Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» GUSTAV
Nemesi EmptyVen Apr 12, 2024 3:25 pm Da Giammy

» IL MIO RACCONTO A ZERO
Nemesi EmptyVen Apr 12, 2024 11:21 am Da Claudio Bezzi

» E sei ancora dedicata a Licia Mizzan
Nemesi EmptyVen Apr 12, 2024 9:10 am Da Flash Gordon

» L'incantesimo
Nemesi EmptyVen Apr 12, 2024 9:08 am Da Flash Gordon

» Pachamama - Paletti Secondo Step
Nemesi EmptyMer Apr 10, 2024 10:46 pm Da tommybe

» Il tempo di un nome
Nemesi EmptyMer Apr 10, 2024 12:02 am Da Susanna

» Una costellazione col mio nome
Nemesi EmptyMar Apr 09, 2024 1:11 pm Da tommybe

» Notte nella 56° strada
Nemesi EmptyMar Apr 09, 2024 1:03 pm Da Flash Gordon

» Le bugie hanno le gambe corte
Nemesi EmptyMar Apr 09, 2024 12:14 pm Da Claudio Bezzi

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Nemesi

2 partecipanti

Andare in basso

Nemesi Empty Nemesi

Messaggio Da M. Mark o'Knee Lun Mar 18, 2024 7:04 pm





Macabro ritrovamento nel residence per dipendenti
e pensionati di un’industria chimica
Alexandria (VA), 11 maggio. Dal nostro corrispondente.
Nella serata dell’8 maggio, la polizia è intervenuta nel residence della BlueChem, allertata da inquilini che avevano sentito sparare in un appartamento.
All’interno del 164, gli agenti hanno rinvenuto il cadavere di un anziano ex dirigente dell’azienda, freddato con un unico colpo alla testa, in quella che aveva tutta l’aria di un’esecuzione.
L’uomo stringeva in pugno una vecchia Luger in perfette condizioni, che aveva esploso – inutilmente – almeno due colpi, poi ritrovati conficcati in una parete e nel soffitto.
La natura dell’omicidio e l’arma particolare, nonché la coincidenza con il quarantennale della resa dei tedeschi che mise fine alla Seconda Guerra Mondiale (8 maggio 1945 – 8 maggio 1985) hanno spinto gli inquirenti a indagare fra i cosiddetti “cacciatori di nazisti”, senza però, al momento, alcun riscontro.
Svelata invece la vera identità dell’ucciso: Jürgen Starklich, un nazista tristemente noto come il Boia per l’impressionante numero di persone uccise ad Auschwitz e Buchenwald.
Una rivelazione che, oltre a rafforzare l’ipotesi investigativa, apre scenari e domande inquietanti sull’arrivo e la permanenza nel nostro Paese di un tale criminale, del quale si erano perse le tracce fin dal 1948.
 
