Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Sangue, droga e musica trance

+2
Susanna
Achillu
6 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Sangue, droga e musica trance Empty Sangue, droga e musica trance Dom Giu 20, 2021 4:51 pm

Achillu

Achillu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
«Ma dai, che merda è ’sta roba?»
Il pusher peruviano indicava con disprezzo la ragazza, avrà avuto sedici anni, che nemmeno si reggeva in piedi; era sostenuta da Luckyman, un nigeriano basso e palestrato con il corpo deforme per l’abuso di ormoni.
«Una puttanella, Jefe. Voleva una dose di ero.» Il nero le tirò i capelli per farle alzare la testa. Una bava di saliva le usciva dall’angolo della bocca.
«E tu quanta glien’hai data, coglione? Guardala, è strafatta.»
«Te la vuoi scopare o no?»
Jefe estrasse il coltello dal serramanico che teneva in mano e lo piantò, girandolo, nel petto della ragazza. Lei, anestetizzata dagli oppiacei, non sentì quasi dolore; ebbe appena un attimo in cui gli occhi si fissarono sorpresi su un punto a caso alle spalle del peruviano.
Luckyman lasciò cadere il corpo esanime e fece un balzo all’indietro. «Ma che cazzo fai?»
Jefe agitò il coltello insanguinato in direzione del nigeriano. «Scopatela tu, adesso, e dimmi se senti la differenza. Io e te abbiamo chiuso, amico.»
«Ehi, stronzo, non lasciarmi nei casini: fa’ sparire la ragazza.»
«Cazzi tuoi.»
«Jefe, questa me la paghi!»
Rispose con un dito medio.

Da una periferia all’altra il pusher guidò il suo SUV ben oltre i limiti di velocità, evitando le strade che potevano nascondere appostamenti di Carabinieri o Polizia. Raggiunse la discoteca Q2 e superò la fila di adolescenti che erano in attesa dell’apertura pomeridiana.
«Ciao, Jefe.»
Il peruviano girò la testa senza fermarsi; non ricordava quando avesse visto il ragazzo che aveva attirato la sua attenzione. Con gli occhi, questo gli indicò al suo fianco la ragazza che si scattava selfie con la bocca a culo di gallina. Il pusher manifestò la sua approvazione con un pollice in su, poi tornò a guardare avanti e si dimenticò di loro. Il buttafuori lo lasciò passare.
«Ciao, Jefe.»
«Ciao, Mauro.» Passò un blister al proprietario del Q2.
«Che cazzo sono, queste?»
«Per le tue cubiste.»
Mauro alzò appena la voce e ripeté: «Che cazzo sono, queste?»
«Anfetamine,» rispose, per nulla turbato.
«Non prendermi per il culo, Jefe. Lo sai che quelle troie godono solo a tirar su col naso; che cazzo ci faccio con queste?»
«Le schiacci e gliele fai sniffare, queste c’ho. C’è stata una soffiata, un intero container di coca bruciato; ma li guardi i TG? Se vuoi la coca, oggi la paghi il doppio.»
«Vaffanculo; dammela,» disse, e lanciò con disprezzo il blister in direzione di Jefe.
Il pusher tirò fuori un sacchettino e lo consegnò a Mauro, poi si raccomandò: «Mandami una troietta, che oggi non mi sono ancora svuotato le palle.» Raccolse il blister e se ne andò in direzione della saletta, quasi un privé che usava come ufficio personale.

