Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

Ultimi argomenti attivi
» Superauguri a Supergric!
Chi si ricorda di James Phipps? EmptyOggi alle 1:13 am Da Molli Redigano

» Restaurazione
Chi si ricorda di James Phipps? EmptyOggi alle 12:58 am Da Molli Redigano

» Animals
Chi si ricorda di James Phipps? EmptyOggi alle 12:31 am Da Molli Redigano

» I figli della pioggia
Chi si ricorda di James Phipps? EmptyIeri alle 7:31 pm Da digitoergosum

» Nivaltur e il dolce del millennio
Chi si ricorda di James Phipps? EmptyIeri alle 7:01 pm Da Hellionor

» Concorso a tema "Liberi di Scrivere"
Chi si ricorda di James Phipps? EmptyIeri alle 6:36 pm Da SuperGric

» Posizione privilegiata
Chi si ricorda di James Phipps? EmptyIeri alle 6:32 pm Da FraFree

» Salsicce Mezzanotte
Chi si ricorda di James Phipps? EmptyIeri alle 6:30 pm Da SuperGric

» Dolce veleno
Chi si ricorda di James Phipps? EmptyIeri alle 6:25 pm Da FraFree


Non sei connesso Connettiti o registrati

Chi si ricorda di James Phipps?

2 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Chi si ricorda di James Phipps? Empty Chi si ricorda di James Phipps? Gio Lug 01, 2021 3:13 pm

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore
https://www.differentales.org/t648-pastiglie-di-carta#9253

