Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» Buon compleanno Tony!
Incantesimi d’agosto EmptyIeri alle 9:57 pm Da Resdei

» Different Rooms - Nono Step
Incantesimi d’agosto EmptyIeri alle 4:51 pm Da Susanna

» Tempesta di sensi
Incantesimi d’agosto EmptyVen Set 30, 2022 9:46 pm Da Susanna

» Oggi…
Incantesimi d’agosto EmptyVen Set 30, 2022 8:36 pm Da tommybe

» Il nodo
Incantesimi d’agosto EmptyVen Set 30, 2022 4:20 pm Da Arunachala

» Incontri notturni
Incantesimi d’agosto EmptyVen Set 30, 2022 12:18 pm Da almarc

» Buon compleanno Giraffa!
Incantesimi d’agosto EmptyVen Set 30, 2022 8:58 am Da caipiroska

» Il vecchio dell’isola Comacina
Incantesimi d’agosto EmptyGio Set 29, 2022 7:53 pm Da almarc

» Quando il forum cambia sembianze...
Incantesimi d’agosto EmptyGio Set 29, 2022 3:02 pm Da Giancarlo Gravili

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 9!
C'è tempo fino alle 24 del 30 settembre per inviare i racconti!
Parametri e regolamento su https://www.differentales.org/t1806-different-rooms-nono-step

Incantesimi d’agosto

3 partecipanti

Andare in basso

Incantesimi d’agosto Empty Incantesimi d’agosto

Messaggio Da almarc Gio Ago 11, 2022 3:32 pm

Come ci sei arrivata quassù? Io non l’ho ancora capito. Forse dovrei dire apparsa, e non mi meraviglierebbe se con gli anni tu avessi raggiunto anche questa abilità.
Le ninfe non portano scarpe, ma il fruscio di quel passo sospeso, col piede leggero librato a mezz’aria, mi ha distolto dai pensieri molesti, in queste noiose serate di forzato confinamento.
Ricordo la prima volta che ti vidi.
Parlavi, dietro di me, a tuo agio sulla scomoda panchina di un tram, quasi fosse stato un salotto.
Incuriosito dal tono malandrino della tua voce, inventavo scuse per girarmi e scrutavo l'insegna di un’anonima bottega per animali, mai stata così importante, mentre fingevo di aver mancato la fermata.
Come avrò fatto ad attaccare bottone?
A dispetto della mia timidezza, in quel momento ho creduto che tutto fosse fattibile, e da lì in poi nessun ostacolo mi avrebbe impedito di cambiare la mia vita, anche mille volte, se solo l’avessi voluto.
Qualche minuto dopo già mi sorridevi e cercavi quella stessa allegria sul volto della tua amica, sicura che la nostra intesa fosse una bellezza assoluta, una gioia da condividere con tutti.
Seduto in terrazzo, fiuto l’aria odorosa e densa, come il respiro eccitato di un’animale in calore, e mi abbandono a questi ricordi che sembrano davvero parte di un racconto d'amore.
Poco fa, un colpo di vento ha trascinato a terra un vaso di gerani e il pavimento è ricoperto di un grumo di terra nera, invisibile nel buio della sera, calata all’improvviso in questa Milano assonnata di fine agosto.
Adesso c’è calma piatta là fuori. La strada, trenta metri giù in basso, è deserta. Dal piano di sotto sale un buon odore di cucina lombarda. Lo respiro. Quasi mi sembra di mangiarlo questo piatto di osso buco alla milanese, anche se adesso assaggerei ogni cosa, pur di evadere dalla monotonia.
Rivivo le serate in tua compagnia, ed era faticoso. Nulla era chiaro: l'ambiguità era la tua forza. Io, invece, amavo la semplicità, e soffrivo per quel tuo vorticoso cercarmi e abbandonarmi.
Mi accoglievi come un figlio che doveva espiare tutte le colpe del mondo. Ero la preda perfetta da sacrificare sull’altare della tua vanità.
Decidevi tu ogni giorno, ogni santo giorno, per i nostri incontri e per i tuoi incantesimi.
Amavi bere e fumare. Nulla t’intimoriva, tanto meno gli sguardi maschili, sedotti dalle tue indecenti scollature.
Quando ho intravisto una sagoma evanescente vicino alla ringhiera, incurante del vaso rotto, non ho pensato che avresti potuto essere tu.
Già nel vago eri diversa, diversissima dalla ragazza prosperosa che avevo conosciuto sul tram.
Ma la tua presenza su questa terrazza di città adesso è reale, lo devo ammettere. Così hai fatto un passo avanti, come di sfida.
E di sfide me ne hai sempre lanciate tante, tu.
 
