Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» IL MIO RACCONTO A ZERO
Le stanze della vita EmptyIeri alle 3:04 pm Da Giammy

» Pachamama - Paletti Secondo Step
Le stanze della vita EmptyMar Apr 23, 2024 8:50 am Da vivonic

» Un ricordo
Le stanze della vita EmptyMar Apr 23, 2024 12:38 am Da AurelianoLaLeggera

» Domanda agli amministratori sulla lunghezza massima del testo
Le stanze della vita EmptyLun Apr 22, 2024 3:19 pm Da Petunia

» Beviamoci un'ottima Caipiroska
Le stanze della vita EmptyVen Apr 19, 2024 12:17 am Da Susanna

» Le bugie hanno le gambe corte
Le stanze della vita EmptyMer Apr 17, 2024 1:49 pm Da Claudio Bezzi

» OLIVA DENARO di Viola Ardone
Le stanze della vita EmptyMar Apr 16, 2024 2:53 pm Da M. Mark o'Knee

» GUSTAV
Le stanze della vita EmptyVen Apr 12, 2024 3:25 pm Da Giammy

» E sei ancora dedicata a Licia Mizzan
Le stanze della vita EmptyVen Apr 12, 2024 9:10 am Da Flash Gordon

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Le stanze della vita

5 partecipanti

Andare in basso

Le stanze della vita Empty Le stanze della vita

Messaggio Da Susanna Lun Ago 28, 2023 10:58 pm




Qualche mese fa, beh ormai quasi due anni fa facendo un rapido calcolo, ero andata a camminare portandomi appresso la stampata di un racconto che faticavo a chiudere. Volevo rileggerlo con calma, non davanti al computer, ma come fossi una lettrice qualunque, per sentirne il ritmo, per capire se quello che volevo dire passasse.
Dopo averci tanto lavorato, ora mi sembrava scontato e banale.
Avevo raggiunto il posto dove avevo ambientato il racconto, un posto tranquillo, con una villa antica chiusa da tempo, in mezzo a un boschetto. All’inizio del sentiero di accesso niente cancello ma solo un bel cartello di “divieto di accesso”, che ignorai bellamente.
Così come restarono ignorate quelle pagine: mi trovai invece a riflettere su “Rooms”, al significato che può avere un percorso creativo così dilatato nel tempo, dove ogni tappa presenta tante piccole e grandi difficoltà, sfide ma anche opportunità per lavorare su qualcosa che staziona da tempo nei nostri cassetti segreti.
Su come un percorso simile lo si possa vedere replicato nella nostra vita.
Sul retro del racconto mi ero annotata questi pensieri, un po’ confusi forse, a tratti declinati in prima persona, a tratti come se qualcuno parlasse con me di me.
Li ho ripresi, con l’intendo di risistemarli un po’, ma alla fine ho cercato solo gli inevitabili refusi e poco più.
 
Mi sono trovata a riflettere sul fatto che nella vita abbiamo tante stanze da abitare, tante porte da aprire e chiudere, ma non ne conosciamo l’ordine: ogni porta introduce in una stanza che non conosciamo, non sapremo cosa contiene fino a quel momento.
L’abiteremo per un po’, faremo esperienze, lasceremo qualcosa e passeremo oltre. Non ne conosciamo l’ordine ma in cuor nostro sappiamo di doverle visitare tutte e forse quelle che lasciamo indietro prima o poi ci verranno a cercare, anche se l’età non sarebbe più quella giusta.
 
E può capitare di dover recuperare stanze dove c’è ancora posto – anche se hai i capelli bianchi – per “invaghirti” di un attore che, bontà sua, riesce a interpretare la tua idea di protezione, che ha lo sguardo che vorresti incrociare, da cui essere letta.
 
Nella stessa stanza ti piace sentirsi avvolgere dalle musiche di un disco comprato perché la copertina era curiosa, per poi scoprire che il rock coniugato con la musica sinfonica è poesia; che ti piaceva ascoltarla a volume alto quando, nell’andare e tornare dal lavoro, eri in coda, code che sfinivano a mezzo metro alla volta e oggi ti piace ancora più di allora, perché questa musica potente, importante, ti fa vibrare, ti regala emozioni che ti fanno scordare la tua data di nascita.
 
È una stanza dove trovi il coraggio di volerti sentire “importante” o esserci solo per il tempo che un altro qualcuno impiegherà a leggere un tuo racconto, che hai tenuto ben riposto perché non ti sentivi pronta a un giudizio che viene da uno che può essere tuo figlio o anche tuo nipote, ma adesso non te ne frega niente. Lo butti nella mischia e se lo criticano, vedi difetti che puoi correggere, se piace ti commuovi e ti senti bene. Per un quarto d’ora hai fatto parte della vita di qualcuno che, tra le tue righe, trova qualcosa che neanche tu hai saputo di aver lasciato trasparire.
Faccio mia questa frase, che Girolamo Laquaniti, un poliziotto scrittore, ha inserito nella prefazione del suo primo libro, e in cui mi ritrovo.
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno…"
 
È una stanza dove vuoi sentirti viva, perché il momento che stai attraversando ti sta annientando, non vuoi sentirti la tua età, quella delle convenzioni, degli stereotipi, ma non vuoi avere nessuna età. Semplicemente vuoi vivere il momento in cui lo sguardo di quell’attore, con una bellissima musica di sottofondo, rimette in moto emozioni dimenticate, dove lasciarti andare al descrivere, o al tentare di descrivere, come ti senti. Vuoi sentirti.
È la stanza in cui cerchi di allontanare l’idea di avere le ali tarpate, forse anche per colpa tua.
 
