Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.

Unisciti al forum, è facile e veloce

Different Tales
Benvenuto su Different Tales
Prima di interagire leggi qui https://www.differentales.org/t1-regolamento-del-forum
Se hai già letto e compreso il regolamento è fantastico, nondimeno questo avviso apparirà per il resto dei tuoi giorni, e se non accedi ti apparirà in sogno.
Poi non dire che non ti avevamo avvisato.
Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi


Non sei connesso Connettiti o registrati

Leya, la Maliziosa

4 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1Leya, la Maliziosa Empty Leya, la Maliziosa Dom Gen 24, 2021 9:46 am

NovelleVesperiane

NovelleVesperiane
Viandante
Viandante
Leya la Maliziosa
 
Durante l’equinozio le carezze di Ostara avevano massaggiato la terra e presto tutta la contea di Kraknshire sarebbe fiorita. Delle nubi di pioggia non rimanevano che pochi nembi sfilacciati. Un giorno di Primavera che già profumava d’Estate: il migliore per perdersi.

Leya s’incamminò all’alba. Nel cesto aveva un telo, un barattolo di marmellata, una pagnotta farcita e una mela scarlatta. Non si era pettinata né truccata, la gonna le arrivava appena a metà del polpaccio e il sorriso malandrino con cui saltellava sarebbe bastato da solo a far trasalire la sua educatrice. Di una cosa era certa: voleva divertirsi.
 
La curata faggeta in cui aveva giocato da bimbetta non le interessava più: voleva la foresta. Là, dove i candidi licheni si intrecciavano tra i rami delle querce e dove il ginepro selvatico fioriva, conosceva un’invisibile via. Soltanto ascoltando il richiamo del ruscello e seguendo l’infoltirsi dei tassodi, la si poteva seguire lungo il ripido pendio che celava la pozza.
L’aveva scoperta d’Inverno col ghiaccio e la neve. Che acque limpide aveva invece quel mattino e che bella cascatina vi si gettava. Per mesi aveva atteso di vederlo così.
Lasciò le vesti accanto al paniere, poi, bella come solo la natura sa essere, si immerse. Un brivido la rizzò tutta. Rise. Nuotò, schizzò, giocò. Nel getto della cascata lavò via quel che restava della sua pudicizia e, finalmente, si sentì nuda. Sull’acqua limpida ed appena increspata dalla brezza, si rifletteva la carnale freschezza della sua inesperienza. Una parte incompleta che partecipava all’essenzialità del selvatico. Un’anima di carne circondata dagli antichissimi spiriti della natura.
Stava assaporando quell’estatica, primitiva comunione col mondo, quando lo notò. Sulla riva un bimbetto con la camicina consunta e le bretelline logore, frugava la sua cesta. Ne prese la pagnotta, la mela, e il barattolo, ma, anziché assaggiarli, li lanciò in aria improvvisando un numero di giocoleria.  Era così innocente e selvaggio: una gemma acerba in attesa della primavera.
Leya sorrise. La Malizia, dea capricciosa, le donava un’occasione: poteva forse ignorarla?
«Non si gioca col cibo, non te l’ha detto la mamma?» disse sbarazzina, mentre, ammiccante, si offriva al suo sguardo. Il ragazzino sussultò, rimise tutto a posto, alzò lo sguardo e s’imbambolò. Le guanciotte rosse dall’imbarazzo, gli occhi spalancati dalla scoperta, la bocca socchiusa dalla meraviglia. Il concedere cattura, ma il negare può stregare. Leya s’immerse sinuosa e lentamente cominciò a nuotare verso la riva. 

Era a metà tragitto quando, frenetica, poggiò i piedi sul fondale e cominciò a correre. Stentava a crederci: quella canaglia, agguantate le vesti e il paniere, era scappato. Leya imprecò. Le toccava rincorrerlo svestita proprio nella zona più umida, dove il prosperare dei tassodi preannunciava la palude. Come se non bastasse, l’agile furfantello non smetteva di saltare tronchi marci o schivare pozzanghere in cui lei puntualmente inciampava. L’aveva praticamente acciuffato, quando il dolore esplose. Strillando, la ragazza rovinò sul pantano.  Nel polpaccio le erano affondati i denti di una tagliola.

Il ragazzino tornò indietro. Spostava il suo sguardo spaventato dal viso, al corpo e poi alla ferita di lei, ma non si mosse. Nei suoi occhietti c’era l’orrida titubanza di chi è costretto ad una prova. Leya, col viso stravolto da dolore, ringhiò «Corri a chiamare soccorso! Santissimi Dei, non capisci in che cazzo di guaio sono?»
Non ubbidì, ma singhiozzando si avvicinò ancora.
Lei avrebbe voluto scacciarlo, sgridarlo, schiaffeggiarlo, ma non poté.  La disperazione aveva vinto. Le piccole dita le si poggiarono sul capo accarezzandola con tenerezza. Un fazzoletto le pulì dolcemente il viso da lacrime, moccio e sangue. Il bimbo l’abbracciò.