Si stava annoiando nella penombra; dalla pista provenivano i primi unz-unz di musica trance, quando la tendina si mosse e apparve un’adolescente tra i quattordici e i sedici anni; lei si spostò i capelli dagli occhi e salutò, senza sorridere.
Jefe commentò: «Che ti sei mangiata, un bue?»
La ragazza abbassò lo sguardo. Era al limite del sovrappeso, ma una corporatura troppo robusta per i canoni del momento.
Non ricevendo risposta, il pusher incalzò: «Cazzo vuoi?»
Lei rialzò la testa: «C’hai dell’ero?»
«E tu c’hai i soldi?»
La ragazza scosse la testa. Tremava appena, presto avrebbe avuto una crisi d’astinenza.
Jefe alzò la voce: «Ma che, ti manda Mauro? Sei tu la troietta?»
Lei non disse nulla e s’incassò nelle spalle, chiudendo gli occhi.
«Oh, rispondi: ti manda Mauro?»
«Sì,» con un filo di voce, girando la testa.
«Oh, merda! Merda! Merda!» Prese a camminare per la saletta, ripetendo la parola.
«Faccio tutto quello che vuoi,» disse lei, tremando.
«Ma tu fai schifo al cazzo, vattene!»
La spintonò; lei fece resistenza e piagnucolò: «Ti prego, sto male!»
Le tirò i capelli, forzandola a guardarlo in faccia. «Non è che stai per vomitare, vero?»
Lei scosse la testa, con il viso teso in una smorfia di dolore.
«Perché a me il tuo vomito mi fa schifo, hai capito?»
Annuì.
Alzò la voce e tirò ancora di più: «Hai capito?»
«Sì,» con un urlo strozzato.
La obbligò a mettersi in ginocchio. Lei gli slacciò cintura e pantaloni, impacciata dal tremore delle mani; chiuse gli occhi prima di abbassargli i boxer per l’istinto di non guardare ciò che avrebbe dovuto toccare e mettere in bocca. Consumò in pochi minuti il rapporto orale con il pusher, finché lui non si lasciò andare a un grido liberatorio.
Jefe le lanciò delle salviette. «Pulisci bene per terra, troietta.»
Le diede una dose quando si rialzò. Lei se la mise nel reggiseno, poi allungò di nuovo la mano con il palmo in su.
«Che c’è? Vuoi pure la mancia?»
Lei tremava, resistendo alla tentazione di scappare e farsi quel poco che aveva elemosinato, ma non ritrasse la mano.
«Sei tosta. Tieni.» Le diede un’altra stagnola, di colore diverso.
Lo prese alla sprovvista; limonarono per due secondi, poi lei scappò di corsa.
Lui sputò il proprio sperma e urlò: «Puttana, sparisci; non farti più vedere! Sei un cesso e resterai un cesso.» Ma ormai lei era già sparita tra la folla di adolescenti che si muovevano al ritmo della trance del momento.

Jefe si sciacquò la bocca con la prima bottiglia che trovò a portata di mano. Imprecò alcune volte, poi si fece una riga di cocaina.
Dopo qualche minuto la tendina si mosse ed entrò una coppietta; erano impegnati a limonare e, nella penombra, non sembrarono accorgersi del pusher. Il ragazzo si calò i pantaloni e si sedette su una poltroncina; lei sollevò la minigonna e si mise su di lui, cavalcandolo.
Jefe cercò e, dopo un po’ di bestemmie sussurrate, trovò lo smartphone. Inquadrò e si mise a filmare la scena.
La ragazza, disturbata dal flash, interruppe la sgroppata; con un solo movimento si rimise in piedi e abbassò la gonna. Disse, rivolta al pusher: «Ehi, che cazzo fai? Pervertito di merda!»
Jefe la riconobbe: era quella che si faceva i selfie mentre era in fila, perciò l’altro doveva essere il tipo che l’aveva salutato fuori dalla discoteca.
Il ragazzo, senza scomporsi, le disse: «È il pusher di cui ti parlavo, se siamo bravi ci regala un po’ di roba. Torna qui.»
«Ma inculatevi!» La ragazza mostrò il dito medio e tornò in pista.
Il flash si spense.
«Che troia! Jefe, scusami…» disse il ragazzo, rivestendosi.
«Va’ a farti inculare tu, coglione! E la prossima troietta falla bere di più prima di portarla qui dentro. Anzi, fammi un piacere: sparisci dalla mia vita.»
Gli assestò un pugno nello stomaco. «Guai a te se vomiti!» Premette un pulsante sul walkie-talkie e chiamò un buttafuori. «Sono nella saletta, toglimi una piattola dai coglioni.»

