Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» Il violoncello di Bach
La bella addormentata ner bosco EmptyIeri alle 5:57 pm Da tommybe

» L'incantesimo
La bella addormentata ner bosco EmptyIeri alle 4:04 pm Da tommybe

» Il Viaggio della Vita
La bella addormentata ner bosco EmptyVen Feb 23, 2024 4:38 pm Da Albemasia

» Due barboni
La bella addormentata ner bosco EmptyVen Feb 23, 2024 12:09 pm Da Flash Gordon

» Gazzelle, una bella scoperta
La bella addormentata ner bosco EmptyMer Feb 21, 2024 10:16 pm Da tommybe

» Pachamama - Paletti primo step
La bella addormentata ner bosco EmptyMer Feb 21, 2024 7:00 pm Da Arianna 2016

» E gli auguri a Gippo?
La bella addormentata ner bosco EmptyMer Feb 21, 2024 4:23 pm Da M. Mark o'Knee

» Il campo dei nudisti
La bella addormentata ner bosco EmptyLun Feb 19, 2024 11:47 pm Da Albemasia

» Libri bastardi
La bella addormentata ner bosco EmptyLun Feb 19, 2024 4:02 pm Da AlbertOne

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



La bella addormentata ner bosco

3 partecipanti

Andare in basso

La bella addormentata ner bosco Empty La bella addormentata ner bosco

Messaggio Da Flash Gordon Gio Mag 18, 2023 3:06 pm

La bella addormentata ner bosco


Interno bosco selvaggio, in un castello imprecisato, in una regione sconosciuta, ore 23 circa…
«Fankuloz tutti gli incantesimi del pifferaio magico… dj Lupus in Fabula sgnocca un pezzo trance hip-pop e se apra la melonera che qua in pista non pista ancora nessuno, forza gasolina a mille, me vojo sgommà le chiappe che me se so anchilosate da quarche centinaio de anni».
«Sì, vostra maestà re Refuso, vado col vinile a manetta».
«Forza belli addormentati der bosco muovete a scalera e bailamos todos, sfragniamoci i cubiti con questo pezzo hit der momento».
Sala del Gran Ricevimento, movimento di culi e relativi rinculi, insomma…


«… Quindi ci piacciamo oppure no?
Sangue nella dance floor, ci ballerò
Anche se è soltanto un altro stupido
Sexy boy, sexy boy
Io ci sto
E domani non lavoro quindi
Uh, ce ne stiamo distesi
Ah, sopra i soldi già spesi
Uh, colazioni francesi
Ah, con gli avanzi di ieri
Se non lo facciamo me lo immagino
Dovrei, non dovrei dirti che
… Ho visto lei che bacia lui
Che bacia lei che bacia me
Mon amour, amour
Ma chi baci tu?
Io farò una strage stasera
Ballo tra le lampade a sfera».


«Fortissimo sto pezzo, guarda la regina madre come se sta a spupazzà er ciambellone de corte,
daje de lingua alla francese a sora regì, vai cor rimescolo catartico, ammucchiamose tutti!»


Ma cosa sta succedendo nel palazzo reale? Sono tutti impazziti? Facciamo due passi di danza indietro e vediamo di capirci qualcosa…


In una valle incantenata, no pardon incantata, viveva il re Refuso e la sua tenera sposa regina Margaerutta.
Il loro palazzo reale era un magnifico castello con cento celle, no con cento torri, ed era tutto rivestito con conchiglie di orate fresche, non chiedetemi che sono che nun ce lo so nemmanco io.
Dunque dicevasi de ste sale rivestite e mo me so pure perso er filo d’Arianna… Ahhhh, ecco dunque dicevamo de e re e de a regina e dobbiamo dire che ce stava pure la regina madre che era na fija de sorcia che nun ve dico.
Ma era madre o fija?
Nun se sa, comunque a noi nun ce frega stamo a parlà de e re che siccome je serviva un erede aveva imposto alla regina de non prendere più a pillola anticonvenzionale che e regno ci aveva bisogno de un degno ereditiero che er tempo passa e se stamo a fa vecchi armeno ci avemo quarcuno che ce assiste se no va a finì che ce mannano a quarche RSA.
Questo il reale pensiero.
Ora pe l’appunto che a regina era fertile nun ve dico e notti ar castello quello che se sentiva, era tutto un daije de tacco, daije de punta alla sora Assunta.
Tanto se fece e tanto se disse che ella rimase pregna e doppo nove mesi de sgravitazione nacque er pupo reale.
«Maestà ecco er pupo reale!» Disse la gineprologa de palazzo.
«Ah, finarmente! Oh che bel pupo de papà, famme vedè er pistolino, vedemo un po’ si ci hai rispettato la tradizione de famija. E pirulo e pirula ma ndo cazzo sta er pistolino?».
«Maestà le faccio notare che ella delfina esse una pallocchetta bellilla e pulzilla».
«Ma come? Io me mpegno de brutto pe avecce ‘n erede e a regina me sforna ‘na pallocchetta, ma li mejio mortali sui».
«Maestà le legge del regno impone che la pallocchetta sia a futura regina».
«Semo sicuri segretario generale?».
«Vabbé, m’adeguo alli pari diritti… Se prepari la culla reale e se dia er ricevimento pe l’investitura a futura regina. Segretario prepari la lista delli svitati e se dia ordine de scannà maiali e servaggina e lucidate l’argenteria bona de mi nonna».
«Maestà je faccio notare che nun c’avemo più nulla in dispensa, li maiali se li semo venduti pe pagà er a bolletta de a luce e pe e resto in cucina ce so rimaste solo du rape e qualche spinacio».
«Uhm… Allora che si dia avvio alla più grande festa vegan che se sia mai vista e nun se dica che nun semo ar passo coi tempi. A pereposito segretario, m’ariccomanno de nun invità mi zia Gertrudda che quella porta male e fa puro la chiroamante».
«Provvedo subitissimo vostra maestà».


