Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Polveruomo

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Polveruomo Empty Polveruomo Lun Gen 11, 2021 7:41 pm

Akimizu

Akimizu
Padawan
Padawan
Ricordo ancora, come fosse ieri, questo raccontino letto da Nic ad Ariccia. Chissà se anche lui se lo ricorda, per me è stata un'emozione particolare, perché era la prima volta che qualcuno leggeva un mio lavoro. Che gli dava un tono, un'idea, un'interpretazione che non fosse la mia.


Polveruomo

A distanza di sicurezza dal respiro degli altri passeggeri.
Continua a tirarsi su gli occhiali, anche quando non sono scivolati sulla punta del naso. Sta rannicchiato sulla sedia di plastica arancione, coperta di scritte, intagliata, segnata e piena di cazzi. I polpastrelli premuti forte sul vetro appannato, lo zaino tra le ginocchia, come uno scudo. Da quando è salito alla fermata di Pisgat Ze’ev non ha ancora guardato nessuno negli occhi.
Sente la musica del ragazzo che gli siede di fianco, nonostante gli auricolari, un suono ovattato, distante, malinconico.
Il frastuono delle rotaie, il chiacchiericcio delle ragazzine.
Quando finalmente alza la testa nota che la vecchia davanti a lui lo guarda arricciando il naso e scuotendo la testa. Alcuni ortodossi con la kippah gli danno le spalle e borbottano.
La metro leggera si ferma, dà una botta di rinculo, sputa fuori decine di persone, ne inghiotte altrettante e riparte.
Puzza di gomma e scarichi.
Si muove a scatti sul sedile e ogni tanto sbatte al tubo scrostato che lo separa da uno studente col cappuccio.
Tira su gli occhiali, controlla lo zaino e si prepara a scendere. Si alza e si fa largo alitando un permesso, muovendo i piedi senza alzarli da terra, stringendo le spalle, facendosi piccolo per non disturbare. Uno sbuffo pneumatico, la portiera si apre, lo studente incappucciato si agita e sbraccia, lo chiama e indica lo zaino dimenticato sotto il sedile. Fa finta di non sentire e si fa trasportare dalla massa, senza camminare veramente. Un minuto lungo una vita ed è all’aria aperta. Si inginocchia, comincia a pregare, a metà si ferma, piega il collo e come fosse un gufo si guarda alle spalle.
E l’esplosione lo travolge.
Con le gambe divaricate è sdraiato su di un cartello dei lavori in corso, sotto un passeggino. Cerca il bambino con le mani, alla cieca, tossisce e afferra una gambetta, poi un piedino. Sente un pianto e gli viene da sorridere. Accarezza la pelle del bimbo, si mette a sedere e raddrizza il passeggino. La metro è aperta in due, poggiata sul fianco, ha schiacciato due automobili. Un ciclista si agita senza un braccio da sotto le lamiere.
Cerca di pulirsi gli occhiali, si guarda le mani e sono quelle di un fantasma. È grigio. Uno strato leggero e sottile di detriti lo ricopre completamente. È un uomo di polvere. Ed è circondato da altri uomini di polvere, suoi simili. Le donne di polvere piangono e costruiscono con le lacrime sentieri sul volto. Qualcuno è tagliato, il sangue si impasta. Altri vanno avanti, poi tornano indietro, non hanno dove andare. Bambini di polvere scappano urlando, sbattono e si scontrano, alzando sbuffi e nuvolette. In terra orme sulla cenere, come in una passeggiata lunare.
Le persone che urlano e che gli si agitano davanti sono tutte uguali, sono tutte grigie. Non c’è più il palestinese, non c’è più l’ebreo. Ci sono solo polveruomini.
Si batte il petto, le cosce, le spalle. Ma il pulviscolo sembra incollato. Si sfrega le mani e si agita. Cerca di pulirsi e non ci riesce.
Non se ne va, non se andrà mai, la sua nuova pelle di polvere.

A gemma vitali e paluca66 garba questo messaggio

2Polveruomo Empty Re: Polveruomo Lun Gen 11, 2021 7:54 pm

Asbottino

Asbottino
Younglings
Younglings
Oh, me lo ricordo questo, Aki. Già solo il titolo ti resta stampato nella testa. E poi è talmente breve che potresti impararlo a memoria. Grandissimo lavoro di essenzialità, tutto giocato su descrizioni fatte di suoni e di movimenti, con un montaggio rapidissimo.
Si, immagino che letto da qualcuno ti faccio venire i brividi.
Davvero bello.