Il breve articolo, apparso giorni fa sul Fairview Telegraph, mi ha spinto a cercare di rispondere alle domande che si pone il giornalista. Ma mi sono ben presto reso conto che non era un compito affatto facile e che il problema più grosso era da dove iniziare a raccontare.
Potevo partire dalla cantina, dato che è lì che tutto è cominciato: dal ritrovamento di documenti che… Ma c’erano troppe informazioni che avrei dovuto dare per scontate. Esattamente come se avessi cominciato parlando del Boia e tralasciato a spiegazioni successive il come e il perché mi fossi trovato a contatto con quel criminale.
La scelta migliore, mi sembra, è partire da me stesso, fino ad arrivare ai fatti che dettero una scossa alla mia breve e, fino a quel momento, sonnacchiosa permanenza a Salta, in Argentina, alla fine degli anni Quaranta.
Chiamatemi Jason, dunque, nato a Fairview, in Virginia. All’epoca, avevo da poco compiuto ventisei anni.
Una leggera zoppia alla gamba sinistra e le mie spiccate doti linguistiche (a diciott’anni parlavo fluentemente tedesco e spagnolo) avevano fatto sì che passassi gli anni del conflitto mondiale lontano dai combattimenti, impiegato prima come ufficiale di collegamento e poi assegnato a operazioni di intelligence e interpretariato in varie città europee.
Avevo dunque maturato una buona esperienza, sia rappresentativa che investigativa, e, nell’immediato dopoguerra, il Dipartimento di Stato mi inviò all’ambasciata americana di Buenos Aires come attaché, in vista di un eventuale futuro incarico diplomatico.
Arrivai a Buenos Aires nel novembre del 1947, accolto con grande e comprensibile entusiasmo. Sbrigate le formalità, mi misi infatti subito al lavoro con i colleghi, ben felici di poter contare anche su di me per ridurre la mole di pratiche che ingombrava le scrivanie. Le relazioni a vari livelli che il presidente Perón cercava di allacciare, soprattutto con gli Stati Uniti, creavano pile di documenti da smaltire al più presto.
Un’accoglienza più fredda e formale mi venne invece riservata dagli agenti dell’intelligence. Il capo in particolare, un paranoico, nazionalista fino al midollo, nonostante sapesse bene quale fosse il mio incarico, non mi dimostrò mai spirito collaborativo, pretendendo anzi di controllare i miei resoconti – parte integrante dell’apprendistato – pensando di trovarci chissà quali messaggi cifrati.
Credo che proprio a seguito delle sue pressioni finii per ritrovarmi quasi esiliato, allontanato dalla Capitale e spedito in un consolato di provincia con la banale scusa di “farmi le ossa”. Nel darmi la comunicazione, l’ambasciatore mi sembrò dispiaciuto e a disagio, ma, a quanto pareva, c’erano ordini superiori ai quali anche lui doveva sottostare. Sul momento pensai a un qualche conflitto di potere all’interno del Dipartimento, e solo più tardi compresi il reale obiettivo di quella manovra diversiva: c’erano delle operazioni nelle quali non dovevo proprio mettere il naso.
Così, a poco più di un mese dal mio arrivo in Argentina, mi ritrovai a Salta, nel nord-ovest del Paese, ai piedi delle Ande nel pieno dell’estate subtropicale.
Il lavoro languiva e passavo le giornate rintanato nei locali del consolato o nell’annesso appartamento. Era una lotta quotidiana contro noia e caldo, appena mitigato dalle pale appese al soffitto e da sporadiche piogge che, almeno per un paio d’ore, facevano calare di qualche grado la temperatura.
Finché, un pomeriggio, un sonoro bussare alla porta del mio ufficio venne a risvegliarmi dal torpore. Il segretario introdusse un ufficiale della polizia cittadina che era venuto a chiedere di potermi parlare. Il tenente Castillo (così si presentò) mi pregò di accompagnarlo sul luogo – peraltro molto vicino – di un ritrovamento “muy singular”.
Pur non essendo entusiasta di affrontare la calura esterna, presi giacca e cappello e mi avviai verso l’uscita. Notando il mio modo di incedere un po’ claudicante, Castillo assunse un’espressione imbarazzata, quasi fosse dispiaciuto di costringermi a camminare.
