Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

Ultimi argomenti attivi
» Superauguri a Supergric!
Alexis di Marguerite Yourcenar EmptyOggi alle 1:13 am Da Molli Redigano

» Restaurazione
Alexis di Marguerite Yourcenar EmptyOggi alle 12:58 am Da Molli Redigano

» Animals
Alexis di Marguerite Yourcenar EmptyOggi alle 12:31 am Da Molli Redigano

» I figli della pioggia
Alexis di Marguerite Yourcenar EmptyIeri alle 7:31 pm Da digitoergosum

» Nivaltur e il dolce del millennio
Alexis di Marguerite Yourcenar EmptyIeri alle 7:01 pm Da Hellionor

» Concorso a tema "Liberi di Scrivere"
Alexis di Marguerite Yourcenar EmptyIeri alle 6:36 pm Da SuperGric

» Posizione privilegiata
Alexis di Marguerite Yourcenar EmptyIeri alle 6:32 pm Da FraFree

» Salsicce Mezzanotte
Alexis di Marguerite Yourcenar EmptyIeri alle 6:30 pm Da SuperGric

» Dolce veleno
Alexis di Marguerite Yourcenar EmptyIeri alle 6:25 pm Da FraFree


Non sei connesso Connettiti o registrati

Alexis di Marguerite Yourcenar

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Alexis di Marguerite Yourcenar Empty Alexis di Marguerite Yourcenar Lun Lug 05, 2021 8:41 am

mirella


Padawan
Padawan
Alexis   di Marguerite Yourcenar
 
 Certe letture  lasciano indifferenti, ci sono libri dei quali rimane un vago ricordo e ci sono libri che lasciano il segno.
Un libro da leggere e rileggere, che mi torna in mente ogni volta che sento parlare di omosessualità, è Alexis. La prima lettura – parlo di oltre trent’anni fa – mi ha talmente toccato da spingermi a leggere altre opere dell’ autrice, quali Memorie di Adriano e  Come l’acqua che scorre.
La forma epistolare, congeniale all’Autrice, presenta aspetti innovativi rispetto al genere, quale è andato connotandosi  nella seconda  metà del Settecento in opere come Giulia o la nuova Eloisa, I dolori del giovane Werther, Le ultime lettere di Jacopo Ortis, perché Alexis è una lettera.
Una sola lunghissima lettera, un monologo autobiografico in forma epistolare. Ed è metaracconto in quanto esemplificazione di quella particolare missiva che è il testo letterario. È vero che Alexis si rivolge a Monique, ma il messaggio accorato e potente che non si può andare contro la propria natura è rivolto a tutti.
Riporto di seguito parte di  una bella recensione, trovata in internet, che più delle mie parole può suscitare interesse alla lettura.


“Alexis, volendo uscire dall’ipocrisia della vita che si è costruito, decide di abbandonare la moglie. Al momento di dirle addio, le scrive una lunga lettera (che costituisce poi l’intero racconto) in cui spiega le ragioni del suo distacco e al contempo chiamandola a testimone della lotta vana che ha condotto contro la propria omosessualità. Il protagonista del romanzo non sembra una personalità vincente. Poterebbe leggersi nel suo agire una rappresentazione della psicologia di un vinto dal mondo borghese che lo circonda. Ma nel momento in cui egli riconosce sé stesso, dopo una profonda ricerca interiore, che si dipana sotto gli occhi del lettore, risulta al contrario un vincente, perché rinuncia alla menzogna, accetta una verità per gli altri scomoda e si dirige verso la sua vita. Come dichiara a Monique (la moglie),egli è conscio che bisogna sapere «se un’anima inquieta non sia meglio di una addormentata». Alexis abbraccia l’inquietudine della sua diversità per vivere, rinuncia a un “dormire” che suona quasi come un “morire”. E in fondo, già nel titolo, Marguerite Yourcenar ci ricorda quanto sia vana una lotta contro la propria natura.”

Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.