Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» Orizzonti Verticali
Cronache dalla fine EmptyOggi alle 10:26 am Da tommybe

» E se...
Cronache dalla fine EmptyOggi alle 10:14 am Da ImaGiraffe

» Mentre tutto brucia
Cronache dalla fine EmptyOggi alle 10:10 am Da Flash Gordon

» La prossima scossa
Cronache dalla fine EmptyOggi alle 10:02 am Da tommybe

» Lei non è cattiva
Cronache dalla fine EmptyOggi alle 9:31 am Da ImaGiraffe

» Cronache dalla fine
Cronache dalla fine EmptyOggi alle 9:19 am Da AurelianoLaLeggera

» Quintessenza
Cronache dalla fine EmptyOggi alle 9:10 am Da Achillu

» Corsa contro il tempo
Cronache dalla fine EmptyOggi alle 8:27 am Da AurelianoLaLeggera

» Se sapessi piangere
Cronache dalla fine EmptyOggi alle 6:32 am Da Petunia

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Cronache dalla fine

+5
ceo
FedericoChiesa
Albemasia
Molli Redigano
Different Staff
9 partecipanti

Andare in basso

Cronache dalla fine Empty Cronache dalla fine

Messaggio Da Different Staff Lun Mag 13, 2024 9:35 pm

In un freddo pomeriggio di marzo, Clara si ritrovò bloccata nella casa in montagna. All’esterno, fiocchi di neve cadevano abbondanti e il vento ululava facendo sobbalzare i rami degli alberi. Avvolta in vestiti invernali recuperati dagli armadi, era riuscita in qualche modo ad accendere il fuoco nel caminetto. Internet e telefono non funzionavano bene, era però riuscita a inviare un SMS prolisso a cui Roberto aveva risposto solo “Ok!”
Si fece numerosi selfie davanti alle fiamme che danzavano vivaci: con la bocca a cuore, con gli occhi da cerbiatta, con le dita a V, eccetera, eccetera, eccetera; tutto molto instagrammabile ma impossibile da condividere per il momento. Esaurite le pose, Clara si sedette in poltrona a godersi il calduccio, pensando a come passare il tempo senza Netflix, né Roblox, né nient’altro fosse abituata a fare giù a valle con la fibra iperveloce. Provò perfino ad accendere il televisore, ma lo schermo replicava in modo impertinente il turbinare della bufera fuori dalla finestra.
Il mobile accanto alla TV era una credenza anni ottanta, in cui erano state accumulate stoviglie scompagnate che senza vergogna davano mostra di sé dietro la vetrinetta. Nell’angolo in basso erano timidamente allineati alcuni libri. Clara ricordò di averci curiosato una volta: avevano tutti le pagine ingiallite e il prezzo ancora in lire.
Annoiata, si alzò dalla poltrona e si avvicinò, rabbrividendo per gli spifferi che fischiavano attraverso le finestre. Scelse in fretta il volume più grande e tornò saltellando a sedersi.
Ripulì la polvere con il bordo del plaid. La copertina era rigida e monocolore, di un marrone ingrigito dal tempo, solo il titolo brillava ancora: Cronache dalla fine. Non c’era scritto altro. Curiosa, iniziò a leggere le prime righe. Le parole del libro la catturarono, trasportandola in una Terra futura e in pericolo.

È tutta la mattina che Adele si scervella sui dati, nonostante i test numerici non rilevino nulla di anomalo.
Ti guarda con gli occhi scavati nel viso struccato. «Il ronzio del radar è troppo regolare; mi rimbomba nella testa, mi fa venire la nausea!»
Ma tu non percepisci nessun ronzio. Poi guardi per l’ennesima volta la striscia di numeri che non ha senso né per te né per l’intelligenza artificiale.
Adele inizia a camminare in tondo attorno alla sedia. «Com’è possibile? Eppure tutto qui dentro è fatto per identificare qualsiasi cosa sia sopra di noi!»

Clara pensò: “Scommetto che la cosa si trova di sotto!” Poi voltò pagina e fece una smorfia di compiacimento.

