Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» Il violoncello di Bach
Chiamatela Luz EmptyIeri alle 5:57 pm Da tommybe

» L'incantesimo
Chiamatela Luz EmptyIeri alle 4:04 pm Da tommybe

» Il Viaggio della Vita
Chiamatela Luz EmptyVen Feb 23, 2024 4:38 pm Da Albemasia

» Due barboni
Chiamatela Luz EmptyVen Feb 23, 2024 12:09 pm Da Flash Gordon

» Gazzelle, una bella scoperta
Chiamatela Luz EmptyMer Feb 21, 2024 10:16 pm Da tommybe

» Pachamama - Paletti primo step
Chiamatela Luz EmptyMer Feb 21, 2024 7:00 pm Da Arianna 2016

» E gli auguri a Gippo?
Chiamatela Luz EmptyMer Feb 21, 2024 4:23 pm Da M. Mark o'Knee

» Il campo dei nudisti
Chiamatela Luz EmptyLun Feb 19, 2024 11:47 pm Da Albemasia

» Libri bastardi
Chiamatela Luz EmptyLun Feb 19, 2024 4:02 pm Da AlbertOne

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 12 - LA SOFFITTA



Chiamatela Luz

5 partecipanti

Andare in basso

Chiamatela Luz Empty Chiamatela Luz

Messaggio Da Petunia Mer Giu 21, 2023 8:04 am

https://www.differentales.org/t2191-era-di-maggio-e-brillava-gioventu#26546

Isola dei Fagiani sette anni dopo l’impatto

Un boato fa sussultare il pavimento, le pareti della cantina cedono un po’ d’intonaco; un ostile ronzio metallico si diffonde nell’aria carica di umidità. Etor sale sulle spalle di Léo per guardare dalla grata.
«Fra poco inizierà a diluviare. Fammi scendere.»
Léo si massaggia il collo poi alza lo sguardo verso lo scaffale. Le antiche bottiglie di vino tintinnano ancora. Ne prende una, soffia via la polvere: «Che ne dici se assaggiamo un po’ di questa merda?»
Il soffitto trema di nuovo.
«Lo sai, Léo, che con quella tua erre anche la merda ha un certo fascino?»
«Vaffanculo, Etor»
«Questa roba è un vero schifo. Preferisco il sapore della terra umida.»
Etor si accovaccia e inizia a scavare una buca con le mani poi, presa una manciata di terra la porge al compagno con un inchino: «All’eccellente Léo D’Aramitz una delizia dell’isola dei Fagiani, con i miei sentiti omaggi!»
Una pedata improvvisa lo fa volare mezzo metro più avanti. Léo prende quel pugno di terriccio e costringe Etor a inghiottirlo.
Il ronzio metallico irrompe nella stanza. I due restano immobili evitando perfino di respirare. Il minuscolo drone staziona a mezz’aria per qualche secondo prima di uscire a gran velocità dalla grata sul soffitto.
Léo si siede appoggiandosi alla parete, scuote la testa e abbassa lo sguardo: «Non dovremo sopportarci ancora a lungo.»
«Tu resta pure in questa fogna, io me ne vado.»