Quando ti baciai per la prima volta, tanti anni fa, fu sorprendente riconoscere quanto poco coraggio ci volesse per poggiare le mie labbra sulle tue, morbide e senza una linea di trucco.
Inizialmente baciavi male: mordicchiavi, veloce e isterica, vinta da un’involontaria emozione. Poi è arrivata quella dolcezza che ho sempre cercato.
È arrivata con il tuo profumo e il colore dei tuoi occhi, belli e nitidi, anche da così vicino.
Mentre felice li mettevo a fuoco, tu mi hai detto:
«Questo bacio non è reale, non è accaduto. Non sono nata per dare baci agli uomini».
In effetti, ora sei cambiata tanto, come se qualcuno o qualcosa ti abbia consumata. Non ti ricordavo così magra, la tua faccia adesso è più dura, puntuta, con due zigomi sporgenti. Hai i capelli curati, biondi ormai. Due file di riccioli perfetti scendono ai lati del tuo volto delicato, illuminato da un sorriso languido e sfuggente.
Vesti da donna vera… adesso. Calze trasparenti, camicetta ricamata, e una vaporosa gonna scura. Sono le impronte di una nuova vita, o forse il nero del tuo abito è solo un annuncio di lutto?
All'epoca parlavo tanto con le tue amiche, sempre pronte a malignare e inondarmi con i dubbi e le incertezze che nutrivano su di te. Eravamo giovani, e loro mi sembravano delle vecchie decrepite, logorate anzitempo dall'invidia, e spossate dall'ambizione. M’informavano che tu non avevi mai avuto un uomo e mai saresti stata capace di una sola carezza. Secondo loro certe cose non t’interessavano. Forse avevano ragione, ma tutto quel parlare m’incendiava come non mai.
Hai sempre avuto un bel fisico, ma ora sei più attenta al tuo aspetto. Adesso padroneggi quelle tecniche di seduzione che allora goffamente utilizzavi.
Vieni verso di me, e tutto quel costruire la tua immagine mi dice che hai abdicato a tante tue vecchie teorie, noi compresi.
Il male fra noi era cominciato prima che ci fosse un vero “fra noi”.
O meglio, proprio quando fra i nostri corpi non c'era più niente, tu trovavi il modo di farmi avvilire.
Ogni volta pensavo che avrei superato i tuoi limiti, come quando da ragazzino avevo tardato di notte, e scavalcavo il cancello di casa. Ero convinto che tu, come mia madre, avresti prima urlato “al ladro” e poi mi avresti abbracciato e accolto. Ma a te nemmeno sfiorava la paura di essere derubata. La ladra eri tu.
Non è stato il tuo nuovo aspetto a sconvolgermi. È stato il tuo desiderio diverso e misterioso, che mi emoziona più della scoperta di un tesoro, sepolto su una spiaggia deserta da un pirata in fuga.
Abbandonata alle mie carezze, sei qualcosa di assolutamente buono e appagante. Guardarti, toccarti, è incantevole, ma non saprei assegnarti un nome.
Immagino come la gente ti faccia mille complimenti al solo vederti camminare per strada. Questo alimenta tutti i miei piaceri, ma allontana crudelmente il mio capire cosa sei.
Se non dico quella parola, non me lo perdonerò mai, ma se la pronuncio, mi logoro, divento un nulla.
“Bellissima!”
Ecco l'ho detta. Ora il tempo potrà riprendere a scivolare normalmente.
Negli anni dell'università credevo che non mi sarei mai stancato di te, delle tue storie. Invece mi stancai, pur avendo sopportato quella situazione surreale per molto tempo.
Un giorno smisi di cercarti e tu facesti lo stesso.
Per la prima volta ci intendemmo senza esitazione, quasi fossimo due musicisti che improvvisavano una sinfonia.
Non svanisti subito. Prima dovetti partecipare allo spettacolo della tua metamorfosi, ma senza soffrirne. Io trovai una nuova ragazza, tu ritornasti dai tuoi amici sgangherati e fu quello il momento in cui scegliesti di iniziare a decadere, come un impero ricco d'arte ma incapace di lottare.
So che lasciasti la città e fu la scelta più giusta.
Erano arrivati i barbari, e la Milano da bere ora puzzava di burro e cipolla.
Scrivo la nostra storia al mio solito tavolino di lavoro.
Ho ripreso a fumare.
Tu dormi.
Prima o poi verrà sonno anche a me.
All’improvviso mi torna in mente una strana avventura capitatami da bambino: sognavo sempre due tizi, con un paio di grugni immondi, vestiti da gitani. Ero terrorizzato e non c'era notte priva della loro orribile compagnia. Così un pomeriggio, invece di fare i compiti, presi una matita e li disegnai. Li guardavo prendere forma fra le mie mani, veri, concreti. Sembrava potessero uscire dal foglio, conquistare profondità. Da quel giorno sparirono per sempre.
Domani mattina tornerò alla mia dichiarata normalità.
Mi sveglierò come sempre un po' in diagonale, occupando con soddisfazione tutto il letto a due piazze.
Questo però non è un mio pensiero, adesso non penso. Ho solo voglia di fumare.
Dopo si fuma sempre.


