routine.
Ma Olimpia la sua vita deve ancora averla.
Potrebbe partire subito. Certo, se andasse via domani non avrei certezza sul nostro ricongiungimento, ma non è importante. È importante che abbia la sua vita.
È importante che questa missione non distrugga l’unica persona al mondo che vorrei salvare.
Olimpia non ha una routine. Olimpia non segue il piano di salvataggio. Non può sopravvivere a questo. Olimpia deve partire. La routine non si infrange, si segue.
Mi chiedo se dovrei parlarne con lei, ma è solo una bambina. E sono certa che sapere la sua gioia nel lasciarmi mi spezzerà il cuore, ma lo accetterò.




Comando centrale 001 Alfa
Sala di controllo missione Safe Earth
Aprile 2041

Davanti al monitor è seduto il dottor Constance.
Il collegamento video comincerà tra pochi minuti, e il Capitano sta arrivando. La dottoressa si sta sistemando nella saletta di trasmissione, ha una cartella gonfia dalla quale spuntano foglietti che rischiano di volare via a ogni movimento del suo corpo.
Vladimir Constance la osserva con cura, zoommando sul suo viso, cercando di carpire qualsiasi sfumatura. Al collegamento video di tre mesi prima la dottoressa gli era sembrata davvero provata e sull’orlo di una crisi di nervi. Vladimir aveva avuto paura, anche se non lo aveva confessato a nessuno. Si era reso conto, scrutando negli occhi della donna, che la sua mente si stava logorando e quel logorio la stava portando alla pazzia. E la sua pazzia era la loro fine.
Il dottor Constance si era opposto alla candidatura della dottoressa. Nonostante i risultati brillanti a tutti i test, una bambina al seguito gli sembrava una follia troppo grande anche per una donna come lei. La dottoressa, da quando era rimasta vedova, portava la bambina sempre con sè. Olimpia era stata a vedere la foresta amazzonica devastata dalla siccità all’età di quattro anni. Olimpia era con la dottoressa durante la missione sul satellite 115, che era stata un buco nell’acqua, e aveva cinque anni. Olimpia aveva visitato la Zona X mentre veniva tirata su dagli ingegneri, a sei anni. E in tutti i sopralluoghi successivi, fino a quando non vi erano entrate entrambe, rinchiuse in quella che il dottor Constance definiva la “Zona d’interesse”. Gli ricordava molto quel film di non troppi anni prima (ma che ormai sembravano secoli) il fatto che ovunque fossero presenti telecamere che riprendevano la vita delle due abitanti.
Se non c’era Olimpia, la dottoressa non si muoveva. Rimandava la missione o la rifiutava.
Eppure lui le aveva chiesto di lasciarla al Comando Centrale, le aveva assicurato che se ne sarebbe preso cura lui, come se fosse figlia sua, ma la dottoressa no, aveva detto. Senza Olimpia io non parto, io non vado in missione, io non vi salvo il culo se con me non c’è anche mia figlia, hai capito bene Vladimir? E se volete il culo salvo dovete accettare le mie condizioni, non potete dettarne alcuna.
E loro le avevano accettate. Si sentivano in colpa? Certo, ogni giorno, ogni ora, guardavano quella bambina che girava, esplorava, parlava da sola, entrava in una dimensione altra a modo suo e in quella dimensione le pietre sembravano visi, e ogni pietra aveva un nome e tutte indicavano un sentiero al quale aveva dato altri nomi. La bambina dava nomi a tutto. L’avevano guardata perdere il contatto con la realtà, ma avevano pensato che tutto sommato lei stava all’aperto, lei viveva. Comico, no? Si chiedevano anche loro chi fossero per dire che la vita nella zona d’interesse fosse peggiore di quella nei bunker. E tacevano.
E il dottor Constance con loro; salvare il pianeta valeva ben il sacrificio di una bambina.
L’ingresso del Capitano interrompe i pensieri del dottore.
«Tra quanto parte il collegamento?»
«Un minuto, si sieda qui, non si faccia vedere la prego. La dottoressa, come saprà, è un tantino suscettibile ai cambi di routine. »
«Sì, sì, dottore. La routine della dottoressa è ormai leggenda. Qui va bene?»
«Perfetto. Non intervenga per nessun motivo, ma ascolti attentamente. Tre secondi.»
«Muto come un pesce, giuro.»
«Sarà meglio.»
I due uomini si sorridono con cameratismo. Ormai li lega un affetto sincero, velato da molti rimorsi. Si comprendono bene.
«Buonasera Dottoressa. Sono il dottor Vladimir Constance. Sono pronto a ricevere gli aggiornamenti.»
«Buonasera, Vladimir. Non memorizzi mai, nello script è indicato che devi dire: sono pronto per ricevere. Per. Sei sempre stato uno studente disattento, Vladimir. Per questa volta passi, ma sai quanto sono suscettibile su queste cose.»
«Mi scuso. Sono pronto per ricevere gli aggiornamenti.»
I primi cinque minuti del collegamento video viene dedicato al commento dei dati dell’ultimo trimestre, che vengono inviati giornalmente dalla dottoressa. Confrontano le curve di crescita, i livelli delle acque, le condizioni atmosferiche, scandagliano i dati in maniera chirurgica e giungono alla conclusione che si possa essere cautamente ottimisti.
«E ora, Vladimir. Vorrei parlare del pacco che mi avete mandato. E di Olimpia. La terresti con te? Stando qui ho compreso quanto sbagliata sia stata la mia scelta di due anni fa. Ma questo lo sai già, lo so che leggi tutto quello che scrivo.»
«Non proprio tutto, Nadia. Altrimenti non avrei tempo per fare nient’altro.»
La dottoressa sussulta, sentendosi chiamare per nome. Poi le spunta un piccolo, timido, sorriso.
«La terresti con te?»
«Certo che la terrei con me. La preleviamo, la portiamo nel campo di decontaminazione, analisi e parametri, quarantotto ore e Olimpia sarà qui con me, nel Bunker 1, al Comando Centrale.»
«Bene. E quando potreste prelevarla?
Dietro la dottoressa, nell’inquadratura, è spuntata Olimpia. Singhiozza.
«Mamma.»
La dottoressa gira la schiena alla telecamera. Vladimir può solo guardare e ascoltare.
«Mamma, non mandarmi via. Perché vuoi mandarmi via, mamma? Lo so che non sono stata tanto gentile con te, in questi ultimi mesi, e ti chiedo scusa, ma non mandarmi via. Io qui sto bene, non mi sento sola, non mi mancano altre persone. Vuoi sapere cosa faccio? Cerco cose, ho trovato delle pietre stranissime e gli ho dato dei nomi, Ho raccolto delle conchiglie e le ho messe in un fazzoletto. Ho guardato la corteccia degli alberi per tantissimo tempo senza annoiarmi mai. Non mandarmi via, mamma. Scusami se non seguo la routine, ma posso farlo, puoi farmene una piccolina solo per me e io la seguirò, ti aiuterò di più, ti accompagno quando vai a fare le misurazioni, bagno i semi, scrivo con te. Posso aiutarti, mamma. Ti prego, non mandarmi via.»
La dottoressa si volta verso il dottor Constance.
«Ci risentiamo tra tre mesi e ne riparliamo. Ciao, Vladimir.»