– Oh, non si preoccupi tenente, – mi affrettai a rassicurarlo, – è una cosa che mi perseguita dalla nascita. Ormai non ci faccio più caso.
Al che sorrise e mi seguì all’esterno.
–  È successo qualcosa a un mio concittadino? –, gli chiesi mentre avanzavamo lungo la via assolata.
– No, signore. Niente del genere. Siamo stati chiamati dal señor Sosa per alcuni documenti che ha trovato nella cantina del suo nuovo negozio.
– Ah, bene. Ma ancora non mi è chiaro il perché del mio intervento.
– Be’, non è facile da spiegare. Comunque, siamo arrivati e potrà rendersene conto con i suoi occhi.
E mi indicò una costruzione d’angolo con delle grandi vetrine polverose e una vecchia insegna sulla quale si leggeva a malapena la scritta Antigüedades.
La polvere regnava dappertutto e si sollevava dal pavimento in nuvolette dense a ogni passo. Diverse serie di orme, alcune vecchie, altre più recenti, rivelavano un assiduo andirivieni fra ingresso e porta della cantina, nonostante il negozio fosse ormai chiuso da mesi.
Con il fazzoletto a coprire naso e bocca, attraversammo piano il locale, ancora ingombro di tavoli e scaffali che mettevano in mostra cianfrusaglie di dubbio valore.
Arrivati a poco più di metà della stretta scala che portava in cantina, fummo assaliti da una sensazione di fresco che, appena messo piede nella stanzetta, si fece così piacevole da farmi desiderare di abbandonare il mio comodo ufficio e trasferirmi in pianta stabile fra quelle quattro pareti spoglie.
La cantina era un unico vano dal soffitto basso e le pareti intonacate a gesso, appena illuminato da una lampadina nuda piazzata sopra l’ingresso. Il signor Sosa e un altro poliziotto ci stavano aspettando in piedi, vicino a quello che restava di uno scaffale malconcio, dietro il quale, nello spostarlo, si era palesato un vano scavato nel muro e rivestito di metallo. Al suo interno, una cartellina contenente alcuni fogli scritti in tedesco e un paio di foto, e sulla copertina spiccava, impressa in inchiostro rosso, la scritta ODESSA.
Tre paia di occhi squadravano la mia faccia, che non riesco a immaginare quanto, in quel momento, fosse trasfigurata dallo stupore.
Già conoscevo quell’organizzazione, nata dalle ceneri del nazismo con lo scopo di portare in salvo, fuori dalla Germania, il maggior numero possibile di SS in vista dell’imminente sconfitta. E trovarne traccia in Argentina sembrava avvalorare le peggiori paranoie del capo dell’intelligence all’ambasciata.
Chiusi di scatto la cartellina e chiesi ai due poliziotti se potevano fare una veloce inchiesta presso i vicini – non più di una mezza dozzina di persone – riguardo ai possibili movimenti dentro e fuori dal negozio. Nel frattempo, il signor Sosa mi riassunse brevemente quanto sapeva dei passaggi di proprietà del fondo e dell’annessa cantina.
Rimettendo insieme le informazioni racimolate dagli agenti e i particolari raccontati dal Sosa, mi fu chiaro che il negozio, ormai dismesso, era stato teatro di una serie di incontri fra il gestore, un certo Mr Doe, e altri strani personaggi, chiaramente stranieri. Incontri che erano cessati all’improvviso, in coincidenza con la vendita del fondo, proprio nel momento in cui il proprietario aveva ripreso le chiavi per consegnarle a Sosa. E Mr Doe, andandosene in fretta, non era stato in grado di ripulire a fondo la cantina. In effetti, nessuno lo aveva più rivisto in giro. Se n’erano ormai perse le tracce e i documenti abbandonati risultavano a quel punto di ben poca utilità.
Decisi comunque di tenerli. Rilasciai agli agenti una ricevuta per la cartellina e il suo contenuto, ringraziai tutti per la collaborazione e abbandonai a malincuore il fresco della cantina per tornare al consolato.
Sparsi sul tavolo il contenuto del plico. Erano schede anagrafiche di due alti ufficiali delle SS: Jürgen “Scharfrichter” Starklich e Richard “Löwe” Kindloss. Le due qualifiche (Scharfrichter significa “boia”, “esecutore”, e Löwe vuol dire “leone”) riecheggiavano l’antica tradizione tedesca che oggi potremmo definire “il boia e lo sbirro”, due figure tristemente famose nei villaggi medievali per le loro esecuzioni capitali cruente e spietate. Non erano certo necessari altri attributi per definire i due personaggi.
