Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» Routine
Staffetta 5 - Episodio 2 EmptyOggi alle 6:59 pm Da Hellionor

» Appello dell'ultimo terrestre a Dio
Staffetta 5 - Episodio 2 EmptyOggi alle 6:45 pm Da Akimizu

» Dal giorno che nessuno conosce
Staffetta 5 - Episodio 2 EmptyOggi alle 6:00 pm Da Asbottino

» Quintessenza
Staffetta 5 - Episodio 2 EmptyOggi alle 5:30 pm Da CharAznable

» Orizzonti Verticali
Staffetta 5 - Episodio 2 EmptyOggi alle 5:24 pm Da Asbottino

» Different Staffetta - Settimana del 17/06/2024
Staffetta 5 - Episodio 2 EmptyOggi alle 5:07 pm Da Achillu

» Staffetta 4 - Episodio 3
Staffetta 5 - Episodio 2 EmptyOggi alle 4:32 pm Da Claudio Bezzi

» Staffetta 1 - Episodio 3
Staffetta 5 - Episodio 2 EmptyOggi alle 4:31 pm Da Claudio Bezzi

» La porta rossa
Staffetta 5 - Episodio 2 EmptyOggi alle 4:13 pm Da Asbottino

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Staffetta 5 - Episodio 2

4 partecipanti

Andare in basso

Staffetta 5 - Episodio 2 Empty Staffetta 5 - Episodio 2

Messaggio Da M. Mark o'Knee Ven Mag 24, 2024 8:03 pm

L’autunno era decisamente la stagione dell’anno che prediligeva. Mentre percorreva il tratto di strada che da Finero si snoda nel grembo della valle fino a casa, Stefano non smetteva di saziare lo sguardo con l’esplosione di colori che la montagna gli parava davanti. 
Alla guida della sua BMW, si compiaceva della decisione, presa anni prima, di lasciarsi alle spalle il caos e lo smog di Milano. Così, dopo il burrascoso divorzio da Eleonora, aveva dato un taglio netto con la vita passata, per stabilirsi nel verde e nella tranquillità della Val Vigezzo. 
Il sole di quel pomeriggio di ottobre non era ancora calato dietro il versante della montagna e riverberava sull’asfalto, tanto che Stefano quasi non si avvide dell’auto della Guardia di Finanza appostata dietro una curva e, quando un uomo in divisa alzò la paletta intimandogli l’alt, dovette pestare il piede sul freno, facendo quasi inchiodare la macchina.
A causa della vicinanza col confine Svizzero di Locarno, non era infrequente venire intercettati da una pattuglia, che effettuava controlli di routine.
«Buonasera», lo salutò il finanziere avvicinandosi all’auto. «Favorisca patente e carta di circolazione, per favore» gli intimò.
Stefano annuì ed estrasse dal portafoglio la patente, poi si sporse alla sua destra per aprire il portello del cruscotto da dove prese il documento della vettura. 
Il finanziere verificò per alcuni istanti, poi restituì i documenti a Stefano rivolgendogli la solita domanda di rito: «Ha qualcosa da dichiarare?»
«No», rispose Stefano con un sorriso. «Ho con me soltanto la mia valigetta e il mio notebook. Sono stato a Bellinzona per un convegno letterario».
Il finanziere annuì, poi girò intorno all’elegante vettura e, più per formalità che per sospetto, chiese: «Potrebbe aprire il bagagliaio?»
«Ma certo», rispose Stefano con un sorriso, cercando di mascherare il disappunto per quel controllo un po’ troppo pignolo.
Azionò il comando elettrico e il portellone si sollevò con un sibilo, quando da dietro sentì il finanziere erompere in un grido: «Metta le mani sul volante e non si muova!»
«Cosa…?», fece per domandare Stefano, ma non appena sporse la testa fuori dal finestrino, si ritrovò la canna di una pistola d’ordinanza piantata fra gli occhi.
 