A Akimizu garba questo messaggio

3Polveruomo Empty Re: Polveruomo Lun Gen 11, 2021 8:09 pm

Akimizu

Akimizu
Padawan
Padawan
Grazie Asbo, anche questo è un lavoro vecchio, ma sono in versione nostalgia 🧐

4Polveruomo Empty Re: Polveruomo Lun Gen 11, 2021 8:18 pm

Ospite


Ospite
Un mio vecchio racconto, premiato e letto da un attore, cambiò faccia. Io stesso, che lo conoscevo a memoria,  restai paralizzato dall'emozione
Era diventato un racconto diverso, più forte, più eccentrico e potente. 
Posso ben immaginare la tua emozione nell'ascoltare.
Le tue parole.

5Polveruomo Empty Re: Polveruomo Lun Gen 11, 2021 9:54 pm

paluca66

paluca66
Padawan
Padawan
Emozionante e coinvolgente per me che l'ho letto stasera per la prima volta. incredibile quanto sia riuscito a dirci in poche righe, quanto tu sia riuscito ad entrare "dentro" questo polveruomo.
Mi hai suscitato una grande curiosità per leggerti nuovamente quanto prima.

A Akimizu garba questo messaggio

6Polveruomo Empty Re: Polveruomo Mar Gen 12, 2021 3:14 pm

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Un brivido per tutta la narrazione. Splendida e lucente la tua scrittura. Hai una cinepresa inserita nella penna e una rosa fiorita nel cuore. E poi polveruomo... gli fa un baffo a petaloso.
Sei bravo anche a inventare nuove parole (come fantastiglioso).


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

A Akimizu garba questo messaggio

7Polveruomo Empty Re: Polveruomo Mar Gen 12, 2021 7:03 pm

Solenebbia

Solenebbia
Viandante
Viandante
Bel pezzo, incuriosita dal titolo, naturalmente. Infatti l'ho letto un paio di volte Shocked. Eccomi in carrozza con questo tizio. Ne esco malconcia, perchè dalle prime righe mi sembrava un bravo ragazzo, timido e schivo. Poi dimentica lo zaino, mhhh, dubbio. Sono scappata da quel presentimento. Ottimo racconto.

A Akimizu garba questo messaggio

https://www.robertomischiatti.it/foto-gallery

8Polveruomo Empty Re: Polveruomo Gio Gen 14, 2021 6:18 am

mirella


Younglings
Younglings
Gran bel racconto: breve, intanso, drammatico.

A mirella e Akimizu garba questo messaggio

9Polveruomo Empty Re: Polveruomo Gio Gen 14, 2021 6:22 am

mirella


Younglings
Younglings
Ho sbagliato a inserire il tasto oh yeah; ogni volta che provo un tasto nuovo, sbaglio qualcosa.

10Polveruomo Empty Re: Polveruomo Lun Gen 25, 2021 8:48 pm

bucaneve88

bucaneve88
Younglings
Younglings
Bello, bello, bello. Non ci sono sbavature, ogni parola ha la sua precisa funzione; sei seduto su un sedile giallo, di plastica, e guardi l'insieme tranquillamente, forse un po' annoiato. Quando lui si alza, lo segui con gli occhi, lo zaino abbandonato ti fa rizzare le orecchie, lo segui fuori quando si inginocchia, poi quando  si guarda dietro furtivo, capisci tutto. E vorresti schiacciargli quella testa bacata.
Unico appunto: in genere si fanno esplodere anche loro per non essere catturati...
Posta, Aki, ti leggerò stravolentieri. Polveruomo 2802931698


______________________________________________________
Mai innamorarsi di un fiocco di neve...  Polveruomo 3931930528

A Akimizu garba questo messaggio

11Polveruomo Empty Re: Polveruomo Gio Feb 25, 2021 8:40 am

vivonic

vivonic
Admin
Ricordo ancora, come fosse ieri, questo raccontino letto da Nic ad Ariccia. Chissà se anche lui se lo ricorda, per me è stata un'emozione particolare, perché era la prima volta che qualcuno leggeva un mio lavoro. Che gli dava un tono, un'idea, un'interpretazione che non fosse la mia.

Non solo me lo ricordo, ma credo anche che non la scorderò mai, quella serata.
Mi sono proprio alzato di prepotenza e ho detto qualcosa tipo: "Lo leggo io, tanto lo so a memoria da tutte le volte che l'ho letto". E i brividi li avevo pure io.
Un abbraccio, caro Aki 🙂


______________________________________________________
Un giorno tornerò, e avrò le idee più chiare.

A Achillu garba questo messaggio

12Polveruomo Empty Re: Polveruomo Sab Feb 27, 2021 7:19 pm

Ospite


Ospite
Riletto, la tua compagnia, Aki, è sempre una bella compagnia.

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.