Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Vernissage

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Vernissage Empty Vernissage Ven Feb 12, 2021 3:10 pm

Antonio Borghesi

Antonio Borghesi
Younglings
Younglings
Dalla scomparsa dei suoi due gemellini di quattro anni, Chris e Jodie, si era volontariamente rinchiusa nel suo castello di Rougemont. Nemmeno il marito Pierre, ricchissimo proprietario terriero con la passione per i cavalli da corsa, era riuscito a sottrarla alla tremenda depressione che aveva racchiuso la sua anima dilaniandola coi propri feroci artigli quando, quella maledetta vigilia di Natale, improvvisamente i bambini non erano più stati ritrovati. 
Squadre di poliziotti e di dipendenti della coppia, avevano setacciato ogni stanza e anfratto del grande castello. Gli stessi boschi all’intorno erano stati tutti passati al pettine fino, anche con l’aiuto di cani molecolari fatti appositamente arrivare da Ginevra. Nulla! Le tracce si fermavano nel grande cortile antistante il massiccio portone d’uscita. 
Tutte le luci e gli addobbi natalizi furono fatti sparire. 
Helene si era rifugiata nella sua passione di pittrice, isolandosi in un’ala del castello dove aveva creato il suo atelier personale. Da lì non ne era più uscita. Consentiva solo l’entrata a Jeanette, una sua cameriera, per portarle il poco cibo e per le operazioni di pulizia. Nemmeno Pierre aveva diritto di visita. La cameriera riferiva giornalmente al padrone lo stato della signora. Il racconto era però sempre lo stesso. Quando otteneva il permesso d’entrare, la trovava intenta alla preparazione di uno dei suoi quadri. Delle composizioni astratte, create da vari materiali, sui quali Helene, che aveva sempre ricercato la “Forza Vitale”, sua criptica definizione, spalmava pennellate di colori, a volta vivaci a volta opachi, in funzione del suo stato d’animo. Jeanette aveva riferito d’aver notato moltissime tele appoggiate disordinatamente ai piedi delle pareti delle varie camere. I colori le erano sembrati abbastanza cupi ma ultimamente erano apparsi sprazzi di pittura più sgargiante e solare.
Forse Helene stava riprendendo a vivere.
A due anni esatti dalla scomparsa dei gemellini, la porta si era riaperta ed Helene, bellissima nel suo portamento algido da ex fotomodella, aveva nuovamente incontrato Pierre. 
La sua prima richiesta era stata di permetterle di organizzare una presentazione delle sue recenti opere, nelle antiche scuderie del castello che, per l’occasione, avrebbero dovuto essere trasformate in galleria d’arte. 
Nessuna parola sui figlioletti scomparsi né altra considerazione sul tempo passato, solo quella sua richiesta dettata quasi fosse un ordine.
 Pierre promise che per il suo compleanno quel regalo sarebbe stato suo. Il ventinove di febbraio tutto era pronto. Le scuderie erano state rimesse a nuovo, le luci erano perfettamente posizionate e Roland, un famoso gallerista di Ginevra, si era occupato di far disporre alle pareti i grandi quadri della pittrice. Pierre, naturalmente non aveva badato a spese e tutto era perfetto. I meravigliosi cataloghi, dal titolo della mostra “Forza Vitale”, erano stati stampati in quadricromia e messi a disposizione del pubblico. 
Il ventinove sera gli invitati, vestiti elegantemente con le signore impellicciate e ingioiellate, si presentarono puntualmente all’apertura del vernissage. 
La splendida Helene, fasciata in un meraviglioso lungo abito nero dalla grande spaccatura che, ondeggiando, lasciava intravedere le sue lunghissime gambe, ricevette ogni ospite con un leggero sorriso sulle rosse labbra, in contrasto con l’insondabile profondità delle sue nere pupille. 
Tra gli invitati, il sindaco del piccolo borgo, medico anatomopatologo in pensione e il comandante della Stazione di Gendarmeria che aveva coordinato le ricerche dei gemellini spariti, forte della sua precedente esperienza nei reparti investigativi della Polizia Federale. I due erano amici di lunga data ed era stato anche per quello che Raphaël, il capo gendarmi, aveva espressamente richiesto, quasi alla fine della sua carriera, di essere trasferito nel suo paesino originale di Chateau-d’Oex, dal quale Rougemont dipendeva. 
La gente sciamava davanti alle pitture soffermandosi a volte su qualcuna per commentarla, cercando di comprenderne il significato dal titolo sotto l’esposizione. 
Raphaël e Louis, l’amico sindaco, si trovarono subito d’accordo, malgrado la loro inesperienza pittorica, nel commentare alcune di esse come francamente impressionanti senza però riuscire a trasferire in parole l’emozione che si trovavano a subire. 
Camerieri e cameriere, rigidamente abbigliati in nero e in guanti bianchi, facevano girare tra il pubblico, vassoi di gradevoli aperitivi e imperlati calici di champagne molto apprezzati dagli invitati. 
Anche Raphaël e Louis si lasciarono tentare e ben presto s’accorsero di quanto fosse difficile procedere con entrambe le mani occupate da un crostino al caviale e un flute di bollicine. 
Cercando un angolo più tranquillo, depositarono le loro coppe su di un tavolino ritrovandosi davanti al quadro denominato “Raggi”. Apparentemente costruito come gli altri, con vari tipi di cartone liscio e ondulato, titoli di giornale e scritte pubblicitarie, imprigionate da ampie pennellate di colore rosso, giallo e grigio, sembrava che dal suo centro scaturissero dei finissimi fili d’oro. 
I due amici commentarono unanimemente sull’apparente somiglianza di quei raggi a dei biondi capelli. 
Presi da una improvvisa curiosità ritornarono sui loro passi e sulla tela “Specchio dell’anima” scoprirono, ben incastonate al centro, quattro azzurre pupille, sommerse da un colore azzurro meno evidente. 
Spostandosi verso “Pensieri”, non fu loro difficile constatare che, quelle che a prima vista erano sembrate pennellate grigie un po’ arzigogolate, erano senza alcun dubbio, soprattutto per Louis, delle volute, schiacciate sulla tela, di piccoli cervelli. 
I due amici si lanciarono un rapido sguardo. L’orribile dubbio stava diventando certezza. 
L’esame accurato di un quarto dipinto dal nome “Fortuna?” nascondeva il palmo di quattro piccole mani con la linea della vita ben evidenziata. 
L’orrore ai loro occhi divenne manifesto. 
Le tele contenevano i resti di Chris e Jodie! 
La mamma aveva sacrificato i suoi piccoli, alla ricerca di quella “Forza Vitale”, con la quale, nella sua lucida follia, sperava di raggiungere la perfezione della sua arte.

