Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» L'eroe della fine
Polifemo morì per una lettura sbagliata EmptyOggi alle 10:49 am Da Flash Gordon

» Orizzonti Verticali
Polifemo morì per una lettura sbagliata EmptyOggi alle 10:26 am Da tommybe

» E se...
Polifemo morì per una lettura sbagliata EmptyOggi alle 10:14 am Da ImaGiraffe

» Mentre tutto brucia
Polifemo morì per una lettura sbagliata EmptyOggi alle 10:10 am Da Flash Gordon

» La prossima scossa
Polifemo morì per una lettura sbagliata EmptyOggi alle 10:02 am Da tommybe

» Lei non è cattiva
Polifemo morì per una lettura sbagliata EmptyOggi alle 9:31 am Da ImaGiraffe

» Cronache dalla fine
Polifemo morì per una lettura sbagliata EmptyOggi alle 9:19 am Da AurelianoLaLeggera

» Quintessenza
Polifemo morì per una lettura sbagliata EmptyOggi alle 9:10 am Da Achillu

» Corsa contro il tempo
Polifemo morì per una lettura sbagliata EmptyOggi alle 8:27 am Da AurelianoLaLeggera

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Polifemo morì per una lettura sbagliata

4 partecipanti

Andare in basso

Polifemo morì per una lettura sbagliata Empty Polifemo morì per una lettura sbagliata

Messaggio Da Flash Gordon Mar Mar 19, 2024 11:14 am

https://www.differentales.org/t2888-lettere-dell-altro-mondo#34000:

 Polifemo morì per una lettura sbagliata


Polifemo morì per una poesia sbagliata, almeno così narrano antiche vicende.
Avendo egli letto con due occhi una missiva di Vulcano, gli pigliò un coccolone credendo che uno gli fosse spuntato dal nulla.
Egli, disorientato dalla novità corporea, consultò molti specialisti ma tutti gli diagnosticarono un’allucinazione mentale sulla quale sarebbe stato meglio chiudere un occhio.
Polifemo, disorientato e scoraggiato, in un atto estremo si scolò tutte le botti di vinello che aveva in cantina e, dopo aver fatto un rutto colossale a stomaco cavernicolo, si sdraiò in terra per riposare.
In quel preciso istante, a causa delle violente vibrazioni causate dal rigurgito polifemico, le rocce della montagna franarono e la sua grotta collassò nei gorgheggi degli inferi profondissimi.
Persino Vulcano sentì la scossa tellurica ed esclamò: “minchia che botta!”.
Una commissione d’inchiesta sull’accaduto, istituita da Giove, acclarò i fatti rapidamente ed emise un semplice e laconico comunicato: “pace all’anima sua”.
Ulisse, commosso per la perdita del vecchio amico, organizzò una cerimonia a suffragio con una sfilata di pecore e maiali rosa forniti dalla comune amica Circe.
Ma gli attivisti di Green Pork intentarono una causa inoltrando alla magistratura una denuncia per abusi sui porci.
Il comune di Troia, dove s’era svolta la famigerata sfilata, si costituì parte civile e il sindaco emise un decreto di espulsione per Ulisse e una diffida a Circe, con divieto di avvicinarsi alla città.
L’avvocato dei due, un certo Agamennone, fece a sua volta una contro denuncia alla Corte Europea
dei diritti dei supereroi per chiedere l’annullamento del procedimento giudiziario nei confronti dei suoi assistiti.
Il sindaco di Troia, disgustato dalla vicenda, rassegnò le dimissioni e si arruolò nella legione degli stranieri, non spiegandosi affatto le azioni umane e non avendo trovato afflato umano e comprensione nella giunta comunale.
Enea, stanco di quel rompicoglioni d’un Ulusseo, prese l’arco al balzo e, tramite l’aiuto dell’avvocatessa Cassandra, denunciò alla Corte Internazionale Penale l’incendio di Troia come atto doloso dovuto proprio a Ulisse.
La corte del tribunale, dopo anni e anni di dibattimenti, pronunciò una sentenza in cui si indicava come unico colpevole dell’incendio il fratello del re Priamo.
Tal congiunto, poco conosciuto alle cronache mondane, era un certo Menelaolemani.
Ecco i fatti: Menelaolemani, essendosi recato alla Conad Il Barbaro a fare la spesa, aveva lasciato, nel parcheggio interrato della struttura, la sua autovettura, una Renault 6 di seconda mano con l’impianto a GPL, col motore acceso. Tale circostanza, in seguito a un corto circuito, aveva fatto esplodere il bombolone a gas in dotazione al mezzo.
Il mezzo disastro aveva causato un vasto incendio propagatosi poi in tutta la città.
(L’autore comprende la lunghezza prosopopeica delle proposizioni grammaticali e se ne scusa con i lettori ma sta di fatto che fu proprio quell’imbecille a causare l’incendio).
Molte case editrici, a causa di questa sentenza, citarono in giudizio Ulisse asserendo che, per suo frodo intellettuale, aveva mentito allorquando s’era presa la paternità dell’incendio e per tal ragione esse avevano dovuto ristampare tutti i libri di storia e l’Iliade con enormi costi.
Ulisse al merito dichiarò alla stampa: “cazzo e tutto per una sfilata di porci”.
Molte associazioni di consumatori, fan d’Ulisse, scatenarono un putiferio invitando tutti a boicottare le case editrici.
Sul monte Olampone, intanto, gli dei seguivano le vicende terrene organizzando party con tv 70 pollici e gustandosi, tra patatine e sprizt, tutte le puntate di Quarto Grado di Giudizio Telepilotato.
L’intera opinione pubblica mondiale aveva oramai le idee chiare, la scrittura era morta per un'epica sfilata di porci visto che tutti erano contro tutti e il caos regnava fra corti di tribunali, social sul web e…
(Sempre scusandosi umilmente l’autore ora fa un salto temporale indefinito e continua la narrazione perché mo basta co ‘sto Ulisse della malora e tutti i filobustieri con la sciatica).
Un archeologo non pagato, e parliamo di molti secoli dopo o prima delle vicende ulissiche, ritrovò, in seguito a faticosi scavi nel mar Morto, una stele recante i dieci comandamenti per uccidere la scrittura.
In breve tempo il dictatum, imposto dalle iscrizioni sulla stele, divenne una regola precisa e ferrea per tutte le nazioni del mondo.

