Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» L'eroe della fine
La prossima scossa EmptyOggi alle 10:49 am Da Flash Gordon

» Orizzonti Verticali
La prossima scossa EmptyOggi alle 10:26 am Da tommybe

» E se...
La prossima scossa EmptyOggi alle 10:14 am Da ImaGiraffe

» Mentre tutto brucia
La prossima scossa EmptyOggi alle 10:10 am Da Flash Gordon

» La prossima scossa
La prossima scossa EmptyOggi alle 10:02 am Da tommybe

» Lei non è cattiva
La prossima scossa EmptyOggi alle 9:31 am Da ImaGiraffe

» Cronache dalla fine
La prossima scossa EmptyOggi alle 9:19 am Da AurelianoLaLeggera

» Quintessenza
La prossima scossa EmptyOggi alle 9:10 am Da Achillu

» Corsa contro il tempo
La prossima scossa EmptyOggi alle 8:27 am Da AurelianoLaLeggera

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



La prossima scossa

+6
Resdei
FedericoChiesa
AurelianoLaLeggera
Giammy
Arunachala
Different Staff
10 partecipanti

Andare in basso

La prossima scossa Empty La prossima scossa

Messaggio Da Different Staff Lun Mag 13, 2024 9:39 pm

Questa lettera è come un messaggio in bottiglia, lanciato nell’oceano, perché le onde lo trascinino su qualche spiaggia del futuro.”
Ho voluto iniziare citando la frase di uno dei miei autori preferiti, perché non credo sarei riuscito a trovare parole migliori per definire queste righe che stai leggendo. E poi, quando – e soprattutto se – le leggerai, di me che le ho scritte ormai non sarà rimasto più neppure il ricordo.
Ma se davvero stai leggendo, se davvero ancora esiste la possibilità che tu riesca a decifrare questi segni, allora non tutto è andato perduto, non tutto è stato distrutto, e la speranza che ha guidato la mia mano – e le mani dei miei compagni che hanno scritto documenti simili – non è stata vana: nonostante le devastazioni umane e naturali che hanno colpito la Terra, qualcosa ha resistito.
Qualcuno si è salvato.
Non posso sapere se nel tuo futuro, prossimo o remoto che sia, esisterà ancora la possibilità di accedere ad archivi, di trovare tracce di ciò che è stata la nostra epoca, di capire i riferimenti ai fatti e agli avvenimenti di cui leggerai. Ma, pur sospesi fra disperazione e fiducia, abbiamo voluto comunque lasciare a te, a voi, un resoconto, il più fedele e obiettivo possibile, di ciò che è accaduto intorno alla metà del XXI Secolo.
Un resoconto accompagnato dalla promessa, che ciascuno di noi ha fatto, di non dare troppo sfogo all’emotività, di non trasmettere – se non, umanamente, in minima parte – il peso che grava sui nostri cuori dopo aver assistito alle scene che si sono svolte davanti ai nostri occhi; dopo aver camminato sull’orlo dei baratri, metaforici e reali, che hanno sfregiato la superficie terrestre.
Ognuno di noi ha una capsula temporale, nella quale verranno sigillati i nostri documenti. Proprio come messaggi in bottiglia scagliati in mare da dei naufraghi.
A meno che una delle tante morti possibili, sempre in agguato di questi tempi, non decida altrimenti.