Non aveva idea di quanto tempo avesse trascorso in quella stanza. Nonostante le veneziane abbassate, una luce opalescente indicava che probabilmente stava per albeggiare.
Si passò una mano sul viso stralunato e avvertì sul palmo un principio di barba. Erano passate appena ventiquattr’ore dall’ultima volta che si era rasato, eppure in quel lasso di tempo tutta la sua vita era stata stravolta; per la precisione, dal momento in cui il giovane finanziere, nell’aprire il bagagliaio della sua auto, vi aveva trovato il cadavere mutilato di una giovane donna asiatica, cui erano state amputate entrambe le mani. 
In quell’istante la porta della stanza si aprì ed entrò una donna non molto alta, piuttosto in carne, che portava un paio di jeans e scarpe sportive. La donna si avvicinò al tavolo e si presentò: «Sono l’ispettrice Laura Riberti, incaricata di condurre le indagini sul caso».
Poi prese posto sulla sedia di fronte a Stefano, aprì una cartellina e, piantandogli un paio d’occhi scuri in viso, gli domandò: «Sa dirmi dove si trovava la notte tra il ventisette e il ventotto ottobre?»
«Come ho già ripetuto più volte, ho trascorso la notte all’Hotel International di Bellinzona».
«Quindi il convegno di cui leggo agli atti era per il giorno seguente?» chiese l’investigatrice consultando il rapporto che aveva davanti.
«Esatto…»
«C’era qualcun altro con lei? Durante la notte intendo…» chiese lei, tornando a fissarlo negli occhi.
«No, ero solo. Ne ho approfittato per lavorare alla presentazione del giorno dopo e mandare qualche mail. Può controllare la cronologia sul mio notebook, se vuole».
L’ispettrice annuì e chiuse la cartellina.
«Dunque lei è il famoso Stefano Grimaldi», aggiunse poi l’ispettrice, tornando a guardarlo negli occhi e a Stefano questa volta parve di cogliere quasi il preludio di un sorriso sul viso di lei.
«Sì, sono io», rispose lui in tono neutro.
«Lo sa che ho letto tutti i suoi romanzi?»
Stefano abbozzò un mezzo sorriso, ma restò guardingo, non sapendo se diffidare di quell’improvvisa benevolenza.
«Nel suo ultimo romanzo, “Leon”, a una delle vittime vengono mozzate le mani, o mi sbaglio?» chiese lei all’improvviso, tenendo gli occhi fissi sull’uomo, con l’intenzione di spiarne un’eventuale reazione.
«Infatti», annuì Stefano.
«Non le pare strana questa coincidenza?»
«E a lei non sembra strano che uno scrittore commetta lo stesso delitto che ha descritto nel suo romanzo, visto che è quello che sta insinuando?» rispose l'uomo, fissando i propri occhi in quelli dell’ispettrice.
Lei abbassò lo sguardo sulla cartelletta e, dopo un attimo di silenzio, concluse dicendo: «Bene. Allora non ci resta che attendere il provvedimento di convalida del giudice».
Si alzò, salutò Stefano con un cenno del capo e uscì dalla stanza.
 