Nessuna grande storia sarebbe più stata scritta e, con l’inverno dell’uomo alle porte, gli Alpaca, per paura di essere tosati, s’erano riuniti in conclave permanente per eleggere il nuovo Papalcapa, con la speranza che un nuovo credo risollevasse le sorti della scrittura.
E l’inverno giunse inesorabile (l’autore dichiara, sotto scorta armata, di scrivere ora in modo poetico), la neve cominciò a scendere abbondantemente sulle cime e i negozianti rispolverarono le maglie di lana residuate dai saldi degli anni precedenti.

Interno, giorno di neve, negozio d’abbigliamento a Napoli.
«Papà, vojo la maja di lana».
Un influencer, che era nei paraggi, pubblicò immediatamente un video che nel giro di poche ore divenne virale su youtubero.
I maya, incavolati per la presunta presa in giro attuata nei loro confronti, si ritirarono sul Kilimangiaro, attuando la più grande traversata degli oceani mai eseguita a bordo di Alpaca attrezzati con pannocchie di mais attaccate al culo.
In soccorso delle bestiole, il governatorato internazionale dei diritti degli sfruttati inviò su un biplano, con navigatore a vista, il famoso scienziato ed esploratore Amundsen col compito di filmare tutto e di porre fine allo scempio degli Alpaca.
L’eroe, per evitare problemi di freddo e sentirsi in sintonia con i maltrattati, si infilò un completo di Alpaca ma nessuno lo aveva avvisato che in Africa centrale faceva un caldo pluviale che non ti dico...
Appena sbarcato dal biplano cominciò a dare in incandescenza e si denudò cominciando a saltare come se facesse una danza tribale.
Le guardie del parco del Serengeti lo presero immediatamente dicendogli che era vietatissimo danzare in Tanzania.
Amundsen, impaurito e sconcertato, dichiarò: “ma dove cazzo sono sbarcato io dovevo atterrare sul Kilimangiaro”.
Processato e condannato per danza illegale fu appeso alle porte del parco sopra un chioschetto di gelati.
Ma qualcosa forse stava cambiando, qualcuno, impietosito dalla storia dell’esploratore ex polare, scrisse una poesia a ricordo, dopo essersi gustato un gelato pistacchio e panna.
Evviva la scrittura era rinata!
Macché… fuoco fatuo, la scrittura, in tutto il mondo, era proprio morta, tant’è che nessuno lesse quella poesia in memoria e né d’essa rimase memoria.
Tal notizia, che a dir il vero oramai non faceva più notizia, rimbalzò nei salotti letterari, frequentati oramai da youtuberisti e socialtrendisti e lì rimase, senza più alcun rimbalzo.
Il social trend aveva vinto.
(L’autore, per ottemperare alle esigenze dei puristi della scrittura, gira il pallottoliere del racconto e continua a raccontare a modo suo, chiedendo al lettore di portar pazienza che il racconto prima o poi finirà).
Trend giorni dopo quella poesia su Amundsen, ed eravamo nel 1919 o giù di lì di qualche anno, la nave, della regia marina britannica, Titanico fu varata e, dopo un rodaggio ai topi di bordo, prese il largo, col suo carico di vippi, verso Nuova York.
Lo fece, intendendosi il viaggio, senza il comandante causa suo invito per un apericena sull’isola
del Giglio, in Toscana, sulla nave Costola Concordata.
Il comandante della suddetta nave, dopo aver elogiato le prodi e valenti capacità del suo collega titanico, lo pregò di trattenersi lì per almeno cento anni con la promessa di fargli assistere a un inchino da favola.
Nel frattempo il Titanico, dopo una virata verso la baia di Nuova York, aveva evitato, per un pelo di orso polare, lo scontro con una barchetta governata da un eschimese che vendeva caramelle ghiacciate di contrabbando ai contrabbandieri del porto di Nuova York.
Tutti i telegrafi del mondo batterono la notizia del mancato incidente e, nonostante non fosse successo nulla, i Loyds di Londra furono costretti a pagare una cospicua tangente incontrandosi in tangenziale, alla Garbatella de Roma ,con Giovannona coscia lunga che, a dir il vero, aveva tariffe veramente esagerate, ma si sa che le marchette costano e pure le tangenti che mai si devono tangere in pubblico, cioè all’aria aperta.