2Vernissage Empty Re: Vernissage Ven Feb 12, 2021 3:30 pm

Martin Della Cappa

Martin Della Cappa
Padawan
Padawan
Questo già mi è piaciuto di più, perché le descrizioni molto puntigliose non sommergono la trama ma la arricchiscono (anche se alcune digressioni sono per lo più inutili). Il colpo di scena finale è tanto inaspettato quanto gradito, ma penso che ci sarei dovuto arrivare quando ho letto "forza vitale". Mi sembra però un po' difficile che, dopo due anni, le parti del corpo, benché incastonate nelle opere, si siano conservate senza putrefarsi. Vabbè, in ogni caso, un bel racconto.

A Antonio Borghesi garba questo messaggio

3Vernissage Empty Re: Vernissage Ven Feb 12, 2021 10:36 pm

Petunia

Petunia
Padawan
Padawan
Un Tony poliedrico che riesce a scrivere di tutto! Mi è piaciuto molto questo tuo “horrible” racconto.


______________________________________________________
Fra poco dovrebbe levarsi la luna. Farà in tempo, Drogo, a vederla o dovrà andarsene prima? La porta della camera palpita con uno scricchiolio leggero. Forse è un soffio di vento, un semplice risucchio d'aria di queste inquiete notti di primavera. Forse è invece lei che è entrata, con passo silenzioso, e adesso sta avvicinandosi alla poltrona di Drogo. Facendosi forza, Giovanni raddrizza un po' il busto, si assesta con una mano il colletto dell'uniforme, dà ancora uno sguardo fuori della finestra, una brevissima occhiata, per l'ultima sua porzione di stelle. Poi nel buio, benché nessuno lo veda, sorride.
D.Buzzati 

A Antonio Borghesi garba questo messaggio

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.