Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.
Ultimi argomenti attivi
» Buon compleanno Tony!
Direttamente dagli anni Settanta EmptyIeri alle 21:57 Da Resdei

» Different Rooms - Nono Step
Direttamente dagli anni Settanta EmptyIeri alle 16:51 Da Susanna

» Tempesta di sensi
Direttamente dagli anni Settanta EmptyVen 30 Set 2022 - 21:46 Da Susanna

» Oggi…
Direttamente dagli anni Settanta EmptyVen 30 Set 2022 - 20:36 Da tommybe

» Il nodo
Direttamente dagli anni Settanta EmptyVen 30 Set 2022 - 16:20 Da Arunachala

» Incontri notturni
Direttamente dagli anni Settanta EmptyVen 30 Set 2022 - 12:18 Da almarc

» Buon compleanno Giraffa!
Direttamente dagli anni Settanta EmptyVen 30 Set 2022 - 8:58 Da caipiroska

» Il vecchio dell’isola Comacina
Direttamente dagli anni Settanta EmptyGio 29 Set 2022 - 19:53 Da almarc

» Quando il forum cambia sembianze...
Direttamente dagli anni Settanta EmptyGio 29 Set 2022 - 15:02 Da Giancarlo Gravili

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 9!
C'è tempo fino alle 24 del 30 settembre per inviare i racconti!
Parametri e regolamento su https://www.differentales.org/t1806-different-rooms-nono-step

Direttamente dagli anni Settanta

2 partecipanti

Andare in basso

Direttamente dagli anni Settanta Empty Direttamente dagli anni Settanta

Messaggio Da M. Mark o'Knee Mar 23 Ago 2022 - 22:39

Bellissima idea, quella di Different Music. Un applauso a chi l'ha proposta e allo Staff che l'ha adottata.
Approfitto di questa nuova sezione per farvi ascoltare (se ne avrete voglia) un pezzo che risale ai primi anni '70 del secolo scorso, un periodo in cui chiunque avesse una minima infarinatura musicale, sufficiente a suonare uno strumento senza farsi ridere dietro, cercava altri come lui per poter metter su un "gruppo" (o un "complesso", come si diceva allora). C'erano quelli che si riunivano solo per il gusto di suonare insieme e farsi ascoltare dagli amici e quelli che cercavano di rendere anche (poco) remunerativa la loro passione, esibendosi nelle piccole sale da ballo adiacenti ai vari circoli di paese.
Anche alcuni amici miei, piuttosto bravi con chitarra, basso, tastiere e batteria, vollero dar vita a un gruppo musicale, battezzato, sulla scia dei grandi gruppi pop/rock italiani, Rinomato Studio Legale. Piuttosto bravi, dicevo, tanto che un noto impresario pratese li prese sotto la propria ala e cominciò a farli suonare in dancing e discoteche in giro per la Toscana. E io, pur non strimpellando alcun strumento, li seguivo in qualità di tecnico del suono.
Arriviamo così all'estate del 1972.
Ce ne stavamo tranquilli al bar, assaporando gelati e primi giorni di vacanza, quando ci raggiunse il bassista, a passo svelto e con un gran sorriso stampato in faccia. Si vedeva lontano un miglio che non stava più nella pelle e che aveva qualcosa di importante da comunicarci.
- Ragazzi, ci siamo! - ci apostrofò, - Mi hanno appena confermato la nostra iscrizione a un festival di gruppi emergenti, a Reggello. Abbiamo un mese di tempo per metter su un pezzo nostro. E ce la faremo!
Noi rimanemmo lì, increduli, a guardarlo a bocca aperta e occhi spalancati, incapaci di dire una parola. Ma, anche volendo, non ce ne diede il tempo, perché proseguì subito:
- Nessun problema, ho già pensato a tutto. Siamo tutti in vacanza e quindi al massimo fra due giorni si va su a casa di Marco (uno del gruppo, che aveva un piccolo appartamento a Pian di Novello) e non ci si muove di lì finché non tiriamo fuori un pezzo con i controcazzi. E te - disse, puntandomi il dito, - vieni su con noi che ci devi scrivere il testo!
Be', questa è, in breve, la storia di come nacque Fortunata - Il gioco della guerra, che venne davvero presentata al festival, risquotendo un buon successo di pubblico e meritandosi una sorta di "premio della critica".
La versione che condivido non è quella originale. L'anno successivo si unì al gruppo un altro bravo musicista e polistrumentista - Luciano - a cui piacque moltissimo Fortunata. Contando sulle sue doti, ne facemmo un nuovo arrangiamento e in pratica divenne il brano di apertura di ogni esibizione. Ed è quella che trovate qui sotto.
L'anno scorso, proprio in questi giorni, purtroppo Luciano ci ha lasciati, stroncato da un tumore che se l'è portato via in poco più di una settimana.
Questo post vuole essere soprattutto un omaggio a lui e alla sua arte.
Grazie
M.