Eppure, le loro facce, tolti berretto e orpelli militari, apparivano normali, fin troppo comuni, tristi ritratti di ciò che una quindicina di anni dopo sarebbe stata descritta come “la banalità del male”.
Prima di archiviarli, trasmisi gli incartamenti per telefoto all’ambasciata, con il resoconto dettagliato di come ne ero entrato in possesso e le mie considerazioni riguardo ai due. Ora, le uniche possibilità di intercettarli in Argentina erano tutte nelle loro mani, mentre a me non restava altro che ripiombare nella solita monotonia.
Che, giusto un paio di giorni dopo, venne interrotta di nuovo dai tre colpi secchi delle nocche del segretario sulla porta.
Mi consegnò una busta con l’intestazione Ferrocarriles Argentinos. Vi trovai un invito, per il prossimo 2 febbraio, per l’inaugurazione della nuova tratta ferroviaria d’alta quota che andava a collegare Salta al porto di Antofagasta, in Cile.
Un’auto delle Ferrovie sarebbe passata a prendermi alle sette del mattino per portarmi alla corriera con la quale, insieme alle varie autorità, saremmo saliti alla stazione di Salta per iniziare il viaggio.
Naturalmente, risposi che accettavo.
Una banda musicale, il classico taglio del nastro e finalmente partimmo, arrancando in salita alla velocità di circa trentacinque chilometri orari: un passo lento, ci spiegarono, dovuto alla pendenza del tragitto, ma anche per favorire un adattamento progressivo dell’organismo alla differenza di pressione.
E, pensai, pure alla scarsa performance della vecchia locomotiva a vapore, i cui sbuffi prolungati parevano attaccarsi ai vagoni come nuvole dense di pioggia.
Pensai anche, dopo paesaggi all’inizio incantevoli ma via via sempre più brulli e monotoni, di aver scambiato noia con noia; almeno finché non raggiungemmo il viadotto de La Polvorilla, il punto più alto del tragitto.
Il viadotto era spettacolare: una struttura metallica a oltre sessanta metri dal suolo che copriva una distanza di quasi duecentocinquanta metri sopra un canyon.
Al termine del ponte ci fermammo su un terrapieno, dove un gruppo di andini gestiva un mercatino di prodotti artigianali. Detti un’occhiata superficiale, incuriosito più dal come fossero arrivati lì che dalle loro merci. E mi accorsi che lungo la parete del canyon era stata ricavata una scalinata a zig zag che terminava sullo spiazzo.
A circa metà del percorso vidi due figure che salivano in fretta: sembravano escursionisti, ansiosi però di proseguire il loro viaggio in treno. Appena giunti in cima, raggiunsero uno dei passeggeri che pareva li stesse aspettando. Quasi senza parlare, il tizio li accompagnò all’ultimo vagone, consegnò loro un pacchetto, ricevendone in cambio uno da entrambi e si allontanò lungo la scala.
– Ha visto quell’uomo?
Al suono improvviso della voce alle mie spalle, mi voltai.
– Oh, tenente Castillo. Anche lei qua?
– Sì, signor console, ai suoi ordini. Sono al comando della sicurezza.
– È un piacere saperlo, tenente. Ma che cosa mi stava dicendo?
– Che ho riconosciuto quell’uomo, in fuga sulle scale: è il vecchio gestore del negozio.
– Intende quel negozioQuella cantina?
– Già. Purtroppo ora non posso allontanarmi, ma alla prossima fermata segnalerò il fatto ai miei colleghi.
Ripensando allo scambio intercorso, feci un cenno al tenente.
– Venga con me – dissi, avviandomi verso l’ultimo vagone.
Salimmo a bordo e gli indicai i due individui che si erano accomodati sulle panche, uno di fronte all’altro. Ci concentrammo un attimo sul volto dell’uomo rivolto verso di noi e subito ci guardammo negli occhi: entrambi lo avevamo già visto, impresso su una delle foto allegata ai documenti della cantina.
Kindloss.
E dunque l’altro non poteva essere che Starklich, il Boia.
Una scossa ci avvertì che il treno era ripartito.
Castillo fece per voltarsi e andare a chiamare rinforzi, ma un giovane si precipitò lungo il corridoio, travolgendoci e gridando qualcosa in tedesco:
– Kindloss, io sono la tua Nemesi!
Nella sua mano apparve una pistola. Sparò due volte e colpì il nazista, che si accasciò sul sedile. Nel vagone si scatenò il caos: passeggeri che gridavano e si gettavano a terra; altri che aprivano i finestrini in cerca di una impossibile via di fuga.
Spinto dalla foga del ragazzo, ero rimasto a terra, fra due panche e, incapace di muovermi, assistevo alla scena come fosse al rallentatore.
Vidi che, arma ancora in pugno, si era avvicinato all’altro nazista, impietrito e rannicchiato contro la spalliera.
Vidi Castillo estrarre la pistola e intimare al giovane di fermarsi.
Vidi quello voltarsi, pistola puntata e un ghigno di rabbia a deformargli il volto, e, all’improvviso, volare indietro, colpito al petto dal tenente.
E vidi infine un’altra figura sfrecciare lungo il corridoio, abbattere Castillo con una spallata, afferrare il boia come fosse una pagliuzza e sparire entrambi oltre la porta del vagone.
Silenzio.
Poi rotto da gemiti, pianti, grida, provenienti da sotto i sedili.
Aggrappandomi a una spalliera, riuscii ad alzarmi e ad aiutare Castillo, ancora intontito per la botta ricevuta.
Attraverso la porta aperta del vagone, la sera sembrava colare all’interno come un liquido scuro, mentre il sangue del ragazzo faceva il percorso inverso, incanalato in due rivoli paralleli lungo un’asse del pavimento.
La nostra carrozza era l’ultima.
Quando il tenente e io ci affacciammo sul terrazzino, ci accolse solo la scia d’acciaio dei binari che si allontanavano.
Dov’erano finiti quei due?
Il mistero ci seguì per il resto del viaggio. Fino a quando, arrivati ad Antofagasta, decisi di imbarcarmi per gli Stati Uniti, per non affrontare il ritorno in treno e fare il mio rapporto di persona.
Salutato Castillo, ero già sul ponte della nave, quando mi parve di riconoscere due figure in mezzo ai passeggeri ancora sulla scaletta. Mi precipitai in plancia, per avvisare il capitano di chi sospettavo stesse salendo a bordo, ma quando mi voltai i due erano spariti, come era già successo sul treno.
Durante la traversata, scandagliavo i visi dei passeggeri e dei membri dell’equipaggio in cerca di un volto. E non potevo fare a meno di pensare che quella fuga rocambolesca fosse una sorta di “piano B” messo in atto da un agente (CIA? FBI?), piazzato sul treno per sorvegliare e facilitare il transito dei due nazisti. Che, attraverso Argentina e Cile, dovevano poi evidentemente raggiungere gli Stati Uniti. Proprio come tanti altri avevano fatto: sia noi americani che gli inglesi (e, in parte, anche gli argentini) eravamo in gara con i sovietici per accaparrarci i migliori cervelli del Reich.
In quella particolare occasione, una sorta di bounty killer, un “cacciatore di nazisti”, aveva quasi mandato a monte il piano e solo uno dei fuggiaschi era riuscito a mettere piede sul suolo americano.
L’agenzia, qualunque fosse, aveva fatto un buon lavoro, se per quasi quarant’anni il Boia aveva vissuto tranquillamente ad Alexandria. A me, che lo conoscevo, non era capitato mai di incontrarlo, nonostante la vicinanza con Fairview e i numerosi viaggi che avevo fatto da quelle parti.
Ma anche la mia agenzia non è stata da meno. Il nostro Turtle way – così chiamiamo fra noi l’organizzazione – lo ha finalmente scovato e smascherato.
È stata la mia quarta e ultima missione da quando, dopo il mio rientro definitivo negli Stati Uniti, ho sentito il bisogno di impegnarmi per porre fine a certi sporchi giochi, mettere un punto fermo agli orrori perpetrati da quei macellai: orrori sciacquati via in fretta e furia per calcolo e interesse.
Purtroppo per loro, il nostro “punto fermo” è un proiettile ben piazzato.
E, per mano mia, una Nemesi, seppure dopo tanti anni, è arrivata anche per lo Scharfrichter.
M. Mark o'Knee
M. Mark o'Knee
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 697
Punti : 812
Infamia o lode : 9
Data di iscrizione : 27.01.22
Età : 67
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Nemesi Empty Re: Nemesi