Non avevamo ancora del tutto riassorbito gli effetti disastrosi del Covid-19, una delle più gravi pandemie che avessero colpito l’umanità, che già scoppiavano nuovi focolai di guerra in diverse parti del mondo, mentre in altre non erano mai cessati. Le ragioni? Sempre le stesse e comunque sempre riconducibili al solito e unico denominatore comune: il denaro e il potere che da esso deriva.
Est Europa, Medio Oriente, vaste zone dell’Africa e dell’Asia: i focolai si accendevano ed espandevano, come incendi attizzati dal vento. Arrivavano a lambirsi l’un l’altro, guidati da una cieca forza centrifuga.
Fra il 2022 e il 2028, fu un continuo scambio di attacchi e ritirate nei territori contesi fra le varie parti in conflitto, un susseguirsi di azioni militari che si lasciavano dietro solo morte e distruzione, soprattutto fra i civili. E tieni conto che venivano usate le cosiddette “bombe intelligenti”.
Poi, come se non fossero già stati abbastanza gravi i danni inflitti all’ambiente dalla normale opera umana, con le guerre si moltiplicarono i roghi in boschi e foreste, gli sversamenti di carburanti in mari, laghi e fiumi e tutto il resto del peggior repertorio possibile, fino a sfiorare, in diverse occasioni, incidenti nucleari di grandi dimensioni.
Finché uno dei contendenti non tirò fuori quella che doveva essere l’arma definitiva.
La nuova arma si sostituì ben presto a fucili, cannoni, bombe, missili…
Droni imprendibili sorvolavano le postazioni nemiche, lasciando dietro di sé candide scie di agenti patogeni. I soldati morivano, a centinaia, ma, ancora, neppure i civili venivano risparmiati: tutto ciò che di organico rientrava nel loro raggio di azione, con l’eccezione di animali e strutture vegetali, nel giro di qualche minuto si dissolveva, diventava cenere, proprio come se, anziché una manciata di secondi, fossero trascorsi dei secoli.
Mucchi di abiti polverosi che, svuotati dei loro occupanti, giacevano abbandonati su strade e marciapiedi e, al minimo refolo, si muovevano in assurde pantomime; carcasse di auto che, persi improvvisamente i conducenti, sostavano in pose assurde, sbilenche, l’una contro l’altra oppure contro muri o tronchi d’albero.
Le città prossime alle zone di guerra divennero ben presto silenziosi mausolei, abitati soltanto dal sibilo del vento e dal fruscio del pulviscolo dei poveri resti. Ma, dato che niente di materiale veniva distrutto, “dopo”, non ci sarebbe stato nessun bisogno di ricostruire. Senza contare che, secondo i geniali inventori, “non arrecava danni all’ambiente” …
Durante gli anni di guerra e, a maggior ragione, dopo l’arrivo della nuova arma, molti hanno ipotizzato che il Covid-19 non fosse altro che una sorta di prova generale: far evolvere il virus fino alla variante finale, creata così bene che dopo poche ore di esposizione all’aria – e dopo aver svolto il proprio compito letale – svaniva senza lasciare alcuna traccia.
Tuttavia, fu proprio grazie alla volatilità del virus che io e buona parte dei miei concittadini riuscimmo, almeno momentaneamente, a salvarci. Anche la nostra piccola città era rimasta coinvolta, per il solo fatto di essere vicina a un sito militare. Ma grazie al forte vento che ci spirava a ogni ora del giorno e della notte le scie si disperdevano prima di poter colpire a fondo.
Non che con questo ci sentissimo al sicuro. Dopo tutto, non eravamo che dei superstiti, dei sopravvissuti che presto sarebbero stati decimati: vittime inermi il cui destino era ormai segnato.
Per un po’, tuttavia, ogni ostilità rimase sospesa, a parte piccole – ma comunque feroci – scaramucce. Il virus divenne un deterrente formidabile, in attesa che anche altri contendenti potessero in qualche modo entrarne in possesso.
Ma né i vinti né i vincitori avevano fatto i conti con un altro attore che all’improvviso volle accaparrarsi con forza tutta la scena.
Il nuovo soggetto fece il suo ingresso in sordina, nei panni dimessi di un piccolo vulcano dell'isola di Sumbawa, nell'arcipelago della Sonda: il Tambora.