Jefe vendette poca roba e nessun altro entrò per farsi filmare. A metà pomeriggio apparve Mauro, piuttosto nervoso: «Per oggi basta.»
«E che cazzo?»
«Nei bagni c’ho una strafatta della tua merda, adesso te la porti via prima che tiri le cuoia.»
«Ehi, bello. Per chi m’hai preso? La fai portare via dai suoi amici.»
«Non la conosce nessuno. È una puttanella che si fa scopare in cambio di una dose. S’è sparata le tue stagnole, sono cazzi tuoi.»
La ragazza in coma venne sistemata da Mauro e uno dei buttafuori nel SUV di Jefe sul posto del passeggero, come se stesse dormendo.
Erano pochi i luoghi in città fuori dal controllo delle videocamere. C’era il parco dei drogati, un posto perfetto dove trovare qualcuno in overdose senza insospettire Carabinieri e Polizia, ma non era la sua zona. Preferì la camporella fuori dal C.E.P. visto che era ancora presto per le coppiette.
«Ma quanto cazzo pesi, troietta!» disse, mentre la trascinava reggendola per le ascelle sul terreno incolto. La osservò meglio. «Ma tu sei la puttanella che m’ha fatto il pompino, brutta stronza.» La prese a calci diverse volte sul fianco, ripetendo «Stronza» a ogni pedata. Insoddisfatto dall’assenza di reazioni, l’ultimo colpo glielo assestò in pieno volto, spaccandole il labbro e fratturandole il setto nasale.

La Q2 era off limits per quella sera, per cui dopo cena Jefe andò al Bubble, un’altra discoteca frequentata da adolescenti. Era territorio di Fabri, un pusher che non gli avrebbe opposto resistenza per una sola sera.
«Jefe, cazzo vuoi?»
«Al Q2 ci son sempre le solite, voglio fica fresca.»
«E?»
«C’ho la coca. Te la do al solito e la rivendi al doppio. Eh?» Fece l’occhiolino.
«Affare fatto. Ma domani sparisci, ok?» Sottoscrissero il patto battendo i pugni.
«Tira fuori le troiette, intanto.»
«Va’!» Gli diede una tessera. «Offri da bere a quelle due, vedrai che ti seguono.»
«Ma cazzo, son vecchie, avran vent’anni!»
«Fidati che c’han sedici anni al massimo.»
Poco convinto s’avviò al bar; in effetti, le ragazze da vicino dimostravano la loro giovane età. Con un drink ciascuna le portò a ballare in pista poi, con la promessa di un tiro di coca, le portò nel privé dove trovarono Fabri. I quattro sniffarono una pista ciascuno, poi Jefe si lasciò cavalcare da una delle ragazze, disinteressandosi dell’altra coppia finché non fu soddisfatto.
«Dai, adesso fate qualcosa tra voi due,» propose Jefe.
Le ragazze iniziarono a limonare e il flash s’accese. Smisero subito e si girarono dall’altra parte.
«Ehi, spegni quel coso,» disse una.
«Su, un sorriso per zio Jefe?» Con la mano libera sollevò una gonna, che prontamente venne riabbassata dalla proprietaria.
«Vaffanculo, cazzo!»
«Vaffanculo tu.» La spintonò in malo modo.
«Dai, andiamo.» Prese l’amica e uscirono in fretta dal privé.
«Troie!» Gli urlò dietro.
«Lasciale perdere. Vado a cercare qualcuno disponibile per uno spettacolo, tu resta qui e rilassati,» disse Fabri, preoccupato che Jefe gli rovinasse la piazza.

