Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

Ultimi argomenti attivi
» Mattutino
Il ponte delle catene EmptyOggi alle 8:31 pm Da Arunachala

» '86
Il ponte delle catene EmptyOggi alle 8:02 pm Da Giancarlo Gravili

» So dell'attesa
Il ponte delle catene EmptyOggi alle 8:00 pm Da Giancarlo Gravili

» Different Rooms - Ottavo Step
Il ponte delle catene EmptyOggi alle 2:44 pm Da M. Mark o'Knee

» Un caffè per Tom
Il ponte delle catene EmptyIeri alle 8:26 pm Da tommybe

» In autostrada
Il ponte delle catene EmptyDom Giu 26, 2022 3:15 pm Da M. Mark o'Knee

» Smisurate vanità
Il ponte delle catene EmptyDom Giu 26, 2022 12:16 pm Da GENOVEFFA FRAU

» Marzia
Il ponte delle catene EmptySab Giu 25, 2022 5:05 pm Da tommybe

» Milos nelle braccia di Kronos e nelle spire di Kairos
Il ponte delle catene EmptyVen Giu 24, 2022 9:15 pm Da Giancarlo Gravili

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 8 - IL SALOTTO!
Scopri i parametri e scrivi il racconto ambientato in salotto! La scadenza è il 30 giugno!

Non sei connesso Connettiti o registrati

Il ponte delle catene

3 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Il ponte delle catene Empty Il ponte delle catene Mar Ago 31, 2021 11:37 pm

Pecco73


Younglings
Younglings

Era andato a Budapest per tanti motivi ma soprattutto perche' morbosamente attratto da una 'coincidenza' impressionante.
Per quale motivo l'Ungheria deteneva il primato europeo dei suicidi?
Perche' un capolavoro architettonico di strordinaria bellezza come il ponte delle catene, costruito nel 1849 per connettere Buda a Pest era quasi diventato il simbolo dell'addio alla vita?
Sentiva affine quella cultura. Vedeva molti ragazzi nella citta' svedesi come lui e gli sembrava di recitare in un lunghissimo film di Bergman tutto in pianosequenza. Non era famosa anche la Svezia per numero di suicidi? Non era stato il grande regista esistenzialista svedese uno dei maggiori investigatori dell'animo umano e degli abissi in cui puo' precipitare la mente? Il suicidio era stato presente sia nei suoi film che in quelli realizzati con e per la seconda moglie, e la morte era stata spesso sua compagna 'immaginificamente' forse per esorcizzarla o forse proprio perche' la sentiva amica, dal Posto delle fragole al Settimo sigillo.
Mentre pensava a Bergman e all'Ungheria, al diciannovesimo secolo e ai ragazzi che aveva incontrato, lo svedese si accorse che si era sporto troppo dal ponte. Una vertigine lo colse e si rese conto che era ormai piu' di la' che di qua. Con un sorriso amato gli venne in mente che rischiava di far godere i fanatici delle statistiche: uno svedese che si suicidava dal ponte delle catene in Ungheria! Un brivido successivamente lo percorse: non era mica che quello fosse proprio un posto maledetto, che lo aveva attratto proprio per impartirgli quella terribile fine?! Avrebbe trovato li' la morte dunque? Rimprovero' se' stesso per la sua sciocca temerarieta' di prima. Quella stupida e perversa curiosita'!
Poi penso' che lui non voleva morire. Penso' alle cose che ancora voleva fare, alle persone cui voleva e che gli volevano bene. E penso' di nuovo al suo regista preferito. Anche in lui, in fondo, la vita aveva sempre prevalso sulla morte, tanto che se ne era andato molto anziano. In quella, senti' come se 'una catena' del ponte lo tirasse dalla parte giusta. Si era salvato!
Penso' allora, ringraziando il suo maestro mentre le lacrime che cadevano copiosamente dalle sue palpebre si fondevano con l'acqua del Danubio, che il miglior film resta la vita.


https://www.differentales.org/t1002-visioni-e-realta#11469

2Il ponte delle catene Empty Re: Il ponte delle catene Mer Set 01, 2021 6:00 pm

Ospite


Ospite

Un piacevole elogio alla vita. 
Scena, personaggio e mood, resi ben chiari.