In ogni caso, la presunzione ardita poi fu quella del New York Telegraph che, in prima pagina,
pubblicò la notizia del fattaccio senza conoscere nulla del fattaccio, insomma un bel fattaccio di fake news.
La commissione d'inchiesta, richiesta da non si sa chi, stabilì, in seguito, che il povero eschimese, mentre scriveva una poesia da mandare all’amata che era oltretutto una bella foca, s'era distratto e, non vedendo il trans-atlantico, lo aveva speronato.
E non finì affatto così… l’eschimese fu anche condannato per la scrittura della poesia e per la depauperazione dei ghiacciai del Polo, visto che se li grattava tutti per fare le caramelle.
Gli ambientalisti si dichiararono soddisfatti e chiesero in custodia assegnata tutti i pacchi di caramelle non ancora venduti.
L’intento era quello di ricostruire, col tali dolciumi ghiacciati, un modello a scala naturale dell’Arca di Noè.
Passarono anni e non si sa nemmeno quanti e se a ritroso o in avanti… (Che palle sto modo de scrivere però).
Fatto sta che molti si recarono in massa, essendo appunto molti, al centro commerciale l’Arca per gli acquisti festivi, due ovetti e due uova bio illogiche non confezionate.
A quel punto Noè, proprietario dell’Arca, se incacchiò come una bestia e scese nell’atrio dell’Arca,
ma nessuno se lo filò.
Urlando e maledicendo i consumi orgiastici festivi che lui era un buon uomo, che lui non si sarebbe mai approfittato dei consumatori che lui, che lui, che lui…
Insomma che lui prese il suo bolide, senza benzina, e scappò.
Dopo pochi metri fu costretto a fermarsi per fare rifornimento al self e... avendo veduto la benzinara colle tette prominenti decise di farsi un selfie con lei, ma causa sturbo immediato inciampò e si ruppe un alluce mentre tirava su la pompa.
In ospedale confidò a un infermiere che quella era stata veramente un’esperienza allucinante.
L’infermiere rispose che effettivamente farsi i selfie da soli è brutto e poi si diventa ciechi.
Un medico del pronto soccorso, intanto, era convinto che i danni corporali fossero più importanti dell’alluce e preparò per il buon Noè una TAC con contrasto, sospettando una costola fratturata.
Noè, che era un tipo instabile, fu trasferito nello stabile attrezzato per le radiografie.
Io (autore del racconto di cui prendo ora le redini) mi recai in struttura per fargli un salutino ma, non conoscendo il posto, mi persi e nemmeno l’informatore all’ingresso del palazzo seppe darmi indicazioni in merito che lui era stato appena assunto che era in tirocinio che non aveva nemmeno fatto colazione che nemmeno voleva quel posto che se non fosse stato per mammà sarebbe rimasto al bar con gli amici e…
(I righi del racconto vanno letti tutti d’un fiato e senza virgole per comprendere l’ansia del giovinotto).
Con molta fortuna, qualcuno mi indicò la stanza radio e io mi ci vi recai di corsa.
All’ingresso mi chiesero di indossare dei gambaletti color arcobaleno e una parrucca con le treccine bionde.
E tutto perché quella era la stanza di radio Pippi Calzelunghe.
Appena entrato mi infilarono in mano un secchio e uno straccio con dei detersivi.
«Aho ce sta quello de e pulizie».
Attuai un diversivo e riuscii a divincolarmi dalla presa a tenaglia del radiologo con cuffie e microfono.
«Non farò mai il pulitologo!» urlai a squarciagola mentre scappavo per i corridoi della USL.
Nel frattempo l’esito della Tac per Noè era stato totalmente negativo e, con parere positivo del medico di turno, l’infortunato era stato dimesso, che fortuna!
Contattai Noè e lo ringraziai per le sue intenzioni sul diluvio.
Lui mi rispose che non aveva nessuna intenzione di pubblicare un libro sul diluvio, «non sono mica matto così poi me denunciano e faccio la fine de Ulisse».
Affranto per il diniego decisi io di scrivere una storia.
La scrissi sui muri di casa, per non essere denunciato.