È la stanza dove riesci a tenere a bada la mancanza di persone amate, lontane e silenti, che in altre stanze ti toglie il respiro.
È la stanza dove vorrei fosse sempre e solo tarda sera e notte, perché è il momento in cui riesco a scrivere: da sola, posso anche parlare a mezza voce, parlarmi, raccontarmi come sto.
Frugare nei ricordi alla ricerca di bei momenti che seppelliscano quelli che mi fanno male.
È la stanza in cui mi dico chissenefrega, tu sei anche questa.
 
È la stanza dove il mio compagno di vita mi tiene ancora per mano, come sempre, e scherza, mi prende in giro, mi osserva così attentamente da farmi sentire trasparente, ascolta un po’ della mia musica, legge qualcosa che ho scritto.
 
Le altre stanze sono ancora lì, devono essere comunque vissute, ogni giorno in un modo un po’ diverso, ma prima di essere chiuse dovranno prendersi ancora qualcosa di me e darmi un piccolo o grande bagaglio per la stanza successiva.

______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"
Susanna
Susanna
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 2201
Punti : 2422
Infamia o lode : 20
Data di iscrizione : 03.02.21
Età : 67
Località : Rumo (TN)

A Petunia, Arianna 2016 e babirba garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

Le stanze della vita Empty Re: Le stanze della vita

Messaggio Da Arianna 2016 Lun Ago 28, 2023 11:52 pm

Grazie, Susanna, per queste tue riflessioni, che non sono riflessioni cerebrali, ma pezzi di vita, vita che si fa pensiero e parola e poi nuova vita.
Mi ci sono molto ritrovata, in tante delle cose che hai scritto.
Grazie per essere parte di questo forum e trovare le parole per rendere visibile quello che tanti di noi provano.
Arianna 2016
Arianna 2016
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1095
Punti : 1153
Infamia o lode : 7
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 54

Torna in alto Andare in basso

Le stanze della vita Empty Re: Le stanze della vita

Messaggio Da Flash Gordon Ven Gen 05, 2024 1:11 pm

La vita come il caos organizzato... ma organizzato da chi?
Siamo in teatro e quante quinte esistono?
Siamo in teatro e cerco di trovare tutte le chiavi per aprire le tue stanze.
Ma... ci saranno pur delle chiavi da qualche parte.
Dicci la verità, le hai nascoste dentro i rami dell'albero di Natale.
Pensa che bello allora, in quelle stanze ci puoi entrare solo tu!
Prendi un cesto ce le metti tutte dentro e ogni giorno della tua vita scegli una chiave che apre una porta che dà accesso a una stanza.
E se poi riprendo la stessa chiave il giorno dopo?
Scherzi d'una signora chiamata vita.
Ma tu sei totalmente nel cesto, sì, sei in ogni stanza e in ogni tempo... il tuo di tempo.
Apprezzatissimo questo immergersi i se stessi, ciao Susanna!

______________________________________________________
Lascia che l'anima trovi se stessa...
Flash Gordon
Flash Gordon
Padawan
Padawan

Messaggi : 192
Punti : 314
Infamia o lode : 8
Data di iscrizione : 27.01.23
Età : 57
Località : Padova

Torna in alto Andare in basso

Le stanze della vita Empty Re: Le stanze della vita

Messaggio Da Achillu Dom Gen 07, 2024 8:24 am

Ciao, Susanna.

Il titolo è saltato fuori proprio nel momento in cui ci sono le votazioni per Different Poetry, mi ha colpito perché "stanze" è un sinonimo di "strofe" e ho pensato "ma che bel titolo ha dato Susanna alla sua cinquina". Invece ho equivocato, pazienza, però è stato un equivoco simpatico.

Dal punto di vista narrativo è difficile giudicare il brano in cui, per tua stessa ammissione nella lunga premessa, la narratrice coincide con l'autrice; a meno che la lunga premessa non faccia parte essa stessa del racconto, nel qual caso mi hai "fregato" (in senso buono e positivo, sarei in questo caso ben felice di questa "fregatura").
Il brano è infatti strettamente legato a un contesto pienamente comprensibile a poche persone e, ti dico la verità, sono ben felice di far parte di questa cerchia. Un brevissimo saggio in cui l'evoluzione della narratrice è raccontata attraverso un'unica metafora declinata in modi diversi, sfaccettature varie da punti di vista differenti.
Siccome io mi trovo a essere tra i* narratari* diretti o che comunque sono coinvolti dal contesto, non posso fare altro che ringraziarti per aver condiviso.

Alla prossima!

______________________________________________________
Le stanze della vita Badge-2
Achillu
Achillu
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1502
Punti : 1695
Infamia o lode : 22
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 55
Località : Polesine

https://linktr.ee/Achillu

Torna in alto Andare in basso

Le stanze della vita Empty Re: Le stanze della vita

Messaggio Da Petunia Mar Gen 16, 2024 8:49 am

Ciao  @Susanna
sto recuperando un po’ di letture e ti ringrazio per aver pubblicato queste tue riflessioni. Hai dato “penna” a molti dei miei pensieri. 
La vita è troppo troppo breve per poter aprire tutte le porte ma ogni volta che ne trovo una davanti al mio cammino non posso fare a meno di darci una ‘sbirciata”. Mi piace come hai raccolto, interpretato, fatto tuo il significato nascosto in Rooms!
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2246
Punti : 2474
Infamia o lode : 40
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Le stanze della vita Empty Re: Le stanze della vita

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.