Il pusher peruviano aveva la tachicardia così, nel tentativo di calmarsi, si rollò una canna. Rimasto solo a fumare, si concentrò sui colori del televisore a sessanta pollici, sintonizzato su News24.
«È caccia al branco che, nella notte, ha drogato, violentato e ucciso due ragazze di quindici e sedici anni. I corpi ritrovati in un campo abbandonato della prima periferia. Si indaga negli ambienti dello spaccio tra gli immigrati irregolari.» Il testo scorrevole con le ultime notizie era sovrimpresso a un filmato con Trump e Macron; l’audio era a zero e l’unica cosa che si sentiva era l’unz-unz della musica trance in pista.
Fabri tornò di corsa e disse, trafelato: «Jefe, ti stanno cercando i pulotti, che cazzo hai combinato?»
«Io? Niente. Ho un regolare permesso di soggiorno.»
«Ok, non lo voglio sapere. Ho trovato una scusa per intrattenerli, però tu adesso alzi i tacchi. Subito! Dove hai parcheggiato la tua merda di SUV?»
«Dietro.»
«Bene. Forse non l’hanno visto. Dirò che non sei mai stato qui però, cazzo, sparisci! Non voglio guai.»
Il pusher peruviano raccolse le sue cose; con il cervello perso nei fumi della marijuana si avviò verso l’uscita di sicurezza più veloce che poteva.
«Jefe!» Una mano lo trattenne. «Per fortuna che sei qui.» Era una ragazza, forse sedicenne, con il trucco sfatto e una bava marrone all’angolo della bocca. «Hai dell’ero?»
«A casa.»
«Merda!»
«Se vuoi l’ero vieni da me.»
La ragazza esitò un secondo. Lui fece per girarsi e lei lo trattenne: «Ok. Ok. Sto troppo male. Vengo.»
«Sbrigati, che ho fretta.»
Le diede il tempo di raccogliere nient’altro che la borsetta. Si fece aprire l’uscita di sicurezza dal buttafuori e corse in macchina, trascinando con sé la sedicenne impacciata dai tacchi.
«Se devi vomitare apri il finestrino.»
Lei non rispose.
Jefe fece manovra e lanciò il SUV per una strada sterrata.
«Ehi, accendi i fari,» gridò la ragazza.
Lui l’avrebbe fatto, una volta raggiunta la provinciale. Ma per il momento non voleva farsi vedere dalla Polizia mentre s’allontanava dal Bubble.
«Accendi i fari, ho detto,» urlò, terrorizzata.
«Ci vedo,» rispose con sufficienza, mentre il tachimetro digitale segnava numeri sempre più alti.
La ragazza fu presa da un attacco isterico: «Accendi quel cazzo di fari!» Cominciò a scalciare contro il portaoggetti e battere i pugni sul cruscotto; fece partire senza volere l’autoradio, che iniziò a sparare musica trance ad alto volume.
Jefe tentò di bloccare la ragazza con il braccio, ma così facendo perse il controllo del mezzo. Si ribaltò una volta e si schiantò contro un pilone di cemento armato. Il lato destro del SUV era completamente distrutto; la ragazza era esanime in mezzo alle lamiere e agli airbag rossi del suo sangue.
«Troia!» Jefe ripeté più volte. «La mia macchina, cazzo! La mia bellissima macchina!»
Il pusher s’accorse della lingua di fuoco che s’alzava da sotto il fondo. «Sei una maledettissima troia!»
Con tutte le sue forze aprì la portiera e si trascinò fuori, urlando di dolore perché la gamba destra era fratturata. L’unz-unz dell’autoradio fu interrotto dall’esplosione del serbatoio. Jefe, investito dall’onda d’urto, sbatté con violenza al suolo. Nel barlume di coscienza che gli rimase sentì che i pantaloni avevano preso fuoco.