Con un filo di voce azzardi: «Forse la cosa si trova di sotto?»
Adele continua a girare ma resta in silenzio, con un’espressione fissa e imperscrutabile.
La minaccia di un attacco alieno alla città è reale. Le notizie dal mondo parlano di distruzione e morte: decine di metropoli sono state rase al suolo e ancora nessuno ha capito davvero in che modo. Speri e vorresti che non fosse imminente, ma hai piedi e mani gelate e un rivolo di sudore ti scorre lungo i fianchi come una disgustosa premonizione.
E non ti è di aiuto l’agitazione della tua compagna d’armi. Con lo sguardo fisso davanti a sé, si mette a parlare senza nemmeno gesticolare. «So cosa dovrei fare, ma in questo bunker mancano gli algoritmi necessari per filtrare i dati. Fare i conti a mano è impossibile, ma anche con un foglio di calcolo ci metterei un giorno intero… e forse non abbiamo tutto questo tempo.»

La pagina a fianco era un’illustrazione in bianco e nero che riproduceva l’interno del fortino. A colpire l’attenzione di Clara non furono tanto le strumentazioni pseudo-futuristiche né la rastrelliera piena di armi laser fin troppo simili al fucile del nonno cacciatore; in un angolo si intravvedeva un mini impianto per il karaoke. “Non so se avrei il sangue freddo di cantare in una situazione del genere,” pensò. Poi sorrise. “Chissà, magari è proprio quella la chiave per risolvere la situazione?”

«Abbiamo il karaoke!» Spieghi, indicandolo: «Puoi usare l’auto-tune per aggiustare la frequenza intercettata dal radar e puoi invertire il lettore mp3 per separare i canali del ronzio. Non so se può essere utile, ma l’impianto può fare tutto questo in tempo reale.»
Adele finalmente decide di fermarsi e guardarti, senza cambiare espressione. «Ma sì! È proprio quello di cui ho bisogno. Perché il Signore mi ha fatta stonata? Grazie, meno male che almeno tu sai cantare.»
Recuperate cacciaviti, cavi e saldatori, quaderni per gli appunti, calcolatrici e fogli elettronici.
In cuor tuo, preghi di fare in tempo. Poi, mentre i minuti passano inesorabili, speri che Adele si sbagli, che gli alieni non colpiranno la città perché ci sono centinaia di altre metropoli da distruggere in giro per il mondo. Ma scacci anche questo pensiero orribile e tutto questo mentre le mani tremano a disegnare circuiti, cercare componenti piccoli come mattoncini in un mare di Lego, e incollare fili sottili sul tavolino con lo scotch perché non avete altro a disposizione.
Alla fine il vostro karaoke al contrario è pronto nel giro di poche ore, durante le quali Adele è andata pure un paio di volte a vomitare succhi gastrici. Il collaudo del vostro impianto improvvisato ti fa venire i brividi, perché adesso anche tu percepisci il ronzio e, soprattutto, lo vedi: lo schermo riproduce le anomalie del sottosuolo, un groviglio di punti che cresce a vista d’occhio, la rappresentazione dell’arma segreta che il nemico alieno sta usando per annientare l’umanità.
Ti guardi intorno e cerchi di capire come neutralizzare l’attacco. Controlli ogni angolo del bunker, comprese le mensole cariche di oggetti, gli armadietti e la fuciliera.
La tua compagna d’armi ti guarda, gli occhi lucidi di lacrime e terrore. «Cosa facciamo? Ti prego, non startene lì immobile senza far niente. Fatti venire un’idea!»
In realtà non sai nemmeno contro cosa dovresti combattere. E i punti nel sottosuolo continuano ad aumentare.

Il capitolo terminava così. Clara si sentì delusa. La storia non stava andando da nessuna parte e meditò di abbandonare la lettura. Proprio in quel momento sobbalzò dalla poltrona.
Un rombo di tuono scosse le finestre accompagnato da violente raffiche di vento, come se la bufera volesse penetrare nella stanza. La cappa si riempì di fumo grigio che sembrava sul punto di riversarsi nella stanza da un momento all’altro.
Aiuto, cosa faccio?”
Ma, così com’erano iniziate, le raffiche si calmarono. Il grigio scomparve dal caminetto e tutto sembrò essersi fermato. Fuori dalla finestra, fiocchi di neve cadevano abbondanti e verticali.
Clara tirò un sospiro di sollievo. Con il cuore che piano piano stava rallentando pensò che per il momento non valeva la pena alzarsi, almeno finché non si fosse sentita più rilassata. Così ricominciò a leggere.