L’eruzione in sé fu poca cosa, circoscritta all’isola stessa e senza vittime, tanto da passare pressoché inosservata negli scarni notiziari, almeno in quelli rimasti attivi, ancora monopolizzati dai bollettini di guerra e da una sempre più macabra conta delle vittime. Restò un fattarello di secondo piano, all’apparenza, ma in realtà fu la scintilla che dette il via a una catastrofe di dimensioni planetarie.
Non sono uno scienziato e non ho che scarse nozioni di geologia; posso solo darti, da profano, un’idea approssimativa di ciò che accadde nell’arco di una ventina di giorni dalla prima eruzione.
Fu come se la Terra, quasi fosse un cane che si è rotolato sulla sabbia, volesse scrollarsi di dosso i fastidiosi granelli che continuavano a punzecchiarla.
I primi a esplodere, e stavolta in maniera eclatante, furono gli altri vulcani del Pacifico. In pochi giorni, procedendo in una sorta di progressione geometrica da sud a nord, l’Anello di Fuoco si scatenò in eruzioni, terremoti, maremoti e tsunami che si propagarono rapidamente sulle coste di Asia e America.
Interi Paesi vennero cancellati, sommersi dalle onde oppure inghiottiti in voragini senza fondo. Da una parte dell’oceano cessarono di esistere, fra i tanti, Giappone, Filippine, Indonesia, Nuova Zelanda; sull’altra sponda, fu come se Canada, Stati Uniti e parte dell’America Latina si fossero di colpo ristretti, mentre dell’America Centrale non restava quasi traccia.
Poi, lo sciame sismico-eruttivo si infilò nelle sue autostrade sotterranee e raggiunse il centro dei vari continenti con la velocità di un fulmine. In Europa furono poche le zone risparmiate. E fra quelle non c’era l’Italia, vittima di terremoti ed eruzioni multiple.
Anche le bocche del tranquillo vulcano sottomarino Marsili esplosero all’unisono, causando l’apertura di una voragine che, ancora al momento in cui scrivo, l’attraversa dalla Campania alla Puglia e nella quale si sono riversate le acque del mare.
È stato solo grazie alla sua posizione, all’interno del Mediterraneo, che i danni sono stati sì devastanti, ma più contenuti rispetto a ciò che hanno subito i Paesi sugli oceani. Una sorte condivisa con altri Stati affacciati sullo stesso Mare.
Mi mancano le parole per poter descrivere con efficacia lo spettacolo spaventoso che di giorno in giorno si presentava davanti ai nostri occhi. Sembrava di essere entrati chissà come dentro uno di quei film apocalittici che cinema e TV ci propinavano fra la fine del XX e l’inizio di questo Secolo.
E molti dei sopravvissuti, di fronte alla morte dei propri cari, davanti alle rovine delle proprie case, perdevano il lume della ragione ed esplodevano in risate folli, convinti di trovarsi davvero all’interno di un set cinematografico; certi che le poche facciate rimaste in piedi non fossero altro che fondali di cartapesta e che, una volta usciti dai cancelli degli studi, tutto sarebbe stato normale.
Scusami, amico mio. Mi rendo conto che, nonostante l’impegno, ho continuato a scrivere e descrivere come se tu fossi in grado di seguire senza problemi i miei ragionamenti e i miei esempi. Come se tanto di ciò che c’era una volta esistesse ancora.
Spero che sia così. Non posso pensare, accettare, che siano state rase al suolo città come Parigi, Firenze, Venezia, Londra, New York, Roma… Che nella loro caduta siano andate perdute le opere d’arte. Che voi non possiate più accarezzare con gli occhi lo sguardo di Monna Lisa, le ninfee di Monet, i girasoli e le notti stellate di Van Gogh, e poi Botticelli, Caravaggio… Non riesco ancora convincere me stesso che tutto questo possa essere accaduto.
Ma, razionalmente, so che lo è, anche se, in questo rifugio che ancora resiste, sono ormai tagliato fuori dal mondo e non mi arrivano più notizie nemmeno dagli altri “relatori”.
Non resta che la speranza.
E spero che tu, che voi tutti, dopo aver attraversato il mare di calamità che hanno (quasi?) portato alla distruzione del mondo come noi lo conoscevamo, possiate comunque approdare a una società nuova, diversa, più rispettosa dell’uomo e della natura.
Spero soprattutto che anche le mie parole, o quelle di qualcuno dei miei compagni, possano essere servite a dare (o ad aver dato) una spinta nella giusta direzione.
Mi fermo qui.
Non mi resta che sigillare la capsula e attendere la prossima scossa.
Buona fortuna!

