Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Ricordi persi nel tempo

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Ricordi persi nel tempo Empty Ricordi persi nel tempo Gio Mar 11, 2021 2:58 pm

Susanna

Susanna
Padawan
Padawan
per conoscere Tommybean https://www.differentales.org/t105-autogrill-sosta:




Il paese non è molto grande e Manuele ha ritrovato facilmente il posto.
Qualche settimana prima, gironzolando tra le bancarelle del mercatino dell’antiquariato, era stato attratto da una viuzza buia e stretta. Percorsi pochi metri si era trovato in una piccola piazza: un’occhiata, una sola, ed era stato colto da una violenta vertigine.
Pochi attimi, ma ormai sapeva: prima o poi sarebbe tornato in quel luogo perché qualcosa, o qualcuno, lo stava aspettando.
Era solo questione di tempo.
 
La piazzetta è stupenda, un chiostro in miniatura: ombre invitanti, aiuole ben curate, colonne sottili ed eleganti ed un basso muretto delimitano il porticato.
In un angolo uno spettacolare glicine carico di grappoli profumati si arrampica ben oltre il primo piano di un vecchio palazzotto.
Nell’aria tiepida sfumano, leggere, brezze di quiete e serenità, sulle panchine di pietra alcuni anziani si fanno compagnia con lunghi silenzi e ricordi improvvisi: occhiate curiose accompagnano Manuele mentre, pensieroso e con le mani in tasca, attraversa la piazzetta con passo elastico e deciso.
Il giovane non passa inosservato e lo sa.
Alto, completamente calvo, dall’età indefinibile: non ha neppure le sopracciglia e questo rende cattivo lo sguardo, uno sguardo che pare leggere dentro le persone. Come al solito è vestito di scuro e la maglietta nera che indossa mette in risalto un fisico asciutto e muscoli di tutto rispetto.
Tutto di lui incute timore, anche i suoi lunghi silenzi.
Ignorando la sensazione di disagio per quegli occhi che lo seguono, Manuele cerca nell’ombra dei portici, si ferma qualche istante davanti all’unico negozio dall’insegna sbiadita, L’arrotino, poi si decide ed entra.
Un gradino, il suono di una vecchia campanella e torna indietro nel tempo, quando nonno Plinio, issandolo sulla canna della bicicletta, lo portava in un posto simile.
Il tempo nel negozio sembra essersi fermato anni prima: il pavimento di legno scuro segnato da passi pesanti, le vecchie scansie colme di oggetti misteriosi, di scatole di cartone per chiodi, viti e martelli.
Un’intera parete è occupata da seghe, mannaie da macellaio, coltelli di ogni misura e dagli usi sconosciuti, con lame dalle fogge strane: sottili e lunghe oppure larghe e seghettate, altre ancora tozze e ricurve. Alcuni attrezzi li aveva visti maneggiare dal Pedär, il norcino che ogni anno, nell’aia della cascina, uccideva e sezionava con abilità il maiale allevato dal nonno.
Nell’aria Manuele riconosce l’odore dei sacchi di iuta, dei lubrificanti e altri ancora, forti, che nel tempo hanno impregnato i locali e che gli ricordano cose a cui però non sa più dare un nome. E poi l’aroma antico del tabacco, delle sementi, dei metalli: nella vertigine di pochi attimi riesce persino a sentire il profumo delle minestre della signora Rina, la ruvidezza delle sue carezze…
In gola, il respiro mancato di un nodo che sa di nostalgia per quei ricordi preziosi.
«Desidera?» L’uomo dietro al banco è gentile.
«Io… non… non saprei! Posso?» La voce è roca.
«Prego. Io sono qui, se… mi chiamo Biagio.»
«Manuele. Mi scusi, ma da piccolo andavo spesso in un negozio come questo e non pensavo di trovarne ancora uno, con gli stessi odori...»
Manuele accarezza adagio il bancone lucido per l’uso, le vecchie scansie, i cassetti con le etichette scritte a mano, respira avidamente gli odori per cercare nella memoria altri ricordi.
Un minuto, un’ora, chissà e si trova di fronte ad una porta.
Un invito silenzioso per Biagio, che prende una chiave, grande e pesante.
La stanza è in penombra: un museo lillipuziano colmo di vecchi attrezzi ed utensili, un banco da lavoro ordinato ma velato dalla polvere.
Falci, falcetti, pale e badili, accette, tronchesi, coltelli dall’aria lugubre, seghe sdentate e zappe arrugginite, forbici dalle strane fogge: Manuele accarezza gli oggetti, timoroso.
Le storie arrivano, a ondate, impazienti di essere ascoltate.
 
