Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» Orizzonti Verticali
Quintessenza EmptyOggi alle 10:26 am Da tommybe

» E se...
Quintessenza EmptyOggi alle 10:14 am Da ImaGiraffe

» Mentre tutto brucia
Quintessenza EmptyOggi alle 10:10 am Da Flash Gordon

» La prossima scossa
Quintessenza EmptyOggi alle 10:02 am Da tommybe

» Lei non è cattiva
Quintessenza EmptyOggi alle 9:31 am Da ImaGiraffe

» Cronache dalla fine
Quintessenza EmptyOggi alle 9:19 am Da AurelianoLaLeggera

» Quintessenza
Quintessenza EmptyOggi alle 9:10 am Da Achillu

» Corsa contro il tempo
Quintessenza EmptyOggi alle 8:27 am Da AurelianoLaLeggera

» Se sapessi piangere
Quintessenza EmptyOggi alle 6:32 am Da Petunia

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Quintessenza

+5
Arunachala
AurelianoLaLeggera
Giammy
Akimizu
Different Staff
9 partecipanti

Andare in basso

Quintessenza Empty Quintessenza

Messaggio Da Different Staff Lun Mag 13, 2024 9:45 pm

Da qualche ora la quiete è tornata sovrana su questo lembo di terra, animato solo dai turisti e dalle tempeste di sabbia provocate dallo Shamal, un vento caldo e secco che soffia per gran parte dell’anno su tutti le nazioni affacciate sul Golfo Persico.
Ziggurat è il mio nome, ma a te, caro lettore, chi sono io poco importa. Nel corso dei millenni, i mattoni di argilla di cui sono composto hanno assistito a migliaia di cerimonie, spettacoli e battaglie, che si sono svolte a Ur, la grande città di cui tuttora faccio parte e le cui fondamenta sono state riportate alla luce dagli archeologi. Eppure, l’evento a cui ho assistito e di cui ti voglio parlare non ha eguali: sull’ultima delle mie terrazze è avvenuto l’incontro tra la Quintessenza e gli altri quattro Elementi che permettono la vita sul nostro pianeta.
Lo straordinario si è manifestato nell’ordinario.

Chiedo venia a priori se la mia testimonianza non risulterà adeguata al prestigio dei protagonisti. Ora rilassati, respira profondamente e lasciati trasportare dalle mie parole.

Nella piana in cui dimoro, non lontano dalla confluenza del Tigri con l’Eufrate, il sole era scomparso dalla linea dell’orizzonte e gli ultimi turisti si erano allontanati a bordo delle loro Jeep. Mentre mi rallegravo per la temperatura ritornata accettabile, sono stato assalito da un calore esagerato proveniente da sud, calore che ha arrestato la sua corsa sopra la terrazza più alta. Ho faticato a comprendere il motivo di tale presenza, che ho avvertito solo a livello percettivo. La temperatura saliva mentre tutto taceva. Poi una fiammata dal nulla. Una voce.
«Terra ci sei? Se non sei puntuale a casa tua confermi di essere un caso senza speranza.»
«Ci sono, ci sono, caro Fuoco, aspettavo giusto un tuo lamento; non potevi certo esentarti dal palesare il tuo carattere fumante e critico.»
«Ma ti ascolti? Sei vecchia e i tuoi discorsi lo dimostrano.»
«Tu invece sei sempre il solito maleducato, non ti smentisci mai.»
Mentre Terra e Fuoco rivelavano la loro reciproca antipatia, ho intravisto un gruppo di nuvole arrivare da ovest e addensarsi sopra l’area che ospita le mie fondamenta. Gocce finissime hanno iniziato a cadere nel vuoto fino a incontrare la sabbia e i mattoni; la temperatura è diventata più gradevole.
«Benvenuta Acqua. Solo tu riesci a placare la mia arsura, mi doni sollievo e mi coccoli con garbo e dolcezza.»
«Terra, regina del mio cuore, che piacere incontrarti. La mia anima trova in te perenne comprensione. Grazie di essere così come sei.»
«Veramente ci sono anch’io a questo schifo di incontro. O preferite rimanere da soli, così potete continuare a lisciarvi il pelo a vicenda?»
«Fuoco, hai la straordinaria capacità di renderti detestabile nel volgere di pochi istanti. Non riesci mai a tenere a freno la tua lingua. Complimenti per il tuo talento.»
«Affascinante Terra lascia perdere questo brontolone, è nella sua natura imporre con prepotenza la sua presenza.»
«Oh dolce Acqua, pochi istanti in tua compagnia compensano il tempo infinito che ci ha tenuti distanti e lenisce l’insolenza dei maleducati.»

