Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

La finestra aperta

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1La finestra aperta Empty La finestra aperta Lun Mar 29, 2021 2:57 pm

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
La lettera dimenticata:
 Ciao Digito.

È una storia intensa quella che ci hai regalato. 
Non ti nascondo che sono fra quelle persone che non avevano memoria di questi fatti. Quindi trovo ottima la scelta di riportare l’attenzione su questo episodio. Il Sudafrica, l’odio razziale, la cecità.

Il racconto è denso e offre tanti spunti per riflettere che affondano le dita su tanti aspetti.
I valori, il ruolo dei social, la solitudine, l’incapacità di crescere e l’incapacità di dare e ricevere amore.
Il mondo delle apparenze e le verità interiori.

La tua scrittura ė “alta” . Denota una grande passione e l’estrema cura nella ricerca della parola. 
In questa lunga e commovente lettera, si percepisce il grande lavoro di ricerca che hai fatto.
Un lavoro che di sicuro ti ha coinvolto anche psicologicamente. E vedere il mondo con gli occhi di una adolescente non è una impresa così facile.

Complimenti sinceriLa finestra aperta 1f338.png?v=2.2 La finestra aperta 1f33c.png?v=2.2

Fu in un’afosa sera di luglio che Mario vide cambiare per sempre il proprio destino.
Era stata una giornata di lavoro duro nei campi, le spalle curve nella mietitura, le braccia indolenzite e la gola riarsa dal calore e dalla polvere. 
Del pane raffermo messo a rinvenire nell’acqua dalla mattina, una mezza cipolla e un filo d’olio era il menù che lo attendeva come ogni sera. 
Mamma Gina glielo aveva ripetuto fino alla morte che avrebbe dovuto trovarsi una buona moglie, in fondo era un bel ragazzo robusto e generoso e c’era Adriana, la figlia dei vicini, che sembrava proprio interessarsi a lui. 
Certo, giravano delle voci su di lei e forse era proprio per questo che all’età di quasi di trent’anni non si era ancora sistemata, ma in fondo doveva essere una brava ragazza. 
Ma all’amore, Mario non ci pensava. Non è che non gli piacessero le donne, anzi. C’erano state volte in cui ci aveva anche perso il sonno. 
Il fatto è che lavorare  la terra era l’unica cosa che sapesse fare oltre a scrivere il proprio nome con le lettere a stampatello.
Troppo poco per essere un partito desiderabile.
Quando era più giovane avrebbe voluto imparare a ballare. Ma non c’erano scuole, per quello, in paese e soprattutto non c’erano soldi.
Mario possedeva una vecchia radio. A volte si chiudeva in cucina, serrava la finestra per non essere visto, abbracciava la sedia e a occhi chiusi muoveva i piedi lasciandosi trasportare dal ritmo.
Quella sera del venti luglio Mario si scordò di chiudere la finestra.
Il giorno dopo, in paese non si parlava d’altro. La radio, ormai inservibile, fu trovata in una discarica.
Adriana, dopo una settimana che non lo vedeva più uscire di casa, si decise a bussare alla sua porta. 
La barba incolta, i piatti sporchi, la bottiglia vuota parlarono per lui. Dopo aver rassettato la stanza, senza dire una parola, Adriana cominciò a canticchiare una melodia. 
- Dai, Mario alzati che ti insegno a ballare.



Ultima modifica di Petunia il Lun Mar 29, 2021 3:30 pm - modificato 2 volte.


______________________________________________________
Fra poco dovrebbe levarsi la luna. Farà in tempo, Drogo, a vederla o dovrà andarsene prima? La porta della camera palpita con uno scricchiolio leggero. Forse è un soffio di vento, un semplice risucchio d'aria di queste inquiete notti di primavera. Forse è invece lei che è entrata, con passo silenzioso, e adesso sta avvicinandosi alla poltrona di Drogo. Facendosi forza, Giovanni raddrizza un po' il busto, si assesta con una mano il colletto dell'uniforme, dà ancora uno sguardo fuori della finestra, una brevissima occhiata, per l'ultima sua porzione di stelle. Poi nel buio, benché nessuno lo veda, sorride.
D.Buzzati 

2La finestra aperta Empty Re: La finestra aperta Lun Mar 29, 2021 3:22 pm

digitoergosum

digitoergosum
Younglings
Younglings
Una delle domande che mi sono spesso posto, riguardo alla nostra passione di scrivere, è come sia possibile a altri ciò che a me non viene, vale a dire di scrivere così tanto e efficacemente con poche parole. Tu, con questo racconto, ci riesci a pieno. Sai mantenere la tensione, fai calare una malinconia legata a un sentimento di inadeguatezza, fai presagire qualcosa di urgente e grave e alla fine invece si applaude col tuo richiamo alla speranza e alla bellezza della semplicità. Coi tuoi versi imparo anche io a ballare. Complimenti.

3La finestra aperta Empty Re: La finestra aperta Lun Mar 29, 2021 3:26 pm

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Grazie di cuore Digito. 💖


______________________________________________________
Fra poco dovrebbe levarsi la luna. Farà in tempo, Drogo, a vederla o dovrà andarsene prima? La porta della camera palpita con uno scricchiolio leggero. Forse è un soffio di vento, un semplice risucchio d'aria di queste inquiete notti di primavera. Forse è invece lei che è entrata, con passo silenzioso, e adesso sta avvicinandosi alla poltrona di Drogo. Facendosi forza, Giovanni raddrizza un po' il busto, si assesta con una mano il colletto dell'uniforme, dà ancora uno sguardo fuori della finestra, una brevissima occhiata, per l'ultima sua porzione di stelle. Poi nel buio, benché nessuno lo veda, sorride.
D.Buzzati 

4La finestra aperta Empty Re: La finestra aperta Lun Mar 29, 2021 3:30 pm

gdiluna

gdiluna
Viandante
Viandante
Poche parole per emozioni profonde; non ci vuole di più, basta saper vivere nei propri personaggi. E trascinare con sé i lettori. Complimenti!

https://parolemiti.net/

5La finestra aperta Empty Re: La finestra aperta Lun Mar 29, 2021 3:36 pm

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Grazie gdluna 🌛


______________________________________________________
Fra poco dovrebbe levarsi la luna. Farà in tempo, Drogo, a vederla o dovrà andarsene prima? La porta della camera palpita con uno scricchiolio leggero. Forse è un soffio di vento, un semplice risucchio d'aria di queste inquiete notti di primavera. Forse è invece lei che è entrata, con passo silenzioso, e adesso sta avvicinandosi alla poltrona di Drogo. Facendosi forza, Giovanni raddrizza un po' il busto, si assesta con una mano il colletto dell'uniforme, dà ancora uno sguardo fuori della finestra, una brevissima occhiata, per l'ultima sua porzione di stelle. Poi nel buio, benché nessuno lo veda, sorride.
D.Buzzati 

6La finestra aperta Empty Re: La finestra aperta Gio Apr 01, 2021 9:12 pm

Susanna

Susanna
Padawan
Padawan
L'ho letto tutto d'un fiato, con la sensazione di essere lì dove tutto succede.
Essendo un racconto breve ci vuole esperienza per tenere il ritmo e accompagnare il lettore verso il finale.
Complimenti.
L'unica cosa che avrei cambiato è menù in pasto: menù mi ricorda più che altro un ristorante non il semplice pasto di un contadino.


______________________________________________________
"Lui sapeva che che scrivere che non si può scrivere è comunque scrivere." Enrique Vila-Matas da La compagnia di Bartleby

La finestra aperta 16157211

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.