Ultima modifica di almarc il Ven Ago 12, 2022 2:59 pm - modificato 2 volte.
almarc
almarc
Viandante
Viandante

Messaggi : 35
Punti : 56
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 30.07.22

Torna in alto Andare in basso

Incantesimi d’agosto Empty Re: Incantesimi d’agosto

Messaggio Da Petunia Gio Ago 11, 2022 4:00 pm

https://www.differentales.org/t1622-il-cigno#20713

Ciao  @almarc quando posti un racconto devi inserire prima (o in calce) il commento a un altro racconto. Ho visto che hai commentato il racconto “il cigno” e va bene così.
La prossima volta inserisci il link (basta copiarlo) se poi non ti trovi, scrivimi pure o scrivi allo staff e ti diciamo come fare.

______________________________________________________
“Sono le onde a impedire che i mari siano semplicemente delle enormi pozzanghere”


(Daniel Foster Wallace)
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 1512
Punti : 1643
Infamia o lode : 19
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 58
Località : Prato

A Arunachala garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

Incantesimi d’agosto Empty Re: Incantesimi d’agosto

Messaggio Da Arunachala Gio Ago 11, 2022 8:28 pm

si legge con piacere, questo pezzo, anche se qualcosa mi rimane oscuro.
per esempio, alla fine dici che lei dorme: cosa intendi di preciso, visto che lei non c'è più?
o forse ho capito male io.
scritto bene, pochissimi refusi e buone descrizioni.
la caratterizzazione dei personaggi è buona.
niente male davvero.

______________________________________________________
L'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Incantesimi d’agosto Namaste

Non si può toccare l'alba se non si sono percorsi i sentieri della notte.

Kahlil Gibran
Arunachala
Arunachala
Admin
Admin

Messaggi : 837
Punti : 992
Infamia o lode : 7
Data di iscrizione : 20.10.20
Età : 65
Località : Lago di Garda

Torna in alto Andare in basso

Incantesimi d’agosto Empty Re: Incantesimi d’agosto

Messaggio Da almarc Gio Ago 11, 2022 9:20 pm

Arunachala ha scritto:si legge con piacere, questo pezzo, anche se qualcosa mi rimane oscuro.
per esempio, alla fine dici che lei dorme: cosa intendi di preciso, visto che lei non c'è più?
o forse ho capito male io.
scritto bene, pochissimi refusi e buone descrizioni.
la caratterizzazione dei personaggi è buona.
niente male davvero.
parli di refusi. Mi farebbe piacere conoscerli così li correggo.
Il protagonista è rapito da questo incantesimo. È chiaro che si tratta di una visione. Solo nel finale tutto pare svelarsi allorquando dice che si sveglierà in diagonale occupando il letto a due piazze, per poi ritornare ancora alla visione nella frase finale. In conclusione tutto è in sospeso tra incantesimo e realtà. La forzata solitudine può arrivare anche a confondere una persona normale, forse.
almarc
almarc
Viandante
Viandante

