Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

La sacralità del gatto

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1La sacralità del gatto Empty La sacralità del gatto Mar Feb 09, 2021 1:45 pm

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
L’eremita del sangue parte 1 - Martin della Cappa:
Spoiler:
Il muro di parole, come già ti ha segnalato Achi, rende pesante la lettura. 
Ho letto solo perché ho visto che il testo non era troppo lungo altrimenti non avrei neppure tentato. Di questo devi tenere conto.
Come genere propenderei per un fantasy. L’incipit al momento ti è funzionale, ma se proseguirai nella storia non piangerà nessuno se lo rimuoverai. Una infinità di racconti partono così quindi meglio cercare una strada più originale.
Per quanto riguarda la scrittura, comprendo che lo stile può essere consono al narrato. Tuttavia trovo che ci sia un uso sovrabbondante degli aggettivi che rallentano parecchio la lettura e, alla lunga, stancano. Ti segnalo alcuni punti.
afferrava la calda lana (trovo ridondante l’uso di calda)
panciolle…ma  (dopo i puntini di sospensione ci vuole sempre lo spazio. Questo è un errore)



sempre: se c’è un conflitto non mi ci ficco!  (In questo caso potevi usare le virgolette alte oppure il corsivo per esprimere il pensiero.)

suoi occhi vispi notarono un flebile filo di fumo levarsi da oltre la sommità della collina e stagliarsi esile e leggero su uno sfondo di pallide nuvole grigie. (Questo è un altro esempio di “frase eccessiva”)



Tuttavia, egli non ebbe nemmeno il tempo di pensare che forse ancora una volta le sue speranze erano state disattese, che i suoi sensi gli vennero meno: la sua mente annebbiata dall’inedia e il suo corpo provato dalla fatica non avevano retto



Troppi aggettivi possessivi rallentano e non servono.




Scusa se ti ho fatto un po’ di pulci, ma l’intento è quello di esserti utile.




Il mio nome è Nubet Heptari-Tahdis e questa è la mia storia. 
Amon Ra mi è testimone che tutto quello che sto per dichiarare è solo la verità e la mia anima, leggera come una piuma, non teme la bilancia di  Anubi il castigatore.
Da piccola abitavo con la mia famiglia in una modesta casa in prossimità della riva del sacro Nilo. Eravamo felici: mio padre lavorava nei campi ed era esperto nel prevedere le piene per la coltivazione del grano e mia madre accudiva i miei fratelli più piccoli e mi preparava al futuro di moglie.
«Luxtari, si dice che il gran visir Senhiraat verrà presto in visita in questa regione»
disse una sera con aria preoccupata mio padre.
«Vorranno aumentare le tasse. Già pretendono quasi tutto il raccolto.» 
«È così. E la piena quest’anno non sarà buona...»
«È perché non abbiamo sacrificato abbastanza. Hethor, amore mio, dobbiamo adottare un gatto. È sacro, ci proteggerà e intercederà per noi presso Il grande Amon Ra.»
Fu così che nel giro di qualche giorno la famiglia si allargò. Mio padre, l’umile contadino Hethor Heptari-Tahdis, si presentò con una gattina cui fu posto il nome di Nefti, letteralmente “la padrona di casa”. E il nome fu rispettato in pieno.
Quel felino godeva delle attenzioni riservate a un dio. Per conquistarsi la protezione di Bastet era sufficiente voler molto bene al suo piccolo rappresentante terreno: non fargli mai del male. E, naturalmente, viziarlo con ogni squisitezza: Nefti era la prima a essere servita con il pasto più abbondante. Io e mia madre, le altre due femmine di casa, spesso restavamo senza cena.
I miei fratellini impazzirono per quel batuffolo rossiccio. Io, al contrario, provai fin dal primo giorno un senso di disagio: quegli occhi verdi come giada mi fissavano ostili.  Cercavo di evitarla, ma, appena mi vedeva, da quella bocca usciva un soffio terrificante. 
Una sera, temendo che la piccola dea mi balzasse addosso per conficcarmi gli artigli nel viso, con un salto schizzai sopra il tavolo sui cui era accesa una lampada a olio...
Il fuoco divampò in un attimo. Il fumo acre mi faceva lacrimare gli occhi e non riuscivo a respirare. Sentivo solo mio padre che gridava come impazzito:
«Nefti, mia dea, dove sei? Che nessuno esca da qui finché non l’avrò trovata e messa in salvo!»
Lo confesso, quella sera disubbidii a mio padre: cercai di salvarmi senza pensare alla gatta che non si trovava. Ma Nefti si era già messa in salvo da sola.
Fu così che rimasi orfana: morirono tutti per cercare di mettere in salvo quell’animale. 
A un tratto la sentii soffiare alle mie spalle. Gli occhi come fessure brillarono illuminate dal fuoco che stava ancora divorando la mia vita e i miei affetti. Raccolsi quel poco di coraggio che mi restava e afferrai un palo infuocato. 
Bastò un solo colpo sferrato con tutto l’odio di cui disponevo a finirla: non le diedi il tempo di reagire tanto l’azione fu fulminea. Poi, esausta, crollai sopra quel corpicino peloso.