E fu così che arrivò il famigerato giorno dell’investitura reale dell’infanta reale (Certo che è reale nun c’era bisogno de ripetizione).


Sala delle cerimonie al castello interno festa.


L’arcivescovo Melomeno, dopo aver pronunciato il cerimoniere di corte sull’incoronazione degli ereditieri al trono (In verità se l’era dovuto ripassare tutta la notte perché nun se ricordava ‘na mazza che una), alzò la coroncina, tempestata di zirconi falsi, e la impose sul capino della pallocchetta.
«Con l’autorità di vino, hic! io ti investo a degna ereditiera del trono reale e che tutti si prostatino ai tuoi piedini».
«Maestà me sa che l’arcivescovo s’è de novo scolato la botticella de bianchetto frizzante, ma nun l’avevamo chiusa ner forziere de a cucina?».
«Va a controllà segretario, non vorrei pensare male, sinno che je damo alli ospiti?».
Nel culmine dell’evento ecco che t’arriva chi non doveva arrivare…
«Anemone a te, no, no, anatema a te nipote sciagurato che non m’hai invitato!».
«Uhhhh, zietta bella, perdoname sai co tutto sto bailame ce semo scordati de mandatte l’invito reale»
«Nun ce credo sciagurato! Mo te faccio vedè io li sorci verdi. Così avverrà entro il sedicesimo anno dell’infanta che se pugnerà con un fuso et ella morirà allo istante! Ecco beccte sta maledizione nipote der cacchio».
«Nun poi zietta e re Refuso so io, nun se po fa».
«E che sarà mai, vabbé famo che se punge coll’ago de a maghina de cucì, va bene così? E Mo ve saluto, swhisssssssssssss».
Ed ella svanì in una nube di fumo.
«E prima a festa vegana e mo puro la zia ‘nquinatrice de fumo tossico… aprite le finestre cavolo! Stamo a morì affumicati!».
«Maestà le faccio notare che su zia ci ha appena fatto er malocchio de morte all’infanta».
«Urca, nella concitazione nun me so reso conto. Povera fijetta mia e mo che famo? Parla segretario di quarche cosa».
«E ‘n attimo sto a pensà… sììììì. Dunque ce sarebbe ‘na mia bis cugina che fa le fatture».
«A segretà che me stai a cojonà? Nun ce servono li conti ora, qua se tratta de vita o de morte»
«Nun me permetterei mai maestà, intendevo dire che fa le fatture chimiche, ciòè alchemiche, insomma leva er malocchio».
«E che stamo ad aspetta falla svenì subito»
«Ce sarebbe ‘na cosetta maestà prima».
«Parla sciagurato».
«Sa, sta cugina è tanto porella ci avrebbi bisogno de aiuto, stavo a pensà a quel posticino libero alle poste, sa nun sarebbe male».
«Uhm e vada per il posto alle poste, contento ne? Mo valla a chiamà presto».


In un batter di ciglia il segretario si precipitò a casa dalla bis cugina.
«Evira, presto il re ha bisogno de te e ce sta puro un posto pe te alle poste».
«Ma che dici davero?»
«E certo è questione de vita o de morte!»
«Ma che metto? Un ci ho mica abbiti eleganti».
«Mettite quello che ci hai, nun stamo a guardà ar capello, forza»
«Sillo dici te...».


