Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

La pratica della stanza n. 8

3 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1La pratica della stanza n. 8 Empty La pratica della stanza n. 8 Ven Mag 21, 2021 5:26 pm

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Nel palazzo c'è trambusto.
La signora Ada, moglie del portiere, come al solito verso le 7 è passata a dare una spolveratina alla stanza n. 8 del terzo piano: solo a quella. Alle altre ci pensa una ditta specializzata.
Quando aprì la porta rimase senza parole, cosa assolutamente non da lei, che le parole pure le inventa visto il suo smoderato fabbisogno quotidiano.
Senza parole sì, ma non senza voce: le urla si sentirono in tutto il palazzo, cinque piani di eco, che neanche i vecchi muri sono stati in grado di arginare.
Quando il marito la raggiunse fu preso da un breve attacco di risa carognesche: vederla gesticolare, scarmigliata ma soprattutto muta – le urla ormai erano diventate dei rochi tentativi – gli regalò una decina di secondi di estasi.
Il tutto si smorzò nel momento in cui mise la testa nella stanza n. 8.
Berto prese in mano la situazione, per la prima volta in vita sua, visto che di solito ci pensava Ada: chiuse a chiave la stanza, allontanò i curiosi, accompagnò la moglie a casa e poi si mise ad aspettare il Dottor Bui, indeciso sul come dargli la notizia.
 
La stanza n. 8 era stata ignorata per tanti anni.
Ignorata non era proprio la parola giusta: tutti sapevano che c'era ma era come non esistesse. Una sorta di limbo burocratico.
Anche quando, cinque anni prima, i tre piani occupati dagli Uffici Enti Minori erano stati ristrutturati, la stanza n. 8 non era stata inserita nel piano lavori.
A pensarci bene, nessun evento aveva mai coinvolto quella stanza.
Dal 1980 è occupata dal rag. Fulgenzio Onori.
Essendo all'epoca l'ultimo arrivato e non avendo raccomandazioni di sorta, al nostro ragioniere venne affidato un incarico che tutti schivavano: le pratiche relative alle pensioni passate, presenti e future di una decina di micro enti che pochi avevano sentito nominare, sigle misteriose di cui si era persa la memoria.
La classica rogna.
Il ragioniere ringraziò, sistemò cancelleria e moduli sulla propria scrivania, si fece consegnare dall'archivio tutte le sue pratiche, con infinita pazienza recuperò le disperse, le catalogò su un enorme registro nero, le divise nei vari armadi.
Poi cominciò ad aspettare: abito rigorosamente nero, camicia bianca, addirittura delle mezze maniche nere.
Dal 1980 Fulgenzio aveva rapporti solo con persone spesso petulanti e noiose, insistenti ma soprattutto fermamente determinate nel voler chiudere nei giusti modi le loro pratiche. Ci volesse anche una vita o quel poco di vita loro rimasto: era una questione di principio, anche se ormai si intravedeva solo la fine.
I futuri pensionati arrivavano, puntuali, ogni mercoledì: il rag. Fulgenzio li riceveva, consultava il registro e recuperava la pratica.
Nessuna pratica andava persa nel suo ufficio. Controllava i dati, senza fretta, e poi rimandava a casa il forse pensionato con lunghi elenchi di documenti da portare al prossimo appuntamento.
Gli “utenti” di Fulgenzio trottolavano spesso per settimane a caccia di documenti e dei relativi uffici cui chiederli. Molti si perdevano nei meandri di vecchi palazzi e non tornavano più.
Passati i termini di legge, Fulgenzio portava la pratica nel vecchio archivio.
 