Quando mi ripresi mi trovai nientemeno che al cospetto dell’alto funzionario Senhiraat. 
Uccidere un gatto era un reato gravissimo punito con la morte. 
Attendevo dunque di essere condannata, mentre egli si dimostrò molto gentile.
Era dispiaciuto della disgrazia occorsa alla mia famiglia e soprattuto scoprii che aveva molta simpatia per me credendo che io avessi fatto il possibile per salvare la vita a quella gatta. Secondo quanto gli era stato riferito, avevo  cercato di proteggerla dalle fiamme col mio stesso corpo rischiando la mia vita per lei.
«Qual è il tuo nome?» 
«Nubet. Nubet Heptari-Thadis» risposi con un filo di voce inchinandomi.
«Da oggi ti chiamerai Nefti Nubet Heptari Bastet poiché hai trovato grazia presso la dea.»
Riuscivo a malapena a reggermi in piedi. Immaginai che la dea mi ritenesse degna delle più atroci maledizioni per il delitto che avevo commesso, altro che grazia.
«Mio signore, questo è un onore troppo grande per una umile serva come me.»
«Taci. Così è deciso.»
Poi, con un cenno del capo, chiamò a sé  una donna che mi parve bellissima nel suo kalasiris leggero.
«Nefti Nubet Heptari Bastet, ti affido alla sacerdotessa Mutnofret, consacrata alla dea Bastet. Vi prenderete cura dei gatti destinati a proteggere le case dei nobili. Ora, andate!»

Non avevo ancora avuto modo di piangere la morte dei miei familiari i quali avrebbero avuto un destino atroce anche nel regno dei morti. Nessuna cerimonia, nessun amuleto per loro. Distrutti per colpa di un maledetto gatto, un animale che ho sempre odiato e che sempre odierò. Questa era la punizione di Amon Ra, ne ero certa.

Mutnofret parve leggere nei miei pensieri e quando fummo sole, mi parlò:
«Il nostro compito è quello di compiacere la dea Bastet alla quale siamo consacrate, ma ho visto il dubbio nei tuoi occhi.»
«Mia signora, temo per la sorte della mia famiglia. Non potranno mai trovare pace.» risposi scossa dai singhiozzi.
«Appena giunte al tempio, sacrificheremo per loro. La dea sa essere generosa con chi la onora.»
Mutnofret tenne fede alla promessa e io, mi ritrovai nell’unico posto sulla terra dove non avrei mai né voluto né potuto stare. 
La sola vista di quei felini mi dava il tormento, tutto il mio essere rifiutava il benché minimo contatto. La sacerdotessa era costernata. Non c’era un solo animale che io potessi avvicinare senza scatenare un putiferio. Ma gli ordini del visir dovevano essere rispettati.
Una sera, dopo l’ennesima crisi,  Mutnofret volle parlare di nuovo con me.
«Nubet, è evidente che non puoi prestare i tuoi servizi in questo luogo sacro.»
Restai a capo chino trattenendo il respiro, la punizione divina era inevitabile.
«Stanotte ho fatto un sogno, la dea mi ha parlato» proseguì soppesando le parole. «Domani sarai trasferita a Bubastis. Ti occuperai di dare degna sepoltura ai nostri gatti, emissari della volontà della dea sulla terra. Li preparerai per il grande viaggio di ritorno tra le braccia di Bastet.»
Bubastis è la città sacra a Bastet e la più grande necropoli per i miei odiati gatti. Essere sepolti a Bubastis è un privilegio che tocca ai gatti dei più nobili. 
Ho imparato a mummificarli, proprio come si fa con i faraoni perché si dice che la  mummificazione garantisca all’animale di raggiungere la vita nell’aldilà da vivo. 
Certo non posso certo permettere che questo avvenga. 
Per questo non faccio proprio le cose come mi hanno insegnato: lascio parte delle viscere dentro al corpo e le chiudo dentro a una striscia di lino insieme a un bel pò di segatura. Nessuno se ne accorge, anzi le mie mummie si presentano così bene che sono molto apprezzata nel mio lavoro.
Non ringrazierò mai abbastanza Amon Ra per questa nuova e appagante vita che chi mi ha concesso e confesso che, in realtà, mi trovo molto bene con i gatti quando sono... morti.