******************************************************************************


Abbiamo stabilito una piccolissima routine che Olimpia dovrà seguire. Le ho promesso in cambio un po’ di tempo per noi. Rientra comunque nel piano di salvataggio, avevo inserito una parte di svago in ogni giorno di routine, quindi mi sento anche in pace con le mie compulsioni.
Viviamo giorno per giorno e ci siamo date una data di scadenza. Potrebbe essere che tra due giorni andrà di nuovo in maniera pessima, chi lo sa. Ne riparleremo prima del prossimo collegamento video.
Ma i valori migliorano e la curva continua a crescere, un punto percentuale in una settimana.
Questo continua a darmi la spinta per andare avanti.
Questo e i nomi meravigliosi che Olimpia ha dato ai sassi e ai sentieri che essi indicano. Un sasso lo ha chiamatoVasilij Kandinskij, pensate un po’. Dice che le ricorda un quadro che le avevo fatto vedere da piccola.
La sua routine è piccola ma efficace. Sono sicura che le salverà la vita. E se lei è salva, lo sono anche io. Lo siamo tutti.
Un giorno dipinge.
Un giorno prepariamo il pane per la settimana.
Un giorno va in cerca di sassi e gli da dei nomi speciali.
Un giorno cerca conchiglie.
Un giorno legge sdraiata sull’amaca.
Un giorno parla con i germogli.
Funzionerà? La prima settimana è andata, è stata brava. Ci siamo sorrise molto. Mi ha reso felice. Stamattina abbiamo anche riso insieme, e ieri fare il pane insieme è stato strano, ma bello. Come dei fili che si riannodano e finalmente senti addosso il peso giusto delle cose, non più sfilacci al vento ma trama fitta che salva il cuore.
Abbiamo pianto molto, avrete capito anche voi che non sono proprio una dal cuore tenero, ma vedere così la mia bambina è stato un colpo anche per una come me. Ci siamo abbracciate come non succedeva da tempo e pianto tanto, parlato tanto, ci siamo spiegate, ci siamo dettate condizioni a vicenda, promettendoci cose importanti.
Oggi io scrivo. Olimpia cerca conchiglie. La routine non si infrange, il piano di salvataggio va avanti. Ci credo. Ci credo di nuovo, avete sentito? Niente potrà fermarmi. Lo salvo, questo fottuto pianeta, avete sentito? Lo salvo. [...]