Nel frattempo gli uffici subirono svariati cambiamenti: ne fu variata la denominazione, il mobilio venne rinnovato, il vecchio linoleum sostituito e ci fu anche un ricambio generazionale.
Il sistema di modernizzò, l'informatica fece qualche danno:
-       E cosa vuole caro signore! Avessimo degli archivi informatizzati, le pratiche non si perderebbero! Nel privato hanno i computer, ma noi…
-       E cosa vuole caro signore! Han messo su i computer e i dati si son persi! Ah quando c'erano le vecchie cartelle, non si perdeva nulla!
Gli uffici divennero spaziosi:
-       Eravamo in 4 per stanza, per aprire un armadio ci dovevamo spostare in due.
-       E adesso?
-       Beh, ogni due stanze ne han fatta una: open space.
-       Si sta meglio?
-       Uguale.
-       E la stanza n. 8?
Silenzio, neanche fosse un tabù.
Da ultimo furono introdotti i badge a lettura ottica. Con lettorini miopi, visto che funzionavano mezza volta su due. Ma il vecchio timbracartellini rimase, per un unico cartellino: quello di Fulgenzio.
Quando sostituirono l'ufficio personale con l'Ufficio Risorse umane il problema si risolse da solo. Cioè rimase un problema.
La stanza n. 8 mantenne quindi i mobili vecchi e le vecchie pratiche che nessuno aggiornava mai: non essendo state informaticamente registrate non esistevano. Non esistendo… gli stipendi continuarono a essere pagati, la gente ops… gli utenti dei micro enti venivano dirottati a Fulgenzio.
Fulgenzio inoltrava ad uffici che non esistevano più le notifiche su moduli sempre più antichi, i moduli venivano archiviati tra le “varie ed eventuali”.
Il nostro ragioniere veniva comunque regolarmente pagato, niente scatti né promozioni, un numero tra i tanti, nessun invito alle festicciole di Natale e nessuno piano ferie da validare.
Si scordarono anche di avvisarlo che “i requisiti per accedere alla pensione erano stati soddisfatti” e quindi continuò a presentarsi al lavoro.
I colleghi, nuova generazione, non sapendo che era un collega, lo scambiavano per un visitatore, uno di quelli codigni che rompono le scatole un giorno sì e l'altro pure.
 
Il giorno prima aveva chiuso l'ultima pratica.
La sua.
La stanza n. 8 è vuota: non solo materialmente. Oltre la porta la sensazione del niente, lasciata da una persona che è stata un niente per anni e anni, colpisce come una coltellata.
La stanza n. 8 è collassata, si è sgretolata, è piena di crepe e di ragnatele improvvise, di polvere vecchia di anni tornata in un sol colpo dal passato, dove regna sovrano l'odore del tempo racchiuso in un piccolissimo universo.
È buia e silenziosa, un silenzio spaventoso dove ogni suono ha la sua eco profonda e lunghissima.
Fulgenzio se n'è andato, portandosi via quel poco di vita che era rimasto nella stanza n. 8.
Nessuno è riuscito a trovarlo, forse perché nessuno lo ha cercato veramente.
Nessuno vuole avere a che fare col niente.


commento al racconto

https://www.differentales.org/t476-silver-furetto-contro-super-topazzo#5419



Ultima modifica di Susanna il Dom Mag 23, 2021 9:11 am - modificato 2 volte.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

2La pratica della stanza n. 8 Empty Re: La pratica della stanza n. 8 Sab Mag 22, 2021 8:30 pm

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan
Chissà se è mai esistito il buon ragioniere, sembra quasi un ipotetico spazio dimensionale che esiste pur non esistendo questa stanza n°8.
Un vecchissimo film di fantascienza mostrava uno scienziato inglese che avendo inventato la macchina del tempo andava avanti e indietro negli anni senza spostarsi dal salotto di casa sua, lo spazio era sempre quello ma cambiando il tempo cambiava la connotazione dello spazio.
Ho rivisto a tratti quel film ma il tuo racconto è molto più profondo perché punta il dito sull'esistenza umana che spesso scivola via senza essere vissuta pur apparentemente avendola vissuta.
Il nulla si può aprire dentro il tutto pieno e apparire compensativo dell'esistenza stessa. Scopro così che in fondo potrei essere non vivo e in questo momento la tastiera del pc sta scrivendo da sola e io mi sento un fantasma, uno di quelli che vive non vivendo. Alla prossima bella scrittura e ciao!


