Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

Ultimi argomenti attivi
» Nivaltur e il dolce del millennio
C'è sempre una prima volta EmptyOggi alle 7:01 pm Da Hellionor

» Concorso a tema "Liberi di Scrivere"
C'è sempre una prima volta EmptyOggi alle 6:36 pm Da SuperGric

» Posizione privilegiata
C'è sempre una prima volta EmptyOggi alle 6:32 pm Da FraFree

» Salsicce Mezzanotte
C'è sempre una prima volta EmptyOggi alle 6:30 pm Da SuperGric

» Dolce veleno
C'è sempre una prima volta EmptyOggi alle 6:25 pm Da FraFree

» Cacciatore di vivi
C'è sempre una prima volta EmptyOggi alle 6:23 pm Da Hellionor

» La gloria
C'è sempre una prima volta EmptyOggi alle 6:07 pm Da Hellionor

» Camere ardenti e balli irriverenti
C'è sempre una prima volta EmptyOggi alle 5:49 pm Da Hellionor

» Ma...veramente?
C'è sempre una prima volta EmptyOggi alle 12:25 pm Da Fante Scelto


Non sei connesso Connettiti o registrati

C'è sempre una prima volta

5 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1C'è sempre una prima volta Empty C'è sempre una prima volta Mer Feb 10, 2021 1:42 am

Phoenix

Phoenix
Admin
Admin
È difficile cogliermi di sorpresa e quindi mi sono sorpreso non poco realizzando di essermi fatto sorprendere.
Davvero non me l’aspettavo.
Non in questo periodo della mia vita.

Mille volte ho criticato chi vaneggiava dell’ineluttabilità degli eventi, delle "cose che succedono e tu non puoi farci niente", del destino, delle "cagate" che prima o poi arrivano per tutti.
Mi sentivo immortale e parecchio figo quando a Gennaio uscivo alle sei del mattino per andare a buttare la spazzatura a petto nudo con la vecchietta del pian terreno mi urlava dietro "fai, fai, test'i minchia. Uora si giovane, quannu a poi avrai l’età mia, ca minchia ca camini accussì..."
La nonnina era follemente innamorata di me, da quella volta che le cadde il carrellino pieno di arance in mezzo alla strada e io gliele raccolsi gentilmente a una a una. 
Giunsi a rischiare la mia giovane e promettente vita quando il signor Barbagallo, di anni ottantadue (82) mi sfiorò il culo con la sua FIAT 126 verde pisellino, che tutt’oggi fa parte dei miei ricordi d’infanzia.
L’ho relegata nel mio archivio mentale nella cartella Poteva finire lì, assieme a tutti i ricordi più pericolosi della mia vita. 
Come quella tritologica mangiata di cozze al mercurio avvenuta per il matrimonio di mia zia, che spedì centoventi (120)  persone in fila al pronto soccorso, che in breve divenne una latrina delle più immonde, con gli invitati che vomitavano ovunque mentre echeggiavano peti leggendari capaci di staccare l'intonaco dai muri.
Sono ricordi di un’infanzia non sempre profumata, lo ammetto, ma era un periodo pieno di sole e di mare, nella mia mente ingenua.
Avrei capito in fretta  che la buona volontà e la voglia di fare raramente compensano la povertà.
E accadeva dunque che io, penultimo di nove figli, andassi a scuola insieme a mio fratello con un block notes arancione al posto del diario, perché mio padre era un nostalgico, e aveva scelto la sua terra natia per invecchiare, lasciando un lavoro tutt'altro che schifoso in Germania per tornare a Siracusa a fare il ciabattino.
Ma aggiustando le suole delle scarpe si riusciva a stento a mangiare e a pagare il famigerato canone RAI.
Insomma, eravamo poveri come il retaggio di un fascista.
Era calzolaio, mio padre, però mi dava lo stesso cinquecento lire per mangiare a scuola, ci tiravo fuori un panino col salame e un cono due gustimmerda di gelato fatto con l'acqua del Gange e che a noi sembrava nettare degli dei. 
Ma guai se li avessi spesi per un diario, mi avrebbe svitato la testa con uno scapaccione che per rimetterla a posto ci sarebbero volute tre persone.
Questione di priorità, per lui, e si faceva così. Stop. 
Per ubbidire bastava guardargli le mani, larghe come racchette da tennis e con la pelle che sembrava cuoio. 
Poche le sventole prese, per carità, ma ho saputo che una volta diede un pugno in testa a un vicino di casa che si era sognato di dire a mia madre che conosceva la scorciatoia per il paradiso, e quello da allora prende lucciole e lanterne insieme. 
Ancora oggi.
No, non era bello il block notes al posto del diario per un ragazzino che andava in quinta elementare.
A quell’età i bambini non hanno pietà (la rima non è voluta, pardon) e nonostante io mi opponessi alle loro prese in giro dicendo che sul mio blocchetto si scriveva molto meglio che nei loro diari, nessuno mi credette.
Fui quindi costretto ad archiviare quel mio ricordo nella cartella mentale Figure di merda.
Il giorno dopo aver superato l’esame di accesso alla scuola media, iniziai a mettere le cinquanta lire da parte, e dopo tre mesi arrivai in prima media con un epico diario firmato “El Charro”, con tanto di rosa in bassorilievo allucinante sulla copertina e le Colt 45 stampate dietro.
Era vero, sul block notes si scriveva meglio, ma la felicità di quel giorno mi fa stare bene ancora oggi. Inaugurai dunque l’angolo Sono soddisfazioni, e imparai così che prevenire era meglio che curare molto prima che lo sentissi durante la pubblicità dei dentifrici Mentadent.