Ultima modifica di Petunia il Mar Feb 09, 2021 2:20 pm - modificato 2 volte.


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

2La sacralità del gatto Empty Re: La sacralità del gatto Mar Feb 09, 2021 2:07 pm

Martin Della Cappa

Martin Della Cappa
Padawan
Padawan
Se non fosse una tragedia, sarebbe una commedia: trascorrere una vita intera ad odiare i gatti, per dover prendersene cura anche da morti (anche se la protagonista li sopporta da cadaveri). Da amante dei gatti e con un passato da "egittologo" dilettante, non posso che apprezzare questo racconto, anche per l'accuratezza che ha prestato nell'utilizzare la mitologia egizia. Secondo me il testo fila bene, forse solo i dialoghi mi lasciano un po' perplesso perché, tranne quello iniziale, mi sembrano asettici e poco espressivi. In più, quella frase "Questo non può essere." mi pare superflua, o se proprio vuoi tenerla, io la riscriverei. In conclusione, è comunque un racconto molto solido e di gradevole lettura.

P.s. Grazie per la pubblicità gratuita.

3La sacralità del gatto Empty Re: La sacralità del gatto Mar Feb 09, 2021 2:12 pm

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Grazie Martin.
Questo è un raccontino che aveva come tema imposto l’ailurofobia. 
Prendo senz’altro nota della tua correzione 👍


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

4La sacralità del gatto Empty Re: La sacralità del gatto Dom Feb 14, 2021 2:42 pm

Hellionor

Hellionor
Admin
Oh ma che piccola meraviglia che abbiamo qui.
Brava Pet, davvero ben condotto e godibilissima la lettura. La tua protagonista mi è piaciuta da subito, penso che il tuo registro narrativo sia perfetto. Bravissima questo pezzo mi è piaciuto moltissimo Smile

C'è qualche virgola fuori posto, a mio avviso, tipo qui
Mutnofret tenne fede alla promessa e io, mi ritrovai nell’unico posto sulla terra dove non avrei mai né voluto né potuto stare. 

5La sacralità del gatto Empty Re: La sacralità del gatto Dom Feb 14, 2021 2:47 pm

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Ho appena acquistato un bel libro di grammatica. Chissà che non mi aiuti con queste benedette virgole!
Mannaggia!

Grazie Ele❤


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

6La sacralità del gatto Empty Re: La sacralità del gatto Dom Feb 21, 2021 7:43 pm

Antonio Borghesi

Antonio Borghesi
Younglings
Younglings
Ma guarda guarda la poetessa Petunia che si avventura nell'odio gattesco. E inoltre in un ambiente dove hanno sempre considerato i gatti come degli dei. C'è moltissima ironia nel tuo racconto ma anche un ottimo lavoro di ricerca sui nomi del tempo e realtà nelle descrizioni. In effetti sono state ritrovate mummie di gatti con le viscere parzialmente integre e nessun egittologo, nemmeno l'immenso Zahi Hawass, ne aveva interpretato il significato. Un racconto gradevolissimo e piacevole da leggere.

7La sacralità del gatto Empty Re: La sacralità del gatto Lun Feb 22, 2021 10:44 am

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Grazie Tony🤗


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

8La sacralità del gatto Empty Re: La sacralità del gatto Lun Feb 22, 2021 11:01 am

Giancarlo Gravili

Giancarlo Gravili
Padawan
Padawan
E qua mi sono divertito un sacco... Un racconto da anti gattare e poi sti felini mummificati sono stupendi, anzi se me ne mandi uno lo metto nel salotto e ci metto pure i vasi canopi, anzi no perché quelli vicino ai felini non ci possono stare. Che storia intrigante hai costruito usando l'antico Egitto come pilone portante e dando sfogo alla passione per quel mondo misterioso e ricco di figure da studiare.
Spesso mi sono divertito anch'io a profanare qualche mito e poi avevo in casa dei gatti siamesi che avevo chiamato in sequenza Attila, Cesare e Cleopatra, purtroppo Cesare e Cleopatra fecero una brutta fine, Attila unni so dove andò a finire...


______________________________________________________
Le domande non sono mai invadenti, a volte lo sono le risposte...

9La sacralità del gatto Empty Re: La sacralità del gatto Lun Feb 22, 2021 11:29 am

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Grazie Gian❤


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.