Divertito dalle scaramucce dei nuovi arrivati, ho soffocato le mie risate che potevano essere avvertite come irrispettose. Del resto sono un edificio sacro, il contegno è doveroso e indispensabile. Subito dopo le mie pareti hanno avvertito un cambiamento, la leggera brezza nel volgere di pochi secondi è mutata in un vento impetuoso, che ha sollevato e scagliato ovunque finissimi granelli di sabbia.

«Eccoti finalmente, Aria. Mi ero stancato di ascoltare le smancerie disgustose dei due fidanzatini.»
«Fuoco, nonostante siano passate numerose ere geologiche, il tuo temperamento è rimasto fedele alle origini e le tue risposte sono sempre esilaranti.»

«Benvenuta Aria, beata te che trovi divertenti i mugugni di Fuoco. Mi era già venuta la tentazione di spegnerlo.»
«Ben arrivata Aria. Ogni volta il tuo arrivo si manifesta con largo anticipo. Non passi mai inosservata.»

Dopo i saluti di benvenuto della Terra e dell’Acqua a favore dell’ultima arrivata, per alcuni minuti è calato il silenzio.

«L’attesa sta alterando in modo significativo le mie correnti interne. Aspettare oltre accentua il disequilibrio. Cosa o chi attediamo? Esigo di sapere chi ha indetto codesta riunione.»
«Io no di certo, Aria. Se penso a tutte le cose che ho in ballo… e corri di qui e corri di là, mi chiamano in continuazione.»
«A chi lo dici, Fuoco, a motivo della mutazione climatica in atto i miei impegni sono aumentati a dismisura. Ho nostalgia dei giorni in cui potevo essere sovente brezza e coccolare coloro che meritavano le mie attenzioni.»
«Aria, per me è la stessa cosa. Con le alte temperature mi accendo spesso contro la mia volontà. La situazione è esasperante, non riesco più nemmeno a riposare.»

«Da parte mia confesso di gradire questa convocazione che è giunta inaspettata. Tuttavia, non conosco il nome dell’autore. Forse è opera tua, mia cara Terra?»
«Dolce Acqua, è bello esserci ritrovati tutti insieme, nonostante Aria e Fuoco siano sempre molto originali nelle loro espressioni. Eppure, mi dispiace deluderti: la tua curiosità corrisponde alla mia, non sono io l’organizzatrice.»

«Quindi qualcuno di noi mente?»
Nel frattempo, una enorme fiammata ha conquistato la scena; la superficie della terrazza è diventata più bollente che in piena esposizione solare.

«Orsù Fuoco, trattieni le tue fiamme, non ha senso adirarci fra di noi. In fondo è stato magnanimo da parte nostra concedere tempo e attenzioni a codesta famiglia. Ne convieni? Ora, però, vi devo salutare, è richiesta la mia presenza altrove.»

Al termine della frase di commiato dell’Aria, un meraviglioso aroma si è diffuso tutto intorno. La fragranza era gradevole e recepibile persino dai mattoni di cui sono composta.

«La colpevolezza si nasconde persino in un invito? Ebbene sì, se ciò vi consola allora merito il carcere. Ricordatevi, però, che arduo è il compito solo per chi non si reputa all’altezza.»
«Quintessenza? Malevoli lingue avevano portato fino a me notizie nefaste a tuo riguardo. Del resto, sei stato dimenticato anche dagli esseri umani, non ti sembra un buon motivo per cessare di esistere? Prendila in considerazione questa possibilità, ti prego, ascolta i buoni consigli.»
«Aria, mi dispiace deluderti, ma sono numerose le creature che alimentano l’unione armonica e giustificano la mia presenza. Inoltre, ti ricordo che noi Elementi esistiamo per un volere superiore che prescinde dalla nostra volontà.»

«Benvenuto Spirito, la tua presenza dona al mio provato cuore gioia e letizia. La convocazione è opera tua, ora comprendo. Grazie per il tuo sostegno.»
«Quando la smetterai Terra di proferire frasi stucchevoli? Arriviamo al dunque, per trattenerci serve un valido motivo. E tu, mister perfettino, evita di rimarcare la tua presunta superiorità, è vomitevole.»