Se lo aspettava, è così ogni volta, ma come ogni volta è impreparato alla forza di quei ricordi persi nel tempo, alla loro imperiosità.
Manuele sente in ogni parte del corpo le fatiche dei contadini, il sudore pungente dei campi di grano da mietere, il fresco dell’erba lungo i fossi, i colpi delle accette sul legno per l’inverno, nelle narici arriva l’odore secco della paglia, quello umido della legna, la polvere fine di sentieri sabbiosi, il profumo del fieno rivoltato con fatica.
Nelle braccia la forza delle lame che lottano con cortecce spesse, arriva improvviso lo schiocco dei tronchi che cedono, il fruscio dei rami che sembrano volersi aggrappare agli alberi vicini per non cadere.
Nelle orecchie richiami, risate, bestemmie… preghiere.
Un’accetta, appoggiata in un angolo, quasi nascosta, sembra attirarlo in modo particolare: grande, pesante, i muscoli si tendono mentre la solleva. Sulla lama ci sono alcune macchie scure, nere, come il buio che improvvisamente lo avvolge: nelle spalle e nei polsi arriva la forza di un colpo, uno solo… sul viso e sulle braccia il caldo appiccicoso del sangue, tanto sangue, ne sente l’odore dolciastro.
Lo attraversa un lampo… odio, un odio immenso, senza scampo.
In bocca, il sapore aspro e secco di una vendetta che non lenirà un’offesa.
 
Biagio osserva Manuele con un misto di curiosità e di timore: le emozioni che il ragazzo prova gli si leggono in viso e nel corpo, nel respiro affannoso, nelle lacrime che non riesce a nascondere.
Poi, così come sono arrivate, le storie se ne vanno, lasciandolo spossato e confuso.
La chiave torna al suo chiodo.
L’uomo adesso sa, e ha paura.
Manuele rimane nel negozio l’intero pomeriggio, diventando per qualche ora un silenzioso garzone: è forte e svelto, bastano poche parole per capirsi.
Quando chiudono il negozio, la piazzetta è ormai deserta, il paese tranquillo e la sera tiepida, colma di rumori rassicuranti: l’acciottolio delle stoviglie e le chiacchiere che sfuggono dalle finestre aperte, qualche cane che abbaia, nei giardini gli ultimi giochi dei bambini.
Cenano in una vecchia trattoria, dove tutto è vecchio, come il paese.
Vecchio l’arredamento, antico l’odore stantio di fumo e di cibo, anziani l’oste e gli avventori che, all’entrata di Manuele, interrompono rumorose partite a scopa per studiarsi, da dietro i mezzi sigari spenti, la novità.
Minestra di verdure odorose, pane e salame, vino rosso che frizza nel naso: cibi semplici, serviti alla buona, solleticano tutti i sensi di Manuele che, alla fine, si lascia coinvolgere dall’atmosfera. Una bottiglia di rosso da dividere, qualche mano a carte e un vago sorriso per quegli occhi color dell’acciaio.
 
Ormai è notte, il vino è finito e la luna piena accompagna i loro passi, lenti: Biagio finalmente trova il coraggio di una domanda.
«Perché sei venuto da me?» Nella voce una strana nota di apprensione.
Manuele si incupisce, fissa per lunghi istanti il cielo.
«Dovevo renderle questo. È suo, se non sbaglio.»
Gli porge un minuscolo coltellino a serramanico, perfetto in ogni dettaglio, dal manico finemente cesellato. Biagio fissa l’oggetto e il respiro si trasforma in un pianto silenzioso, disperato: un dolore nero e solido avvolge entrambi.
Poi l’uomo si calma e si avvia, a passo veloce.
Ai margini del paese si ferma davanti ad un imponente cancello di ferro battuto, apre un portoncino nascosto dall’edera e attraversa quasi di corsa il giardino ormai inselvatichito. Senza incertezze apre il portone, accende rapido le luci e sale veloce una grande scalinata di marmo, coperta da una passatoia rossa.
Grandi lampadari gettano ombre sinistre sui teli bianchi che coprono mobili e quadri, fantasmi impolverati che danzano con ragnatele impalpabili, senza smuovere il filo di polvere che ricopre ogni cosa.
Al primo piano un lungo corridoio: poche lampade fioche, alcune porte chiuse e sedie dagli altri schienali, in attesa. Con la voce che ancora risente del pianto Biagio si rivolge a Manuele.
«Chi sei, chi sei veramente? E perché… quando hai rubato questo?»
Il giovane sente la paura di quella frase, gli appoggia una mano sulla spalla, tenta un sorriso.
«Mi chiamo Manuele Orlandelli, ho un’officina appena fuori Parma e, da qualche tempo… scrivo storie.»
 