3Il ponte delle catene Empty Re: Il ponte delle catene Lun Feb 07, 2022 4:19 pm

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore

Pecco73 ha scritto:Era andato a Budapest per tanti motivi ma soprattutto perché morbosamente attratto da una 'coincidenza' impressionante.
Per quale motivo l'Ungheria deteneva il primato europeo dei suicidi?
Perché un capolavoro architettonico di strordinaria bellezza come il ponte delle catene, costruito nel 1849 per connettere Buda a Pest era quasi diventato il simbolo dell'addio alla vita?
Sentiva affine quella cultura. Vedeva molti ragazzi nelle città  svedesi come lui e gli sembrava di recitare in un lunghissimo film di Bergman tutto in pianosequenza. Non era famosa anche la Svezia per numero di suicidi? Non era stato il grande regista esistenzialista svedese uno dei maggiori investigatori dell'animo umano e degli abissi in cui può precipitare la mente? Il suicidio era stato presente sia nei suoi film che in quelli realizzati con e per la seconda moglie, e la morte era stata spesso sua compagna 'immaginificamente' (meglio immaginifica) forse per esorcizzarla o forse proprio perché la sentiva amica, dal Posto delle fragole al Settimo sigillo.
Mentre pensava a Bergman e all'Ungheria, al diciannovesimo secolo e ai ragazzi che aveva incontrato, lo svedese si accorse che si era sporto troppo dal ponte. Una vertigine lo colse e si rese conto che era ormai più di  che di qua. Con un sorriso amaro gli venne in mente che rischiava di far godere i fanatici delle statistiche: uno svedese che si suicidava dal ponte delle catene in Ungheria! Un brivido successivamente lo percorse: non era mica che quello fosse proprio un posto maledetto, che lo aveva attratto proprio per impartirgli quella terribile fine?! Avrebbe trovato la morte dunque? Rimproverò sé stesso per la sua sciocca temerarietà di prima. Quella stupida e perversa curiosità!
Poi pensò che lui non voleva morire. Pensò alle cose che ancora voleva fare, alle persone cui voleva e che gli volevano bene. E pensò di nuovo al suo regista preferito. Anche in lui, in fondo, la vita aveva sempre prevalso sulla morte, tanto che se ne era andato molto anziano.
In quella, sentì come se 'una catena' del ponte lo tirasse dalla parte giusta. Si era salvato!
Pensò allora, ringraziando il suo maestro mentre le lacrime che cadevano copiosamente dalle sue palpebre si fondevano con l'acqua del Danubio, che il miglior film resta la vita.


Ciao  @Pecco73 
ti ho corretto gli accenti. Forse avevi la tastiera sciupata? 
Usare il segno grafico corretto (accento e non apostrofo) è importante.
Il racconto è carino e la tematica orginale. 
La chiusa sa un po’ di retorica, ma nel complesso può starci. Solo che la frase conclusiva è davvero troppo lunga. Troverei un modo per esprimere lo stesso concetto in modo più conciso.


______________________________________________________
C’è qualcosa di delizioso nello scrivere le prime parole di una storia. Non sai mai dove ti porteranno.
(Beatrix Potter)

A Arunachala garba questo messaggio

4Il ponte delle catene Empty Re: Il ponte delle catene Lun Feb 07, 2022 8:24 pm

Arunachala

Arunachala
Admin
Admin

mah, io resto parecchio perplesso.
la storia sarà pure carina ma è scritta davvero male.
non si usano gli apostrofi, ci sono le lettere accentate, come ha corretto Petunia.
e poi non è che alla fine ci sia granché di positivo se non il fatto che si salva.
lo rivedrei in toto.


______________________________________________________
L'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Il ponte delle catene Namaste

Non si può toccare l'alba se non si sono percorsi i sentieri della notte.

Kahlil Gibran

Contenuto sponsorizzato



Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.