L’arroganza di Fuoco e l’ironia pungente di Aria hanno provocato in me un grande fastidio. Come si fa a mancare di rispetto al quinto elemento? Se perdiamo la stima verso la sacralità e lo spirito, cosa resta? Ti chiedo scusa, paziente lettore, per la mia dissertazione personale. Riprendo il racconto a partire dalla risposta di Quintessenza.

«Convocare significa richiedere una o più presenze per un motivo importante. Cari Elementi, la situazione è drammatica, il punto di non ritorno è vicino.»
«Quintessenza, mi preme rimarcare la necessità di concretezza. Cosa desideri?»
«Aria, lo puoi immaginare… chiede la collaborazione di tutti noi. Spera che tratteniamo la nostra natura e ci limitiamo a vicenda nelle nostre manifestazioni estreme. Esatto?»
«Terra, la tua sapienza non è per me una sorpresa. Tutte le creature, a partire dalla specie umana, rischiano di scomparire se l’equilibrio verrà ulteriormente alterato. In un breve lasso di tempo ogni forma di vita sarà cancellata da questo pianeta. Vi chiedo di aiutarmi, di trattenervi nel momento in cui si palesano le condizioni per esprimere tutta la vostra forza. E se non riuscite da soli, vi prego, provate a contenervi vicendevolmente.»

L’atmosfera era suggestiva ma allo stesso tempo inquietante. Le voci degli Elementi provenivano da punti sempre diversi. Numerose fiammelle si accendevano e si spegnevano in continuazione. Vortici di aria nascevano dal nulla per poi scomparire nel cielo. Minuscole gocce fluttuavano per poi adagiarsi ovunque sul terreno e sopra la superficie della terrazza.

«Per quanto mi riguarda la richiesta di Quintessenza non è recepibile. Non può pretendere di evitare di assecondare la nostra natura, verremmo meno al motivo stesso per cui siamo stati creati.»

«Quintessenza, diversamente da quanto asserito pocanzi da Aria proverò a seguire il tuo suggerimento. Limiterò il mio potere, attenuerò gli effetti delle inondazioni e donerò sollievo laddove la temperatura minaccerà la sopravvivenza. Aiuterò con estremo piacere la Terra, anche contro tutte le leggi fisiche.»
«Sei davvero carina, Acqua, grazie. Da parte mia cercherò di trattenere e assorbire tutti i moti interiori, a partire dai terremoti e dalle eruzioni vulcaniche. Io posso trasformarmi e assumere forme nuove e diverse, ma questo potere è precluso alle creature e la loro estinzione sarebbe inevitabile.»

«Mi sono stancato di sentire le vostre assurdità. È tutta colpa della razza umana se il pianeta è rovinato. Cosa fanno questi esserini che si credono intelligenti? Pensano solo ai loro interessi e rimandano sempre il momento in cui smettere di inquinare. Invece di allearsi nell’unica guerra che abbia senso, combattono fra di loro e lanciano missili e bombe che, oltre a uccidere, devastano il mondo intero. Sono pazzi e non meritano trattamenti di favore. Vogliono incendiare la terra? Allora li accontento. Se loro stessi non si preoccupano del proprio futuro perché ci devo pensare io? Che si fottano. Anzi, sarò ancora più implacabile, pagheranno per i loro errori. E tu Acqua smettila con questi sentimentalismi, tanto la Terra si salva comunque. Solo con la scomparsa degli esseri umani si potrà ritornare al vecchio equilibrio. Quando tutto sarà bruciato la vita ritornerà protagonista. È giusto così!»

Durante il monologo di Fuoco, le fiamme sono tornate a ricoprire l’intera superficie della terrazza e il calore è risultato insopportabile anche per i miei mattoni.

«Complimenti, hai tenuto un discorso sublime. Concordo con te, soffierò ancora più lontane le tue fiamme e il pianeta verrà purificato. Siamo Elementi, è bene evitare preferenze e favoritismi, gli esseri umani raccoglieranno quello che hanno seminato!»

Non sapevo cosa pensare, ero tentato di intervenire e supplicare Aria e Fuoco di perdonare gli esseri umani. Ma chi ero io per prendere la parola ed esternare il mio pensiero agli Elementi? Il destino del pianeta terra e dei suoi abitanti era segnato e mi sentivo triste. Mi vedevo già trasformato in un ammasso di materia informe e privato della mia anima.