 
«Già, scrivo storie, ma sono le storie che vengono a cercarmi. E non rubo le cose, sono loro che mi trovano quando giro per i mercatini, dal robivecchi, per strada.»
Manuele si fa serio, si appoggia alla balaustra, incrociando le braccia: pochi secondi di silenzio per tante storie, che negli ultimi due anni lo hanno cambiato, facendolo gioie nel profondo e soffrire atrocemente, donandogli sorrisi e lacrime, insegnandogli a leggere negli occhi della gente.
Un incidente di lavoro, due mesi di coma, un risveglio faticoso e da allora una tazza sbeccata, un trenino di latta, un’ascia arrugginita, un coltellino rubato… non sono più dei semplici oggetti.
«Dicono sia un dono, ma qualche volta è una maledizione: capita all’improvviso, le storie delle cose mi inseguono, mi entrano nel cervello e diventano sogni bellissimi oppure incubi terrificanti, fino a quando non ho finito di scriverle. Poi, tutto si quieta: se posso restituisco l’oggetto, insieme alla storia. Altrimenti trovo un posto adatto e lascio il tutto, sperando che qualcun altro ascolti.»
Accenna al coltellino. «L’ho trovato nel vicolo che porta ai portici un paio di settimane fa e da allora, ogni notte, non sogno altro che il tuo negozio e una stanza rossa, nebbiosa… non so come dirti, dove c’è qualcosa o qualcuno in attesa.»
«È un regalo di Celso, mio fratello gemello, ne aveva forgiati due uguali per il nostro compleanno: il giorno dopo è scomparso, così, nel nulla. Ormai sono tre anni e io non ho pace.»
Angoscia e speranza.
Biagio apre una delle porte e si fa da parte.
Manuele si avvicina con una certa apprensione: il salone è enorme, il pavimento coperto da folti tappeti, alle pareti una serie impressionante di scimitarre, spade giapponesi, fioretti, daghe, corti pugnali dalle impugnature preziose ed eleganti stiletti.
Lampade raffinate diffondono luci soffuse su teche foderate di velluto rosso.
Nessun telo e non un filo di polvere.
Manuele sa cosa l’aspetta ma l’esperienza del pomeriggio lo aveva già troppo provato.
Si appoggia alla parete, si lascia scivolare a terra, abbracciandosi le ginocchia: ha freddo, è stanco, attorno sente aliti di ansia e di pericolo.
Nasconde il viso in quell’abbraccio solitario: la paura adesso è sua.
Improvvisamente una grande calma lo avvolge, la sente sulla pelle: si alza e comincia ad attraversare il salone.
Non succede nulla: niente ricordi improvvisi, solo un vago mormorio, rumori indistinti, clamori lontani.
Così come le pareti sono coperte da strumenti di morte, così le vetrinette ricordano la quotidianità della vita: posate, povere oppure riccamente decorate, forbici da sarto, utensili per cucine fumose o ordinate… ricchezza e miseria.
In un angolo persino antichi strumenti chirurgici, dall’aria sinistra.
Da una teca arrivano risate di bimbi: sono esposte piccole posate, animaletti buffi e fiori fantastici adornano le impugnature adatte a manine inesperte.
Poi, più nulla.
Un silenzio assordante, la sensazione di calma si dissolve e Manuele si trova ben presto nel panico più assoluto: non riesce a tornare indietro, può solo proseguire, spinto inesorabilmente verso la parete in fondo al salone, coperta da un arazzo.
Il volto è una maschera di durezza mentre sposta rabbiosamente due pesantissimi divani: dietro l’arazzo, una porta, quasi invisibile, che Manuele apre con un calcio.
Una scala a chiocciola, pochi gradini e quel poco di luce che arriva dal salone: un’altra porta da aprire… con una forza che sa di follia.
 