La sequenza della vecchietta si ripeteva quasi tutti i giorni, lei mi diceva che se uscivo a petto nudo a Gennaio sarei morto giovane e io alzavo la mano in segno di saluto e le rispondevo ridendo:
«Signora che fa, mi devo toccare?»
«No porco, che tocchi? Scostumato, che mi fai le avàns
«Sì, le avàns. Ma s'aviti ottant’anni, signuruzza bedda…»
«Ah, 'nfame – ribatteva ridendo – vogghiu abbiriri se ci arrivi tu all'età mia.»
A quel punto ero costretto a toccarmi le palle per fare gli scongiuri, per poi fuggire su per le scale accompagnato dalle urla scandalizzate di lei e dalle risate di mio padre che si godeva la sceneggiata dal balcone.
Be', la nonnina è ancor oggi viva. Rinsecchita, accorciata ma viva. Fuma due pacchetti di Nazionali al giorno e si ricorda ancora quante erano le arance che quel giorno raccolsi; trentanove.
La mia cartella Sono soddisfazioni si è riempita molto più di Figure di merda, e quella Poteva finire lì è in continuo aggiornamento.

Mentre io continuavo a buttare la spazzatura alle sei di mattina e mi mettevo la maglietta solamente allo scopo di non farmi prendere per coglione dai passanti, la mia esistenza venne improvvisamente sconvolta da una presa di coscienza imprevista.
Ne ho avuto la certezza una settimana fa. E ora so che è tutto vero, tutto quello che mandavo a cagare con la mia indifferenza giovanile e con l’entusiasmo del mio carattere.
Sono cose che succedono, e non possiamo farci niente.
Capita a tutti prima o poi, persino a me.
Altro che chiacchiere e distintivi, professioni di fede e dibattiti ideologici. 
Non c’è più musica né nessuna filosofia che possa salvarmi. I flussi di coscienza peggiori che io abbia mai letto divennero barzellette, di fronte al mio stato d’animo. 
L’unica cosa che mi tiene in piedi è la cartella Sono soddisfazioni, piena di battaglie vinte più che altro contro me stesso.
Tutto trascende, davanti alla mia immagine riflessa nello specchio.
Penso alla cartella Poteva finire lì, e a quanto tempo mi rimane adesso prima che raggiunga il suo capitolo finale.
Commosso e in qualche modo emozionato, osservo per l’ennesima volta il mio viso.
La Sua presenza è pressante. Chiudo gli occhi e li riapro.
È ancora lì.
So cosa devo fare.
Vado nella mia stanza, prendo l’affilato taglierino che uso sempre per ammazzare la noia e torno in bagno.
È ancora lì.
Ma non mi avrà.
Non questa volta.
La lama scatta, il mio polso è sicuro. 
Non sentirò nemmeno dolore, forse.
Un colpo secco e via.

Non pensavo che alla mia età si potesse provare ancora la sensazione della “prima volta”.
Il primo bacio, la prima volta con una donna, la prima volta alla guida…e invece no.
C’è sempre una prima volta.
Il mio primo capello bianco, Gesù.
L'ho conservato, dopo averlo tagliato via, perché in fondo sono nostalgico come mio padre.
E quando sarò un vecchietto mi piacerà guardarlo, sul comodino accanto a me.
Magari mentre insulterò un ragazzino che oggi non è ancora nato perché sarà uscito di casa alle sei di mattina per buttare la spazzatura senza maglietta.



Ultima modifica di Phoenix il Mer Feb 10, 2021 10:34 am - modificato 1 volta.


______________________________________________________
La gloria o il merito di certi uomini è scrivere bene; di altri, non scrivere affatto.

Jean de La Bruyère

2C'è sempre una prima volta Empty Re: C'è sempre una prima volta Mer Feb 10, 2021 1:44 am

Phoenix

Phoenix
Admin
Admin
Vediamo chi riesce a trovare tutti gli errori disseminati in questo bellissimo spaccato di vita vera.
Non abbiate paura, non vi banno.
C'è sempre una prima volta 1824946657 C'è sempre una prima volta 1719630443


______________________________________________________
La gloria o il merito di certi uomini è scrivere bene; di altri, non scrivere affatto.