* * *

Elekta vede le nuvole addensarsi nel cielo plumbeo, la voce del boia le rimbomba nella testa:
«Tira il dado!»
La bambina racchiude tra i palmi il piccolo cubo di metallo: tre facce solcate da una linea e tre facce sulle quali è scolpito un punto. Lo stringe tra le mani senza decidersi a lanciarlo.
Sente lo sguardo tagliente dell’uomo fenderle la pelle, può vederne respiro caldo sfuggire in piccole nuvole di condensa.
Lascia il cubetto roteare dentro i palmi ancora un po’ prima del tiro.
Stringe forte le palpebre attendendo l’esito.
«Linea!»
L’aria umida le solletica la pelle, rabbrividisce. Garrota. Ricorda con orrore le grida strozzate dell’ultimo giustiziato in quel modo; a ripensarci sente ancora il rigurgito acido bruciarle la gola. Avrebbe preferito di gran lunga che invece della linea fosse uscito il punto: il boia calerebbe la lama della ghigliottina e la testa del condannato rotolerebbe via senza un lamento.
L’uomo annuisce e, senza dire altro, si allontana da lei.
Elekta tende l’orecchio fin quando sente il rumore dei passi dissolversi in un’eco indistinta.
Il ronzio di uno sciame di droni assembrati intorno a lei la riporta alla realtà. Deve rientrare. Raccoglie il dado da terra e lo ripone nella borsa di cuoio che pende dalla cintura legata in vita.
Cammina piano strisciando i piedi per raggiungere il buco in cui è costretta a vivere nella semi-oscurità da parecchi anni. L’unico momento in cui la lasciano uscire è per tirare il dado che decide la sorte dei condannati confinati nell’isola dei Fagiani. Ghigliottina o garrota?
In quel fazzoletto di terra senza confini anche la pena di morte è una questione irrisolta.
Si tasta il petto. Da qualche tempo lo sente diverso: non è più piatto come prima e spesso le fa molto male. Quando la scelsero per il compito le dissero che quando fosse diventata adulta non avrebbe più dovuto lanciare il dado. Cosa ne sarebbe stato di lei, dopo, non lo sapeva.
Un rumore la scuote dai pensieri, si appiattisce alla parete restando in silenzio.
Vorrebbe mettersi a strillare quando vede l’uomo, ma quello la raggiunge con un balzo e le chiude la bocca con la mano. Preme così forte da toglierle il respiro.
«Non fiatare» la sua voce è un rantolo.
Riesce a muovere la testa quel tanto che basta per annuire. Il cenno di assenso è sufficiente affinché lo sconosciuto allenti la presa.
Il ronzio di un insetto drone si avvicina, Elekta fa segno all’uomo di nascondersi dietro di lei. Può sentirne il battito accelerato e il respiro affannato.
«Devi andare via subito da qui, ormai ti hanno trovato.»
Il fuggitivo le cinge il collo con un braccio facendola tossire.
«Muoviti! Vieni con me.»
Elekta lo segue senza fiatare.
Procedono a carponi nell’oscurità del sotterraneo, le mani scivolano nella fanghiglia.
Le dolgono le ginocchia, una goccia gelida le fa accapponare la pelle. Solleva lo sguardo: sopra le loro teste c’è una specie di grande occhio da cui s’intravede una porzione cielo plumbeo.
L’uomo le porge la mano.
«Sali!»
Con le gambe tremanti monta sulle spalle dello sconosciuto che la solleva tenendola stretta per le caviglie. Elekta allunga il collo più che può.
«Si vede qualcosa?»
«Niente. Fammi scendere.»
«Merda! Ma tu non vuoi scappare da qui?»
Elekta non risponde. Prende un lungo respiro e con un balzo a piedi uniti sale di nuovo sopra le spalle del fuggitivo poi, aiutandosi con la spinta delle braccia, raggiunge il bordo dell’oculo e ci si aggrappa.