Una stanza tappezzata di rosso, nebbiosa per la polvere che il colpo d’aria ha sollevato.
Altre cose e all’improvviso… urla di dolore, di rabbia, suppliche per una pietà negata, terrore puro: Manuele cade in ginocchio, si prende la testa tra le mani, cerca di liberarsi dalle immagini di morte che gli oggetti di quella stanza gli hanno riversato addosso, da quelle voci terribili, da quei singhiozzi spezzati.
Ma qualcosa lo obbliga ad alzarsi: un piccolo oggetto lo chiama, disperatamente.
Cerca a tentoni, la luce è poca, la polvere e uno strano odore lo soffocano: in un angolo, sotto ad uno scrittorio rovesciato, trova il corpo ormai mummificato di un uomo.
Tra le mani scarnificate un coltellino a serramanico e sotto al corpo una macchia scura: con le ultime forze l’uomo era riuscito a tracciare con il suo stesso sangue una sola parola, ERPA.
Manuele prende il coltellino, consapevole dell’incubo che lo avvolgerà, ma lo deve all’uomo gentile.
 
Sono passati due mesi: nel negozio nulla pare cambiato, eppure niente è come prima né potrà mai più esserlo.
Quella notte Biagio era riuscito a trascinare Manuele fuori dalla stanza rossa ed a portarlo a casa sua, vegliandone incubi e tremori: lo sfinimento di quelle ore era finito in un dormiveglia pauroso, per entrambi.
Il mattino dopo era salito in soffitta dove aveva ritrovato ERPA, una vecchia scatola di latta dal nome fantasioso che, mezzo secolo prima, aveva custodito i piccoli segreti di due bambini.
Dentro, un quaderno dove Celso, giorno dopo giorno, aveva descritto la propria condanna a morte.
Celso aveva un dono, eredità del nonno, ultimo arrotino di strada: sentiva le vibrazioni più profonde dei metalli ed era per lui una gioia e una sfida ridare la vita a coltelli, forbici, spade…
Già, riportarle alla vita!
Era diventato famoso: ricchi collezionisti pagavano per il suo dono.
Anche Ely Moro, che da trent’anni collezionava segretamente lame omicide.
Ma quelle lame non avevano più vita, spezzata come le vite che avevano spezzato. Celso lo scoprì quasi subito: un orrore indicibile lo attraversava appena toccava quegli oggetti.
Rifiutò l’incarico ma Ely lo tentò con un coltello, avvolto nella seta.
Solo per una volta Celso vide anche qualcosa: la gola di un orrido, una fune recisa, il sorriso di un bimbo che si spegne all’improvviso, piccole ferite… risate isteriche… un ghigno terribile!
 
Ely Moro aveva ucciso il marito e il figlio di pochi mesi, lasciando che in carcere finisse un poveraccio con l’unica colpa di essere demente.
 Aveva riso, la pazza Ely: pazza di un dolore falso allora e di follia vera tre anni prima, quando, con un colpo solo, aveva fermato Celso, che da quella stanza voleva fuggire per sempre.
Nessuno sapeva di quella stanza: Ely se n’era andata qualche mese dopo, chiedendo a Celso di tenere in ordine il salone, solo quello, in attesa del suo ritorno da un lungo, lungo viaggio.
Dal mondo della follia.


______________________________________________________
"Lui sapeva che che scrivere che non si può scrivere è comunque scrivere." Enrique Vila-Matas da La compagnia di Bartleby

Ricordi persi nel tempo 16157211

2Ricordi persi nel tempo Empty Re: Ricordi persi nel tempo Gio Mar 11, 2021 6:25 pm

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Ciao Susanna

Ti dico subito che l’idea di fondo di questo racconto è molto interessante e appassionante.
Detto ciò, in ottica di esserti utile, ti dico che l’idea interessante ė “soffocata” da descrizioni un po’ ridondanti che spezzano parecchio il ritmo della lettura.
La storia tarda a prendere forma e quando finalmente si comincia a svelare la parte “succulenta” si avvia alla fine. Una fine in cui si perde la magia iniziale perché la storia risulta più “raccontata” e dunque durante la lettura ci si distacca. Oltretutto risulta tutto piuttosto confuso e si deve fare un po’ di sforzo e rilettura per comprendere come vanno le cose.
La punteggiatura (e io non sono assolutamente in grado di correggerti perché è anche un mio problema)ė sovrabbondante e costringe a fare numerose pause che rallentano tanto la lettura.