P.S.: Ciò che ascolterete non è qualcosa di professionale, registrato e mixato in studio ecc... È solo un pezzo scritto e arrangiato da un gruppo di ragazzi poco più che sedicenni.

- Fortunata - Il gioco della guerra

Qui di seguito, il testo.

Dietro al volto
di ogni uomo
si nasconde il pianto
di un bambino

La sensazione
di quel sangue
tutto intorno
spinge ancora a uccidere

Così mentre
i potenti
fra oro e donne
rimangono

E i vescovi
fan quattrini
vendendo ai poveri
il paradiso perduto...

Là sui campi
di battaglia
per la gloria
di chi resta
per amore
di qualcosa...

nascono
gli eroi!

"Fortunata
quella Terra
che non ha
bisogno di eroi".


Ultima modifica di M. Mark o'Knee il Mer 24 Ago 2022 - 0:14 - modificato 1 volta.
M. Mark o'Knee
M. Mark o'Knee
Padawan
Padawan

Messaggi : 235
Punti : 277
Infamia o lode : 0
Data di iscrizione : 27.01.22
Età : 66
Località : Prato

A Arunachala, Danilo Nucci e digitoergosum garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

Direttamente dagli anni Settanta Empty Re: Direttamente dagli anni Settanta

Messaggio Da digitoergosum Mar 23 Ago 2022 - 23:24

Ciao. Veramente un bel pezzo, dal punto di "ascolto" musicale, perlomeno per me che sono cresciuto con questo genere musicale che, confesso, oggi non ascolto più perché passato al jazz o ad altro tipo di rock. Ciò non toglie che riesco a riconoscere, per le buone frequentazioni passate, un buon lavoro. L'arrangiamento è veramente delizioso, con gli strumenti e le soluzioni del tempo. Mi ricordano, in forma più acerba, gli esordi dei Perigeo, le soluzioni di Orme e comunque quel mondo fertile che coniugava rock progressive con il pop. Anche gruppi meno conosciuti, eppure validissimi come "Buon Vecchio Charlie", da noi quasi dimenticato e in Giappone ancora oggi amato. Faccio fatica, invece, per un mio problema di sordità, a capire pienamente il testo. Non volendo trasformare questo bel spazio letterario in una "chat" troppo invasiva, ti chiedo il piacere di inviarmi il testo sulla mia mail, digitoergosum@yahoo.it. Ma sii / siate orgogliosi del bel brano da voi pensato e realizzato.
digitoergosum
digitoergosum
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi

Messaggi : 657
Punti : 738
Infamia o lode : 6
Data di iscrizione : 04.03.21
Età : 59
Località : Idro (BS)

Torna in alto Andare in basso

Direttamente dagli anni Settanta Empty Re: Direttamente dagli anni Settanta

Messaggio Da M. Mark o'Knee Mer 24 Ago 2022 - 0:18

Hai ragione, @digitoergosum, in quel periodo ci riempivamo le orecchie di Orme, Perigeo, New Trolls, PFM ecc., tanto per restare ai nomi italiani.
E hai ragione anche per quanto riguarda il testo: ho provato ha riascoltare il brano e in effetti la resa non è ottimale.
Ho corretto il post qui sopra inserendo i versi.
Grazie mille per il passaggio
M.
M. Mark o'Knee
M. Mark o'Knee
Padawan
Padawan

Messaggi : 235
Punti : 277
Infamia o lode : 0
Data di iscrizione : 27.01.22
Età : 66
Località : Prato

A digitoergosum garba questo messaggio

Torna in alto Andare in basso

Direttamente dagli anni Settanta Empty Re: Direttamente dagli anni Settanta

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.