***

Ha letto, signore?
Sì, sergente. E non riesco a capire che razza di rogna mi sia capitata fra le mani. Come è stato trovato?
Una coppia di escursionisti, signore. Facendo trekking nei dintorni di un vecchio rifugio antiaereo, su in montagna, si sono imbattuti in quell’involucro d’acciaio e lo hanno scambiato per una bomba inesplosa. Hanno allertato i Carabinieri, che, a loro volta, hanno fatto intervenire gli artificieri.
Qualcun altro ha letto questa… “cosa”?
No, signore. Gli artificieri hanno capito che si trattava di una capsula temporale e due di loro ce l’hanno portata immediatamente. La capsula è stata aperta qui, mentre tutti gli altri uomini dei reparti intervenuti sono rimasti sul posto.
Bene…
Concludo, signore. Stanno ispezionando anche l’interno del rifugio, ma per ora non è stata rilevata alcuna presenza umana. Inoltre, da qualche anno il sito è una specie di museo ed è quindi dotato di misure di sicurezza e videosorveglianza. Ma neppure le registrazioni hanno rivelato presenze o intrusioni di estranei.
Davvero bizzarro. Una capsula dovrebbe arrivare dal passato. Ma qui… Lei, sergente, cosa ne pensa?
Difficile dare una risposta, signore. Farneticazioni di un pazzo, forse. Oppure stralci di un romanzo di fantascienza…
Già, fantascienza… Eppure c’è qualcosa nel testo che non è del tutto privo di fondamento.
Se mi è permesso, signore, se si sta riferendo agli accenni sulle guerre, direi che non è difficile apparire realistici. E lo stesso si può dire per i sospetti sul Covid.
Giusto, sergente, è vero. “Dacci oggi la nostra guerra quotidiana e liberaci dai complottisti”. È così che si dice, no? Ma non mi riferivo a quello. Non solo a quello, comunque. Guardi qua. Proprio stamani i vulcanologi dell’INGV hanno segnalato attività sotterranee fuori standard in diversi siti. E, a parte i soliti Etna e Stromboli, parlano anche di “sommovimenti del Marsili da non trascurare”.
Different Staff
Different Staff
Admin
Admin

Messaggi : 722
Punti : 2103
Infamia o lode : 7
Data di iscrizione : 26.02.21

Torna in alto Andare in basso

La prossima scossa Empty Re: La prossima scossa

Messaggio Da Arunachala Mer Mag 15, 2024 11:43 am

come dice lo stesso autore o autrice nel testo, genere apocalittico doc.
e se la prima parte, ossia il messaggio, è carico di nostalgia per tutto ciò che viene perduto, dall'arte alle altre opere degli uomini, la chiusa finale dà una chiara idea del comportamento umano.
c'è da sperare che qualcuno, come l'ufficiale, apra gli occhi prima che sia troppo tardi.
niente male

______________________________________________________
L'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente

La prossima scossa Namaste

Non si può toccare l'alba se non si sono percorsi i sentieri della notte.

Kahlil Gibran
Arunachala
Arunachala
Admin
Admin

Messaggi : 1340
Punti : 1568
Infamia o lode : 16
Data di iscrizione : 20.10.20
Età : 67
Località : Lago di Garda

Torna in alto Andare in basso

La prossima scossa Empty Re: La prossima scossa

Messaggio Da Giammy Mer Mag 15, 2024 4:02 pm

Ecco ancora un racconto scritto bene, in modo fluente, su cui è difficile fare le pulci. Bravo autore.
Detto ciò, la narrazione per i posteri ha il limite di seguire lo stesso binario fino alla fine, senza mai un vero sussulto. Limite insito nella struttura che ho battezzato "del monito del messaggio in bottiglia ai posteri". Purtroppo la sensazione finale è di appiattimento che condiziona inevitabilmente il giudizio.
Però nel complesso a mio modo di vedere è un buono lavoro. Confermo i complimenti iniziali.
Giammy
Giammy
Younglings
Younglings