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

3La pratica della stanza n. 8 Empty Re: La pratica della stanza n. 8 Sab Mag 22, 2021 9:28 pm

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
@Giancarlo Gravili ha scritto:Chissà se è mai esistito il buon ragioniere, sembra quasi un ipotetico spazio dimensionale che esiste pur non esistendo questa stanza n°8.
Un vecchissimo film di fantascienza mostrava uno scienziato inglese che avendo inventato la macchina del tempo andava avanti e indietro negli anni senza spostarsi dal salotto di casa sua, lo spazio era sempre quello ma cambiando il tempo cambiava la connotazione dello spazio.
Ho rivisto a tratti quel film ma il tuo racconto è molto più profondo perché punta il dito sull'esistenza umana che spesso scivola via senza essere vissuta pur apparentemente avendola vissuta.
Il nulla si può aprire dentro il tutto pieno e apparire compensativo dell'esistenza stessa. Scopro così che in fondo potrei essere non vivo e in questo momento la tastiera del pc sta scrivendo da sola e io mi sento un fantasma, uno di quelli che vive non vivendo. Alla prossima bella scrittura e ciao!
Che bomba di analisi hai fatto! Mi è piaciuto molto "l'esistenza umana che spesso scivola via senza essere vissuta pur apparentemente avendola vissuta", ricalca in pieno come ci si sente in certi momenti, quando ti guardi indietro, ti pare di aver fatto tanto e invece scopri quanto avresti potuto fare se... se... come il nostro ragioniere.
I tuoi commenti sono sempre speciali, complessi e vanno letti ben più di una volta per essere gustati appieno. Grazie.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

4La pratica della stanza n. 8 Empty Re: La pratica della stanza n. 8 Sab Mag 22, 2021 11:25 pm

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Ciao  @Susanna. Mi è piaciuto molto il soggetto di questo racconto. Trovo che il messaggio contenuto sia forte e arrivi al di là delle parole.
Gian ha ricordato un film di fantascienza e anche io ho avuto lo stesso “flash” leggendo.
Il tuo Fulgenzio è un personaggio davvero interessante e ben riuscito.
Titolo perfetto.
Ti faccio un po’ di pulci...


Quando ha aperto la porta è rimasta senza parole, cosa assolutamente non da lei, che le parole pure le inventa visto il suo smoderato fabbisogno quotidiano.
Senza parole sì, ma non senza voce: le urla si sono sentite in tutto il palazzo, cinque piani di eco, che neanche i vecchi muri sono stati in grado di arginare.
Quando il marito la raggiunse fu 

I verbi non concordano. 



Nel frattempo gli uffici subirono svariati cambiamenti: la denominazione, il mobilio fu rinnovato, sostituirono il vecchio linoleum, ci fu anche un ricambio generazionale.

In questa frase manca qualcosa. Suggerirei così:

Nel frattempo, gli uffici subirono svariati cambiamenti: fu variata la denominazione, il mobilio fu rinnovato, il vecchio linoleum sostituito e, infine, ci fu anche un ricambio generazionale


Silanzio, neanche fosse un tabù. (Refuso)
I sistemi di proiettarono nel futuro: qui non sono riuscita a capire cosa volevi scrivere

Oltre la porta, è la sensazione del niente, lasciata da una persona che è stata un niente per anni e anni, ma che oggi è mancata, a colpire come una coltellata.
Questa frase è un po’ contorta. Il senso si comprende ma è difficile leggerla perché  non scorre. Forse Ci sono troppi incisi.  Toglierei  “ma che oggi è mancata”. Oppure prova a riformularla inserendo una punteggiatura (non virgole). Mi verrebbe da scriverla così:

Oltre la porta è la sensazione del niente a colpire come una coltellata; una persona che è stata un niente per anni e anni è mancata.

🌸🌸


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

5La pratica della stanza n. 8 Empty Re: La pratica della stanza n. 8 Dom Mag 23, 2021 12:18 am

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Grazie @Petunia per la lettura e i suggerimenti: in giornata provvedo.
Il racconto è nato dal ricordo di una piccola avventura avvenuta in ufficio, proprio a ridosso di uno dei traslochi "subiti". Il nosto responsabile cerca il mio capoarea, introvabile: luci accese, pc anche, giacca, la cravatta che teneva per le riunioni, utente non raggiungibile. Eravamo andati anche a controllare nel parcheggio, pensando ad un malore. Eravamo preoccupati. A metà mattina lui chiama bel bello: si era fermato a lavorare a Piacenza, presso altri nostri uffici, ma gli era passato di mente di avvisare. Beh, era un tipo di pochissime parole, ma insomma. Il giorno dopo eravamo tutti sulla porta del suo ufficio, ad aspettarlo, fintamente seri e offesi. E' finita tra le risate, ovviamente.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

A Petunia garba questo messaggio

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.