Stanza privata del re Refuso, interno notte inoltrata.


«Oh, finalmente, me stavo a scazzicà da a fame, me so fatto già tre tramezzini co le olive, tonno e cipolline».
«Perdonate vostra maestà, avemo dovuto pijà er sette sbarrato pe venì a corte e quello fa er giro lungo».
«Bando alle bande, no ciancio alle ciance e famo sta fattura de contro malocchio».
«Amatriciana col parmiggiano, bucio de culo e puro nell’ano sta fattura a morte ha da svanì. Osta osta viva il posto alla posta e l’ago de macchina da cucì lo famo sparì.
E se la reale infanta pulzilla se dovette pungicare lo stesso, non morte sarà ma sonno finché un bel fuso, no pardon maestà, un bel fusto principesco non la bacerà. E per aver effetto tale dicitura si dovrà ballare subito finché la notte dura».
«Oh, finalmente... armeno intanto bandimo le maghine da cucì e tutti l’aghi, provvedi all’editto segretario. E grazie a te bis cugina te sarò graticolo pe sempre».
«Ma se figuri maestà, ‘na cosuccia de niente, me riccomando domani pio posto alla posta».
«Sì, sì. Nun te preoccupa e mo te poi puro levà de li cojoni».


E fu così che furono banditi tutti gli aghi del regno e i sudditi dovettero vestirsi con dei sacchi tagliati al centro pe infilà a capoccia.
La piccola cresceva bella e bellilla come un fiore e tutti la amavano alla follia ma…
Ma non tutti se volevano vestì a cava sacco e infatti s’era creato nel regno un certo giro de aghi de contrabbando. Tanto che li vendevano puro sotto al palazzo colli banchetti de legno, sarvo magagnarli co e stecche de sigarette all’occorrenza de qualche sbirro in giro.
Un giorno e re Refuso decidette de mostrà la proprietà alla fija e la portò fora der palazzo.
«Fijetta mia, vedi tutto questo un giorno sarà tuo».
«A papi, ma so quattro baracche sgarrupate e du negozi de alimentari».
«Nun sta a guardà er capello, anzi pe festeggià quasi quasi me fumo ‘na Marlboro. Buona donna cor banchetto, mi darebbi una stecca de sigarette?».
«Ma maestà so brutte, è tabacco scadente de terza scelta».
«Donna, poche chiacchere io so e re e mo me le dai sinno te faccio tajà a capoccia».
«Come volete maestà».
«Papi, papi, pozzo da fumà puro io ‘na sigaretta, le compagne de classe mie fumeno tutte e me pijano ‘n giro».
«Non sia mai che a fija de e re sia bullizzata, tiè bella palloccheta pijate sta sigaretta!».
A fanciulla allungò la mano dentro la stecca di sigarette ma ahimè dentro v’erano gli aghi pe cucì!».
«Ahhhh, papi me so pungicata con un ago!».
«Nooooooooooooo, aiutooooo!».
Ma il re non fece in tempo a finir di urlare che tutti quanti s’addormentarono in un sonno profondissimo e tutto il regno sprofondò nell’oblio della foresta e tutto fu ricoperto di alberi ed erbe.


Passarono anni, anni e decenni e centenni e secoli e millenni e…
«E che cavolo, nun te sembra de esagerà?».
«Vabbè famo cento anni, te sta bene accussì?».
«Perfetto».
Dunque passarono cento anni e in quel luogo oramai dimenticato dal mondo era in atto una deforestazione comunale per conto della ditta Principe Edoardo e figli.
Brummmmmm, brummmmmmmmm.
«A papi ma quanti arberi dovemo da tajà oggi, me sento stanchino».
«Sti giovani de oggi, dovete lavorà, dovemo tutti lavorà».
«A papi ‘n te cazzà, lo dicheno tutti che ci ho un genitore grezzo e ignorante».
«Me coijoni, è arivato l’elegantone».
«Ecco come volevasi dimostrà».
«Basta dovemo lavorà».
Intanto taglia di qua e taglia di là qualcosa accadde…
«A papi, cori presto».
«Mo che voi?».
«Guarda sotto er tronco ce sta ‘na ragazza, pare morta».
«Famme vedè un pochetto, uhmmmm… ma quale morta nun vedi che questa russa più de tu nonna, sta a dormì ‘mbecille!».
«Papi, papi, je posso dà ‘n bacetto? È tanto caruccia».
«Che me tocca de sentì, e vabbé dai sto bacetto e famola finita che nun ci avemo tempo».
Il Principe figlio s’avvicinò alla fanciulla e con delicatezza le schioccò un bacio sulle labbra!


