Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

Ultimi argomenti attivi
» Come ti chiami?
Marzia EmptyOggi alle 9:04 pm Da Hellionor

» Ricordati di coprirti bene
Marzia EmptyOggi alle 5:41 pm Da Susanna

» Monica degli Zomegni
Marzia EmptyOggi alle 3:48 pm Da Asbottino

» La guerra dentro
Marzia EmptyOggi alle 3:00 pm Da tommybe

» Del delirio d'onnipotenza e della fraternità
Marzia EmptyOggi alle 12:56 am Da Arianna 2016

» L'oro di Mac
Marzia EmptyIeri alle 3:08 pm Da tommybe

» Un viaggio indimenticabile
Marzia EmptyIeri alle 10:15 am Da Mac

» Quiete
Marzia EmptyDom Mag 22, 2022 9:32 pm Da Arunachala

» David Crocchette
Marzia EmptyDom Mag 22, 2022 5:44 pm Da Susanna

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 7 - L'ANTICAMERA
Il settimo step è partito!
C'è tempo fino al 31 Maggio per commentare tutti i racconti.

Non sei connesso Connettiti o registrati

Marzia

2 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Marzia Empty Marzia Dom Feb 06, 2022 1:03 pm

Hellionor

Hellionor
Admin
Admin

"Mi vivo addosso. 
Sospiro a pieni polmoni, satura di paura e di odori sporchi.
Mi vivo addosso, o mi sopravvivo. Spesso ho paura, soprattutto quando la notte sta per incontrare il giorno, e si forma quella nebbiolina che sembra arrivare direttamente dall'inferno. Allora sto immobile alla finestra aspettando di morire, pregando di morire, ma eccomi qui. Non muoio. Scivolo dentro di me, perlustrando gli anfratti, infilandomi sotto i letti dei miei passati amori, cercando. Scivolo, mi scivolo addosso, mi scivolo dentro, unta di rimpianti, di lacrime secche, rigide, marmoree.
Ho smesso di fumare un anno fa, mi mancano le sigarette. Erano una compagnia, almeno loro. Ora sono rimasta da sola, alle volte scambio due parole con il cuscino, ma è difficile, parliamo linguaggi troppo diversi, lui non capisce il mio desiderio di stare sveglia, cerca di ipnotizzarmi con la sua morbidezza, io resisto, ferma, immobile davanti alla finestra ad aspettare che la nebbiolina mi prenda. E lui insiste, stupido cuscino. Odio i rumori metallici, quelli dei carrelli che passano nel corridoio, lo scampanellio della porta, il rumore delle chiavi che tintinnano nelle tasche. Odio il rumore che fa il tagliaunghie, secco, feroce, netto. Io sono evanescente, non sono netta. Svanirò all'alba, con la nebbiolina. O forse no. Dottore, lei crede che sia possibile chiedere agli extraterrestri di essere rapiti? So di persone che sono state rapite, e forse loro sono scomparse nel nulla, nella nebbiolina. In questo caso crede che mi dovrei portare il cuscino? Non vorrei rimanesse male, è vero che è stupido, ma comunque mi è sempre vicino." 
Una pausa di un secondo, e riparte.
"Dottore, la vedo un po' depresso oggi. Non è che a furia di parlare con noi pazzi sta andando fuori di testa anche lei? Probabilmente non scopa abbastanza. Lei è il classico uomo che non fornica, ma procrea. Sbaglio? Io sono costretta ad arrangiarmi da sola, ormai. Non che mi dispiaccia, almeno so dove mettere le mani, però alle volte mi manca la presenza di un altro, capisce? Sentire la pesantezza di un altro corpo sopra, sentire altri odori che non siano di medicine e di piscio, essere posseduta per un istante e possedere. Io non ho mai posseduto nulla. Lei è sposato, naturalmente. Sa, un tempo ero sposata, mille anni fa, prima della nebbiolina. Allora fumavo. Avevo anche i capelli lunghi, e biondi, lisci. Erano bellissimi i miei capelli. Credo di poter affermare che allora ero felice. Ma non lo ricordo chiaramente. Ricordo così poco del passato. Quanto dimentichiamo, dottore? Quante cose lasciamo indietro senza accorgercene? Io voglio sapere dove finisce il dolore. Non quando finisce, perché non finisce mai, ma dove, dove va a nascondersi, dove finisce. Perché prima o poi ritornerà, e io voglio essere pronta. Io lo so che prima o poi tutto quel dolore deciderà di tornare. 
Io sono stanca, dottore.”
Marzia scivola dalla sedia e comincia a dondolarsi avanti e indietro, mugolando.

Il dottore si alza, apre la porta e chiama l’infermiera.
Marzia viene presa e riportata in camera. Lui lancia lo sguardo oltre la finestra, verso la città, riesce quasi a vedere la sua casa sforzandosi un po’.
E lui si sforza. 






Spoiler:

2Marzia Empty Re: Marzia Dom Feb 06, 2022 5:19 pm

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore

Ciao  @Hellionor, cavolo che pezzo! Me la sono vista seduta davanti, Marzia. Ho sentito il suo odore, l’odore della solitudine, della lucida follia. No, Marzia non è pazza, o almeno non lo è più del dottore/società che dovrebbe aiutarla a guarire. 
Quanti di noi hanno sognato, o sognano di evaporare nella nebbiolina? Non è fuggire da una situazione scomoda, è cercare una via d’uscita, aggrapparsi a qualsiasi possibilità (perfino un rapimento alieno) per cambiare una situazione di cui si è consapevoli. Quella nebbia penetra anche nei pensieri del dottore e nella chiusa finale ci fai ben comprendere il suo “sforzo” di sentirsi normale.
Non so se ti è scappato qualcosa sulla formattazione. La frase iniziale prosegue nella riga successiva (le virgolette le chiudi, giustamente, in fondo alla tirata, ma così sembrano orfane.
Metterei uno stacco dopo: Una pausa di un secondo e riparte.
Marzia 509334221 Marzia 509334221


______________________________________________________
C’è qualcosa di delizioso nello scrivere le prime parole di una storia. Non sai mai dove ti porteranno.
(Beatrix Potter)

3Marzia Empty Re: Marzia Lun Feb 07, 2022 1:35 pm

Hellionor

Hellionor
Admin
Admin

Grazie del commento 😌
Marzia è una delle prime donne uscite dalla mia penna e dalla mia testa, e per quanto il testo abbia delle pecche, nel tempo non l' ho mai modificato perché è un po' il manifesto della mia scrittura.
😌😌I love you

Contenuto sponsorizzato



Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.