Mentre attraversava il brusio di voci e telefoni della sala comune in direzione del suo ufficio, l’ispettrice Riberti sgranava pensieri come chicchi di un rosario.
In sua assenza, sia i colleghi della Finanza che gli agenti scelti incaricati di prelevare il Grimaldi per portarlo in Questura avevano lavorato bene, limitandosi a compilare dei verbali di “dichiarazione spontanea” del fermato.
E lei stessa si era limitata a un paio di domande che tutto potevano essere fuorché un interrogatorio. Quindi, ogni azione svolta fino a quel momento poteva essere ricondotta nel corretto alveo procedurale in attesa di giudice e avvocato.
Ma non era certo questo il pensiero che più l’assillava.
La sua assenza all’arrivo dello scrittore, in qualche modo, era proprio collegata a quell’episodio: si trovava in sala briefing per una riunione sui due omicidi oggetto delle indagini della sua squadra. E ora, ecco puntuale il terzo. Che aveva loro consegnato su un piatto d’argento uno dei sospettati anche per gli altri: il romanziere Stefano Grimaldi.
Aprì la porta dell’ufficio e per un attimo le sembrò di essere entrata in un’installazione di Boltanski: i due pannelli appesi alla parete letteralmente traboccavano di foto, appunti e verbali relativi a due omicidi che, per il momento, gli inquirenti erano riusciti a tenere abbastanza distanti dalle pagine dei giornali, sia cartacei che online.
Laura si mise in piedi, di fronte ai pannelli, alla giusta distanza per abbracciare con lo sguardo le foto di entrambe le vittime.
Il primo a essere ritrovato, in ordine di tempo, era stato un anziano tuttofare filippino al quale erano stati brutalmente strappati gli occhi – mai rinvenuti – e poi ucciso con un unico colpo di pistola in fronte, quasi fosse un colpo di grazia.
La seconda, una badante moldava di quarantacinque anni, aveva subito l’amputazione del piede sinistro e della mano destra – neppure questi presenti sul luogo – e poi uccisa con la stessa modalità del filippino.
Questa sembrava essere l’unica caratteristica in comune, a parte il fatto che erano entrambi stranieri. I due non si conoscevano, non si erano mai incontrati e non avevano i numeri uno dell’altra nei rispettivi cellulari. Abitavano ai capi opposti della città, lavoravano in luoghi molto distanti e altrettanto lontani erano stati scoperti, del tutto casualmente, i corpi.
Solo un altro particolare li accomunava, un particolare che risaltava anche a occhi inesperti. I luoghi in cui erano stati ritrovati non erano gli stessi in cui i delitti erano stati commessi. In entrambi i casi, troppo poco sangue segnava le scene, considerando le mutilazioni inferte.
Le loro vite erano state passate al setaccio fine, ma niente li avvicinava, se non lo strazio inflitto e il forellino calibro ventidue al centro della fronte. Al solo ripensare al numero assurdo e inutile di ipotesi fatte, Laura ancora si sentiva girare la testa. E poi, paf, ecco la soluzione nei panni di un rapporto anatomopatologico che appariva a pagina 193 di Sognavo di cadere, secondo romanzo del Grimaldi.
Quella perizia, a Laura, era apparsa stranamente familiare, quasi fosse un improvviso déjà-vu. Aveva attivato il portatile e si era collegata all’ufficio: il patologo che aveva redatto il rapporto autoptico sulla moldava aveva utilizzato praticamente le stesse parole del libro; così come il verbale del ritrovamento del filippino, scoprì poco dopo, sembrava copiato pari pari da quello stampato a pagina 79 di Sull’isola del diavolo, ancora di Grimaldi.
Infine era stato il turno di Léon, con la notevole differenza che, questa volta, l’autore c’era caduto proprio in mezzo.
Si affacciò alla porta e chiamò i suoi collaboratori.
«Puddu. Marcelli. Andiamo ragazzi: c’è da sistemare il terzo pannello…».
 
Circa dodici ore prima
In cima al Passo dello Scopello, una figura inguainata in abiti da trekking osservava con un potente binocolo la sottostante Provinciale 75. Il sole radente del pomeriggio la rendeva una sagoma indistinta nel controluce e chiunque fosse passato per il sentiero alle sue spalle, lo avrebbe scambiato per un tranquillo escursionista intento a fare birdwatching.
Ma si sarebbe sbagliato di grosso.
Aveva puntato le lenti antiriflesso su un tornante ben preciso della Provinciale, dove si stava svolgendo una scena che gli scaldava il cuore: una pattuglia della Guardia di Finanza aveva appena fermato una certa BMW.
E quando aveva visto aprirsi il cofano del bagagliaio e le pistole apparire come per magia nelle mani degli agenti, non era riuscito a trattenere un plateale gesto di esultanza.
La soffiata anonima aveva sortito il suo effetto.
Il suo piano marciava spedito come – era proprio il caso di dirlo – un orologio svizzero.
Dopo un paio di minuti si era voltato, aveva riposto il binocolo nello zaino e, con un sorriso mefistofelico stampato sul viso, si era incamminato lungo il sentiero in discesa.

