Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» La porta rossa
L'innesto EmptyOggi alle 1:20 pm Da FedericoChiesa

» L'eroe della fine
L'innesto EmptyOggi alle 12:28 pm Da AurelianoLaLeggera

» Tracking non riconosciuto - accesso non consentito
L'innesto EmptyOggi alle 12:19 pm Da M. Mark o'Knee

» Appello dell'ultimo terrestre a Dio
L'innesto EmptyOggi alle 12:02 pm Da mirella

» Come un abete rosso nella Taiga
L'innesto EmptyOggi alle 11:59 am Da mirella

» Canzonette
L'innesto EmptyOggi alle 11:52 am Da mirella

» Il cronovisore del tempo
L'innesto EmptyOggi alle 10:23 am Da ceo

» La prossima scossa
L'innesto EmptyIeri alle 10:56 pm Da Resdei

» Dal giorno che nessuno conosce
L'innesto EmptyIeri alle 6:49 pm Da M. Mark o'Knee

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



L'innesto

2 partecipanti

Andare in basso

L'innesto Empty L'innesto

Messaggio Da Andrea Bernardi Ven Set 22, 2023 12:34 pm

https://www.differentales.org/t445-domani-ne-parliamo#29785



La luce calda e riflessa  che illuminava l’appartamento contrastava in modo netto con il mondo esterno, il buio del mattino invernale, la desolazione degli alberi spogli, la solitudine dei viali ghiacciati. Marcus si era svegliato con la febbre alta, aveva avvisato l’ufficio, e si era rimesso a letto, intontito e spossato, con un forte dolore alle orbite oculari e alle ossa. Sua moglie invece era già pronta per uscire, perfetta nel trucco, elegante nel suo tailleur di Chanel, bellissima.
“Più tardi chiama il medico per una visita a domicilio, perché in queste condizioni non ti puoi muovere. La febbre è troppo alta. Ti ho lasciato l’antipiretico sul comodino. Verso le  nove dovrebbe arrivare Rita, se sei sveglio, dille di pulire il soggiorno e la camera degli ospiti. Ciao, io vado. Ti chiamo quando arrivo al lavoro.”
Marcus non rispose. Sentì il tacchettio lontano  dei passi di sua moglie, l’aprirsi e il chiudersi della porta blindata, poi più nulla. L’appartamento cadde nel silenzio più profondo.
In quel silenzio Marcus si smarrì. Tutti i collegamenti con luoghi e persone conosciute svanirono, ogni ricordo della sua vita reale sbiadì fino a dissolversi. Perse ogni riferimento. Mentre la sua coscienza tentava a fatica di mantenere viva la consapevolezza drammatica di questo passaggio e il suo corpo sudava copiosamente per ristabilire una temperatura interna accettabile, si materializzò nella sua mente la figura di un uomo, un uomo sconosciuto dalla carnagione olivastra. Indossava un camice bianco e aveva un’aria abbastanza rassicurante. Sembrava una specie di medico. L’uomo sorrise e incominciò a parlargli. Disse di chiamarsi Nelson. Ma Marcus non capiva tutte le sue parole: una fastidiosa eco e il forte accento portoghese dell’uomo impedivano una facile comprensione.
“L’operazione di innesto di memoria è andata bene. Ora può finalmente rilassarsi. Non ci saranno più pezzi mancanti, spazi vuoti o periodi oscuri. Con l’aiuto di una terapia mirata lentamente collegherà tutto con la massima precisione. L’obiettivo finale è quello di adattare la sua identità rendendola coerente con il nuovo passato appena acquisito.”
Marcus rimase senza parole. Si trattava probabilmente di un sogno, un sogno molto strano, prossimo a un incubo. Nonostante gli sforzi, non riusciva in alcun modo a ritornare a una realtà plausibile o a collegarsi ad alcun elemento conosciuto. Era intrappolato in una situazione assurda  e non sapeva come uscirne. L’unica via sembrava essere quella di esplorare il più possibile quella dimensione nella quale era stato scagliato, indagarla in ogni aspetto, per poi dominarla o quanto meno gestirla. Aveva molte domande ma Nelson era inspiegabilmente scomparso.
Come si poteva pensare di preservare il proprio io dopo l’innesto? Si poteva parlare ancora di identità? Forse, più correttamente, si trattava di una nuova identità. Ma questo era un concetto che trovava piuttosto disturbante e tendeva a rifiutare. Gli elementi di rottura lo destabilizzavano, preferiva considerare quelli di continuità.  Marcus si guardò intorno. Si trovava in una stanza completamente bianca, vuota, uniformemente luminosa, senza finestre. Era sdraiato su un letto ovoidale sospeso su un invisibile cuscino di aria compressa.
Entrarono dei cyborg dal corpo cromato e dai movimenti incredibilmente naturali e armoniosi. Lo visitarono con bizzarre apparecchiature, lo lavarono e lo investirono con una doccia elettromagnetica a bassa densità. Era l’inizio. Il recupero dati era stato lanciato.
Marcus a occhi aperti vide scorrere velocemente una serie di immagini vagamente famigliari: grattacieli illuminati, prati primaverili, greggi di pecore, treni sotterranei, folle di pendolari. Improvvisamente nella stanza si diffuse a basso volume una musica che conosceva. Era Atom Heart Mother. Era il sentiero che lo avrebbe ricondotto a casa. Senza accorgersene, si trovò a scivolare in un tunnel tubolare dalla probabile struttura spiraliforme. Dietro le pareti semitrasparenti del condotto, una luce soffusa di colore verde stemperava, con i suoi riflessi melliflui, la percezione di pericolo che la costante accelerazione del movimento di caduta gli procurava. Marcus ebbe altre visioni. Ma queste avevano perso l’asettica e tranquilla genericità delle precedenti. Erano immagini personali e remote, dai colori confusi e sbagliati, che si susseguivano frenetiche come lampi nel buio della sua coscienza. Una spiaggia deserta, un bambino con il suo pallone, una vecchia utilitaria parcheggiata in un viale alberato, una donna giovane e sorridente con gli occhiali da sole, un plotone di soldatini. Incominciò a sentire un peso enorme che lo schiacciava e lo spingeva sempre più giù per quel dannato scivolo vorticoso. Ora il dolore era acuto, insostenibile quanto la velocità raggiunta. Domande che aveva sempre accuratamente evitato di porsi si presentarono inaspettate e minacciose come punteruoli nel cranio. Strinse i denti fin quasi a spaccarli mentre l’angoscia di trovare in fretta delle risposte a quelle domande lo soffocava.
Dopo un lasso di tempo indeterminabile, tradendo ogni legge fisica, Marcus si fermò. Senza alcuna decelerazione né inerzia, si bloccò nel vuoto. Immobile e sospeso. Una luce bianca e accecante lo travolse e un piacere profondo lo conquistò senza alcun preavviso. Galleggiava nel liquido amniotico di un gigantesco utero e in quell’assurda assenza di gravità vide, senza un’apparente spiegazione logica, le cose nella loro primitiva essenza. Tutta la realtà, sia fisica che astratta, che aveva fino ad allora solo grossolanamente intuito, si svelò. Cadde ogni segreto.
Ora Marcus dominava il mondo perché lo capiva. E più lo capiva, più sentiva di farne parte. Aveva trovato la matrice di una stabile coerenza e stipulato una pace eterna. Era felice, o forse soltanto stupido.
Andrea Bernardi
Andrea Bernardi
Younglings
Younglings