Comando centrale 001 Alfa
Sala di controllo missione Safe Earth
Giugno 2041

«Cosa stanno facendo?»
«Capitano, stanno facendo il pane, è ovvio.»
«Sì, ma stanno ridendo?»
«Sì Capitano. Ridono.»
«Cazzo, che roba meravigliosa. Be’ a questo punto io vado, dottore. Ci rivediamo il mese prossimo per il collegamento video.»
«Certo, capitano. La routine non si infrange.»
La risata del Capitano riempie il vano della porta mentre esce.
Il dottor Constance si gira verso i monitor. In cucina Nadia e Olimpia stanno preparando il pane, la bambina racconta e la dottoressa ride.
Se Vladimir credesse in Dio, e solo voi sapete quanto vorrebbe crederci, è sicuro che quelle risate Lo convincerebbero a salvare il Pianeta.
Fosse anche solo per farci vivere Nadia e Olimpia per sempre.
Different Staff
Different Staff
Admin
Admin

Messaggi : 722
Punti : 2103
Infamia o lode : 7
Data di iscrizione : 26.02.21

Torna in alto Andare in basso

Routine Empty Re: Routine

Messaggio Da Petunia Mer Mag 15, 2024 7:02 am

Ciao autor
Ho trovato questo racconto “straniante” e ipnotico. Il pregio maggiore è che sono riuscita in qualche modo a entrare in questa dimensione incredibile. Nulla viene spiegato, alcune informazioni vengono rilasciate gradualmente nei vari passaggi ma restano comunque informazioni insufficienti. Potrebbe trattarsi di un esperimento, di un allenamento in caso di distruzione del pianeta, di un Truman show, di una realtà parallela… insomma mancano tanti elementi per comprendere in modo razionale gli accadimenti. 
Quello che funziona è il ritmo, che pure in modo lento, non stanca e tiene il lettore impegnato fino alla fine (fosse solo per la curiosità di sapere qualcosa in più.)
I dialoghi mi sono piaciuti, la trovata in generale ha un proprio fascino 
ma troppi sono i perché inevasi per potermi ritenere del tutto soddisfatta da questo lavoro.
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2277
Punti : 2510
Infamia o lode : 43
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Routine Empty Re: Routine

Messaggio Da Arunachala Mer Mag 15, 2024 5:20 pm

la storia mi ha catturato abbastanza, visto che ci sono degli ottimi dialoghi e che la narratrice è trascinante.
però mi manca qualcosa.
forse a mancare sono proprio alcune spiegazioni di base.
posso intuire il motivo dell'esperimento, dato che parli anche di bunker ormai allo stremo, però qualche particolare in più sarebbe stato gradito e utile alla storia in sé.

______________________________________________________
L'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Routine Namaste

Non si può toccare l'alba se non si sono percorsi i sentieri della notte.

Kahlil Gibran
Arunachala
Arunachala
Admin
Admin

Messaggi : 1340
Punti : 1568
Infamia o lode : 16
Data di iscrizione : 20.10.20
Età : 67
Località : Lago di Garda

Torna in alto Andare in basso

Routine Empty Re: Routine

Messaggio Da Flash Gordon Ven Mag 17, 2024 9:01 am

Era post-atomica e d'essa quel che rimane si organizza, deve seguire un canone e lo fa ma...
La fabula del racconto segue una precisa sequenza temporale e la rispetta in contemporanea con la storia. L'intreccio è imperniato  quasi del tutto con i dialoghi che rendono leggera la narrazione diretta.
Per sopravvivere avremo bisogno dunque di una routine?
Dovremo superare il protocollo e imparare a essere umani.
La razionalità unita alla necessità avrà il sopravvento sull'umanità.
Le sensazioni e le emozioni non possono essere abbandonate, nemmeno in un futuro contaminato e l'uomo ha necessità di vivere oltre le radiazioni.
E alla fine vince il senso esistenza nella leggerezza delle emozioni e il risiedere all'interno dell'incoscienza giovanile vuol dire credere nel futuro senza protocolli inviolabili anche se paiono l'unica via possibile per sopravvivere.
Non è così, non funziona così e questo è il messaggio che lasca questo bel racconto. Molto apprezzato.