Messaggi : 80
Punti : 94
Infamia o lode : 4
Data di iscrizione : 01.02.24
Località : Varese

Torna in alto Andare in basso

La prossima scossa Empty Re: La prossima scossa

Messaggio Da AurelianoLaLeggera Ven Mag 17, 2024 8:50 am

Dal punto di vista formale nulla da dire. La storia è scritta bene e il lungo racconto, il fatidico ultimo messaggio, è bilanciato, almeno in parte, dal dialogo finale.
Alcune cose le ho capite meno: i terremoti vengono alla fine, almeno mi sembra di capire, dopo l'arma che fa scomparire gli esseri umani, quando siamo già ad una situazione disastrosa, mentre il messaggio, e gli strani movimenti del Marsili, sembrano ambientati in un momento piuttosto tranquillo, con i turisti che visitano siti archeologici.

Purtroppo ho trovato tutto poco credibile: il cilindro potrebbe essere tranquillamente lo scherzo di qualcuno, ad esempio, e le considerazioni dei due uomini che leggono dell'arma di distruzione (molto molto fantasiosa) sono poco verosimili.

Peccato, perché le qualità della scrittura ci sono.

Grazie

AurelianoLaLeggera
Viandante
Viandante

Messaggi : 24
Punti : 31
Infamia o lode : 3
Data di iscrizione : 13.04.24

Torna in alto Andare in basso

La prossima scossa Empty Re: La prossima scossa

Messaggio Da FedericoChiesa Ven Mag 17, 2024 12:24 pm

Scusami autore ma non mi ha convinto.
Lo trovo piuttosto confuso, sia nella trama che nei tempi, o forse l'ho poco capito io.
Un uomo manda un messaggio nel futuro, prossimo o remoto che sia, e arriva nel passato, ma in passato molto prossimo, tra il Covid e l'inizio dei sommovimenti del Marsili.
Quindi presumo che tutto sia inutile e si ripresenti necessariamente nello stesso modo.
Apocalittico, ma non mi basta.
FedericoChiesa
FedericoChiesa
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 533
Punti : 594
Infamia o lode : 3
Data di iscrizione : 24.04.21
Età : 57
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

La prossima scossa Empty Re: La prossima scossa

Messaggio Da Resdei Ven Mag 17, 2024 10:56 pm

Ciao, Autore.
Difficilissimo e ostico questo step...
L'incipit mi è sembrato troppo lungo, senza però aggiungere molto alla storia. Il resto è il riassunto degli ultimi anni, 
covid compreso e in alcuni momenti ho faticato a seguire la lettura. I fatti li conosciamo tutti, sono attuali, purtroppo. 
La scrittura è buona, ma rimane piatta, senza guizzi, giornalistica, di cronaca. Pur riconoscendo la qualità della scrittura, purtroppo non mi ha entusiasmato, non è riuscito a coinvolgermi.
Mi spiace.
Resdei
Resdei
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1004
Punti : 1077
Infamia o lode : 4
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