La coltre densa che ti avvolge si dissolve. Tossisci e lacrimi. Intorno a te c’è una lenta ricaduta, sembra quasi cenere di carta bruciata. Vedi il suolo disseminato di rovine e ti senti mancare le forze. Il cielo è oscurato da una cortina impenetrabile e il sole è solo un pallido ricordo.
Eri l’ultima speranza per quelle persone e adesso sono tutte morte. Adele è rimasta sepolta nel bunker insieme alle guardie e tu sei l’unica sopravvissuta. Potevi salvare la città, perché non hai fatto nulla, Clara?

Sbatté gli occhi. Fino a quel momento non si era resa conto né che la protagonista fosse una donna né che avesse il suo stesso nome. Sbirciò qualche pagina all’indietro giusto per essere sicura che non le fosse sfuggito qualcosa, ma non trovò niente.
Pazzesco!” pensò.

Per quanto assurdo ti possa sembrare, hai un’unica scelta per riscattare il tuo fallimento. Hai visto con i tuoi occhi come funziona l’arma aliena, devi raggiungere la città più vicina e usare la tua esperienza per salvare la Terra.
E non serve che tu faccia “no” con la testa. Hai già perso troppo tempo prezioso piangendoti addosso. Trova un mezzo di trasporto e affronta la lenta ricaduta con il coraggio che si addice a un’eroina!

Era davvero troppo. Clara chiuse il libro, infastidita. Controllò il telefono, nella speranza che fosse tornata internet, ma la rete era ancora irraggiungibile. Così si avvicinò alla credenza per cercare un altro titolo. Mentre era indecisa tra Amore oltre il confine e Cuori in fiamme, sbirciò fuori dalla finestra come alla ricerca di un’ispirazione mistica. Fu in quel momento che si accorse che ciò che cadeva dal cielo non erano fiocchi di neve ma sembrava cenere di carta bruciata.
Strizzò gli occhi, dicendo a bassa voce: «Non è possibile!»
Corse all’ingresso e aprì la porta, ciò che vide le fece schizzare il cuore fuori dal petto. Non c’era traccia di neve, solo una lenta ricaduta di quel materiale sconosciuto che, a contatto con il suolo, si dissolveva in una nuvola di polvere grigia.
Si girò verso il soggiorno e il libro che stava leggendo era per terra, aperto. Corse a leggere i paragrafi successivi e, nei minimi dettagli, era descritto ciò che stava vivendo in quel momento, compreso il tremore alle gambe e la crisi respiratoria.

Non hai altro tempo da perdere: scendi a valle e salva la Terra!

Clara recuperò l’inalatore e mandò giù due spruzzi di Clenil.
Fuori, nel cortile, la cenere aveva velato leggermente i finestrini del Pandino verde 4x4. Con lo sguardo fisso davanti a sé, si mise in modo meccanico a ripulire il parabrezza con uno straccio.
«Ah! Sono matta!» Gridò, gettando la pezzuola sudicia a terra.
Salì in macchina e mise in moto. Affrontò correndo i tornanti della strada regionale, senza incrociare nessuno. Nei paesi che attraversava erano accesi solo i pochi lampioni dei centri abitati. Sul sedile del passeggero, le Cronache dalla fine le facevano compagnia, unico punto di riferimento rimasto in quell’universo che all’improvviso le era impazzito attorno.

Different Staff
Different Staff
Admin
Admin

Messaggi : 722
Punti : 2103
Infamia o lode : 7
Data di iscrizione : 26.02.21

Torna in alto Andare in basso

Cronache dalla fine Empty Re: Cronache dalla fine

Messaggio Da Molli Redigano Mar Mag 14, 2024 11:25 pm

Un metaracconto metaraccontato. Per questo motivo dico che mi è piaciuto. 

Dal punto di vista tecnico nulla da eccepire per me; a livello stilistico mi sembra ben gestito con il carattere normale per la storia di Clara, mentre hai usato il corsivo per le parti del libro che sta leggendo. Una combinazione che ritengo audace, ma le resa finale secondo me è più che ottima. Come è ottima l'idea di fondo del metaracconto, genere affascinante e (forse) sottovalutato.

Insomma, due storie diverse che in realtà sono ben intrecciate tra loro poiché sul finale convergono svelando che in realtà le protagoniste hanno il destino segnato, in un modo o nell'altro. Mi sembra di assistere ad un annullamento della metanarrazione per cui sia nella finzione che nella realtà, sta succedendo qualcosa di comune che riduce le dimensioni a un'unica realtà. Molto interessante questo aspetto.