______________________________________________________
Lascia che l'anima trovi se stessa...
Flash Gordon
Flash Gordon
Padawan
Padawan

Messaggi : 228
Punti : 358
Infamia o lode : 8
Data di iscrizione : 27.01.23
Età : 57
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

Routine Empty Re: Routine

Messaggio Da Akimizu Ven Mag 17, 2024 11:52 am

A me è piaciuto moltissimo questo pezzo. All'inizio in realtà mi ha fatto un po' storcere il naso, è davvero ardito lo stile scelto, tutte quelle ripetizioni, gli a capo, le frasi secche. Poi, pian piano che la trama si dipana, si distende anche la scrittura e sembra quasi che le manie psicotiche della dottoressa, la sua routine che è una specie di DOC, vengano meno come viene meno la mania dell'autore di essere così duro col lettore. L'atmosfera creata è straniante, ma il tutto viene mitigato dagli interventi delle persone nel bunker, i cui dialoghi così naturali e semplici riportano il testo a un piano umano. Bellissima l'evoluzione del rapporto tra madre e figlia. Che dire, per ora è il mio pezzo preferito. A rileggerci!
Akimizu
Akimizu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 775
Punti : 835
Infamia o lode : 3
Data di iscrizione : 10.01.21
Età : 43
Località : Barumini

Torna in alto Andare in basso

Routine Empty Re: Routine

Messaggio Da FedericoChiesa Ieri alle 10:00 pm

Tieni legato il lettore a un testo in principio alienante, poi via via più scorrevole, alleggerito anche da dialoghi naturali.
Lo porti piano piano a scoprire una realtà solamente accennata, con indizi disseminati qua e là, che lasciano dubbi ma anche spazio alla libera immaginazione.
Bello il rapporto mamma-figlia, ma anche quello tra Nadia e il dottor Costance.
Ecco, qualche indizio in più avrebbe il pregio di non distrarre il lettore a pensare troppo, lasciandogli apprezzare un testo a volte duro e schematico.
Piaciuto.
FedericoChiesa
FedericoChiesa
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 533
Punti : 594
Infamia o lode : 3
Data di iscrizione : 24.04.21
Età : 57
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Routine Empty Re: Routine

Messaggio Da M. Mark o'Knee Ieri alle 10:45 pm

Inizio da alcune imprecisioni che compaiono nel testo.
- "ad ogni aspettativa": la d eufonica, in questo caso, sarebbe da evitare;
- "la terra": parlando del pianeta, richiede la maiuscola;
- "con sè": con sé;
- "I primi cinque minuti [...] viene dedicato": vengono dedicati;
- "gli da dei nomi": dà.
Penso sia mancata un'ultima, attenta, revisione.
A parte questo, il racconto è ben scritto e si legge senza difficoltà. Molto buona la gestione del ritmo, ben sincopato nella prima parte, più liscio e lento nella seconda, con un passaggio graduale fra i due momenti.
Ciò che invece non è per niente graduale è il cambiamento della ragazzina, che passa  in modo repentino da un atteggiamento piuttosto altezzoso nei confronti della madre ("lei volta la faccia e se ne va sulle sue gambette magre, urlando che non le interessa, che ha da fare") a un tono remissivo e supplichevole ("Mamma, non mandarmi via. Perché vuoi mandarmi via, mamma? Lo so che non sono stata tanto gentile con te..." ecc.), in quello che appare come un monologo ininterrotto e poco naturale.
Un mutamento inspiegabile, considerando quello che ci viene raccontato da Nadia.
A meno che la spiegazione non sia da ricercare nel famoso (e fumoso) "pacco" che il Capitano fa recapitare nottetempo nella Zona X ("Fai preparare Julius per una consegna notturna nei prossimi giorni"). Ma si resta a livello di ipotesi, dato che il contenuto del pacco non viene rivelato.
E si resta a livello di ipotesi anche per tanti altri aspetti, a partire dalle cause per cui la Terra è al collasso, fino alla reale relazione che esiste fra Nadia e Olimpia ("Mia figlia. Non partorita con dolore, no, ma accolta con amore nei bei tempi andati").
In definitiva, c'è troppo di non detto, di non svelato, di non spiegato per far sì che il racconto sia apprezzabile pienamente.
Grazie
M.

______________________________________________________
"E perché è più utile scrivere di ciò che vuoi conoscere meglio, invece di ciò che credi di conoscere già." - Matteo Bussola
M. Mark o'Knee
M. Mark o'Knee
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 744
Punti : 865
Infamia o lode : 9
Data di iscrizione : 27.01.22
Età : 68
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Routine Empty Re: Routine

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.