Messaggi : 35
Punti : 56
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 30.07.22

Torna in alto Andare in basso

Incantesimi d’agosto Empty Re: Incantesimi d’agosto

Messaggio Da Arunachala Gio Ago 11, 2022 9:30 pm

almarc ha scritto:
Arunachala ha scritto:si legge con piacere, questo pezzo, anche se qualcosa mi rimane oscuro.
per esempio, alla fine dici che lei dorme: cosa intendi di preciso, visto che lei non c'è più?
o forse ho capito male io.
scritto bene, pochissimi refusi e buone descrizioni.
la caratterizzazione dei personaggi è buona.
niente male davvero.
parli di refusi. Mi farebbe piacere conoscerli così li correggo.
Il protagonista è rapito da questo incantesimo. È chiaro che si tratta di una visione. Solo nel finale tutto pare svelarsi allorquando dice che si sveglierà in diagonale occupando il letto a due piazze, per poi ritornare ancora alla visione nella frase finale. In conclusione tutto è in sospeso tra incantesimo e realtà. La forzata solitudine può arrivare anche a confondere una persona normale, forse.
questo è un refuso:
c’è calma piatta la fuori. là


ne avevo notato un altro ma non lo trovo più

______________________________________________________
L'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Incantesimi d’agosto Namaste

Non si può toccare l'alba se non si sono percorsi i sentieri della notte.

Kahlil Gibran
Arunachala
Arunachala
Admin
Admin

Messaggi : 837
Punti : 992
Infamia o lode : 7
Data di iscrizione : 20.10.20
Età : 65
Località : Lago di Garda

Torna in alto Andare in basso

Incantesimi d’agosto Empty Re: Incantesimi d’agosto

Messaggio Da Petunia Gio Ago 11, 2022 10:49 pm

Ciao  @almarc
Una frase è rimasta incompiuta: tue vecchie teorie, noi compre
Leggendo mi sono sentita un po’ “guardona” (passami il termine anche se è infelice), è come se mi fossi intrufolata nell’ intimità di una coppia e l’avessi spiata. Tutto non sembra scritto per coinvolgere un pubblico generico, ma una specifica persona. Detto questo, ho trovato alcuni passaggi molto belli ed efficaci. Questa parte mi è particolarmente piaciuta:
 Seduto in terrazzo, fiuto l’aria odorosa e densa, come il respiro eccitato di un’animale in calore, e mi abbandono a questi ricordi che sembrano davvero parte di un racconto d'amore. 
Poco fa, un colpo di vento ha trascinato a terra un vaso di gerani e il pavimento è ricoperto di un grumo di terra nera, invisibile nel buio della sera, calata all’improvviso in questa Milano assonnata di fine agosto. 
Adesso c’è calma piatta la fuori. La strada, trenta metri giù in basso, è deserta. Dal piano di sotto sale un buon odore di cucina lombarda. Lo respiro. Quasi mi sembra di mangiarlo questo piatto di osso buco alla milanese, anche se adesso assaggerei ogni cosa, pur di evadere dalla monotonia”.
Bella scrittura, brano forse un po’ troppo criptico, ma interessante e piacevole.

______________________________________________________
“Sono le onde a impedire che i mari siano semplicemente delle enormi pozzanghere”


(Daniel Foster Wallace)
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 1512
Punti : 1643
Infamia o lode : 19
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 58
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Incantesimi d’agosto Empty Re: Incantesimi d’agosto

Messaggio Da almarc Ven Ago 12, 2022 3:03 pm

Arunachala ha scritto:

questo è un refuso:
c’è calma piatta la fuori. là


ne avevo notato un altro ma non lo trovo più
Grazie, l'altro refuso è un "copia incolla" errato - "noi compre" invece di "noi compresi."
almarc
almarc
Viandante
Viandante

Messaggi : 35
Punti : 56
Infamia o lode : 1
Data di iscrizione : 30.07.22

A Arunachala garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

Incantesimi d’agosto Empty Re: Incantesimi d’agosto

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.