Si risvegliò, se così si può dire, in un letto di ospedale. Si godette gli ultimi momenti dello sballo da morfina, poi realizzò che ogni parte del suo corpo gli inviava segnali di dolore.
«Aiuto! Aiuto!»
Spoiler:

2Sangue, droga e musica trance Empty Re: Sangue, droga e musica trance Lun Giu 21, 2021 4:00 pm

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
@Achillu vorrei commentare meglio, perchè sono riuscita a terminare di leggere il tuo racconto, anzi mi sono imposta di leggerlo fino alla fine nonostante l'argomento, ma mi è difficile.
Ti dico solo che è scritto molto molto bene, prende tantissimo, ha una tensione eccezionale ma... non so perchè ma, se non avessi visto chi era l'autore, mai lo avrei collegato a te.
Mi verrebbe da chiederti di non scrivere più roba del genere, ma non sarebbe giusto perchè... sei stato bravo.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

3Sangue, droga e musica trance Empty Re: Sangue, droga e musica trance Lun Giu 21, 2021 8:28 pm

Achillu

Achillu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
@Susanna grazie per i complimenti, nonostante questo sia un genere e uno stile che non sono nelle tue corde.
Il racconto è nato da un episodio di cronaca nera di cui ieri c'è stata la sentenza di primo grado. Per questo l'ho voluto riproporre, è un racconto di tre anni e mezzo fa. Aveva partecipato a INK...

Se non sbaglio, è stato il primo racconto che ho scritto in cui ho trattato il mondo degli adolescenti. Credo che sia proprio da questo racconto che è partito tutto. Benny, Giusy, Cristina, Aura, Nadija, Lucia, Massimo. Anche la protagonista anonima di Ci sto di nuovo bene è un'adolescente.

Un abbraccio.

4Sangue, droga e musica trance Empty Re: Sangue, droga e musica trance Lun Giu 21, 2021 8:54 pm

Fante Scelto

Fante Scelto
Padawan
Padawan
Oh io me lo ricordo questo racconto, Achi.
Sì, è una roba fuori di testa che penso nessuno collegherebbe a te.
Ha una carica fortissima proprio perché sprofonda sempre più in questo abisso di violenza e depravazione che, se un minimo l'argomento ti prende, hai saputo creare in maniera realistica.

Se posso: pollice su per i dialoghi, che nonostante la violenza verbale sono ben fatti e credibili.
Pollice giù per gli interventi reiterati del narratore onniscente. Lascialo fuori. Una storia così è tutta immagini, potenza espressiva, le intrusioni del narratore onniscente rompono la malia oscura che questo pezzo esercita.

5Sangue, droga e musica trance Empty Re: Sangue, droga e musica trance Mar Giu 22, 2021 7:01 am

Achillu

Achillu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Ciao @Fante Scelto. Certo che puoi, mi fa molto piacere. Anzi, grazie infinite per il suggerimento. 🙏

6Sangue, droga e musica trance Empty Re: Sangue, droga e musica trance Mar Giu 22, 2021 7:57 am

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
@Achillu  un bel pugno nello stomaco. Crudo e violento, sembra un telefilm. La realtà è anche Questa, purtroppo, e credo tu l’abbia resa molto bene. Fa riflettere...


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

7Sangue, droga e musica trance Empty Re: Sangue, droga e musica trance Mar Giu 22, 2021 12:20 pm

Achillu

Achillu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Grazie @Petunia 🙏

8Sangue, droga e musica trance Empty Re: Sangue, droga e musica trance Mar Giu 29, 2021 4:57 pm

Antonio Borghesi

Antonio Borghesi
Padawan
Padawan
Come ci si può aspettare un racconto così scritto da una persona come te? C'è un episodio del racconto che credevo d'aver vissuto solo io sulla faccia della Terra ma non sembra sia così. E' anche parte della tua fantasia (spero sia solo quella e non ... no, è solo quella) e ciò mi ha sorpreso enormemente. Non dirò qui a cosa mi riferisco ma è qualcosa di veramente terribile per chi l'ha vissuto. E non parlo di droga! A parte ciò è veramente un calcio nelle cosiddette. Colpisce terribilmente e fa malissimo. Bene. Ho scoperto un nuovo Achille. Bravissimo.