Passi.

Leya alzò lo sguardo. Una donna corpulenta, coperta di cenci e pelli villose, l’osservava. In vita aveva una fibbia da cui molti utensili penzolavano, dietro la schiena un arco, al collo un monile di rami e ossa, nella mano una mannaia incrostata.
Leya e il furfantello non mossero un muscolo. La donna posò su entrambi il suo sguardo severo, poi seccatamente grugnì «Seamus… quante volte ancora dovrò dirti che non si gioca col cibo?»
 

https://www.instagram.com/chinevesperiane/

2Leya, la Maliziosa Empty Re: Leya, la Maliziosa Lun Gen 25, 2021 11:36 am

Arianna 2016

Arianna 2016
Padawan
Padawan
Dai, mi fai morire dal ridere! Ritrovo in questo racconto il gusto tra l'horror e l'ironia che c'era nel tuo pezzo dell'ultimo contest su SPS. Si vede che è proprio il tuo stile, questo giocartela tra l'aulico/vintage e il gusto per il brivido inatteso.
Ti piacciono i contrasti.
Da un certo punto in poi, il capovolgimento è ormai nell'aria, ma comunque non toglie il piacere del finale.
Anche la forma è buona. Ti segnalo un paio di concordanze che ti sono sfuggite: "atteso di vederlo" (credo che ti riferisca alla pozza, quindi va al femminile); "agguantate le vesti e il paniere" (vesti è femminile, ma paniere è maschile, per cui in teoria la concordanza dovrebbe essere al maschile, "agguantati", però forse è uno di quei casi in cui si può fare un'eccezione).
Secondo me, in "in che cazzo", "cazzo" stona; ho capito che l'hai usato perché si sta andando verso un finale particolare, viene segnalata l'uscita da un certo tipo di clima, però lo sento lo stesso discrepante. 

Dimenticavo: prima di oggi, non avevo mai sentito nominare i "tassodi". 

3Leya, la Maliziosa Empty Re: Leya, la Maliziosa Lun Gen 25, 2021 11:47 am

Petunia

Petunia
Cavaliere Jedi
Cavaliere Jedi
Ciao Novelle. 
Questa storia conferma la forte personalità dello stile. Io lo trovo divertente da leggere e anche questo racconto, a tratti così barocco da sembrare una caricatura, mi è piaciuto.
Concordo con Arianna che quel “cazzo” rompa il climax. Trova un’aulica sostituzione. Io non ci riesco, ma tu puoi senz’altro!


______________________________________________________
Divido tutti i lettori in due classi; coloro che leggono per ricordare e coloro che leggono per dimenticare.
(William Lyon Phelps)

4Leya, la Maliziosa Empty Re: Leya, la Maliziosa Lun Gen 25, 2021 1:49 pm

NovelleVesperiane

NovelleVesperiane
Viandante
Viandante
Ciao @Arianna 2016, 
Hai ragione, i refusi sono tutti sensati e li corregerò. Per quanto riguarda l'uso della parola "cazzo" nella frase finale, capisco cosa intendi. @Petunia, hai ragione: ci penserò su, forse c'è una forma meno "stonante" per dare ottenere il risultato che cercavo.

Il tassodio è un albero che mi è smepre piacuto (anche se qui a noi è un po'raro). Mi ha fatto piacere farti interessare a qualcosa di insolito.

https://www.instagram.com/chinevesperiane/

5Leya, la Maliziosa Empty Re: Leya, la Maliziosa Lun Gen 25, 2021 3:27 pm

Arianna 2016

Arianna 2016
Padawan
Padawan
Ho imparato una parola nuova!

6Leya, la Maliziosa Empty Re: Leya, la Maliziosa Gio Feb 11, 2021 3:41 pm

Martin Della Cappa

Martin Della Cappa
Padawan
Padawan
Un brano interessante, che all'inizio sembra un incrocio fra un'ode arcadica e una novella dal sapore di risveglio sensoriale (e sessuale), ma poi arriva il colpo di scena finale che cambi completamente il genere. Personalmente, ho apprezzato entrambi gli aspetti del tuo racconto, il primo per la tua abilità nel far immergere il lettore (o almeno io) nell'ambiente rurale descritto, il secondo perché non lo avevo previsto. Bel lavoro.

7Leya, la Maliziosa Empty Re: Leya, la Maliziosa Gio Feb 11, 2021 4:36 pm

NovelleVesperiane

NovelleVesperiane
Viandante
Viandante
Grazie, sono felicissimo che ti si piaciuto! 
Si, volevo proprio mettere in questo testo le due parti che coesistono nel "selvaggio": il sublime della natura incontaminata e quello più putrido e brutale che si nasconde dove le fronde si fanno fitte e il sole a stento penetra.

https://www.instagram.com/chinevesperiane/

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.