E poi visto che avevo da scrivere un muro di parole quale luogo migliore d’un muro.
E forse avrei dovuto liberamente andare a Berlino ma quel tipo di muro cittadino, tipico di quel luogo, non esisteva più.
E intanto la poesia era morta, la scrittura era morta.
E intanto perché diamine m’affannavo a scrivere?

Nel giro di qualche secolo avrei sicuramente terminato il mio primo murales bestia seller della storia.




(Avviso per i lettori. Si ringraziano anticipatamente i lettori e si fa preghiera di lasciare un bacino in fondo se la scrittura sarà gradita, un vaffa se risulterà tediosa e inutile. Volendo si accettano anche donazioni biologiche in verdure e frutta come dimostrazione di diniego totale. Nell'angolo personale dell'autore potrete ritirare inoltre uova marce virtuali per l'utilizzo che più riterrete opportuno. Grazie e arrivederci, magari...)


Ultima modifica di Flash Gordon il Mar Mar 19, 2024 12:55 pm - modificato 2 volte.

______________________________________________________
Lascia che l'anima trovi se stessa...
Flash Gordon
Flash Gordon
Padawan
Padawan

Messaggi : 229
Punti : 359
Infamia o lode : 8
Data di iscrizione : 27.01.23
Età : 57
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

Polifemo morì per una lettura sbagliata Empty Re: Polifemo morì per una lettura sbagliata

Messaggio Da tommybe Mar Mar 19, 2024 12:09 pm

Grande Giancarlo, come racconti le cose tu, nessuno.
Che poi sei meno demenziale di quel che sembra.
Applausi
tommybe
tommybe
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1241
Punti : 1342
Infamia o lode : 19
Data di iscrizione : 18.11.21
Età : 72
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Polifemo morì per una lettura sbagliata Empty Re: Polifemo morì per una lettura sbagliata

Messaggio Da Flash Gordon Mar Mar 19, 2024 1:04 pm

Grazie Tom per essere entrato nel vero succo, quello dell'ironia amara sul nostro tempo e sulla società e in questo caso la demenzialità è solo atto dovuto per constatare la tragi-comicità del momento che stiamo vivendo che se non fosse per la marea di vite umane perse forse sarebbe solo comico...

______________________________________________________
Lascia che l'anima trovi se stessa...
Flash Gordon
Flash Gordon
Padawan
Padawan

Messaggi : 229
Punti : 359
Infamia o lode : 8
Data di iscrizione : 27.01.23
Età : 57
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

Polifemo morì per una lettura sbagliata Empty Re: Polifemo morì per una lettura sbagliata