Il vento soffia forte facendola oscillare nel vuoto come un pendolo. Guidata dall’istinto, usa le gambe per eseguire una mezza capriola e uscire sul tetto dell’edificio. L’uomo si arrampica come un animale sulla parete sfruttando le sporgenze delle pietre come scalini e la raggiunge subito dopo.
La pioggia rende la superficie scivolosa. Elekta rotola giù fino al cornicione. Immobile, coi muscoli tesi, valuta l’altezza indecisa se spingersi ancora oltre; poi, con un agile volteggio, raggiunge il suolo seguita dal suo liberatore. L’uomo cerca la sua mano e la stringe: «Io mi chiamo Etor.»
«Io sono Elekta.»
«Lo so, tu sei la bambina che tira il dado.»
«Perché mi hai portata con te?»
«Senza di te, il boia non potrà scegliere come accopparmi e io vivrò qualche giorno in più.»
«Ci saranno altre Elekta dopo di me.»
«Qualche giorno è meglio di niente.»
«Etor, perché ti devono uccidere?»
«Perché ho disobbedito alle regole. Ho rubato dei semi. Sono molto preziosi, sai? Serviranno a far fiorire la terra quando la luce tornerà.»
Elekta lo guarda con gli occhi sbarrati.
«Non capisci, vero? Quanti anni hai?»
«Dieci, credo.»
«Lo hai mai visto il sole?»
«Quello? Ma dai… è una leggenda! Me la raccontavano quando ero piccola.»
Etor la guarda dritto negli occhi: «Non so cosa ti abbiano detto, ma io me lo ricordo bene, il sole. Il mondo era pieno di luce e di colori, prima dell’impatto.»
«Parli dell’asteroide, vero?»
«Sì, Apophis. Gli esperti dicevano di non preoccuparsi perché non avrebbe mai colpito la Terra… ma non è stato così.»
«Io non ricordo niente.»
«Come potresti? Ora però dovremmo proprio andare.»
Elekta non si sposta di un centimetro. «Parlami ancora del sole.»
Etor le accarezza i capelli. Sono grigi come quelli di una vecchia.
«Tutto era colorato, i tuoi capelli sarebbero stati biondi…»
«Cosa sono i colori?»
«Come faccio a spiegartelo? I colori rendono tutto meraviglioso, ma per avere i colori occorre che la luce del sole possa attraversare il cielo.»
«E come è fatto il sole?»
Etor osserva la borsa che pende dalla cintura di Elekta: «Puoi darmela?»
«A che ti serve?»
«Ora lo vedrai…»
Sfila i lacci che la tengono chiusa e strappa con forza la cucitura. Il dado rotola ai suoi piedi. Lo raccoglie, lo rigira tra le mani. Gli spigoli sono taglienti e se ne serve per incidere un cerchio sul cuoio. «Avvicinati a me» dice ponendole la maschera sul volto.
«Cosa fai? Così non vedo nulla!»
«Metti un dito qui» le dice indicando gli occhi.
La bambina ubbidisce.
Etor pratica dei tagli per permetterle di vedere, completa la maschera incidendo dei raggi infine usa il cordino che chiudeva la borsa per legargliela alla testa.
«Ecco qui! Elekta è diventata il sole! Se indossi questa nessuno ti riconoscerà!»
Soffocano una risata e si addormentano esausti sotto un cielo opaco, privo di stelle.
Un rumore fa svegliare Etor di soprassalto, una scossa lo scuote dalla punta dell’alluce fino allo stomaco.
«Léo?»
«Hai dimenticato di prendere questi» dice porgendogli una manciata di semi.
«Vaffanculo!»
Si abbracciano forte. «Ti hanno seguito?»
«No… Sì… Non ne sono sicuro. E questo chi è?»
«Il sole, non lo riconosci?»
Léo scuote la testa.
Il ronzìo dei droni guardiani si avvicina.
«Sbrigati, dobbiamo attraversare subito il fiume.»
«Che ne facciamo del “sole”? Non possiamo portarlo con noi.»
Etor sospira. «No, non possiamo.»
Si china verso la bambina e le sussurra: «Apri la mano. Questi sono dei semi di girasole. Nascondili, un giorno potrai vederli sbocciare.»
In quel momento un timido raggio di speranza filtra dalla coltre di nubi e di polveri.
Il sole è lì dietro, proprio dove Etor lo ricordava.
«La bambina viene con noi.»
«Come si chiama?»
«Luz, si chiama Luz.»


Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2187
Punti : 2402
Infamia o lode : 35
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Prato

A Hellionor, Arunachala, Different Staff e M. Mark o'Knee garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

Chiamatela Luz Empty Re: Chiamatela Luz

Messaggio Da Achillu Mer Giu 21, 2023 6:11 pm

Ciao, Petunia.

Un racconto inaspettato, con i paletti della cantina: l'Isola dei Fagiani, il quinto millennio, il boia, azione...
La parte con Etor e Léo l'ho trovata un po' confusionaria, invece quando arriva Elekta ho trovato la lettura più facile. Il che non significa che sia sbagliato, è solo la mia impressione.
L'unica cosa che davvero non ho capito è se Elekta avrebbe dovuto attendere il boia per l'esecuzione oppure no, non trovo un motivo per cui se ne resta lì ferma fino all'arrivo dello sciame dei droni né un motivo per cui questo sia un segnale.
A parte questo, mi sembra che il racconto fili come deve filare, con una personale preferenza per la seconda parte.

Grazie e alla prossima.

______________________________________________________
Chiamatela Luz Badge-2
Achillu
Achillu
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1427
Punti : 1605
Infamia o lode : 19
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 55
Località : Polesine

https://linktr.ee/Achillu

Torna in alto Andare in basso

Chiamatela Luz Empty Re: Chiamatela Luz

Messaggio Da Petunia Mer Giu 21, 2023 6:44 pm

Grazie per aver commentato @Achillu . Avevo abbozzato il racconto per lo step e poi lo avevo abbandonato per un’altra idea. L’ho recuperato in qualche modo e mi fa piacere se vengono rilevate le cose “no” oltre a quelle sì. Posso dire che ė il mio primo racconto “action” o comunque il primo che ho provato a scrivere di questo genere che non è troppo nelle mie facoltà per cui… davvero grazie per il passaggio e le note.
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2187
Punti : 2402
Infamia o lode : 35
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Prato

A Achillu garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

Chiamatela Luz Empty Re: Chiamatela Luz

Messaggio Da Hellionor Gio Giu 22, 2023 10:20 am

Un racconto davvero interessante, ho apprezzato i personaggi he hai creato e anche la storia ha un certo fascino.
Ci sono alcuni punti un po' più confusi, nei quali non è chiaro chi dice cosa, bisogna prestare molta attenzione alla lettura. Ma con una sistematina (davvero poca roba) sarebbe davvero perfetto. Hai saputo abbozzare una storia intrigante in poche battute, una storia della quale vorrei leggere il seguito.
Hellionor
Hellionor
Admin
Admin

Messaggi : 716
Punti : 772
Infamia o lode : 10
Data di iscrizione : 17.10.20
Età : 43
Località : torino

Torna in alto Andare in basso

Chiamatela Luz Empty Re: Chiamatela Luz

Messaggio Da Petunia Gio Giu 22, 2023 10:24 am

Grazie @Hellionor ci lavorerò ancora!
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2187
Punti : 2402
Infamia o lode : 35
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Prato

Torna in alto Andare in basso

Chiamatela Luz Empty Re: Chiamatela Luz

Messaggio Da tommybe Gio Giu 22, 2023 11:49 am

L'ho letto di ritorno dall' ufficio postale per rilassarmi un po', e non mi sono rilassato.
Antiche bottiglie di vino suona male, meglio vecchie bottiglie di vino.
Non mi sono rilassato perché pur essendo scritto benissimo non si capisce tutto. E non c'è un baffo d'amore.
tommybe
tommybe
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Messaggi : 1120
Punti : 1207
Infamia o lode : 13
Data di iscrizione : 18.11.21
Età : 72
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Chiamatela Luz Empty Re: Chiamatela Luz

Messaggio Da Petunia Gio Giu 22, 2023 12:05 pm

Grazie @tommybe in effetti nonnè un racconto rilassante, non doveva esserlo. Mi spiace per il baffo d’amore che invece avrei voluto tu riuscissi a trovarcelo perché ho provato a mettercelo… 🙏🌷
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2187
Punti : 2402
Infamia o lode : 35
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Prato

A tommybe garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

Chiamatela Luz Empty Re: Chiamatela Luz

Messaggio Da Fante Scelto Gio Giu 22, 2023 2:01 pm

Ciao Pet.
Il racconto ha una forza d'impatto marcata: si lascia vedere, ma solo per suggestioni. 
Tutto succede in una sequenza piuttosto serrata, buona dal punto di vista del ritmo ma che soffre un po' da quello della comprensione da parte del lettore.

Ad esempio non sono riuscito a capire dove è ambientata tutta la vicenda (eccetto lo scantinato iniziale).
Il mio consiglio è quello di gettare sempre qualche veloce descrizione (o suggestione) della scena nell'incipit della stessa, anche solo qualche parola, e poi passare ai personaggi. Cosa che hai fatto molto bene nella cantina, ma non nel pezzo successivo. 
Ci dici che Elekta vede il cielo, quindi deduco che sia all'aperto, anche se la presenza di un boia e condannati fa pensare a una prigione o un sotterraneo. A quel punto striscia nel buco in cui vive, ma non sono riuscito a immaginare di cosa si tratti esattamente, specie quando poi compare Etor alle sue spalle (?) e i due si trovano a camminare carponi in un sotterraneo (?), dal quale evadono passando da un comignolo o condotto verticale che li porta sul tetto dell'edificio (?).
 
