Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» Dal giorno che nessuno conosce
Er Tevere EmptyOggi alle 6:00 pm Da Asbottino

» Quintessenza
Er Tevere EmptyOggi alle 5:30 pm Da CharAznable

» Orizzonti Verticali
Er Tevere EmptyOggi alle 5:24 pm Da Asbottino

» Different Staffetta - Settimana del 17/06/2024
Er Tevere EmptyOggi alle 5:07 pm Da Achillu

» Staffetta 4 - Episodio 3
Er Tevere EmptyOggi alle 4:32 pm Da Claudio Bezzi

» Staffetta 1 - Episodio 3
Er Tevere EmptyOggi alle 4:31 pm Da Claudio Bezzi

» La porta rossa
Er Tevere EmptyOggi alle 4:13 pm Da Asbottino

» Cronache dalla fine
Er Tevere EmptyOggi alle 2:24 pm Da caipiroska

» Agata
Er Tevere EmptyOggi alle 2:01 pm Da Giammy

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Er Tevere

Andare in basso

Er Tevere Empty Er Tevere

Messaggio Da Flash Gordon Lun Mag 27, 2024 10:23 am

https://www.differentales.org/t2957-un-ricordo#35602:

 Er Tevere


Oggi me so magnato spaghetti ajo e betotal, m'è venuto un mal de panza che un te dico.
«Ma er vulnus viè da lontano, te ce lo sai vero? Da quanno che so venuto ar monno m’hanno nutrito co e pastine agli antibiotici accortisonati de penicillina».
«Ma che cazzo stai a di?».
«Anvedi ha parlato er pupo, quello fijo de 'na parafarmacia!».
Un so coito, o comme se dice a cul turato, ce o sanno tutti ner quartiere ma quanno vojo so rompe bene li cojoni».
«Te sei malato sì, ma de testa, molto assai mentarmente».
«A metti su sto piano? Te faccio notà che quello che se magnava e scatolette de cibo pe cani eri te, a sora Rosa der mercato, che er Signore l’abbi in glorificazione, pe pietà umana te e regalava.
Io, ar massimo me sarò pippato quarche cartina de anice stellato da Mario er droghiere».
«Senti è inutile sta a litigà, guarda come se semo ridotti. Te che fai l'acchiappa mosche spiccicate su e auto in sosta e io me riciclo e cicche de e sigarette ai giardinetti pubblici».
«Aoh, se semo ridotti a du ossa de prosciutto, però in fondo se semo sempre voluti bene, semo stati insieme, semo proprio cresciuti insieme insomma. T’aricordi quanno che je mettesti er topo finto sotto a gonna de suor Matilda all’asilo che poi t’hanno cacciato e un te volevano riprende più?».
«Ammazza se me ricordo… e te invece, quanno che ce portarono a e terme e te pe dispetto, che un ce volevi da sta, tirasti due pietre de du chili su ‘na cinquecento verde marcio, cor tettuccio aperto,
che pe miracolo un hai spaccato ‘n due a testa de quer poveretto che guidava».
«Bravo, me compiaccio, e sti cazzi vedo che te sta a tornà a memoria!».
«Memoria un par de ciufoli».
«Zitto, zitto… e quando avemo incendiato e tende de casa!».
«È vero! Cazzo se semo fregata a porvere da sparo a sor Ninetto er cacciatore».
«Certo ne è passata de acqua sotto li portici».
«E mo? Semo du vecchi malati e rincojoniti. Ma poi perché stamo a litigà, pacificamose, so stanco
vorrei andarmene co a coscienza a posto, senza riverberi o afflati de core. Ammetto co te so stato un pochetto bastardo e puro stronzo».
«E ce lo sai sì… ma puro io ci ho dato dentro, davanti te leccavo e dietro te sputavo».
«Mortacci tui… vabbè basta parlà, un ci ho più fiato. Famme ‘n favore, te che ci hai er celluloide».
«Er cellulino vorrai dì».
«Sì, quello, stavo a dì… ah famme ‘n favore chiamma er cassamortaro, er sor Arvaro e dije che de cassa ne basta una sola, se po fa co una, se strignemo a core a core».
«Come voi te».
«Che dici? S’annamo de sto monno de mmerda?».
«E che te devo da dì? Stamo ne o stesso cesso da ‘na vita, un te posso dì de no».
«Te vojo bene Arbè, un te lo mai detto ma te vojo bene».
«Pur’io Arbè, pur’io. Però damme a mano che in due ci avemo più coraggio, ce lo sai che ho paura dell’acqua, vengo si me prometti che te a bevi più te de me».
«T’o prometto, t’o prometto… tanto mmerda pe mmerda se pijamo quella liquida, se digerisce mejo. Pronto Arbè?».
«Ma sicuro c’annamo a fondo?».
«Un vedi quanto è profondo là er Tevere? Pronto?».
«Pronto, strigneme forte Arbè, strigneme, un me lassà».
«E chi te lassa Arbe, condividemo lo stesso corpo da quanno che semo nati, baciame Arbè».
«E come faccio?»
«Strigni er muso no? Te devo dì sempre tutto io».
«Addio Arbè».
«Addio Arbè».


Aho… a matto, fermete!
Anvedi quello là, ogni giorno la stessa storia, cerca de suicidasse buttandose dar marciapiede dentro a stessa buca in der serciato de a Tiburtina.
Quarcuno bisogna che lo dichi ar sindaco de chiudè quea cazzo de buca.

______________________________________________________
Io sono quell'effimero scorcio d'arancio e di giallo che al tramonto appare per un istante e s'allunga in cielo, prima che la terra volti la faccia e il sole si ritrovi dall'altra parte del mondo.
Io sono sempre dall'altra parte del mondo quando gli altri mi leggono, per questo non esisterà mai un mio scritto.
Flash Gordon
Flash Gordon
Padawan
Padawan

Messaggi : 254
Punti : 396
Infamia o lode : 8
Data di iscrizione : 27.01.23
Età : 57
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.