Messaggio Da Claudio Bezzi Mar Mar 19, 2024 2:04 pm

Ciao @Flash Gordon .
Innanzitutto ti chiedo perdono, e ti assicuro che te lo chiedo con grande sincerità. Criticare (in senso proprio, filosofico) non significa dire necessariamente “bello!” a tutto, in maniera ecumenica, amici di tutti, senza commenti come ci ha abituati Facebook (cuoricini e like); e, indubbiamente, non significa dire “non mi piace”, come vedo a volte in questo forum: che piaccia o non piaccia riguarda la soggettività, e non una seria critica letteraria, quindi vale zero. Una critica - a mio sommesso avviso - riguarda due cose: la prima è la correttezza grammaticale. Questo punto sembra scontato, ma evidentemente non lo è se i creatori e amministratori di questo bellissimo luogo hanno ritenuto di scrivere (in grassetto), nel “Regolamento del forum”:
“Su Differentales si scrive in italiano corretto. Niente strafalcioni, niente violenze alla lingua italiana, niente punteggiatura creativa e guardiamo con molto sospetto alle licenze poetiche.  Questa non è una scuola, a scuola si va prima di venire qui, e in ogni caso il titolo di studio non ci interessa per niente. Ci interessa il rispetto per lingua italiana e per i lettori. Niente linguaggio SMS e niente storpiature.”
La seconda, ovviamente, riguarda la narrazione; quindi i dialoghi, l’approfondimento dei personaggi, la sintassi più o meno poetica, la credibilità, eccetera eccetera.
Se il primo punto può facilmente essere discusso sulla base di una buona Grammatica, il secondo ha moltissimi elementi di soggettività e - per come la vedo io - qualunque parere su questo secondo punto non può banalmente appiattirsi sul “mi piace/non mi piace” ma deve essere argomentato. “Argomentato” non significa ‘dimostrato’, ma molto semplicemente va spiegato, all’Autore/trice, in che senso io (chi critica) possa avere apprezzato o meno il suo testo, lasciando a costui/ei la possibilità di contro-argomentare e spiegare le sue ragioni. Che non sono necessariamente razionali e logiche perché, parlando di letteratura, ci rivolgiamo a un mondo poetico, astratto, dove la semantica comanda sull’ortografia e la prosodia sulla sintassi.
Tutto questo lungo pippone per dirti che mi incuriosisci molto, che intravedo una tua genialità, che comprendo la tua voglia di provocazione, che capisco che non ti possa recensire con in mano la matita rossa e blu della maestrina ma che, tutto ciò premesso, non sono sicuro di apprezzare fino in fondo il tuo stile, e per questo ti chiedo scusa.
Io ci vedo subito una pesantezza sintattica che non viene ripagata dalla (desiderata?) provocazione. Spiccio la questione con un solo esempio: righe due e tre: 
"Avendo egli letto con due occhi una missiva di Vulcano, gli pigliò un coccolone credendo che uno gli fosse spuntato dal nulla. Egli, disorientato dalla novità corporea, consultò molti specialisti ma tutti gli diagnosticarono un’allucinazione mentale sulla quale sarebbe stato meglio chiudere un occhio.”
Fra ‘gli’ ed ‘egli’ se ne contano cinque! In due righe! Ora: capisco l’ironia, la leggerezza, lo scrivere provocatorio, il che-cazzo-me-ne-frega-a-me, e tutto l’ambaradan ma, mio microscopico parere, urta proprio, suona male, si legge male! E di passaggi legnosi, stridenti, faticosi, il tuo testo ne ha molti.
Passiamo all’aspetto più difficile, quello testuale, narrativo. Mi vanno benissimo le provocazioni, e sui giochi di parole trovi in me un vero appassionato, ma queste cose vanno centellinate; bisogna preparare il lettore al calembour, bisogna che fra una strizzata d’occhio al lettore e una giocosità liberatoria, ci sia qualche diavolo di qualcosa che fornisca una trama (nel senso di tessuto sul quale ricamare ciò che vuoi, fosse anche una storia demenziale.) Capiamoci: gli attivisti di Green Pork intentano causa; Agamennone rilancia alla Corte Europea; il sindaco di Troia, come conseguenza, si dimette; Enea denuncia alla Corte Internazionale… Poi arrivano Enea, Menelaolemani, Ulisse… Si salta agli Alpaca, si risalta alla scenetta napoletana, poi il Serengeti, Amundsen, e mi perdoni se qui mi fermo. Arrivo a una conclusione, se no la faccio più lunga del tuo racconto.
La demenzialità - se lo vogliamo intendere come genere - ha comunque delle regole. La prima delle quali è tenere il lettore interessato, curioso di vedere come va a finire. Qui a me è capitato il contrario, ovvero: che noia in questo bordello!
Tu hai una mente vulcanica, estroversa, creativa, ironica, anticonvenzionale (tutti aggettivi positivi, amo da morire i vulcanici anticonvenzionali eccetera) ma disordinata, caotica, accumulatrice seriale di parole e immagini che non producono buoni testi - secondo il mio pidocchioso parere, e io so di non essere nessuno, quindi, ancora: scusa. Se tu lasciassi scorrere questo tuo flusso creativo, poi impiegassi tempo (MOLTO tempo) alla pulizia, all’aggiustamento sintattico, prosodico, narrativo, governando la tua ironia, incanalando la tua irriverenza, addomesticando la tua anarchia, io credo che potresti scrivere dei veri capolavori. In caso contrario, qualche volta, produci mucchi di parole che risultano faticosi alla lettura e poco appaganti per la mente. Scusa. Scusa. Scusa, scusa, scusa.
Claudio Bezzi
Claudio Bezzi
Padawan
Padawan