Un invito silenzioso per Biagio, che prende una chiave, grande e pesante.

Ci sono d eufoniche che puoi correggere. Tipo queste

ed un basso muretto
fronte ad una porta.


Le descrizioni sono molto belle e sai rappresentare bene sia la realtà del paese, i profumi. Se posso darti un consiglio dedica alla descrizione del negozio una unica parte. Se parti con i dialoghi e poi torni di nuovo sulla descrizione, ci si annoia.
In definitiva la storia è interessante e bella, ma, a mio parere, devi munirti di forbici e sfrondarla. Solo così si potrà apprezzare appieno tutto il suo potenziale.
Spero non ti dispiacciano le mie parole, sai che siamo qui per darci una mano con sincerità.
A rileggerti e comunque scrivi molto bene.


______________________________________________________
Fra poco dovrebbe levarsi la luna. Farà in tempo, Drogo, a vederla o dovrà andarsene prima? La porta della camera palpita con uno scricchiolio leggero. Forse è un soffio di vento, un semplice risucchio d'aria di queste inquiete notti di primavera. Forse è invece lei che è entrata, con passo silenzioso, e adesso sta avvicinandosi alla poltrona di Drogo. Facendosi forza, Giovanni raddrizza un po' il busto, si assesta con una mano il colletto dell'uniforme, dà ancora uno sguardo fuori della finestra, una brevissima occhiata, per l'ultima sua porzione di stelle. Poi nel buio, benché nessuno lo veda, sorride.
D.Buzzati 

3Ricordi persi nel tempo Empty Re: Ricordi persi nel tempo Gio Mar 11, 2021 9:35 pm

Susanna

Susanna
Padawan
Padawan
Grazie della lettura, ci contavo. A questo racconto sono affezionata: è il secondo che vede protagonista Manuele, un personaggio molto particolare, per certi versi misterioso anche per me, e che ha vissuto sempre storie legate a oggetti dimenticati, ciascuno con una storia particolare. Il negozio: esiste davvero o almeno esiseva quando ero piccola e ci andavo con mio nonno. Vi si vendeva di tutto: sale, tabacchi, ferramenta, ll'epoca ancora petrolio per lampade e quello che ricordo è l'insieme di odori che alla fine era un profumo. Il negozio si è poi trasformato, modernizzato ma gli odori erano rimasti, così come il ricordo della figura del proprietario e della moglie, che cucinava in un piccolo locale sul retro.
Accolgo volentieri i suggerimenti, anche se sai bene quanto costi sfrondare quel che scriviamo da parti che per chi scrive sono fondamentali. Le descrizioni erano per me funzionali alla storia, devo circondae il lettore con gli oggetti che diventeranno parte della storia, oggetti desueti, ma che hanno fatto parte della vita di ogni giorno in un passato neanche troppo lontano.Per il momento lo lascio così, ma ci lavorerò e magari te lo sottopongo. Per inciso il paese da cui ho preso spunto esiste veramente, è vicino a Parma, con un bellissimo castello, un mercatino dell'antiquariato molto frequentato e, se ci si va quando non c'è il mercato, silezioso e suggestivo.


______________________________________________________
"Lui sapeva che che scrivere che non si può scrivere è comunque scrivere." Enrique Vila-Matas da La compagnia di Bartleby

Ricordi persi nel tempo 16157211

4Ricordi persi nel tempo Empty Re: Ricordi persi nel tempo Dom Mar 14, 2021 10:25 am

Hellionor

Hellionor
Admin
Cara Susanna,
intanto avrei piacere di leggere il primo racconto con protagonista Manuele, penso che permetterebbe a me lettore di comprendere meglio le dinamiche della storia che ci stai mostrando.
Concordo con Petunia, risulta confuso e penso che dovresti lavorarci un po' per dargli respiro.
Le descrizioni sono interessanti e ben condotte, molto intriganti ma secondo me sarebbe utile diluirle, far prendere loro aria e permettere al lettore di calarsi nella storia senza arrivare alla fine con milioni di dubbi.
Mi piace moltissimo il registro narrativo e l'idea, che cercherei di sviluppare in maniera più comprensibile. Questa storia mi sembra una storia "cicciosa" per rientrare nel racconto, forse il primo e il secondo racconto con Manuele potrebbero unirsi e proliferare verso una storia lunga e ad ampio respiro, che sono certa mi coinvolgerebbe molto.
A rileggerti.
Ele


