Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Il campionato più bello del mondo

2 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Il campionato più bello del mondo Empty Il campionato più bello del mondo Ven Lug 02, 2021 11:10 pm

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
https:
https://www.differentales.org/t613-consola

Il campionato più bello del mondo
(doveva correre l’anno 2010 e per i mondiali mega schermo in mensa, permessi per orari elastici causa partite... la sottoscritta a tenere a bada quattro telefoni...)
 
Quanto costa un pallone? Poco, se hai il portafoglio ben imbottito.
Un'enormità se con la stessa cifra una famiglia può sopravvivere per sei mesi.
Quanto costano un paio di scarpette da calcio, anche di una sotto-sotto-marca?
Niente. Non costano niente perché Jabu non solo non se le può permettere, ma non saprebbe neanche dove comprarle.
Jabu vorrebbe giocare a pallone, ma non ha tempo: deve lavorare.
I fuoristrada dell'Hotel Lion devono sempre essere puliti e lucidi per le foto che i turisti mostreranno ad amici e parenti al ritorno dal loro "avventuroso" viaggio nel cuore dell'Africa.
Però appena può una partitella con un vecchio pallone sgonfio e due rami per porta, magari in mezzo ad una stradina polverosa, non se la lascia scappare. Gli amici fanno a gara per averlo nella propria squadra: il gioco di piedi di Jabu è fenomenale e quando lui scende in campo - si fa per dire - non c'è storia.
 
IERI
Un anno fa Jabu, nel parcheggio dell'Hotel, ha scambiato qualche tiro al pallone con il viziatissimo figlio di Mr. Rossetti, e anche se scalzo, ha avuto partita vinta, anche con il pallone di cuoio con cui il ragazzo si pavoneggiava.
Rossetti jr si era divertito molto, Jabu aveva avuto una bella mancia e nei giorni seguenti i due ragazzi, con il linguaggio internazionale del gioco, avevano organizzato qualche partita con il personale dell'albergo e con altri ospiti.
Rossetti Senior aveva debitamente documentato le partite e un suo amico di Milano, vedendo le prodezze di Jabu, è riuscito a farlo arrivare in Italia.
I piedi di quel ragazzo avrebbero camminato su un tappeto di euro.
 
OGGI
Jabu è spaesato. C'è freddo e nebbia, il sole non scalda, la gente parla e lui non capisce. Non ha amici. Deve mettere le scarpe anche per stare in casa, e la casa – una sorta di collegio – ha piccole finestre che danno su strade puzzolenti e rumorose. Non si vede un solo albero lì intorno.
Ogni giorno deve giocare a pallone, per ore e ore: hanno trovato un ragazzo – Malik - che parla la sua lingua. Malik è contento: per pochi euro e due pasti al giorno tutto quello che deve fare è tradurre per Jabu gli ordini dell'allenatore.
Ma Jabu non si diverte più.
Ogni domenica ci sono le partite importanti, da studiare davanti alla TV, le partite di riscaldamento con gli eroi del campionato, ma le gambe hanno perso la voglia di correre, le scarpette non gli fanno sentire il tenero e il fresco dell'erba.
Jabu poi non capisce perché alla fine della partita non si può far festa tutti insieme, ma si parte su pullman diversi, guardandosi in cagnesco.
 
Lo hanno rimandato al suo paese, quasi senza salutarlo, insieme ad un sogno infranto, regalandogli magliette e scarpette. Ma le scarpette restano nella loro bella scatola: sulle strade polverose si gioca meglio a piedi scalzi.
Piedi scalzi, sorrisi e un tuffo giù al fiume: il più bel campionato del mondo.
Niente trofei ma una contagiosa allegria. Anche per il pallone sgonfio.
 
*****************
Susanna: è passata una settimana e il calcio alla TV continua a lasciarmi indifferente.
Mi piace di più scrivere, storie strane con personaggi strani ma normali. Come voi.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

2Il campionato più bello del mondo Empty Re: Il campionato più bello del mondo Sab Lug 03, 2021 1:38 pm

Hellionor

Hellionor
Admin
Admin
Cara Susanna, 
premetto che io il calcio me lo godo, quando è ben giocato, come mi gode moltissimi altri sport. Lo sport richiede dedizione, passione e tanto lavoro (ma guarda un po', come la scrittura, solo che per lo sport a una certa c'è una data di scadenza Smile). 
Mi piace molto l'incipit, riesci a farmi arrivare l'amore di Jabu per il pallone, la sua passione. 
Del resto del testo mi rimane una rinuncia e mi spinge a pensare che forse Jabu il sogno del calcio professionale non lo aveva, gli è stato "prestato" dal viziatissimo Rossetti Junior. Non è il suo sogno, a lui basta giocare scalzo e vivere la sua passione in questo modo.

Ele

3Il campionato più bello del mondo Empty Re: Il campionato più bello del mondo Sab Lug 03, 2021 4:24 pm

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
@Hellionor ha scritto:Cara Susanna, 
premetto che io il calcio me lo godo, quando è ben giocato, come mi gode moltissimi altri sport. Lo sport richiede dedizione, passione e tanto lavoro (ma guarda un po', come la scrittura, solo che per lo sport a una certa c'è una data di scadenza Smile). 
Mi piace molto l'incipit, riesci a farmi arrivare l'amore di Jabu per il pallone, la sua passione. 
Del resto del testo mi rimane una rinuncia e mi spinge a pensare che forse Jabu il sogno del calcio professionale non lo aveva, gli è stato "prestato" dal viziatissimo Rossetti Junior. Non è il suo sogno, a lui basta giocare scalzo e vivere la sua passione in questo modo.

Ele
Esatto Ele, finchè era un gioco era bellissimo ed entusiasmante. Sottomesso al "bisunness" non era più niente.
grazie per la lettura.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.