Messaggi : 168
Punti : 215
Infamia o lode : 5
Data di iscrizione : 05.02.24

https://alamagoozlum.blog

Torna in alto Andare in basso

Polifemo morì per una lettura sbagliata Empty Re: Polifemo morì per una lettura sbagliata

Messaggio Da Flash Gordon Mar Mar 19, 2024 7:08 pm

Grazie per la giusta disamina Claudio.
Terrò come preziosi i tuoi pensieri e ti ringrazio ancora di cuore
Mannaggia ste briglie sciolte Claudio cercherò di imbrigliarle!

Ecco una piccola nota la metterei sulle "parole stravolte" che in certe situazioni servono a caricare la satira.
Il "green pork" e "il pulitologo" hanno funzionato altrimenti non sarebbero state notate e il notarle serve a connotare la satira in modo pungente.
Quando qualcosa o qualcuno di "diverso" passa per strada noi, nolenti o piacenti, veniamo attirati nell'attenzione.
Le "parole stravolte" hanno la stessa funzione e non quelle dell'essere messe lì per divertimento.
Green Pork è la stiratura satirica delle miriadi di associazioni che oggi nascono tipo che se ti punge una vespa vieni interrogato per ore dalla polizia vespale e ti multano per molestie alla libera espressione di libertà delle vespe. Il senso è che oramai dal giusto e dalle giustezze si passa alle esagerazioni assurde.
Il pulitologo è quella figura che oltre a fare il sapientone di politica fa anche il ripulitore della morale e di queste figure nei talk show se ne vedono a bizzeffe, l'esperto di guerre da trincea, l'esperto di politica internazionale, l'esperto nutrizionista, l'esperto epidemiologo, l'esperto zanzaroso, l'esperto delle mosce tze tze...
Insomma è meglio che mi fermo se no riprendo a scrivere come mi è naturale e difficilmente cesso... e il cesso è un riferimento personale!

Un altro aspetto sulla forma di scrittura, che ovviamente differisce dai giusti canoni come osservato da Claudio, per certi aspetti nella recitazione assume una teatralità diversa dalla recitazione d'un testo pulito.
Si presta cioè a certi "barocchismi" che suscitano ilarità e possono essere mescolati con facilità da chi recita.
Quando ero piccolo lessi un libro d'un giornalista che riguardava le lettere scritte da un contadino al fratello emigrato negli USA. Beh quel modo assurdo di impostare "litagliano" faceva morire dal ridere specie se recitato.
Mi sento molto vicino al testo recitato per questo a volte non mi ritrovo in linearità per quanto riguarda questi tipi o generi di scrittura.
E in realtà essi rappresentano solo il dieci per cento di tutto quello che io scrivo di solito.

______________________________________________________
Lascia che l'anima trovi se stessa...
Flash Gordon
Flash Gordon
Padawan
Padawan

Messaggi : 229
Punti : 359
Infamia o lode : 8
Data di iscrizione : 27.01.23
Età : 57
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

Polifemo morì per una lettura sbagliata Empty Re: Polifemo morì per una lettura sbagliata

Messaggio Da Giammy Mer Mar 27, 2024 3:38 pm

Il tuo non è un racconto, è semplicemente un mondo. Mi impressiona la facilità con cui scrivi. Il tuo humor è oltre, sei geniale. Ha ragione Claudio, governa e doma la tua anarchia creativa e i tuoi lavori diventeranno capolavori. Quando c'è il talento tutto è possibile.
Giammy
Giammy
Younglings
Younglings

Messaggi : 80
Punti : 94
Infamia o lode : 4
Data di iscrizione : 01.02.24
Località : Varese

Torna in alto Andare in basso

Polifemo morì per una lettura sbagliata Empty Re: Polifemo morì per una lettura sbagliata

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.