(ps ho spostato il racconto nella sezione corretta, quella dei racconti "lunghi" tra 5000 e 60000 battute, la sezione racconti brevi 
è solo per racconti con meno di 5000 battute Smile)

5Ricordi persi nel tempo Empty Re: Ricordi persi nel tempo Dom Mar 14, 2021 11:30 am

Susanna

Susanna
Padawan
Padawan
Piacere di conoscere Hellionor e grazie per il trasloco del racconto, non mi ero accorta dell'errore di sezione. Sai, alla mia mia età capita! E ne capitano di tutti i colori, incluso l'aver inciampato per caso in queso blog.
Condividerò anche il primo racconto con Manuele protagonista. La storia ricalca un po' questa, ma è più popolate di personaggi, mi piace avere attorno gente che interagisce. In fondo nella vita siamo circondati da persone, di cui a volte non ci accorgiamo ma che se mancassero certi momenti non sarebbero gli stessi. Il primo racconto aveva fatto parte di quelli finalisti ad un concorso, ormai datato, ed era uno dei primi che avevo "liberato". Lo rispolvererò e posterò, ma tra un po', non voglio esagerare. Grazie della lettura


______________________________________________________
"Lui sapeva che che scrivere che non si può scrivere è comunque scrivere." Enrique Vila-Matas da La compagnia di Bartleby

Ricordi persi nel tempo 16157211

6Ricordi persi nel tempo Empty Re: Ricordi persi nel tempo Sab Mar 20, 2021 7:34 am

mirella


Younglings
Younglings
Mi è piaciuta moltissimo l’idea dello scrittore sensitivo atteso dagli oggetti che raccontano storie, così come ho apprezzato il senso di mistero che fa intuire una storia dentro la storia e la descrizione di luoghi e oggetti; la descrizione di questi ultimi e le sensazioni che provocano in Manuele costituiscono la peculiarità del racconto. Sono il punto forte del testo, ciò che lo rende non banale.
Ma l’articolazione della trama – a mio parere – non funziona perché tu segui il filo logico che hai in mente e non ti preoccupi di cosa arriva al lettore.
“L’uomo adesso sa, e ha paura.” Che cosa sa Biagio e perché ha paura?
E se ha paura, si tiene in bottega tutto il pomeriggio uno sconosciuto che lo spaventa? Poi ci va a cena come fossero amici, perché “sono bastate poche parole per capirsi”. Ma ancora non hanno parlato per niente.
In più, dopo cena, Biagio conduce Manuele nella casa con la stanza rossa e per quale motivo?
Se, come presumo, quella era la casa dove abitava Celso con la moglie, è improbabile che Biagio non ci sia mai andato dopo la scomparsa del fratello e che quindi non abbia già scoperto il cadavere.
Il finale telegrafato, e - in più - raccontato, è uno spiegone che rovina la storia. Il mio consiglio è di smontare il testo e rimontarlo, per mettere ordine nell’azione narrativa.
Dovresti dare a Biagio un motivo per trattenere Manuele in bottega. Il dialogo dopo cena andrebbe nella prima parte.

L’incipit è OK. I due si conoscono; Biagio è attratto e incuriosito dal giovane scrittore; non ne ha paura, anzi in lui e nelle sue doti sensitive ravvisa la possibilità di far luce sui punti neri insoluti del passato (il mistero della scomparsa del fratello etc.) per questo lo trattiene in bottega e gli mostra gli altri oggetti nascosti nel retro, tra cui l’accetta con le macchie. (La cena è irrilevante nell’economia del racconto.)
Biagio domanda al giovane perché è venuto e Manuele restituisce il coltellino che non ha rubato, ma ritrovato in un vicolo vicino a una vecchia casa semidistrutta, abbandonata in seguito a un incendio o altro evento. (Questo servirebbe a spiegare il perché del cadavere non ritrovato in tre anni e perché Biagio conduce Manuele alla casa.)
All’interno, Biagio rivive attraverso ricordi, che affiorano in flashback davanti agli oggetti (o attraverso il dialogo) scene del suo passato che Manuele percepisce e ne è turbato.
La storia di Ely Moro, la folle, dovrebbe essere anticipata al momento del ritrovamento dell’accetta (un breve flash. Perché l’accetta si trova lì? Se apparteneva a lei, poteva averla nascosta nella bottega del cognato a sua insaputa o lui consenziente.)
Quindi alla stanza rossa si dovrebbe arrivare per gradi, tassello dopo tassello, fino alla scoperta del cadavere di Celso.
Spero di esserti stata utile.

