Different Tales
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Il forum di scrittura creativa che cercavi

Ultimi argomenti attivi
» Ricordati di coprirti bene
The father - niente è come sembra EmptyOggi alle 5:41 pm Da Susanna

» Monica degli Zomegni
The father - niente è come sembra EmptyOggi alle 3:48 pm Da Asbottino

» La guerra dentro
The father - niente è come sembra EmptyOggi alle 3:00 pm Da tommybe

» Come ti chiami?
The father - niente è come sembra EmptyOggi alle 1:58 pm Da CharAznable

» Del delirio d'onnipotenza e della fraternità
The father - niente è come sembra EmptyOggi alle 12:56 am Da Arianna 2016

» L'oro di Mac
The father - niente è come sembra EmptyIeri alle 3:08 pm Da tommybe

» Un viaggio indimenticabile
The father - niente è come sembra EmptyIeri alle 10:15 am Da Mac

» Quiete
The father - niente è come sembra EmptyDom Mag 22, 2022 9:32 pm Da Arunachala

» David Crocchette
The father - niente è come sembra EmptyDom Mag 22, 2022 5:44 pm Da Susanna

EVENTI DT
DIFFERENT ROOMS 7 - L'ANTICAMERA
Il settimo step è partito!
C'è tempo fino al 31 Maggio per commentare tutti i racconti.

Non sei connesso Connettiti o registrati

The father - niente è come sembra

2 partecipanti

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1The father - niente è come sembra Empty The father - niente è come sembra Dom Gen 16, 2022 10:56 pm

Susanna

Susanna
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Film “The father – niente è come sembra” (2021)
 
Alcune sere fa abbiamo visto su Amazon Prime questo bellissimo film: io e mio marito siamo stati affascinati dalla trama fin dall’inizio, e il finale ci ha spiazzato, lasciandoci silenziosi e con tante riflessioni.
Il film è la trasposizione cinematografica di una pièce teatrale di Florian Zeller (che è anche il regista del film)  – The Father -  e il personaggio principale è un Anthony Hopkins strepitoso, in una delle tantissime interpretazioni con cui tiene la scena dal primo all’ultimo minuto e anche oltre.
Beh, cercarne una in cui non abbia preso e fatto proprio un personaggio è dura.
La storia inizia con l’aria di essere un thriller psicologico, di quelli confezionati con estrema cura, con un crescendo di pathos in cui la tensione – centellinata scena dopo scena - non cala mai, anzi.
Per i patiti del genere è un piccolo gioiellino.
In un bell’appartamento di Londra – e già questo! - vive da solo un uomo anziano, Anthony (ha lo stesso nome dell’attore) che ha problemi di memoria, forse un inizio di demenza senile: scontroso con tutti, attaccato alla propria indipendenza rifiuta ogni aiuto, scorda dove ha lasciato cose e la vicenda inizia proprio con l’accusa alla badante di avergli rubato l’orologio, in realtà da lui nascosto in bagno:
Non so dove l’ho lasciato, non me lo ricordo, ma là dove l’ho lasciato non c’è più, ne sono certo”.
La figlia – Olivia Colman- preoccupata per il peggiorare delle condizioni, lo vorrebbe far ricoverare in una casa di riposo, anche in previsione del tuo trasferimento a Parigi col nuovo compagno.
Evento questo che da un lato addolora l’anziano, dall’altro ne pare quasi indifferente, sicuro di potersi gestire tranquillamente.
Antony è inoltre convinto che l’altra figlia, una valente pittrice che non vede da anni, tornerà: tiene un suo quadro in salotto, al posto d’onore, sopra il caminetto, per accoglierla degnamente.
In scena entrano poi, alternandosi, altri personaggi: un genero, anzi due – la figlia è divorziata – interpretati da Rufus Sewell e Mark Gatiss, una badante che il giorno dopo però è altra persona.
Tutta una mess’insegna per convincere il vecchio di essere pazzo, che la casa non è sua ma del “genero di turno” che lo vorrebbe mandare via, che la nuova badante, con cui ha un primo incontro molto frizzantino, proprio da anziano che provoca per non essere accettato, sarà molto paziente perché “si piacciono a vicenda”, come tenta di convincerlo la figlia.
Hopkins è straordinario nel rendere le sensazioni di una persona estremamente confusa, con sprazzi di lucidità che ti fanno dire “adesso li smaschera, ‘sti farabutti che vogliono casa e soldi”, soprattutto perché interpreta un personaggio della sua età, di cui potenzialmente potrebbe vivere le medesime situazioni.
Ritengo che, innegabile bravura a parte, proprio questo “essere coetanei” ad aver contribuito alla riuscita della recitazione.
Il finale è di quelli che toccano davvero molto: lui è davvero affetto da demenza senile, ogni situazione era solo nella sua testa, un intrico di ricordi e di sogni, di persone di cui non ha memoria o non ne mai avuta, di stanze che giorno dopo giorno si svuotano, di un ripostiglio che diventa il corridoio di un ospedale. La storia non era altro l’insieme di frammenti confusi della sua vita, che non riesce più a ricomporre, compresa la morte della figlia pittrice.
La scena clou, dove tutto si spiega, è l’ultima: nella camera di una casa di riposo Anthony chiacchiera con l’infermiera, che ha il volto della figlia, sempre rendendo l’impressione di una persona confusa ma che vuole apparire lucida, e che improvvisamente ha la percezione esatta della sua situazione e vive una regressione pazzesca, tornando indietro nel tempo  e chiedendo della mamma. Vuole la mamma accanto, perché “sta perdendo le sue foglie”. Un anziano che singhiozzando si rifugia, "sentendosi" bambino, tra le braccia dell’infermiera.
 