Messaggi : 69
Punti : 107
Infamia o lode : 2
Data di iscrizione : 27.06.23
Età : 50
Località : Segrate MI

https://thingsbehindthesunsite.wordpress.com/

Torna in alto Andare in basso

L'innesto Empty Re: L'innesto

Messaggio Da Petunia Sab Mar 02, 2024 9:02 am

Mi hai trasportata in una realtà parallela  @Andrea Bernardi. Un racconto particolare. Un vaneggiamento da febbre alta che si trasforma pian piano in qualcosa di angosciante, fino a quel senso di quasi pace ritrovato galleggiando nel liquido amniotico del grande utero.
Ci sento citazioni di Matrix e di Kubrick. Un viaggio onirico in bilico tra diverse realtà (vere o percepite che siano). Molto interessante e anche ben scritto. 
Solo nell’incipit ho avvertito la mancanza di qualcosa. 
La luce calda e riflessa (da cosa?) forse è un indizio per il mondo che descrivi successivamente ma subito appare come una frase incompleta.

La luce calda e riflessa  che illuminava l’appartamento contrastava in modo netto con il mondo esterno, il buio del mattino invernale, la desolazione degli alberi spogli, la solitudine dei viali ghiacciati.
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2270
Punti : 2503
Infamia o lode : 43
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

L'innesto Empty Re: L'innesto

Messaggio Da Andrea Bernardi Sab Mar 02, 2024 10:12 am

Ciao Petunia, grazie per il tuo commento. Mi fa piacere che tu abbia trovato il racconto interessante.
Per luce riflessa intendo un tipo di luce i cui raggi si diffondono in un ambiente interno solo dopo aver inciso su pareti e soffitti. Al contrario della luce diretta la luce riflessa o diffusa non abbaglia e contribuisce a creare un' atmosfera confortevole e rilassante, quasi ovattata.
Andrea Bernardi
Andrea Bernardi
Younglings
Younglings

Messaggi : 69
Punti : 107
Infamia o lode : 2
Data di iscrizione : 27.06.23
Età : 50
Località : Segrate MI

https://thingsbehindthesunsite.wordpress.com/

Torna in alto Andare in basso

L'innesto Empty Re: L'innesto

Messaggio Da Petunia Sab Mar 02, 2024 10:58 am

er luce riflessa intendo un tipo di luce i cui raggi si diffondono in un ambiente interno solo dopo aver inciso su pareti e soffitti. Al contrario della luce diretta la luce riflessa o diffusa non abbaglia e contribuisce a creare un' atmosfera confortevole e rilassante, quasi ovattata. Sì, naturale. Intendevo che forse manca una parola. Fuori c’è buio dici. Dunque cosa provoca la riflessione della luce, qual è l’emittente? 
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2270
Punti : 2503
Infamia o lode : 43
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

L'innesto Empty Re: L'innesto

Messaggio Da Andrea Bernardi Sab Mar 02, 2024 11:12 am

Le luci interne dell'appartamento sono la sorgente originaria della luce. La luce si diffonde però indirettamente rilettendo sulle pareti e i soffitti. Solitamente sono lampade a conchiglia dirette verso il soffitto o le pareti ma anche un' abat jour credo possa rientrare nella categoria "luce riflessa"
Andrea Bernardi
Andrea Bernardi
Younglings
Younglings

Messaggi : 69
Punti : 107
Infamia o lode : 2
Data di iscrizione : 27.06.23
Età : 50
Località : Segrate MI

https://thingsbehindthesunsite.wordpress.com/

Torna in alto Andare in basso

L'innesto Empty Re: L'innesto

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.