7Ricordi persi nel tempo Empty Re: Ricordi persi nel tempo Sab Mar 20, 2021 10:31 am

Susanna

Susanna
Padawan
Padawan
@mirella ha scritto:Mi è piaciuta moltissimo l’idea dello scrittore sensitivo atteso dagli oggetti che raccontano storie, così come ho apprezzato il senso di mistero che fa intuire una storia dentro la storia e la descrizione di luoghi e oggetti; la descrizione di questi ultimi e le sensazioni che provocano in Manuele costituiscono la peculiarità del racconto. Sono il punto forte del testo, ciò che lo rende non banale.
Ma l’articolazione della trama – a mio parere – non funziona perché tu segui il filo logico che hai in mente e non ti preoccupi di cosa arriva al lettore.
“L’uomo adesso sa, e ha paura.” Che cosa sa Biagio e perché ha paura?
E se ha paura, si tiene in bottega tutto il pomeriggio uno sconosciuto che lo spaventa? Poi ci va a cena come fossero amici, perché “sono bastate poche parole per capirsi”. Ma ancora non hanno parlato per niente.
In più, dopo cena, Biagio conduce Manuele nella casa con la stanza rossa e per quale motivo?
Se, come presumo, quella era la casa dove abitava Celso con la moglie,  è improbabile che Biagio non ci sia mai andato dopo la scomparsa del fratello e che quindi non abbia già scoperto il cadavere.
Il finale telegrafato, e - in più - raccontato,  è uno spiegone che rovina la storia. Il mio consiglio è di smontare il testo e rimontarlo, per mettere ordine nell’azione narrativa.
Dovresti dare a Biagio un motivo per trattenere Manuele in bottega.  Il dialogo dopo cena andrebbe nella prima parte.

L’incipit è OK. I due si conoscono; Biagio è attratto e incuriosito dal giovane scrittore; non ne ha paura, anzi in lui e nelle sue doti sensitive ravvisa la possibilità di far luce sui punti neri insoluti del passato (il mistero della scomparsa del fratello etc.) per questo lo trattiene in bottega e gli mostra gli altri oggetti nascosti nel retro, tra cui l’accetta con le macchie. (La cena è irrilevante nell’economia del racconto.)
Biagio domanda al giovane perché è venuto e Manuele restituisce il coltellino che non ha rubato, ma ritrovato in un vicolo vicino a una vecchia casa semidistrutta, abbandonata in seguito a un incendio o altro evento. (Questo servirebbe a spiegare il perché del cadavere non ritrovato in tre anni e perché Biagio conduce Manuele alla casa.)
All’interno, Biagio rivive attraverso ricordi, che affiorano in flashback davanti agli oggetti (o attraverso il dialogo) scene del suo passato che Manuele percepisce e ne è turbato.
La storia di Ely Moro, la folle, dovrebbe  essere anticipata al momento del ritrovamento dell’accetta (un breve flash. Perché l’accetta si trova lì? Se apparteneva  a lei, poteva averla nascosta nella bottega del cognato  a sua insaputa o lui consenziente.)
Quindi alla stanza rossa si dovrebbe arrivare per gradi, tassello dopo tassello, fino alla scoperta del cadavere di Celso.
Spero di esserti stata utile.
Le osservazioni servono eccome. E' vero, forse dovevo iniziare dalla fine, ma mi cappita spesso di costruire un racconto partendo da un'immagine, da una situazione e poi trovare, cammin facendo la storia che c'è dietro e, per te che scrivi a volte più per te stesso che per gli altri, il racconto fila. Vedrò in futuro di tenere presente le "osservazioni", che aiutano a crescere.


______________________________________________________
"Lui sapeva che che scrivere che non si può scrivere è comunque scrivere." Enrique Vila-Matas da La compagnia di Bartleby

Ricordi persi nel tempo 16157211

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.