Jean de La Bruyère

3C'è sempre una prima volta Empty Re: C'è sempre una prima volta Mer Feb 10, 2021 4:25 am

Petunia

Petunia
Moderatore
Moderatore
Travolgente. Un ritmo che trascina parola dopo parola , immagine dopo immagine, emozione dopo emozione.
Vorrei leggere ancora e ancora.
Il difetto? È troppo breve....
E per dirla come Tom. Ti abbraccio 🤗


______________________________________________________
Dodici voci si alzarono furiose, e tutte erano simili. Non c’era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all’uomo, dall’uomo al maiale e ancora dal maiale all’uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due. (George Orwell)

4C'è sempre una prima volta Empty Re: C'è sempre una prima volta Mer Feb 10, 2021 11:02 am

Ospite


Ospite
Bah, non mi ha detto niente. Mi sembra troppo il riassunto di un (auto)biografia di una persona qualunque. Nulla di eccitante, interessante o altro. Capisco voler restare sul rustico, ma questo non è un cottage, è una dependance (ed è già tanto).
Ah, a proposito (e qui sto rischiando il ban per lesa maestà), non dovresti inserire lo spoiler con il link al tuo commento ad un'altra opera?

5C'è sempre una prima volta Empty Re: C'è sempre una prima volta Mer Feb 10, 2021 11:18 am

Phoenix

Phoenix
Admin
Admin
Martin Della Cappa ha scritto:
non dovresti inserire lo spoiler con il link al tuo commento ad un'altra opera?

No, io non devo dimostrare a me stesso che ho commentato un altro racconto. E a nessun altro. 😪

@Petunia  Prost


______________________________________________________
La gloria o il merito di certi uomini è scrivere bene; di altri, non scrivere affatto.

Jean de La Bruyère

6C'è sempre una prima volta Empty Re: C'è sempre una prima volta Mer Feb 10, 2021 12:57 pm

Byron.RN

Byron.RN
Padawan
Padawan
La particolarità di questo racconto è quella di riuscire a catturare il lettore e farlo immedesimare.
Chi legge guarda sul grande schermo il film dei tuoi ricordi e contemporaneamente, in bassa frequenza, vede passare i suoi di ricordi, le sue piccole e grandi esperienze.
Le cartelle che citi ce le hanno tutti, hanno nomi diversi perché ognuno gli da il nome che vuole, ma le abbiamo tutti e ogni tanto le andiamo a riaprire.
Io mi sono rivisto a novembre, con la nebbia, fumare in canottiera sul terrazzo o ritornare a casa dagli allenamenti di calcio sul motore, senza casco e coi capelli fradici. E mi sono dato del coglione, perché queste scene adesso mi incutono più terrore di un romanzo di King.
Ho pensato a quando dovevamo tirare fuori dalla lecca l'auto di un mio amico che aveva avuto la bella idea di fare inversione in un campo infangato e il gancio da traino è saltato sibilando a qualche centimetro dalla mia testa.
Le immagini del grande schermo e quelle in bassa frequenza che si intersecano, che cambiano di posto e poi ritornano nella loro collocazione.
Non è facile fare questo, parlare di te e in un certo senso parlare di ognuno di noi, o almeno di chi ha già pronte le tre cartelle con un bel pò di materiale.
In quanto a errori io non ne ho visto neppure uno. E non pensare che ti stia facendo delle avans lol!

7C'è sempre una prima volta Empty Re: C'è sempre una prima volta Mer Feb 10, 2021 2:05 pm

Ospite


Ospite
Capolavoro ricco di vita e sentimento. 
Chi ti vuole bene come me. 
Si commuovera'.

8C'è sempre una prima volta Empty Re: C'è sempre una prima volta Mer Feb 10, 2021 7:46 pm

Solenebbia

Solenebbia
Viandante
Viandante
Ancora prima leggerlo ho capito che sei un diversamente giovane, e che probabilmente hai litigato con le lenti "vicino-lontano-lontano-vicino" echissebefrega, metto Ariel 30, così possono leggerlo bene tutti ed è come se gridassi. Scritto ciò inizio a leggerlo, sono più pagine strappate ai tuoi diari, ops cartelle. 
Io però non mi immedesimo " scendevo a petto nudo a portare l'immondizia" Se l'avessi fatto arrivavano i carabinieri. Per i refusi...con un tronto di vita come questo non bisogna cercarli. Prost

https://www.robertomischiatti.it/foto-gallery

9C'è sempre una prima volta Empty Re: C'è sempre una prima volta Mer Feb 10, 2021 11:31 pm

Dafne


Younglings
Younglings
L'inizio mi è sembrato faticoso, un po' cervellotico e con quel "cagate" alla Fantozzi, e pure tra virgolette, che non mi ispirava affatto... ma dalla sesta riga in poi non sono più riuscita a smettere di leggere, cosa che mi capita raramente. La storia di una vita in retrospettiva, eventi tuoi e di tutti, come ha detto bene Byron, raccontata con ironia e ritmo travolgenti.
Bello, mi è piaciuto molto. Errori non ne trovo, troppo personale lo stile perché qualcosa sia definito un errore. Forse un verbo che anteriorizzerei rispetto a un passato remoto, ma nello stile colloquiale che utilizzi, e per di più in variante di parlato del sud, credo sia meglio tenere il tuo passato remoto. Se proprio devo tentare una critica: per mio gusto personale cercherei un esordio meno cervellotico e ridondante.
Piaciuto fèss... Smile

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.