«Vi ho convocati in questo luogo in cui le civiltà più importanti sono nate. In particolare ci troviamo sopra questo edificio religioso che i Sumeri hanno costruito e che utilizzavano per ringraziare noi, Cinque Elementi e le altre divinità in cui riponevano la loro fiducia. Vi ho ascoltati silente, rispettoso della vostra opinione. A questo punto mi permetto soltanto di porre alcune domande e mi rivolgo a Fuoco e Aria: nel corso della storia credete di esservi sempre comportati correttamente con tutte le creature, o non pensate di avere spesso esagerato con il vostro potere? Prima di rispondere pensate a quanti miliardi di essere umani, di flora e di fauna sono scomparsi per causa vostra. Davvero vi ritenete così impeccabili da ergervi a giudici? Se vi sentite in pace e ritenete di essere superiori a ogni forma di errore, prego, andate e sfogate tutta la vostra forza. Però, ricordatevi, alla fine dei tempi, oltre agli esseri umani la bilancia peserà anche noi Elementi; saremo messi davanti alla Verità assoluta e nessuno potrà barare e accampare scuse o giustificazioni.»

Avrei voluto applaudire, gridare inni di giubilo e di acclamazione. Lui è la via verso la conoscenza suprema. Lui è Quintessenza!

«Non avete nulla da rispondere o da obiettare? Allora il nostro incontro volge al termine, non vi tratterrò oltre. A ciascuno il suo cammino e il suo destino. Devastazione o salvezza, a voi la scelta. Siamo ancora in tempo per evitare la fine di questo pianeta e trasformare il nostro incontro in un nuovo inizio, un rinnovamento che partirà da noi Elementi. Gli esseri umani necessitano del nostro aiuto per evolvere; così facendo, anche noi ci trasformeremo insieme a loro. Vi invito a non commettere l’errore di pensare di essere al di sopra delle parti. Tutti siamo parti dell’Uno, non dimentichiamolo mai.
È l’ora del congedo. Da questo momento non potremo più interloquire fra di noi fino alla prossima convocazione.»

Dopo il toccante monologo le tenebre sono calate all’improvviso, come se fino a quel momento fossero state trattenute da una forza superiore. Non ho più avvertito alcuna fonte di calore, brezza d’aria o gocce sulle mie pareti. Il profumo, però, è rimasto e lo percepisco anche in questo momento; sono certo che dimora in ogni forma di vita che desidera dare spazio allo Spirito.
Le parole di Quintessenza riusciranno a operare il miracolo e preservare ogni forma di vita dalla devastazione del nostro pianeta? Da parte mia, caro lettore, continuerò ad alimentare la speranza del suo salvataggio e non mi stancherò mai di raccontare, a chi è disposto ad ascoltarmi, la storia che ti ho appena narrato.

Da qualche ora la quiete è tornata sovrana su questo lembo di terra animato solo dai turisti e dalle tempeste di sabbia dello Shamal. Domani arriveranno ancora numerosi fuoristrada: molte persone mi visiteranno e scatteranno centinaia di foto. Fra di loro potresti esserci anche tu, caro lettore, ne sarei davvero onorato. In questo caso ti consiglio di non aspettare troppo. Io sono ottimista, ma gli Elementi sono imprevedibili. Tutto può succedere.
Different Staff
Different Staff
Admin
Admin

Messaggi : 722
Punti : 2103
Infamia o lode : 7
Data di iscrizione : 26.02.21

Torna in alto Andare in basso

Quintessenza Empty Re: Quintessenza

Messaggio Da Akimizu Mar Mag 14, 2024 6:51 pm

Sono combattuto di fronte a questo racconto. Ho apprezzato moltissimo le sfumature mistiche e i richiami esoterici, tenuti tutti su di un piano semplice, così da non risultare pesanti o incomprensibili, io ho qualche infarinatura, niente di che, e mi sono trovato a mio agio durante la lettura. Ho apprezzato meno la forma racconto, questo lungo botta e risposta privo di azione o di eventi che dessero i cambi di ritmo. Insomma, purtroppo la lettura è risultata piatta da questo punto di vista. Buono invece il messaggio, che sembra in un primo momento quello veicolato da fuoco nel suo monologo, ma si rivela invece essere più pregno di speranza nelle parole successive della quintessenza. Dal punto di vista formale niente da dire, è scritto bene, peccato quel refusino proprio nella prima frase (dell’anno su tutti le nazioni) che sfiga. A rileggerci!
Akimizu
Akimizu
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 775
Punti : 835
Infamia o lode : 3
Data di iscrizione : 10.01.21
Età : 43
Località : Barumini