Messaggio Da Claudio Bezzi Mar Mar 19, 2024 9:25 am

Simpatico thriller spionistico con finale a sorpresa.
Avrei una sola obiezione; visto che - a differenza degli horror (tu mi capisci  Nemesi 1f606 ) - i racconti di ambientazione storica mi piacciono, e ne ho scritti, c’è il problema fondamentale della veridicità, o quanto meno della verosimiglianza. Questo è un problema in più per questo genere di racconti (oltre al rispetto della grammatica, una trama avvincente, buoni dialoghi, etc.). L’Autore ha due soluzioni: 1) si parla di un personaggio non storico (uno schiavo romano, un soldato napoleonico…) e quindi la veridicità riguarda solo il grande scenario che fa da sfondo; 2) si parla di fatti e personaggi specifici, e quindi occorre far precedere, alla narrazione, un minimo di ricerca storiografica. Nel tuo racconto ho riscontrato diverse lacune sotto questo profilo; ti segnalo le più importanti:
- Peron non aveva buoni rapporti con gli Stati Uniti ma era uno dei capofila di quelli che all’epoca si chiamavano “paesi non allineati”; 
- il boia di Auschwitz fu principalmente Karl Fritzsch (ma ce ne furono altri); il boia di Buchenwald fu Martin Sommer; a mio modo di vedere avevi due soluzioni: 1) usavi come personaggi veri “boia” di un qualche campo (non quelli da te nominati) o, con maggiore libertà, un qualche gerarca nazista veramente fuggito e di cui si sono perse le tracce; oppure 2) viravi leggermente sulla fanta-storia e ti inventavi un campo di concentramento mai esistito; questa seconda soluzione, in quanto artificio narrativo, non disturba il lettore e ti consente poi qualunque trama.
- Il capo locale dell’intelligence non ha il potere di spedire un diplomatico (inviato appositamente dal Dip. di Stato) in provincia; la catena di comando è differente. Probabilmente anche descriverlo come “nazionalista” non appartiene molto - da un punto di vista politologico - agli americani.
- In treno, il tenente Castillo appella il protagonista come “console”, che non è titolo che possa spettare a un attaché, che generalmente è un funzionario.
- Non ci può essere lo zampino dell’FBI nella fuga dei nazisti; l’FBI opera esclusivamente nel territorio federale degli USA.

______________________________________________________
I racconti non si abbandonano come cani in autostrada. Si riprendono, si tolgono le pulci e li si rimette in sesto (rubata a Susanna)
Claudio Bezzi
Claudio Bezzi
Younglings
Younglings

Messaggi : 112
Punti : 149
Infamia o lode : 5
Data di iscrizione : 05.02.24

https://alamagoozlum.blog

Torna in alto Andare in basso

Nemesi Empty Re: Nemesi

Messaggio Da M. Mark o'Knee Mar Mar 19, 2024 12:22 pm

Grazie mille Claudio. È proprio vero che non si finisce mai d'imparare.
Per me è stata la prima volta di un racconto storico, concepito appositamente per uno degli step del contest Different Rooms. In questo caso la stanza oggetto dello step era la cantina, mentre fra gli altri paletti avevamo il tren a las nubes come location (per questo buona parte del racconto si svolge in Argentina) e un "boia" fra i personaggi.
Con le imprecisioni e le debolezze che mi hai segnalato, posso provare a farne un'altra versione (anche se il "simpatico" con il quale apri il commento non è che ispiri più di tanto).
Grazie ancora e alle prossime letture.
M.
M. Mark o'Knee
M. Mark o'Knee
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 697
Punti : 812
Infamia o lode : 9
Data di iscrizione : 27.01.22
Età : 67
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Nemesi Empty Re: Nemesi

Messaggio Da Claudio Bezzi Mar Mar 19, 2024 12:40 pm

@M. Mark o'Knee "simpatico" è buono...  Nemesi 1f601

______________________________________________________
I racconti non si abbandonano come cani in autostrada. Si riprendono, si tolgono le pulci e li si rimette in sesto (rubata a Susanna)
Claudio Bezzi
Claudio Bezzi
Younglings
Younglings

Messaggi : 112
Punti : 149
Infamia o lode : 5
Data di iscrizione : 05.02.24

https://alamagoozlum.blog

A M. Mark o'Knee garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

Nemesi Empty Re: Nemesi

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili
» Nemesi

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.