Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

EVENTI DT
Il regolamento del concorso natalizio di DT - Natale Bifronte
Con scadenza il 15 dicembre


https://www.differentales.org/e10016676-natale-bifronte

Ultimi argomenti attivi
» Storie vagabonde
Ho commesso un reato EmptyIeri alle 10:38 pm Da Resdei

» Un caffè e… la riflessione del giorno
Ho commesso un reato EmptyIeri alle 9:57 pm Da Giancarlo Gravili

» La poltrona disabitata
Ho commesso un reato EmptyIeri alle 8:06 pm Da Petunia

» La poltrona disabitata
Ho commesso un reato EmptyIeri alle 7:44 pm Da Petunia

» Profumo di sandalo
Ho commesso un reato EmptyIeri alle 5:12 pm Da Mac

» IL DONO
Ho commesso un reato EmptyIeri alle 5:03 pm Da Mac

» 7 in condotta
Ho commesso un reato EmptyIeri alle 4:31 pm Da Susanna

» Il sentiero delle memorie perdute
Ho commesso un reato EmptyIeri alle 1:16 pm Da Giancarlo Gravili

» Natale Bifronte - Info e chiarimenti
Ho commesso un reato EmptyIeri alle 10:16 am Da Susanna


Non sei connesso Connettiti o registrati

Ho commesso un reato

3 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Ho commesso un reato Empty Ho commesso un reato Lun Nov 08, 2021 5:40 pm

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

https:
https://www.differentales.org/t744-casellante-ma-ne-passan-molti#9107 

In una piccola stanza, una seggiola occupata da una signora sui sessanta, una scrivania sgombra, solo un posacenere, un patetico calendarietto e una lampada; dietro la scrivania una poltrona vuota. Un uomo in maniche di camicia cammina avanti e indietro, costringendo la donna a un continuo girarsi e rigirarsi. Un’americanata di poliziotto.
-        Signora, adesso ricominciamo daccapo, okkey? Vediamo se così riesce a comprendere la gravità del suo reato. Quando ha cominciato a leggere? E perché. Forza.
-        Avevo 5 anni, quasi 6. Mi piacevano le favole ma mia mamma non aveva sempre tempo per leggermele. Mi sono arrangiata.
-        Scuse, sempre scuse. E a scuola, perché non seguiva i ritmi della maestra? È tutto nel suo dossier.
Accennò alla scrivania, sgombra. Glissò, indicando un vecchio schedario in un angolo.
-        Gliel'ho detto. Avevamo un bellissimo libro di lettura e io volevo leggere i raccontini, le storie di animali, fatine, pulcini…
-        Seee, tacchini arrosto, altro che pulcini! Poi? Avanti, niente storie.
L’uomo si appoggia pesantemente alla scrivania, che emette un lamentoso scricchiolio.
-        Niente storie? Ma come si fa a essere ragazzini senza storie? Salgari, Piccole Donne, i Gialli di Nancy Drew, Dickens. I sogni fanno crescere, altro che videogiochi! Che ai miei tempi non c'erano e la tivù cominciava alle cinque del pomeriggio, con Giocagiò.
-        E allora?
-        Ma lei proprio non ci arriva? I pomeriggi erano lunghissimi, bisognava pur farli passare e i libri erano la soluzione perfetta.
-        Ma che perfetta e perfetta!
-        Sì, perfetta. Bastava una poltroncina, un pezzetto di prato, anche un muretto. Non davi fastidio a nessuno, non correvi pericoli e, tra le altre cose, imparavi.
-        A me, per esempio, dava fastidio che i miei amici leggessero, ma guarda un po'!
-        E si vede sa? Lontano un miglio.
-        Saranno fatti miei? Passiamo al presente, ci risparmi l'adolescenza, che immagino tragica, da romanzetti rosa. Bleah!  Adesso cosa legge?
-        Avventure, gialli, noir, attualità, i classici intramontabili. Un po' di tutto ma penso che, dopo aver conosciuto lei, tralascerò gli horror: robetta al suo confronto.
-        Ah ah ah che ridere! Ma torni coi piedi per terra! – Una risata sarcastica da tirare gli schiaffi.
-        Ci sto già, coi piedi per terra, alla faccia di zoticoni come lei.
-        Cosa vorrebbe dire?
-        Voglio dire che quando apro un libro, il mondo di fuori resta fuori e tra le parole posso trovare emozioni solo mie, posso comprendere il pensiero altrui, vedere le cose con altri punti di vista. Crescere, Magari non diventerò un genio, ma almeno non viaggio raso terra come lei. Ci tengo solo i piedi, per terra, caro lei. La testa la metto dove c’è più ossigeno culturale.
La donna è davvero irritata, è pure diventata un po’ paonazza e si trincera dietro braccia incrociate: quando ci vuole ci vuole, anche se certe piazzate proprio non le piacciono.
-        Ma che bel discorso! Troppo lungo, ho perso il filo. Non creda di offendermi sa: là fuori c'è un mondo che sta impazzendo e lei legge i libri, la signora.
-        Proprio così. E non solo non mi vergogno, ma li regalo pure. Guardi un po'. Anzi, sa cosa farò il prossimo Natale? Le regalo un bel libro.
-        E io me ne guarderò bene dall'aprirlo.
-        Le assicuro che lo leggerà.
-        Cosa le darà tutta questa sicurezza?
-        Parlerà di lei!
-        Di me?
-        Sì, di lei, e lo avrò scritto io. Titolo: Storia di un ignorante che voleva rimanere ignorante.
-        E io l'arresto.
-        Bene: in prigione avrò anche più tempo per scrivere.
-        Niente carta e penna.
-        Non può: si ricordi la convenzione di Ginevra.
-        Ma certo, Ginevra e Lancillotto.
-        Allora qualcosa ha letto anche lei! Anche lei legge: non dica di no! È arrossito come un adolescente. Anche lei legge! Maddaiii!
-        Sssttt: non urli, non mi rovini la reputazione, la prego! Mi credono un duro, ma io adoro Salgari, Smith, Cussler, Camilleri, Lucarelli, e tanti altri! Mi sono comprato anche un kindle, per non dare troppo nell’occhio. Ma non lo dica a nessuno. Per favore!
Mancava che si mettesse in ginocchio, l’omone.
-        Beh, per stavolta. Adesso però mi tolga la lampadina da lettura dagli occhi, please.
-        Okkey. Ehm ehm… per stavolta la lascio andare, ma se la ritrovo a leggere sulle panchine del parco…
Un bel vocione, a favore dei colleghi nella stanza vicina.
-        Che mi fa? Che mi fa?
-        Le regalo un segnalibro fatto da me, con fili d'erba e margherite. – Sottovoce.
-        Ma che romanticone!