Torna in alto Andare in basso

Quintessenza Empty Re: Quintessenza

Messaggio Da Giammy Mer Mag 15, 2024 9:14 am

Fantasia, sogno, visione, questo racconto può davvero essere tutto ciò che non è reale. Eppure, lo Zigurat è reale, così come lo è il territorio in cui si svolge l’incontro, ma lo sono anche gli Elementi, infatti le loro manifestazioni hanno un impatto sempre nella materia. Anche lo Spirito esiste, ognuno lo chiama come vuole e lo declina a proprio piacimento. Ho trovato interessante questa interpretazione del tema distruzione/salvataggio. In certi passaggi ho avuto l’impressione di ritrovarmi nel far west, in un duello, anche se la forte presenza dei dialoghi limita le sensazioni e per certi aspetti è un peccato. Durante la lettura mi sarebbe piaciuto perdermi di più nell’ambiente in cui si svolge la scena, invece le dinamiche narrative non lasciano spazio all’immaginazione e questo è un po' il limite che ho trovato. Per il resto mi piace, è intenso nella sua placidità, una contraddizione che caratterizza l'oriente e lo rende unico.
Giammy
Giammy
Younglings
Younglings

Messaggi : 80
Punti : 94
Infamia o lode : 4
Data di iscrizione : 01.02.24
Località : Varese

Torna in alto Andare in basso

Quintessenza Empty Re: Quintessenza

Messaggio Da AurelianoLaLeggera Gio Mag 16, 2024 4:08 pm

Tecnicamente molto buono.
La cosa che ho apprezzato di più è il linguaggio solenne che ho trovato adeguato ai personaggi-elementi.
Idea assolutamente originale, portata avanti coerentemente dall'inizio alla fine. 

Mi è piaciuta meno, ma solo per gusto personale, la scelta del punto di vista.
Ho sempre un po' di diffidenza quando si assumono punti di vista particolari come, in questo caso, quello dello Ziggurat. Ma forse stavolta è giustificato dall'eccezionalità dei protagonisti.

Sulla qualità della scrittura non ho davvero nulla da dire.

Grazie

AurelianoLaLeggera
Viandante
Viandante

Messaggi : 24
Punti : 31
Infamia o lode : 3
Data di iscrizione : 13.04.24

Torna in alto Andare in basso

Quintessenza Empty Re: Quintessenza

Messaggio Da Arunachala Gio Mag 16, 2024 5:24 pm

altro racconto ecologico, stavolta narrato da un punto di vista diverso e con altri protagonisti.
buona l'idea di utilizzare gli elementi come personaggi, anche se sembrano comportarsi come bambini capricciosi.
non male anche il far narrare tutto a uno ziggurat.
mi piace molto meno la stesura. alcuni battibecchi mi sono parsi superflui o inutili, se non per caratterizzare gli elementi stessi.
ho notato un paio di erroiri di battitutra, niente altro.
un lavoro discreto ma che mi lascia poco.

______________________________________________________
L'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

Quintessenza Namaste

Non si può toccare l'alba se non si sono percorsi i sentieri della notte.

Kahlil Gibran
Arunachala
Arunachala
Admin
Admin

Messaggi : 1340
Punti : 1568
Infamia o lode : 16
Data di iscrizione : 20.10.20
Età : 67
Località : Lago di Garda

Torna in alto Andare in basso

Quintessenza Empty Re: Quintessenza

Messaggio Da Petunia Gio Mag 16, 2024 7:50 pm

Racconto che ha degli spunti originali e coraggiosi come dare voce all’edificio “ziggurat” e agli elementi della natura. 
Per quanto riguarda il messaggio niente di nuovo sotto il sole, ma questo non significa che ci sia qualcosa che non va bene. Le cose che ci sono scritte sono condivisibili e assodate per cui niente da dire.
La scrittura è semplice e piuttosto corretta, ho trovato solo alcuni passaggi in cui avrei curato di più la consecutio, ma in generale la scrittura è buona.
Alla fine della lettura mi sono chiesta a chi fosse rivolto questo racconto.
A un pubblico giovane, anzi giovanissimo, forse.
I battibecchi tra gli elementi vorrebbero forse inserire una nota comica o divertente ma personalmente li ho trovati piuttosto didascalici. Come la caratterizzazione degli elementi. Il fuoco ha un carattere irruento e non ci si può aspettare altro che sia così.
Quindi nell’insieme un lavoro leggero, forse adatto a ragazzini alle prese con sussidiari e antiche popolazioni.
Ecco, se lo interpreto in questo senso, il racconto acquista un valore educativo e apprezzabile nell’intento.
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2277
Punti : 2510
Infamia o lode : 43
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Quintessenza Empty Re: Quintessenza