  James Phipps varca il cancello del cimitero e si incammina con passo deciso verso la tomba del dottor Edward Jenner. Un vento tagliente sferza il viso e fa lacrimare gli occhi.
  È quasi mezzogiorno e il cielo, grigio come acciaio, minaccia pioggia; anche in primavera inoltrata a Berkley non ci si può aspettare un clima migliore. Il terreno umido attutisce il rumore dei passi e la figura robusta sfuma nella nebbia. Le lapidi, in lontananza, sembrano galleggiare sospese a mezz’aria.
  Raggiunto il luogo della sepoltura, James si china e accarezza la lastra di pietra ruvida che mostra già i segni del tempo.
«Dottore, le ho portato calendula, asperula e menta» dice a voce alta mentre depone un mazzetto di erbe officinali sulla tomba «vengono dal suo giardino e, mi creda, non è mai stato più rigoglioso di così, una vera meraviglia!» 
  Fu in un giorno di maggio di tanti anni prima che la vita di James Phipps cambiò per sempre, una ricorrenza che, da allora, continua a onorare ogni anno. Immobile, resta a fissare quel tumulo e, incurante dell’umidità che penetra nelle ossa, si lascia riscaldare dai ricordi.
«James, per favore continua tu a ripulire l’orto dalle erbacce. Il dottore mi ha chiamato e devo andare subito da lui.»
  Arthur Phipps, suo padre, era il giardiniere di casa Jenner, il medico condotto del paese. James non era mai entrato nella casa del dottore, ma moriva dalla voglia di farlo: tutto il via vai di gente che la frequentava, lo incuriosiva. Così, decise di seguire il padre e riuscì a entrare nell’abitazione di nascosto.
  Dentro la casa c’era un calore buono e il profumo di legna bruciata, mescolato ai vapori di erbe e medicamenti, conferiva all’aria un odore intenso e speziato.
  Si fermò davanti alla porta chiusa da cui provenivano dei suoni familiari. Il dottor Edward Jenner aveva una voce profonda e scandiva bene le parole:
«Arthur, lei è al mio servizio da molti anni e sono davvero soddisfatto: il giardino è florido e l’orto dà buoni frutti.»
«Grazie, signore.»
Il padre rispondeva a monosillabi. Lo immaginava con la testa china e il cappello tra le mani.
«Suo figlio è proprio un bel ragazzo, sano e robusto. È anche molto bravo: ho notato come l’aiuta nel lavoro.»
  James, sentendosi nominare tese l’orecchio, trattenne il respiro per ascoltare meglio e si accucciò a osservare dal buco della serratura.
«Ė proprio come dice lei, dottore.»
«Ascolti... l’ho chiamata per una questione delicata e della massima importanza.»
«Come posso servirla?»
«Conosce la giovane Nelmes?»
«Certo, Sarah, la lattaia.»
«Si è ammalata di vaiolo mungendo le vacche. Una malattia terribile, mi creda. Quando ero in servizio a Londra ho visto morire tante persone, bambini soprattutto.»
«Mi spiace molto per quella ragazza. Le occorre qualche erba speciale per curarla?»
«No, Arthur, purtroppo le erbe non servono a molto, in questo caso.»
«Qui non siamo a Londra. Anche William Chandler, il macellaio, ha avuto il vaiolo qualche tempo fa, ma ora so che è guarito.»
  Per quanto si sforzasse, James non riusciva proprio a capire di cosa stessero parlando il dottore e suo padre.
«Giusto, Arthur. Berkley non è Londra. Ma i contadini si ammalano lo stesso per via del contatto con gli animali, anche se in modo meno grave.»
«Davvero?»
«Ma non è tutto. Ho notato che, una volta guariti, non contraggono più la malattia.»
«Questa mi sembra una buona notizia, dottore.»
  James aveva male alle ginocchia a furia di stare piegato, ma non voleva smettere di ascoltare. Tutti quei discorsi da adulti lo incuriosivano.
«Ecco Arthur, io… io sono convinto che se prelevassi un po’ del virus che ha infettato la Nelmes e lo immettessi nel corpo di una persona sana, questa non si ammalerebbe mai più di vaiolo.»
  Suo padre ammutolì di colpo. Di sicuro neppure lui riusciva a capire perché il dottore gli parlasse di quelle cose tanto strane. Il dottor Jenner alzò il tono di voce.
«Arthur! Se è come credo, la gente non morirà più, capisce?»
«Non molto, in realtà. Ma, dottore… io cosa posso fare per lei?»
  Il piccolo James, con gli occhi incollati alla serratura e le orecchie ben tese, poteva sentire il respiro affannato di Jenner. Dal proprio minuscolo osservatorio, notò che il medico si sbottonava il panciotto e prelevava dalla tasca dei pantaloni un fazzoletto immacolato. Poi, lo vide prendere un bicchiere colmo d’acqua mentre suo padre continuava a restare in silenzio; infine lo sentì emettere un lungo sospiro, come se le parole facessero fatica a uscirgli di bocca.
«Io... io ho bisogno di suo figlio per fare questo esperimento e dimostrare che ho visto giusto. È il soggetto perfetto: giovane sano e forte.»
«Ma mio figlio ha solo otto anni, è ancora un bambino... Mi è rimasto solo lui, dottore.»
«Arthur, non deve preoccuparsi. Se tutto andrà come penso, il suo ragazzo non correrà alcun pericolo.»
  James non riuscì a sentire altro: i passi della governante che si avvicinava lo fecero scappare di corsa.
  Dopo poco, quando Arthur Phipps tornò al lavoro nell’orto, si avvicinò al figlio, lo abbracciò forte e gli scompigliò i capelli con una ruvida carezza. James approfittò di quel momento affettuoso per soddisfare la propria curiosità.
«Padre, cosa ha chiesto il dottore?»
  Lo vide detergersi la fronte col gomito, come faceva sempre quando il sudore gli colava sulla faccia per la fatica, ma in questo caso era per la preoccupazione.
«Mi ha chiamato per dirmi che ha bisogno del tuo aiuto per una cosa molto importante, figliolo.»
  James ancora oggi ricorda quanto si sentì orgoglioso in quel momento, del resto lo aveva udito con le proprie orecchie: il dottor Jenner lo considerava bravo!
  Quella notte furono in tre a non dormire. James non riuscì a chiudere occhio per l’eccitazione, Arthur continuava a rigirarsi sotto le coperte e pareva non trovare pace; la luce che filtrava dalla finestra di camera di Edward Jenner rischiarò il buio fino al mattino.
  Il giorno dopo, il piccolo James Phipps entrò nella casa del dottore dalla porta principale. Suo padre lo accompagnò fino alla porta dell’ambulatorio dove il medico l’accolse con un sorriso benevolo.
  L’occasione doveva essere molto importante, il padre gli aveva fatto indossare la camicia buona e anche lui si era vestito a festa, come quando era ancora viva la mamma e andavano insieme in chiesa.
«Arthur, lei attenda fuori e stia tranquillo. Avrò cura di suo figlio.»
   Il dottore lo prese per mano e lo condusse dentro la stanza. Il locale era molto più piccolo di come James immaginava. Sulla parete vicina alla finestra c’era uno scaffale pieno di fialette in vetro dai contenuti colorati; nell’altro lato un piccolo lavabo in pietra e un tavolino, tanti strumenti che non aveva mai visto prima e un mortaio. Un odore pungente lo costrinse a tapparsi le narici.
«Siediti qui figliolo, non avere paura.» disse Edward Jenner porgendogli uno sgabello.
  Il cuore gli batteva forte, ma aveva promesso a suo padre di comportarsi bene e non lo avrebbe deluso per niente al mondo.
  L’assistente apparve senza fare rumore. Pareva avesse le ali ai piedi, tanto era silenziosa. Indossava un lungo grembiule bianco e lo guardava con simpatia per rassicurarlo. Si avvicinò a lui, gli sbottonò il polsino e arricciò la manica della camicia fino a scoprirgli il braccio.
«Promettimi di stare fermo. Vedrai, tra un attimo sarà tutto finito.»
Poi, il medico prese uno strumento acuminato. James sentì una fitta allo stomaco e strinse forte le labbra.
«Adesso ti farò due piccoli taglietti, ma non sentirai male, solo un po’ di fastidio. Dopo, Margaret ti porterà del tè con dei buonissimi biscotti al burro.»
  Jenner aveva la fronte imperlata di sudore quando immerse lo strumento dentro al mortaio di marmo che conteneva una poltiglia grigiastra e maleodorante.
  Il piccolo James, a occhi spalancati, controllava ogni mossa. Quando avvertì una specie di pizzico, sentì salire le lacrime, ma non pianse.
«Eccellente! Figliolo, sei stato davvero bravo. Tuo padre può essere fiero di te.»
In quel momento James si sentì grande. 
«Margaret porti questo giovanotto a fare colazione e faccia entrare il signor Phipps.»
  James trotterellò dietro alla donna, e incrociando lo sguardo preoccupato del padre, notò che aveva gli occhi arrossati.
  Nei giorni successivi, il dottore lo visitò molte volte. Gli era salita la febbre, aveva mal di testa e non riusciva ad alzarsi da letto. Suo padre lo vegliava notte e giorno.
«Arthur, la prego, deve prendersi cura di sé. A James non serve un padre ammalato.» 
«Dottore, mi dica che lo salverà.»
«Si fidi di me. Mi aspettavo una reazione di questo tipo. Ora vada a riposare.» lo rassicurò il dottore, sicuro del suo operato. «Chiederò a Margaret di stare col ragazzo.»
  La donna diventò una presenza fissa. Era di nuovo come avere la mamma. Bagnava dei fazzoletti e glieli metteva sulla fronte per rinfrescarlo, gli portava del buon cibo e cercava di consolarlo in ogni modo.
  La febbre durò per una decina di giorni e poi James si ristabilì completamente. Sembrava tutto passato, quando il dottore lo chiamò di nuovo all’ambulatorio per la seconda fase dell’esperimento, la più delicata: quella volta, gli inoculò il terribile virus del vaiolo umano.
  James non si ammalò. Il medico ripeté molte altre volte l’operazione, ma il ragazzino ormai sembrava immune alla malattia. Era il maggio del 1749.
  Dopo qualche tempo, il dottor Jenner tornò a Londra per riferire il risultato della ricerca ai grandi luminari della scienza.
  Il via vai nella casa aumentò a dismisura, il medico condotto di un piccolo paese nei dintorni di Londra, divenne in breve tempo molto famoso. Ma Jenner non ambiva alla notorietà. Era felice di aver scoperto come sconfiggere una tremenda malattia, ma non cedette mai alle lusinghe. I contadini di Berkley avevano bisogno di lui e non li avrebbe abbandonati.