______________________________________________________
"E perché è più utile scrivere di ciò che vuoi conoscere meglio, invece di ciò che credi di conoscere già." - Matteo Bussola
M. Mark o'Knee
M. Mark o'Knee
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 782
Punti : 907
Infamia o lode : 9
Data di iscrizione : 27.01.22
Età : 68
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Staffetta 5 - Episodio 2 Empty Re: Staffetta 5 - Episodio 2

Messaggio Da Albemasia Ven Mag 24, 2024 11:02 pm

Bravo M.Mark o' Knee, hai fatto prendere una bella piega alla vicenda.
Che bello vedere "la propria creatura" prendere vita sotto l'ispirazione di un'altra penna. 
Ottima anche l'idea per risolvere la defaiance dei precedenti interrogatori e della mancata presenza del legale. 
Sotto a chi tocca ora. Sono curiosa...
Albemasia
Albemasia
Padawan
Padawan

Messaggi : 180
Punti : 215
Infamia o lode : 11
Data di iscrizione : 23.01.24
Località : Tra le nebbie della Lomellina

Torna in alto Andare in basso

Staffetta 5 - Episodio 2 Empty Re: Staffetta 5 - Episodio 2

Messaggio Da Claudio Bezzi Sab Mag 25, 2024 10:24 am

Voglio dire solo due cose: 1) Bello, mi piace un sacco; 2) Sono contento di essere fuori da questa staffetta perché l'intreccio non si prospetta facile per niente e non invidio i prossimi staffettisti.

______________________________________________________
L'uomo fa il male come l'ape il miele (William Golding).
Claudio Bezzi
Claudio Bezzi
Padawan
Padawan

Messaggi : 219
Punti : 274
Infamia o lode : 5
Data di iscrizione : 05.02.24

https://alamagoozlum.blog

Torna in alto Andare in basso

Staffetta 5 - Episodio 2 Empty Re: Staffetta 5 - Episodio 2

Messaggio Da Susanna Lun Giu 03, 2024 11:47 pm

Claudio Bezzi ha scritto:Voglio dire solo due cose: 1) Bello, mi piace un sacco; 2) Sono contento di essere fuori da questa staffetta perché l'intreccio non si prospetta facile per niente e non invidio i prossimi staffettisti.
Grazie, questo significa fare coraggio al prossimo staffettista. Ah, sarei io? E pensavo che aver affrontato il primo Episodio con Achille apripista fosse stato arduo. Qui...vabbè, i thriller mi piacciono, ma un conto è leggerne altro scriverne.

______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"
Susanna
Susanna
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 2287
Punti : 2520
Infamia o lode : 20
Data di iscrizione : 03.02.21
Età : 67
Località : Rumo (TN)

Torna in alto Andare in basso

Staffetta 5 - Episodio 2 Empty Re: Staffetta 5 - Episodio 2

Messaggio Da Susanna Lun Giu 10, 2024 4:51 pm

bene, l'ideuzza per proseguire è arrivata e si sta delineando. A me i thriller piacciono e più si ingarbugliano e più intrigano. Poi magari darò un assist al prossimo staffettista, anche se lascierò qualche briciolina....

______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"
Susanna
Susanna
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 2287
Punti : 2520
Infamia o lode : 20
Data di iscrizione : 03.02.21
Età : 67
Località : Rumo (TN)

Torna in alto Andare in basso

Staffetta 5 - Episodio 2 Empty Re: Staffetta 5 - Episodio 2

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.