Anche se vi ho raccontato tutta la storia, il filma vale davvero di essere visto.
Probabilmente noi lo rivedremo, come facciamo spesso con i film che lasciano qualcosa nei pensieri.


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

2The father - niente è come sembra Empty Re: The father - niente è come sembra Lun Gen 17, 2022 9:27 am

Resdei

Resdei
Padawan
Padawan

Visto! Molto bello.
Stesso periodo, stesso argomento, ho visto anche Supernova ( demenza in una coppia di uomini) e Due ( in una coppia di donne).
Fatto un bel pieno!!!
Tutti molto belli

3The father - niente è come sembra Empty Re: The father - niente è come sembra Lun Gen 17, 2022 5:09 pm

Susanna

Susanna
Maestro Jedi
Maestro Jedi

Resdei ha scritto:Visto! Molto bello.
Stesso periodo, stesso argomento,  ho visto anche Supernova ( demenza in una coppia di uomini) e Due ( in una coppia di donne).
Fatto un bel pieno!!!
Tutti molto belli
E' uno di quegli argomenti che ad una certa età (ho 65 anni) mettono un pochino di apprensione: mi ricordo i muneri di c/c di clienti della prima agenzia in cui ho lavorato (nel 78) ma non ricordo dove ho messo delle mollette chiudi pacco comprate settimana scorsa. The father - niente è come sembra 636947383
Comunqe un Hopkins da Oscar: nell'ultima scenna non ci ho visto solo l'attore, ma anche l'uomo.
Bello condividere anche queste scelte cinematografiche: sia io che mio marito amiamo questo genere di intrattenimento e se ogni tanto capita qualche film che ci fa dire "perchè" altri se possiamo che li rivediamo volentieri.
Uno di questi è "Il lato positivo" con Bradley Cooper, un film solo in apparenza leggero ma dal contenuto molto particolare.
Ci vediamo al cinema!


______________________________________________________
"Quindi sappiatelo, e consideratemi pure presuntuoso, ma io non scrivo per voi. Scrivo per me e, al limite, per un'altra persona che può capire. Spero di conoscerla un giorno… G. Laquaniti"

4The father - niente è come sembra Empty Re: The father - niente è come sembra Lun Gen 17, 2022 8:51 pm

Resdei

Resdei
Padawan
Padawan

Visto anche questo!
Anche a me piace molto il cinema
Ti segnalo, se non l'hai già visto, Ariaferma
(Servillo e Orlando grandiosi)
A me è piaciuto molto anche Tre piani di Moretti ( a mio marito meno).
Un abbraccio

Contenuto sponsorizzato



Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.