E mo ritornamo indietro ner futuro e se capirà er perché de tutto.
L’incantesimo s’era sciorto e vissero elli felici, sposati e danzanti tutti ar castello de e re Refuso.
Ma nessuno aveva fatto i conti con la zietta de sor Principe padre…
Però questa è un’altra fiaba che vi racconteremo, mo ve ne potete puro annà a…
Scherzavo e dai nun se po scherza ‘n pochetto che ve la pijate subbito a male!




* Due brevi note, il testo della canzone iniziale è cortesemente preso a prestito dalla canzone di Annalisa “Mon Amour”.
Il dialogo tra il sor Principe padre e il figlio prende spunto dal film “Il conte Tacchia”.

______________________________________________________
Se mi cerchi quando vuoi tu ti rispondo quando voglio io...
Flash Gordon
Flash Gordon
Padawan
Padawan

Messaggi : 150
Punti : 237
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 27.01.23
Età : 56
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

La bella addormentata ner bosco Empty Re: La bella addormentata ner bosco

Messaggio Da Flash Gordon Ven Mag 19, 2023 11:46 am

Per chi volesse ecco la divertente narrazione


______________________________________________________
Se mi cerchi quando vuoi tu ti rispondo quando voglio io...
Flash Gordon
Flash Gordon
Padawan
Padawan

Messaggi : 150
Punti : 237
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 27.01.23
Età : 56
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

La bella addormentata ner bosco Empty Re: La bella addormentata ner bosco

Messaggio Da Susanna Ven Mag 19, 2023 4:31 pm

Che dire di 'sto racconto? Come sempre sfavillante! Certo ci vuole un po' per arrivare alla fine, e ci si riesce meglio immaginandolo declinato in romanesco (preferita la lettura, mi impegna meglio il povero neurone mio), ma cosa si fa? Si va alla ricerca dei nomi strani, delle situazioni allegoriche più impensate (la cena vegan...) e c'è sempre qualcosa di più. Da rileggere.

______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"
Susanna
Susanna
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 2141
Punti : 2358
Infamia o lode : 20
Data di iscrizione : 03.02.21
Età : 67
Località : Rumo (TN)

Torna in alto Andare in basso

La bella addormentata ner bosco Empty Re: La bella addormentata ner bosco

Messaggio Da Achillu Ven Mag 19, 2023 8:40 pm

Ciao, Gian Flash.

Secondo me il Re Refuso poteva essere speso in modo diverso, nel senso che i suoi errori avrebbero potuto influenzare la trama innescando qualche effetto da commedia degli equivoci.
Grazie anche per la recitazione, che mi ha aiutato non poco a superare lo scoglio di iniziare la lettura. Ho trovato poco intuitivo l'inizio e in generale l'impianto narrativo, che è un mix tra sceneggiatura e racconto.
A parte queste considerazioni, mi è piaciuta la rivisitazione della favola con la famiglia reale povera ma comunque obbligata a seguire le tradizioni, adattandole alla situazione economica. Molto apprezzato il tributo al conte Tacchia.

Grazie e alla prossima.

______________________________________________________
La bella addormentata ner bosco Badge-2
Achillu
Achillu
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1427
Punti : 1605
Infamia o lode : 19
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 55
Località : Polesine

https://linktr.ee/Achillu

Torna in alto Andare in basso

La bella addormentata ner bosco Empty Re: La bella addormentata ner bosco

Messaggio Da Flash Gordon Ven Mag 19, 2023 9:03 pm

Grazie Susanna grazie ancora anche a te Achi.
Sì, sposo l'analisi di Achi.
In realtà questi racconti io li chiamo pseudo polpettoni simil teatrali. La trama diviene secondaria alle gags e alla parodia. Son fatti per divertirsi a recitarli. Quando scrivo così mi definisco un lontano figlioccio di Mel Brooks. Comicità surreale e a volte senza un preciso senso ma... attenzione sempre a considerare la satira sociale che si cela dentro e in questo racconto ce n'è molta. Regola number one mi devo divertire prima io altrimenti nisba. Ovvio parlo di questo genere di scritture dove va tutto a farsi friggere e non si capirà mai se il refuso è voluto o no. Il mistero rimane...

______________________________________________________
Se mi cerchi quando vuoi tu ti rispondo quando voglio io...
Flash Gordon
Flash Gordon
Padawan
Padawan

Messaggi : 150
Punti : 237
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 27.01.23
Età : 56
Località : Padova

A Achillu e Susanna garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

La bella addormentata ner bosco Empty Re: La bella addormentata ner bosco

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.