La prossima scossa Empty Re: La prossima scossa

Messaggio Da M. Mark o'Knee Sab Mag 18, 2024 3:59 pm

"Una capsula dovrebbe arrivare dal passato. Ma qui…".
Penso sia questa la frase che offre la chiave di lettura del racconto: una sorta di Segnali dal futuro, dove però non è una profezia - celata da sequenze di numeri - a svelare le sorti della Terra, ma una capsula temporale che, anziché approdare "su qualche spiaggia del futuro", arriva nel passato, ai giorni nostri. E chissà se qualcuno (magari l'ufficiale che compare nel finale) riuscirà a capire che è ormai giunto il momento di dare "una spinta nella giusta direzione".
Il testo è scritto bene e non si riscontrano errori e/o refusi. Mostra forse un po' troppa linearità, senza dei veri picchi di tensione, e per questo la lettura risulta a tratti rallentata. Ma c'è da dire che il documento, per ammissione stessa del "relatore", altro non è che "un resoconto, il più fedele e obiettivo possibile, di ciò che è accaduto" (o accadrà). Ed è comunque ricco di immagini e descrizioni coinvolgenti e convincenti, nonché di una buona dose di nostalgia per tutto ciò che potrebbe andare perduto.
In definitiva, un buon lavoro, non privo di una certa originalità, considerando la mole di film e romanzi che trattano lo stesso tema.
Grazie
M.

______________________________________________________
"E perché è più utile scrivere di ciò che vuoi conoscere meglio, invece di ciò che credi di conoscere già." - Matteo Bussola
M. Mark o'Knee
M. Mark o'Knee
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 744
Punti : 865
Infamia o lode : 9
Data di iscrizione : 27.01.22
Età : 68
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

La prossima scossa Empty Re: La prossima scossa

Messaggio Da Albemasia Sab Mag 18, 2024 6:05 pm

Un buon lavoro, ben scritto, con un guizzo finale che sorprende il lettore, però, come ha già rilevato qualcuno prima di me, mi risuona dentro una sensazione di loop temporale, come uno dei quadri dalle prospettive impossibii di Escher.
E siccome io ho il limite (lo riconosco) di avere bisogno di trovare un logica e una giusta sequenza temporale in ciò che leggo, questo finale "che non mi spiego" mi indispone un poco, come un quadro storto sulla parete. 
Il che non inficia il valore del tuo lavoro, ma solo che non riesco a godermelo appieno, perchè mi risuona nella testa un fastidioso: "Eh, ma come fa..?". 
Limite mio, ribadisco.
Albemasia
Albemasia
Younglings
Younglings

Messaggi : 149
Punti : 178
Infamia o lode : 11
Data di iscrizione : 23.01.24
Località : Tra le nebbie della Lomellina

Torna in alto Andare in basso

La prossima scossa Empty Re: La prossima scossa

Messaggio Da Petunia Oggi alle 7:27 am

Un messaggio del futuro che carambola nel passato poco prima che il destino della Terra si compia. Il risveglio di un vulcano è un fatto naturale e a poco serve sapere che tale evento sarà l’anello di una reazione e a catena catastrofica.
Se il messaggio fosse giunto a uomini di fine ‘800 nel periodo della rivoluzione industriale, tanto per fare un esempio, poteva avere un senso parlare di tutto ciò che sarebbe avvenuto negli anni a venire, ma così come è strutturato ha un gusto d’ineluttabile. Parte di ciò che viene descritto è già accaduto (forse) oppure non ho capito in quale periodo  i carabinieri si ritrovano in mano il messaggio.
Niente da dire sulla scrittura, il testo è curato e ben scritto. È il contenuto che non mi ha emozionato come ogni storia in cui gli eventi vengono raccontati. Restano sul foglio e fanno fatica a raggiungere il cuore.
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2277
Punti : 2510
Infamia o lode : 43
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

La prossima scossa Empty Re: La prossima scossa

Messaggio Da tommybe Oggi alle 10:02 am

Disastri si aggiungono a disastri, e non è un film, è quello che è accaduto.
Caro autore non sei molto lontano dalla dura realtà e se nel tuo racconto c'è un po' di confusione temporale ti sarà perdonato lo sbaglio.
Sei triste come me e forse hai la mia stessa età.
Sei capacissimo di mostrare dolore perché è quello il vero protagonista del tuo racconto. Del tuo bel racconto

tommybe
tommybe
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1241
Punti : 1342
Infamia o lode : 19
Data di iscrizione : 18.11.21
Età : 72
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

La prossima scossa Empty Re: La prossima scossa

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.