Ecco, se dovesse mancare qualcosa, dico che l'Autore avrebbe potuto spendere qualche parola in più, magari sul finale, a proposito della minaccia che incombe sul mondo e della quale abbiamo solo ipotesi.

Grazie

______________________________________________________
"Omne tulit punctum qui miscuit utile dulci lectorem delectando pariterque monendo."

"Ottiene il risultato migliore chi - nell'opera letteraria - ha saputo unire l'utile col piacevole, divertendo e ammaestrando nello stesso momento il lettore."

Orazio, Ars Poetica, vv. 343-344


Avei l'amel su i laver e 'l cutel an sacòcia.
Molli Redigano
Molli Redigano
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1025
Punti : 1116
Infamia o lode : 2
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 43
Località : Torino

Torna in alto Andare in basso

Cronache dalla fine Empty Re: Cronache dalla fine

Messaggio Da Albemasia Mer Mag 15, 2024 10:07 pm

Mentre leggevo mi è subito tornato alla mente un film cult degli anni Ottanta; "Never Ending Story", proprio per via della struttura narrativa, la metanarrazione appunto.
Ottimo stratagemma per ottemperare al paletto che prevedeva di rivolgersi al lettore.
Corretta la formattazione, che con l'utilizzo del corsivo per il testo del libro lo ha facilmente reso individuabile dal racconto-cornice. Scorrevole lo stile e privo di refusi.
Interessante come il racconto sia scivolato dalla normalità dell'incipit (la protagonista che si fa dei selfie "instagrammabili") al totale abbandono del dato reale nel finale, dove la stessa protagonista si comporta  in qualità di destinataria del messaggio contenuto nel libro.
Resta sempre il tarlo del motivo per cui Clara abbia deciso di prendere in mano proprio quel libro. Predestinata proprio come Bastian de "La storia infinita"...?
Albemasia
Albemasia
Younglings
Younglings

Messaggi : 149
Punti : 178
Infamia o lode : 11
Data di iscrizione : 23.01.24
Località : Tra le nebbie della Lomellina

Torna in alto Andare in basso

Cronache dalla fine Empty Re: Cronache dalla fine

Messaggio Da FedericoChiesa Mer Mag 15, 2024 11:17 pm

L'inizio non prometteva molto, per i miei gusti: normale e allo stesso tempo infarcito di descrizioni ridondanti.
Poi tutto si è sciolto, in una scrittura più scorrevole e accattivante.
L'intrecciarsi tra storia letta e racconto '"vero e proprio" è un po' troppo telefonato, soprattutto per chi ha vissuto un'adolescenza infarcita di Never Ending Story, film e canzone, ma il risultato finale è positivo.
Non avrei fatto morire Adele per fare lottare insieme le due eroine fino alla fine, ma l'autore ha sempre ragione.
Piaciuto.
FedericoChiesa
FedericoChiesa
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 533
Punti : 594
Infamia o lode : 3
Data di iscrizione : 24.04.21
Età : 57
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Cronache dalla fine Empty Re: Cronache dalla fine

Messaggio Da ceo Gio Mag 16, 2024 9:10 am

Racconto metanarrativo che inizia con un comportamento della protagonista di moderna (e irritante) normalità. Poi si apre uno scenario del tutto inaspettato proprio in virtù della normalità con cui inizia la storia. È un racconto che lascia il giusto spazio all’immaginazione del lettore, che è indotto a chiedersi perché la protagonista iniziale si trovi in un contesto così, isolata da sola in montagna. In seguito il libro che legge per noia diventa parte della storia stessa, e anche qui il lettore entra in una dimensione difficile da comprendere ma che mantiene vivo l'interesse. A livello di scrittura nulla da eccepire. L’ho letto volentieri.

ceo
Viandante
Viandante

Messaggi : 28
Punti : 32
Infamia o lode : 0
Data di iscrizione : 16.09.22

Torna in alto Andare in basso

Cronache dalla fine Empty Re: Cronache dalla fine

Messaggio Da Arunachala Gio Mag 16, 2024 12:10 pm

perdonami se puoi, ma non l'ho gradito più di tanto.
tutto quanto mi pare un po' troppo scontato, anche se la connessione tra il libro e la realtà è una buona idea, per quanto già utilizzata.
la protagonista non mi ha ispirato alcuna empatia se non alla fine, e questo, per me, è un punto dolente. ovvio che si tratta dia una mia opinione e niente altro, ma se le avessi fatto dire qualcosa in più, magari saresti riuscito nell'intento.
nulla da dire sulla scrittura, ben eseguita.