9Sangue, droga e musica trance Empty Re: Sangue, droga e musica trance Mar Giu 29, 2021 5:22 pm

Susanna

Susanna
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
@Achillu ha scritto:@Susanna grazie per i complimenti, nonostante questo sia un genere e uno stile che non sono nelle tue corde.
Il racconto è nato da un episodio di cronaca nera di cui ieri c'è stata la sentenza di primo grado. Per questo l'ho voluto riproporre, è un racconto di tre anni e mezzo fa. Aveva partecipato a INK...

Se non sbaglio, è stato il primo racconto che ho scritto in cui ho trattato il mondo degli adolescenti. Credo che sia proprio da questo racconto che è partito tutto. Benny, Giusy, Cristina, Aura, Nadija, Lucia, Massimo. Anche la protagonista anonima di Ci sto di nuovo bene è un'adolescente.

Un abbraccio.
Riprendo un po' le cose lette negli ultimi giorni e questo racconto l'ho letto proprio il giorno della sentenza o forse il giorno dopo, e quindi la correlazione mi era stata chiara ma, ripeto, mai avrei pensato a te come autore tra gli utenti DT. Non avendo conosciuto INK ma soprattutto vedendo in te una persona serena, con un bel sorriso, immaginarti mentre scrivi questo racconto mi è ancora difficile.
Hai ragione, queto genere non è nelle mie corde: lo leggo, amo anche i thriller duri, ma non mi reputo in gradi di scriverne, o magari potrei provarci, ma ne uscirebbe qualcosa di penoso.
Bravo, ma ti vedo di più alle prese con una tartarughina dal becco rotto.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

10Sangue, droga e musica trance Empty Re: Sangue, droga e musica trance Mar Giu 29, 2021 6:07 pm

SisypheMalheureux

SisypheMalheureux
Younglings
Younglings
Bel racconto, direi genere pulp molto ben scritto. Però ti segnalo due cose che non mi convincono: 1- il protagonista lo chiami "pusher". Se mi parlano di pusher mi viene in mente gente che vende roba per strada al dettaglio. Sì, ci sono anche pusher che hanno una clientela più "altolocata" e non spacciano per strada, però in genere si tratta di "bassa manovalanza". Invece il tuo protagonista mi sembra un pezzo abbastanza grosso. Non so, ha dei comportamenti da "boss" che può permettersi di tutto, mi stonano un tantino con la definizione di pusher.
2- Il nome del protagonista. Lo chiami "Jefe" e va bene. Però in spagnolo vige un po' la stessa consuetudine dell'italiano con questo tipo soprannomi. Di solito vanno preceduti dall'articolo determinativo .
"El Chato", "El Flaco", "El Gordo", "El Che"... "El Jefe".
Quindi nei dialoghi, se le persone si rivolgono direttamente a lui, è corretto che dicano: "Ehi Jefe, come butta?"
Ma quando descrivi le azioni è più corretto dire  "El Jefe fece manovra e lanciò il SUV..." Oppure " El Jefe alzò la voce" ecc. Così come dovresti dire "l'auto del Jefe" non "l'auto di Jefe". Del resto anche in italiano diresti : "Lo smilzo fece questo" ;"Il Nero disse quell'altro...". Insomma: "Il Capo alzò la voce"  e non "Capo alzò la voce". Spero di aver spiegato bene la questione.
Al limite potresti anche italianizzare l'articolo. Vedi tu se ti suona meglio "Il Jefe" o "El Jefe" ma senza articolo non mi suona corretto. 
A parte questi due particolari, ti faccio i miei complimenti per la
crudezza dei dialoghi e delle scene. Hai descritto benissimo il degrado dell'ambiente in cui si muovono certi personaggi e hai saputo dare un ritmo sostenuto e una bellissima atmosfera al racconto.

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.