  Inizia a piovere. Per James è ora di tornare a casa.
«Al prossimo anno, dottore. Se Dio vorrà.»
  Alla sua morte, Edward Jenner, gli ha donato il cottage e il giardino delle erbe. È stato il suo modo per ringraziarlo. In fondo, aveva rischiato la vita per la sua causa anche se di questo, James, aveva preso coscienza solo molti anni dopo.


______________________________________________________
Dodici voci si alzarono furiose, e tutte erano simili. Non c’era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all’uomo, dall’uomo al maiale e ancora dal maiale all’uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due. (George Orwell)

2Chi si ricorda di James Phipps? Empty Re: Chi si ricorda di James Phipps? Mar Ago 17, 2021 1:42 pm

FraFree

FraFree
Padawan
Padawan
Una vicenda che potrebbe essere traslata benissimo a questo periodo. In fondo, col Covid, c'è stato e ci sarà bisogno di sperimentazioni per arrivare a una percentuale ottima di funzionamento del vaccino.
L'ispirazione credo sia nata proprio dall'attuale insidia, no?
Mi è piaciuto soprattutto l'effetto sinestetico che rimanda.
Brava, Petunia.


______________________________________________________
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati. (B. Brecht)

3Chi si ricorda di James Phipps? Empty Re: Chi si ricorda di James Phipps? Mar Ago 17, 2021 1:45 pm

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore
Grazie di 💖 della lettura  @FraFree! Pensavo non interessasse a nessuno…


______________________________________________________
Dodici voci si alzarono furiose, e tutte erano simili. Non c’era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all’uomo, dall’uomo al maiale e ancora dal maiale all’uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due. (George Orwell)

4Chi si ricorda di James Phipps? Empty Re: Chi si ricorda di James Phipps? Mar Ago 17, 2021 1:50 pm

FraFree

FraFree
Padawan
Padawan
@Petunia ha scritto:Grazie di 💖 della lettura  @FraFree! Pensavo non interessasse a nessuno…
Non credo, forse a volte sfuggono. Io sto andando a ritroso proprio per pescare le opere a 0 commenti.
E' un mio cruccio.


______________________________________________________
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati. (B. Brecht)

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.