Ultima modifica di Susanna il Mar Nov 09, 2021 5:22 pm - modificato 1 volta.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

2Ho commesso un reato Empty Re: Ho commesso un reato Mar Nov 09, 2021 1:15 pm

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore

Simpatico siparietto distopico @Susanna. Un testo adatto per una gag teatrale considerata la struttura. Leggero, nostalgico, strappa un sorriso. Un tuffo nei ricordi che mi ha fatto tornare indietro nel tempo e sentire il peso della mia età. Però sono d’accordo col messaggio di fondo. Certi valori che sono quasi irrimediabilmente persi possono sopravvivere anche con testi di questo tipo.
La scrittura è agile e brillante. Ho intravisto una eufonica e ti segnalo questo refuso “fili d'era e margherite.”
Grazie


______________________________________________________
Dodici voci si alzarono furiose, e tutte erano simili. Non c’era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all’uomo, dall’uomo al maiale e ancora dal maiale all’uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due. (George Orwell)

3Ho commesso un reato Empty Re: Ho commesso un reato Mar Nov 09, 2021 5:24 pm

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

@Petunia ha scritto:La scrittura è agile e brillante. Ho intravisto una eufonica e ti segnalo questo refuso “fili d'era e margherite.”
Grazie
Grazie cara per la lettura e anche per le "viste": prima o poi le eufoniche non le sbaglierò più. Certo che leggi e rileggi, certi refusi poi non te li spieghi proprio.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

4Ho commesso un reato Empty Re: Ho commesso un reato Mer Nov 10, 2021 8:07 pm

FraFree

FraFree
Padawan
Padawan

Evviva, la sana leggerezza. J'adore questi racconti scanzonati! Che poi hanno sempre qualcosa, i tuoi, che va oltre l'ameno.
Mi hai fatto pensare a tante belle letture e alla ricchezza spirituale che danno.


______________________________________________________
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati. (B. Brecht)

A Susanna garba questo messaggio

Contenuto sponsorizzato



Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.