E' tutto molto fumoso.

Lo è anche la vicenda, ma qui intuisco che il limite di caratteri abbia influito, e in ogni caso il lettore è chiamato a prendere per buona questa isola post-apocalittica trasformata in braccio della morte, dove una bambina tira il dado per stabilire la sorte dei condannati, i semi sono una merce preziosissima (ma Etor li dimentica nello scantinato), e i droni sono gli occhi e le orecchie di chiunque detenga il potere in questa società oscura.

Ravviso anche qualche difetto di logica, che cito solo a titolo di puntiglio.
In primis il boccone di terra che Léo fa mangiare a Etor, evento che forse è solo figurato, ma prendersi della terra in bocca dovrebbe suscitare una reazione piuttosto sofferta da parte di chi lo subisce.
In secondo luogo non ho compreso il senso di rapire la bambina. Sì, servirebbe a confondere il boia, ma se il boia trova Etor trova anche la bambina, per cui il vantaggio si esaurisce contestualmente.
Avrei trovato più logico che Etor volesse uccidere Elekta.
Infine non ho compreso la funzione della maschera di cuoio che Etor crea per la ragazzina.

In definitiva, hai fatto benissimo la parte dell'impatto, del coinvolgimenti di chi legge, ma la vicenda è davvero troppo oscura per non lasciare millemila interrogativi, almeno per me.
La parte d'azione è molto ristretta ma è una discreta base.
Sono a disposizione se vorrai tentare nuovamente qualche pezzo d'azione. 

Ps - Io ricordo una Luz in un qualche racconto del passato. Era sempre tua?
Fante Scelto
Fante Scelto
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 731
Punti : 873
Infamia o lode : 0
Data di iscrizione : 08.01.21
Località : Torino

Torna in alto Andare in basso

Chiamatela Luz Empty Re: Chiamatela Luz

Messaggio Da Petunia Gio Giu 22, 2023 5:25 pm

Ciao  @Fante Scelto e grazie davvero per il passaggio. Ci contavo… tra le nostre penne sei la più insuperabile in fatto di azione e io ho tentato in questo “scarto” di idea di provarci visto i generi sorteggiati nel contest.
Hai ragione, la storia è rimasta più nella mia testa che sulla pagina ma volvo capire se valeva la pena di lavorarci o lasciarlo come tentativo abortito. I mille mila dubbi sono più che legittimi.
Lo scenario è post-apocalittico. Un asteroide ha oscurato il cieli ma non ha distrutto la terra.
I droni (o come si chiameranno in futuro non so ma li ho immaginato come una sorta di robot volanti dotati di una intelligenza artificiale e guidati da un organismo androide una specie di ape regina)
L’isola dei fagiani pure nel futuro manterrà il suo stato duplice e sarà destinata a ospitare condannati a morte.
Il tipo di pena lo decide la sorte (la bambina) e anch’esso riflette la duplice “nazionalità” dell’isola recuperando l’antica garrota o la ghigliottina.
I condannati sono un ispanico e un francese (Etor e Leo) e cercano un modo di fuggire.
La scena della bambina col boia si svolge all’esterno immagino in un piazzale delle esecuzioni. Lei viene tenuta segregata nei cunicoli scavati nell’isola e prelevata solo per tirare i dadi.
Una volta tirato il dado non assiste all’esecuzione (benché lei comunque riesca a sentire le grida dei condannati - la sua cella si trova sotto al piazzale suddetto).
Etor vuole dare una possibilità di salvezza anche alla bambina (la trova per caso non è che va a cercarla) per questo la porta via. Per quanto riguarda la maschera, vuole che la bambina veda come è fatto il sole (lei glielo ha chiesto) ma soprattuto la vuole di nuovo proteggere dai droni e alla fine deciderà di portarla via dall’isola.
Più o meno doveva essere così nella mia zucca…
No, Luz mi pare fosse in un racconto di Arianna
Petunia
Petunia
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2187
Punti : 2402
Infamia o lode : 35
Data di iscrizione : 07.01.21
Età : 60
Località : Prato

A Fante Scelto garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

Chiamatela Luz Empty Re: Chiamatela Luz

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.