Messaggio Da Flash Gordon Ven Mag 17, 2024 9:26 am

"Chi è senza peccato scagli la prima pietra".
Lo sono quindi anche i quattro elementi della natura?
E per ovvietà lo spirito compare come elemento della ratio richiesta.
È chiaro che infine sarà arduo contenere ciò che non può essere.
Vi leggo un senso quasi di induismo nell'assegnare spirito alla natura.
L'essenza di ciò che esiste cerca il giusto equilibrio.
La quintessenza non è altro che l'equilibrio del mondo.
Ma in questo caso alla natura viene dato un linguaggio umano e un "cuore" umano e questo tradisce la mancanza di trascendenza.
Il nostro limite è tutto umano e ritenere parietaria la natura a noi nell'essenza non è forse il giusto canone.
L'intreccio scorre gradevolmente nei fitti dialoghi e la scrittura segue lo stesso canone. Racconto ben scritto.
Il dilemma che mi perseguita è la tendenza che ha ognuno di noi a far parlare ciò che crea con cuore umano cercando poi di raffigurarselo in modo non umano. Forse è questo il grande errore dell'uomo, pensare che ogni cosa esistente abbia gli stessi canoni di pensiero del nostro. Impossibile scindere l'uomo dell'uomo?
La risposta è difficilissima.
La natura ha bisogno d'essere percepita ma bisogna farlo senza "snaturarla".
Tutto vive ma lo fa in modo autonomo e diverso, ascoltare la natura non vuol dire umanizzarla.
Il giudizio sul testo nel complesso è positivo e mi complimento con l'autore.

______________________________________________________
Lascia che l'anima trovi se stessa...
Flash Gordon
Flash Gordon
Padawan
Padawan

Messaggi : 228
Punti : 358
Infamia o lode : 8
Data di iscrizione : 27.01.23
Età : 57
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

Quintessenza Empty Re: Quintessenza

Messaggio Da tommybe Ven Mag 17, 2024 10:15 am

Ma quant'è bello questo racconto, ma quant'è bello questo commento molto filosofico.
Lì porterò tutt'e due insieme fino alla fine, per ora non riesco a separarli, ambedue gradevoli e interessanti.
Non ci sono riferimenti musicali.
A te, autore, basta l'armonia dei concetti e delle parole per sorprendere.
Troppo umanizzata la voce della natura?
Se lo dice Gian, ci credo, ma non lo trovo un difetto del racconto.

tommybe
tommybe
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1241
Punti : 1342
Infamia o lode : 19
Data di iscrizione : 18.11.21
Età : 72
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Quintessenza Empty Re: Quintessenza

Messaggio Da Achillu Oggi alle 9:10 am

Ciao, Penna.

Di fatto non succede niente, almeno in apparenza. Non c'è un'evoluzione dei personaggi, non c'è un conflitto da risolvere, perché le scaramucce tra i quattro Elementi sono soprattutto "ordito" e poca "trama".
Eppure il racconto lascia una speranza, come se il silenzio finale fosse l'evoluzione che cerco. Mi restano più impressi i rapporti tra gli Elementi, i fidanzatini e le rivalità, il caos che si deduce perché se ognuno pensa per sé senza una voce guida o un obiettivo comune il risultato è che non si va da nessuna parte. Mi resta meno impresso il monologo di Quintessenza ma, come dicevo sopra, il silenzio finale degli Elementi lascia una speranza che l'obiettivo comune possa essere raggiunto.
Ho apprezzato tantissimo il narratore esterno che si rivolge al lettore, devo dire che anche questa tecnica ha aiutato a rendere fruibile e godibile il racconto.

Grazie e alla prossima.

______________________________________________________
Quintessenza Badge-2
Achillu
Achillu
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1558
Punti : 1759
Infamia o lode : 22
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 55
Località : Polesine

https://linktr.ee/Achillu

Torna in alto Andare in basso

Quintessenza Empty Re: Quintessenza

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.