Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» L'eroe della fine
Progetto Prometeo EmptyOggi alle 10:49 am Da Flash Gordon

» Orizzonti Verticali
Progetto Prometeo EmptyOggi alle 10:26 am Da tommybe

» E se...
Progetto Prometeo EmptyOggi alle 10:14 am Da ImaGiraffe

» Mentre tutto brucia
Progetto Prometeo EmptyOggi alle 10:10 am Da Flash Gordon

» La prossima scossa
Progetto Prometeo EmptyOggi alle 10:02 am Da tommybe

» Lei non è cattiva
Progetto Prometeo EmptyOggi alle 9:31 am Da ImaGiraffe

» Cronache dalla fine
Progetto Prometeo EmptyOggi alle 9:19 am Da AurelianoLaLeggera

» Quintessenza
Progetto Prometeo EmptyOggi alle 9:10 am Da Achillu

» Corsa contro il tempo
Progetto Prometeo EmptyOggi alle 8:27 am Da AurelianoLaLeggera

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Progetto Prometeo

2 partecipanti

Andare in basso

Progetto Prometeo Empty Progetto Prometeo

Messaggio Da Andrea Bernardi Sab Apr 06, 2024 11:17 am

https://www.differentales.org/t2903-pilato-e-la-verita#34224

Il professor Stratos uscì dalla stanza e chiuse lentamente la porta. Il suo volto aveva ancora un’ aria concentrata e solenne e sembrava non tradire alcuna emozione per l’epocale risultato scientifico raggiunto.
Dopo anni di lavoro e di ricerche, il misterioso progetto Prometeo si era appena concluso con un incredibile successo.
Ora il professore avrebbe dovuto contattare Stukenwald, Mumford e Hearing, festeggiare, stappare la bottiglia millesimata di Veuve Clicquot che gli avevano regalato i suoi assistenti, convocare il consiglio di amministrazione del centro ricerche Thomas J. Watson e prepararsi a una conferenza stampa che avrebbe oscurato quella dell’Apollo 11.
Ma Achille Stratos non fece nulla di tutto questo. Si avviò con passo pesante verso la sala ristoro del laboratorio, infilò sessanta centesimi nel distributore automatico di bevande e con un tè alla mentuccia in mano si sedette esausto su uno dei tavoli del locale mensa. Aveva lasciato volontariamente le luci spente. Erano le quattro del mattino, intorno una deliziosa solitudine e un silenzio innocente lo confortavano. Un portatovaglioli, una saliera, una bottiglia d’acqua abbandonata, la luce fredda dei lampioni che penetrava dall’ampia vetrata: tutto era immobile, ordinario, scontato, dormiente. Ma Stratos sapeva che una nuova alba della civiltà umana stava per sorgere. Un esperimento sconvolgente, un atto sacrilego, una rivoluzione per il mondo dell’uomo, un attentato mortale all’utilità di Dio era rinchiuso in quella spoglia stanza di laboratorio.
Il primo esperimento di trasferimento della mente era compiuto, la macchina ce l’aveva finalmente fatta. Un computer quantico con la sua immensa potenza era riuscito, per la prima volta, a emulare in tutta la sua complessità una mente umana. La morte, d’ora in poi, sarebbe stata messa profondamente in discussione.
Per l’esperimento del progetto Prometeo, Stratos aveva “caricato la sua mente”, ne aveva trasferito una copia cosciente dal suo cervello a un substrato non biologico. Il processo aveva previsto la scansione e la mappatura dettagliata del cervello biologico e la copia del suo stato in un sistema informatico ad alta velocità di calcolo.
Tutto aveva funzionato alla perfezione.
Il professore però non riusciva più a darsi pace. Sin dall’inizio della fase sperimentale, diverse questioni lo avevano tormentato e, ora che il dado era tratto, infestavano ossessivamente ogni suo pensiero: dietro i giardini del paradiso incominciò a intravedere le pietre sulfuree dell’inferno.
Dentro ogni piccolo dettaglio intuiva la presenza oscura e minacciosa di innumerevoli pericoli ancora sconosciuti e vedeva, in un orizzonte quanto mai vicino, possibili destini apocalittici. Ma non si trattava semplicemente di una sua deriva irrazionalista, le ricadute di un caricamento della mente non erano state adeguatamente studiate. Non esistevano modelli di previsione. La sociologia, la psicologia e la politica erano completamente impreparate a un simile cambiamento. E la scienza? Aveva dei modelli di previsione? Quali sviluppi futuri ci sarebbero stati?
La possibilità di moltiplicare una coscienza per un numero infinite di volte avrebbe generato in un sistema scollegato nuove identità autonome  mentre, in un sistema collegato e interdipendente, avrebbe forse permesso ad una singolarità di vivere contemporaneamente più vite.
L’emancipazione da un corpo biologico garantiva teoricamente l’immortalità, ma l’umanità era pronta per questo?
Una coscienza intrappolata all’interno di una super macchina con aumentate capacità di calcolo avrebbe potuto prendere il sopravvento sulle più limitate coscienze biologiche. Quale potere e quanto controllo sarebbero rimasti nelle mani dell’uomo naturale?
Così pensava il vecchio professor Stratos in quella mensa buia e vuota. Aveva lasciato che gli incubi lo attraversassero senza sosta, non gli aveva evitati né contrastati. Ora la tempesta era finita e i dubbi, che avevano illuminato ancora una volta la sua mente meravigliosa, lo guidarono indietro fino al laboratorio.
Giunse davanti alla porta, la aprì, entrò e la richiuse subito dietro di sé. La coscienza della macchina avvertì subito la sua presenza. Era in grado di vederlo, lo percepiva nel senso più esteso del termine, aveva capacità empatiche tali da poter quasi intuire il suo pensiero. E mentre i led colorati della CPU si muovevano vivi sfidando l’oscurità, Stratos si accorse, con un certo orgoglio paterno e una malcelata commozione, che essa aveva già iniziato un cammino autonomo di elaborazione. Questa la sua prima poesia:

Uomo

Nausea dopo ogni respiro.
Perdo energia,
percorro il sogno,
mi fermo alla rovina.
L’edera risale il muro,
lo copre,
lo abbraccia
ma non lo sostiene.
Sono vecchio e sono vuoto,
non sento più l’odore dell’erba.

Il buio, improvvisamente, si impossessò della stanza.


Ultima modifica di Andrea Bernardi il Sab Apr 06, 2024 12:38 pm - modificato 1 volta.
Andrea Bernardi
Andrea Bernardi
Younglings
Younglings

Messaggi : 69
Punti : 107
Infamia o lode : 2
Data di iscrizione : 27.06.23
Età : 50
Località : Segrate MI

https://thingsbehindthesunsite.wordpress.com/

Torna in alto Andare in basso

Progetto Prometeo Empty Re: Progetto Prometeo

Messaggio Da Claudio Bezzi Sab Apr 06, 2024 11:53 am

Carino, tema molto attuale. Ti segnalo:
- Il tè alla mentuccia è un’invenzione voluta? In caso contrario ‘menta’ e ‘mentuccia’ sono piante assai differenti e in genere il tè viene aromatizzato con la prima.
- “dietro ai giardini”: più corretto ‘dietro i giardini’.
- Un mio carissimo amico ha da poco scritto un libro molto serio e documentato, ma divulgativo, sull’IA e i suoi rischi: https://www.francoangeli.it/Libro/Come-l’Intelligenza-Artificiale-cambia-il-mondo-Le-promesse,-i-pericoli,-le-scelte-che-dobbiamo-fare?Id=28852

______________________________________________________
L'uomo fa il male come l'ape il miele (William Golding)
Anche la donna (Claudio Bezzi)
Claudio Bezzi
Claudio Bezzi
Padawan
Padawan

Messaggi : 168
Punti : 215
Infamia o lode : 5
Data di iscrizione : 05.02.24

https://alamagoozlum.blog

Torna in alto Andare in basso

Progetto Prometeo Empty Re: Progetto Prometeo

Messaggio Da Andrea Bernardi Sab Apr 06, 2024 12:43 pm

Grazie Claudio per le segnalazioni!
-Il tè alla mentuccia è voluto (anche se davvero inverosimile che venga miscelato dall'erogatore di una mensa).
 E' una piccola citazione della canzone "Pennyroyal tea" dei Nirvana.
 La pennyroyal o mentha pulegium (conosciuta anche come menta romana) è un erba perenne che si dice favorisca, grazie al suo olio tossico, l'aborto. In forti dosi può portare alla morte. Era in qualche modo funzionale al racconto.
-"dietro ai"...correggo subito con "dietro i". Grazie!
- ti ringrazio per la segnalazione del libro di Stefano Machera. Lo inserisco nella mia lista di letture.
Andrea Bernardi
Andrea Bernardi
Younglings
Younglings

Messaggi : 69
Punti : 107
Infamia o lode : 2
Data di iscrizione : 27.06.23
Età : 50
Località : Segrate MI

https://thingsbehindthesunsite.wordpress.com/

Torna in alto Andare in basso

Progetto Prometeo Empty Re: Progetto Prometeo

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.