______________________________________________________
L'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Cronache dalla fine Namaste

Non si può toccare l'alba se non si sono percorsi i sentieri della notte.

Kahlil Gibran
Arunachala
Arunachala
Admin
Admin

Messaggi : 1340
Punti : 1568
Infamia o lode : 16
Data di iscrizione : 20.10.20
Età : 67
Località : Lago di Garda

Torna in alto Andare in basso

Cronache dalla fine Empty Re: Cronache dalla fine

Messaggio Da gipoviani Ven Mag 17, 2024 11:11 am

Scritto, è scritto bene. L'idea era buona. Però c'è qualcosa che non me lo fa gustare più di tanto. 
Forse il tono troppo asciutto, troppo asettico, poco emozionante.
O forse per quanto scritto bene, la qualità e principalmente il tono, troppo regolare e piatto, della scrittura non fanno aumentare la tensione dove occorre.
Eppure parliamo di fine del mondo, di invasione aliena...
Non stai raccontando di una gita al parco con picnic finale

gipoviani
Padawan
Padawan

Messaggi : 273
Punti : 306
Infamia o lode : 3
Data di iscrizione : 01.05.21

Torna in alto Andare in basso

Cronache dalla fine Empty Re: Cronache dalla fine

Messaggio Da mirella Oggi alle 7:01 am

Bloccata da una tempesta di neve  in una vecchia casa di montagna, Clara si mette a leggere un libro che descrive un pericolo futuro per la terra. Il libro narra di un attacco alieno incombente su una città  dove la protagonista, Adele, si trova in una situazione di isolamento molto simile a quella che Clara sta vivendo.
Pagina dopo pagina, Clara si rende conto di una stranezza: c’è una singolare coincidenza tra  le sue azioni e gesti e quelli compiuti da Adele. Dal punto di vista narrativo c’è il problema di distinguere la storia del libro dalla storia di Clara Il problema tecnico è risolto in modo opportuno  mediante l’uso del corsivo per descrivere le azioni di Adele.
L’idea di una storia nella storia mi piace molto, non altrettanto lo svolgimento.
Alcune cose non hanno spiegazione:  il libro è chiaramente scritto in un tempo anteriore a quello che Clara sta vivendo, ma descrive esattamente ciò che accade a Clara durante e dopo la lettura. Potrebbe essere una  coincidenza, ma ben strana.
Alta coincidenza: Adele si rivolge a un’amica che si chiama come Clara, invitandola a far qualcosa per salvarsi.
Il finale rimane sospeso: Clara fugge in auto, nel tragitto non incontra anima viva, tutto è distrutto, ridotto in cenere e non è detto che riesca a salvarsi.

mirella
Padawan
Padawan

Messaggi : 303
Punti : 357
Infamia o lode : 5
Data di iscrizione : 08.01.21

Torna in alto Andare in basso

Cronache dalla fine Empty Re: Cronache dalla fine

Messaggio Da AurelianoLaLeggera Oggi alle 9:19 am

Ci sono troppe cose che non tornano per i miei gusti. 
L'idea c'è ma forse avrebbe avuto bisogno di molto più spazio e di espedienti migliori per essere resa bene.
Un esempio: Clara legge e arriva alla fine del capitolo, guardo indietro e l'idea è che il capitolo occupi mezza paginetta. Nonostante la brevità scopriamo che un attacco alieno sta per distruggere la Terra. L'attacco viene dal sottosuolo, i puntini continuano ad aumentare, la tensione è al massimo! Ma Clara chiude il libro perché non la storia non sta andando da nessuna parte. 
Confuso, purtroppo, anche il finale. Cosa sta sucedendo? La neve non è neve ma è un materiale sconosciuto che diventa polvere grigia, non avrebbe dovuto capirlo già guardando dalla finestra?

Insomma mi dispiace ma non mi ha convinto.

Mi sono piaciute, invece, le descrizioni iniziali che in poche righe collocano bene la storia.
Grazie

AurelianoLaLeggera
Viandante
Viandante

Messaggi : 24
Punti : 31
Infamia o lode : 3
Data di iscrizione : 13.04.24

Torna in alto Andare in basso

Cronache dalla fine Empty Re: Cronache dalla fine

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.